Trump ha riconosciuto l'attacco informatico commesso dal Pentagono contro la Federazione Russa nel 2018


Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un'intervista al Washington Post ha ammesso che nel 2018 il Pentagono ha effettuato un attacco informatico contro la Federazione Russa.


Il proprietario della Casa Bianca ha notato di aver autorizzato personalmente un'operazione segreta contro l'Internet Research Agency, che Washington ritiene essere una "fabbrica di troll" e il principale strumento di Mosca per "interferire" nelle elezioni americane del 2016 e del 2018. Di conseguenza, questa struttura ha perso l'accesso al Web.

Ha spiegato che il suo predecessore, Barack Obama, "sapeva già prima delle elezioni che la Russia si stava concedendo", ma non ha fatto nulla.

O almeno così gli dissero. Era davvero così, chi lo sa? Ma non ha rilasciato dichiarazioni. E tutto perché non ha voluto toccare questa storia, perché lui, dopo aver studiato i falsi sondaggi d'opinione, ha deciso che Hillary Clinton avrebbe vinto le elezioni. Pensava che avrebbe vinto

- Ha detto Trump.

Il proprietario della Casa Bianca ha chiarito che la "maggioranza silenziosa" degli americani ha scelto lui, non Obama.

Trump ha richiamato l'attenzione sul fatto che, a differenza di Obama, dopo aver ricevuto informazioni sull '"intervento" della Russia, ha subito preso contromisure e ha colpito i "mezzi informatici" della Federazione Russa.

E sai che abbiamo fermato tutto

- Ha sottolineato Trump.

La pubblicazione ha ricordato che si sapeva dell'attacco informatico americano diretto contro i russi prima. Ma questo è stato confermato ufficialmente solo ora, e personalmente da Trump, e anche nel bel mezzo della campagna elettorale negli Stati Uniti.

Secondo il quotidiano, l '"interferenza" russa nelle elezioni di medio termine statunitensi del 2018 è diventata ancora più "seria e diffusa". Mosca sarebbe stata "ispirata" dai successi delle campagne precedenti. Successivamente, il Partito Democratico degli Stati Uniti ha iniziato ad accusare Trump di inattività e irresponsabilità. Tuttavia, come ora è diventato chiaro, Trump aveva ancora un piano d'azione.

Nel 2017, Trump ha conferito al Cyber ​​Command degli Stati Uniti lo status di un unico comando di combattimento e nel 2018 ha autorizzato operazioni informatiche offensive. Quindi Trump, a differenza di Obama, non ha esitato, ma ha subito approvato l'azione "senza precedenti".

Con la Russia, nessuno si è comportato più duramente di me. Potrei farti una trentina di esempi. <...> Grazie a me, siamo diventati i numeri uno, e questo è un male per la Russia

- ha riassunto Trump.
  • Foto utilizzate: Ali Shaker / VOA / wikimedia.org
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tatiana Офлайн Tatiana
    Tatiana 12 luglio 2020 15: 06
    +1
    Trump ha spiegato che il suo predecessore, Barack Obama, "sapeva già prima delle elezioni che la Russia si stava concedendo", ma non ha fatto nulla.

    O almeno così gli dissero. Era davvero così, chi lo sa?

    Ricordiamo, ricordiamo l'esposizione dello scandalo elettorale negli Stati Uniti con le e-mail di H. Clinton! Se poi Obama avesse l'opportunità di aggrapparsi a questo contro la Federazione Russa e sostenere H. Clinton, allora Barack Obama lo farebbe senza esitazione!

    Ma ora sono passati così tanti anni - e chi ricorderà ora tutti i dettagli della campagna elettorale tra Trump e Hillary Clinton ?! Si è poi detto che la corrispondenza informatizzata era stata aperta da un dipendente, una persona della sua cerchia!

    Pertanto, tutti questi "high-like" pre-elettorali contro la Russia sono semplicemente NON DECENTI da parte di Trump stesso!