Il petrolio venezuelano passa tranquillamente sotto il controllo russo


La Russia è stata in grado di ottenere ciò che l'URSS non ha potuto fare in quattro decenni. Ora il petrolio venezuelano sta entrando silenziosamente sotto il controllo di Mosca, scrive l'edizione Internet americana OilPrice.


Il Venezuela era una volta il paese più stabile e ricco dell'America Latina. La capitale Caracas fiorì ed era considerata la perla culturale del continente. Ma l'enorme ricchezza di questo Paese è stata spesa negli ultimi decenni.

Il Venezuela sta ora affrontando la peggiore crisi umanitaria della storia. È stato il crollo in Venezuela che ha permesso alla Russia di prendere piede in America Latina. È tutta colpa di 20 anni di governo socialista inefficace, prima di Hugo Chávez e ora di Nicolas Maduro. Di conseguenza, il paese è in rovina. Nel 2019, il PIL del Paese è diminuito del 35%, anche se tre decenni fa si registrava una crescita costante del 6,5% all'anno.

Il paese era inghiottito da disordini civili e la corruzione era dilagante. L'industria petrolifera è in rapido declino a causa del continuo calo dei prezzi delle materie prime, esacerbato dalla pandemia di COVID-19. A giugno 2020, il Venezuela ha prodotto poco più di 422 mila barili di petrolio al giorno, ovvero meno di 1/6 della produzione media giornaliera del 2015. Ciò incide gravemente sullo stato delle cose nel Paese, dal momento che il 99% delle esportazioni è costituito da petrolio. Il capitale lascia il Venezuela e gli specialisti qualificati se ne vanno.

Allo stesso tempo, le sanzioni aggressive politica Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, volto a rovesciare Maduro, aggrava le difficoltà in Venezuela. Complicano la vita dei venezuelani ordinari e aumentano il sentimento antiamericano nella società. Questa situazione accresce l'autorità di Mosca, che non ha un bagaglio neocoloniale, e mina l'egemonia di Washington.

Ora Mosca fa da creditore a Caracas, che è un esempio per altri Paesi della vasta regione. I russi aiutano i venezuelani ad aggirare le restrizioni americane. In risposta, il Venezuela ha trasferito alla Russia parte dei suoi asset energetici (giacimenti petroliferi e il 49,9% della raffineria Citgo).

Le azioni sbagliate di Trump hanno minato la credibilità degli Stati Uniti e aumentato l'influenza della Russia nella regione. Allo stesso tempo, Mosca, che ha acquisito il controllo del petrolio venezuelano, ha già dimostrato che le sue ambizioni geopolitiche non si limitano al Venezuela e che è pronta a rafforzare ulteriormente la sua posizione nel mondo.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 12 luglio 2020 18: 44
    -3
    In qualche modo non è una combinazione molto buona:

    Di conseguenza, il paese è in rovina

    и

    Ora Mosca fa da creditore a Caracas, che è un esempio per altri Paesi della vasta regione.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 12 luglio 2020 19: 00
      +1
      In qualche modo non è una buona combinazione good

      Per chi è "non molto buono"? Per la radiofrequenza? Per la Federazione Russa, a quanto pare, va tutto bene. Putin, a differenza dei successivi segretari generali, sta vegliando sugli interessi della Russia.
      1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
        Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 12 luglio 2020 20: 11
        -4
        Sì, osserva così che perdona tutti coloro che devono tutto alla Russia ...
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 12 luglio 2020 18: 51
    +4
    Il Venezuela era una volta il paese più stabile e ricco dell'America Latina. La capitale Caracas fiorì ed era considerata la perla culturale del continente.

    Il Venezuela sta ora affrontando la peggiore crisi umanitaria della storia. È stato il crollo in Venezuela che ha permesso alla Russia di prendere piede in America Latina. È tutta colpa di 20 anni di governo socialista inefficace, prima di Hugo Chávez e ora di Nicolas Maduro. Di conseguenza, il paese è in rovina.

    Questo è quando è stato considerato una perla? 70 anni fa? Da allora, la fortuna ha cambiato profilo e la lucentezza della perla è notevolmente diminuita.
    Abbiamo anche avuto un orso olimpico che sorvolava lo stadio e il Venezuela stava già rotolando decentemente. Chavez è salito al potere nel 1999. Circa 20 anni prima che fosse modestamente cancellato dalla storia? O semplicemente non volevano menzionare le ragioni della crisi economica? Forse è stato Chavez a diventare presidente, perché il Paese era già stato messo alle strette?
  3. lavoratore dell'acciaio 12 luglio 2020 20: 12
    -5
    Ora Mosca è il creditore di Caracas.

    E allora? Abbiamo anche prestato in Ucraina e molti altri. Non sono diventati più ricchi. E non c'è niente di cui gioire prima del tempo!

    Non dire gop fino a quando non salti.
  4. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 12 luglio 2020 20: 34
    -4
    Il Venezuela è una risorsa apertamente rischiosa.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 13 luglio 2020 04: 32
      -1
      Il Venezuela è una risorsa apertamente rischiosa.

      E chi non è rischioso nel nostro tempo?
  5. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 13 luglio 2020 07: 47
    +1
    Citazione: 123
    Il Venezuela è una risorsa apertamente rischiosa.

    E chi non è rischioso nel nostro tempo?

    È rischioso tra i rischiosi.
  6. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 13 luglio 2020 08: 52
    +2
    Il petrolio venezuelano passa tranquillamente sotto il controllo russo

    - Fiaba per bambini ... - per un dolce sogno in arrivo ... - Grace ...
    - C'era una volta, tanto tempo fa; quando molti non erano ancora nel mondo .... - L'URSS si impegnò a nutrire lo stato del Cile ... ea rifornirlo di tutto il necessario ... - bene, forniva e nutriva; fornito e nutrito, e sembrava che il Cile stesse per diventare la seconda Cuba ... - e le posizioni dell'URSS sarebbero diventate indistruttibili in Lat. America... - E il Cile... non è il Venezuela; in Cile già allora c'era un'economia piuttosto seria...: il Cile poteva anche costruire navi e avere un buon reddito dalle sue miniere di rame e dalla viticoltura (produzione di vino), ecc... - Ma... ma da un giorno all'altro al potere in Cile "arrivò" Pinochet e ... e l'URSS fu semplicemente espulsa dal Cile ...
    - Bene, e il Venezuela ... è una debole parodia del Cile ... - Ma tutto l'attuale "tutela" della Russia su di esso (sul Venezuela) può finire per la Russia nello stesso modo in cui una volta finì per l'URSS in Cile ...