Perché Lukashenko vincerà le elezioni, ma per l'ultima volta


A partire da oggi, la registrazione dei candidati alla presidenza che intendono competere per questo posto durante le elezioni previste per il 9 agosto termina in Bielorussia e inizia il periodo di campagna elettorale ufficialmente consentito. Tuttavia, questa data non può essere definita l'inizio della corsa alle simpatie elettorali dei bielorussi - in effetti, è già stata completata. Inoltre, in stretta conformità con la formula: "non ce ne sono altri, ma quelli sono lontani" ...


Ai residenti del paese è stato dato in modo chiaro e inequivocabile che il contendente "unico e unico" per il primo posto resta Aleksandr Lukashenko, che ricopre questo incarico da 26 anni. Ciò significa che vincerà le elezioni in corso, nonostante il movimento di protesta senza precedenti in Bielorussia? Piuttosto sì che no. Continuerà questo in futuro? Probabilmente no che sì.

Le cime non possono, il fondo è stufo


Non importa quanto sprezzantemente alcuni degli attuali "uomini intelligenti" trattino una cosa come "i classici del marxismo-leninismo", questa eredità è davvero un deposito di saggezza - almeno per quanto riguarda alcune questioni molto specifiche. Chi altro, se non Vladimir Ilyich, sapeva molto di una questione così difficile come il rovesciamento del governo esistente? La sua formulazione della situazione rivoluzionaria è impeccabile: è corta, semplice e tagliente, come uno stiletto mortale. Sappiamo tutti: "Le classi superiori non possono governare alla vecchia maniera, e le classi inferiori non vogliono vivere alla vecchia maniera ..." è brillante nella sua esaustiva semplicità e ovvietà e corrisponde alla verità esattamente al 100%. Come, guarda caso, è la terza componente di questa formula, che viene citata molto meno spesso: "un aumento significativo dell'attività delle masse", a cui sono spinte sia dalla crisi dello Stato che dai rappresentanti della " top "stessi. Sembra quello che sta succedendo in Bielorussia ora? Sì, secondo me, è semplicemente impossibile dare una definizione più chiara e dettagliata della situazione lì!

Ciò può essere confermato da una conversazione che ho avuto proprio l'altro giorno con uno dei miei cari amici che vivono proprio in questo paese. Anche se in molti altri termini, meno corretti dei leninisti, questo bielorusso ha dipinto lo stesso quadro: "Ha preso tutti!" Dobbiamo rendere omaggio ad Alexander Grigorievich: per alienare la maggior parte del suo elettorato, formato quasi perfettamente per quasi tre decenni, ha fatto ogni sforzo. E ha fatto molto bene. Nazionalisti, "zmagar" e altri vari "oppositori professionisti" che sognano di trasformare la Bielorussia in un ramo della Polonia, o in una sorta di "paradiso" baltico stupidamente venerato, è sempre. Possiamo dire a livello genetico. Ma per quanto riguarda tutti gli altri? Gli altri sono proprio quelli che, più e più volte, lo hanno votato non per il bastone, ma per la loro sincera convinzione nella scelta. Prima di tutto, vedevano in Lukashenka un vero garante: stabilità, pace, sazietà (anche se non come avrebbero voluto), ordine per le strade, completo, praticamente, nessun crimine.

Alla fine, per quanto banale possa sembrare, "papà" era un simbolo di fiducia nel futuro. Secondo molti, per il bene della pulizia e della sicurezza delle città e dei villaggi bielorussi, della qualità delle strade locali e delle imprese operative, una certa mancanza di libertà avrebbe potuto essere tollerata. Alla fine - "batte, significa che ama" ... economico la crisi ha costretto tutte queste persone, diciamo, a riconsiderare il proprio punto di vista. E qui è impossibile non menzionare che lo stesso Lukashenko ha fatto uno scherzo enorme e spregevole con se stesso - se ha annunciato la quarantena durante la pandemia di coronavirus (che, tra l'altro, è stata richiesta non solo dagli emissari dell'OMS, ma anche da molti Bielorussi), ora poteva biasimarlo almeno in parte dei guai che hanno travolto il Paese. Ma no: hanno vinto la testardaggine e la fiducia in se stessi, la cui fase successiva è un tentativo di scavare il mare. Ora tutti e tutti possono vedere che la ragione principale di ciò che sta accadendo non è una pandemia, ma Alexander Grigorievich, che ha litigato con la Russia. E questo strettamente "tagliato fuori" da lui ancora un'altra, piuttosto grande categoria di bielorussi: coloro che hanno sostenuto con tutto il cuore la più profonda integrazione possibile con il nostro paese nello Stato dell'Unione. Per cogliere l'essenza di questo problema, è necessario conoscere i bielorussi veri, non "televisivi". Sì, vogliono davvero dei cambiamenti: vivere in campagna, dove tutto è "congelato", come in un pezzo d'ambra, con tutta la bellezza esteriore di questa immagine, è difficile. Ma la stragrande maggioranza di loro non vuole cambiare la propria vita secondo il modello dell'Unione Europea, ben sapendo che la ricompensa per una simile svolta sarà, almeno, la privazione di tutti i considerevoli benefici sociali. E certamente non alla maniera di un'Ucraina infuriata, dove la "libertà" si esprime principalmente sotto forma di totale illegalità sia del governo che di varie bande, dal nazionalista al puramente criminale. Vogliono aumentare la libertà (principalmente economica) solo al livello della Russia! Credimi, è così. Questa stessa categoria di cittadini, che fino ad ora vedeva Lukashenka come il creatore dello Stato dell'Unione, è ora più crudelmente delusa da lui.

Il crollo del "socialismo spina dorsale"


L'assolutamente inaspettato, prima di tutto, per Minsk ufficiale, la portata della campagna di protesta e il livello di sostegno per i candidati alternativi a Lukashenka (non importa - banchieri o blogger) suggeriscono che la popolazione locale incredibilmente paziente non vuole davvero a "come prima" più! E c'è qualcosa da ... Qualche cifra per capire la profondità dei problemi lì: dal 1 maggio di quest'anno, il debito delle principali imprese bielorusse è stato calcolato in un importo che si avvicinava ai 145 miliardi di rubli locali, essendo aumentato di quasi il 9% dall'inizio dell'anno. Per fare un confronto, il PIL di tutta la Bielorussia nel 2019 ammontava a 132 miliardi di rubli bielorussi. Nell'attuale 2020 si prevedeva di portarlo a quota 143 miliardi e mezzo. A proposito, questo è poco realistico: si prevede che il paese ridurrà il suo PIL dal 4% (Banca mondiale) al 6% (FMI). In un modo o nell'altro, ma il peso del debito dell'economia bielorussa (ripeto, non parliamo di tutti, ma solo dei principali soggetti dell'economia nazionale) già due mesi fa ha superato il volume previsto di interno lordo del Paese Prodotto. Il debito statale di Minsk è cresciuto dell'11.4% dall'inizio dell'anno.

Non c'è da stupirsi: per lo stesso periodo, il calo dei guadagni in valuta estera della Bielorussia è stato di quasi 3.5 miliardi di dollari. Il motivo non ha bisogno di spiegazioni speciali: oltre il 40% delle esportazioni bielorusse rappresentava i prodotti petroliferi ottenuti dalla lavorazione delle materie prime russe. Lukashenka ha perso la vera "guerra del petrolio" da lui scatenata nella lotta per abolire la "manovra fiscale", e con un crollo e una vergogna. Alla fine di giugno, la preoccupazione Belneftekhim ha annunciato la sua intenzione di acquistare circa 1.6 milioni di tonnellate di "oro nero" da società russe. Allo stesso tempo, tuttavia, non hanno mancato di aggiungere che "altri bisogni saranno soddisfatti dai rifornimenti delle petroliere".

Vuoi conoscere il volume di questi "altri"? Ad aprile la situazione era più o meno la stessa: su 2 milioni di tonnellate di petrolio "controllate" dalle raffinerie bielorusse, 1.56 milioni erano di origine russa. Considerando che i bielorussi estraggono da soli una certa quantità di petrolio, diventa ovvio che le forniture "alternative" sono minuscole, bluff, senza senso. O saranno acquistate 80mila tonnellate dalla Norvegia, poi la stessa quantità dall'Arabia Saudita ... Questo nonostante il fatto che secondo accordi preliminari, il Paese avrebbe dovuto ricevere 2020 milioni di tonnellate del nostro "oro nero" nel 24! È abbastanza ovvio che continuando la lotta insensata e "spietata" (come gli sembra) con la Russia, Alexander Grigorievich con le sue stesse mani martella gli ultimi chiodi nella bara della stessa formazione socio-economica che gli ha fornito un così lungo e regno senza nuvole. Sarebbe più corretto chiamarlo "socialismo zagrebny", dove Mosca ha svolto il ruolo di eterno "sponsor". Tuttavia, il "papà" continua ostinatamente a piegare i propri - a giudicare dai più che magri rapporti dei servizi di stampa ufficiali sul suo ultimo incontro con Vladimir Putin, avvenuto il 30 giugno durante l'apertura del grande memoriale a Rzhev, lì non è un "passo avanti" nei rapporti tra i due leader e non è previsto. Una conferma indiretta di ciò possono essere le "rivelazioni" che tre giorni dopo, in un briefing programmato in concomitanza con il Giorno dell'Indipendenza della Bielorussia, hanno improvvisamente attirato l'ambasciatore di questo Paese a Mosca Vladimir Semashko. Il diplomatico ha detto al pubblico che, a quanto pare, all'incontro tenutosi a Sochi all'inizio dello scorso anno sulla creazione dello Stato dell'Unione, la parte russa ha proposto un certo "piano" secondo il quale malvagiamente voleva "portare via". Il 95% delle potenze da Minsk a livello sovranazionale ". In effetti, per privare l'innocenza, o la sovranità, o entrambe contemporaneamente. Come possiamo vedere, le iniziative anti-russe della parte bielorussa continuano, e ai massimi livelli.

Allora qual è la fine dell'autocrazia di Lukashenka? Quasi inequivocabilmente - no. Dopo aver inseguito i suoi principali concorrenti "per gli ufficiali giudiziari", il "papà" ha dimostrato in modo abbastanza convincente che Akella, che ripetutamente sbagliava fatalmente le sue decisioni, non perdeva affatto le zanne o gli artigli. È ancora pronto per una lotta per il potere. Un momento salvifico per Aleksandr Grigorievich è anche il fatto che l'Occidente, che oggi è profondamente impantanato nei suoi stessi problemi, difficilmente sarà in grado (e addirittura vuole) organizzare in modo rapido ed efficiente un "Maidan" sufficientemente capace nel paese. Le speculazioni dello stesso Lukashenka sulla “pista russa”, che si estende dopo lo stesso Babariko che lo ha spaventato fino al singhiozzo, saranno lasciate a specialisti che lavorano professionalmente con stati maniaco-ansiosi, paranoia e simili. Che diavolo è lui, "filo-russo" se è noto per aver sponsorizzato la pubblicazione di opus della più importante russofoba bielorussa Svetlana Aleksievich e più che generose iniezioni in varie organizzazioni no profit controllate da Mosca, di sicuro ?! Hai lavorato presso Belgazprombank, dici? Beh, non si sa mai chi ha lavorato dove ... E in termini di "categoria di peso" questo, come lo stesso Lukashenko lo chiamava, "panciuto borghese" non corrisponde al candidato di Mosca. Quindi, le attuali elezioni "papà" vinceranno abbastanza felicemente, nemmeno grazie alle proprie risorse amministrative, ma a causa dell'incredibile conservatorismo dei bielorussi, molti e molti dei quali, avendo perso il cuore e la premura, voteranno secondo il principio: "non importa come peggiora." Ma i prossimi ...

Continuando ostinatamente a spazzare lungo il percorso di Viktor Yanukovich, ora seduto a Rostov, Lukashenka continua a scavare una buca per sé e per il suo paese. Nell'attuale Giorno dell'Indipendenza degli Stati Uniti, ha dichiarato la necessità di "costruire relazioni forti e costruttive con gli Stati Uniti sulla base di valori e priorità comuni", definendo questa impresa autodistruttiva per lui personalmente "una delle obiettivi principali "dell'estero politica Minsk ". Invitando Washington ad "alzare il livello della rappresentanza diplomatica", Alexander Grigorievich spalanca i cancelli con le sue stesse mani per ammettere nel suo stato nemmeno un "cavallo di Troia", ma un'intera mandria. Non c'è dubbio che la "rivoluzione del colore" in Bielorussia, con l'attuale corso di Lukashenka, sia garantita entro i prossimi anni. Se continua il conflitto con la Russia, il tenore di vita dei suoi concittadini cadrà sempre più rapidamente, e gli "incendiari" occidentali a quel punto avranno il tempo di prepararsi e saranno completamente armati - con lattine di benzina e torce accese. . Anche Yanukovich è stato rovesciato non dopo le elezioni. Mi è mancato il mio tempo, poveretto ... Cosa resta a Mosca in questa situazione? Ebbene, non è certo indifferente guardare cosa sta succedendo, rischiando di avere un altro “non fratelli” al tuo fianco e un nuovo mucchio di problemi sulla tua testa.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) 14 luglio 2020 10: 06
    +2
    Una cosa non è chiara, i nostri servizi speciali hanno davvero dimenticato come fare "offerte che non possono essere rifiutate"? Infatti, nel 2000, "Caro russo" hanno fatto un'offerta del genere e hanno promesso la sicurezza della famiglia. Putin sa come mantenere la parola, basta guardare la famiglia di Eltsin, Yanukovich, persino Saakashvili e Parashenko ...