La Russia ha avviato il suo "perno a est" energetico in modo molto tempestivo


A seguito della decisione di raggiungere la "neutralità climatica" da parte dell'Europa entro il 2050 nella stessa direzione, gli Stati Uniti sembrano pronti a muoversi. In ogni caso Joe Biden, più che un vero contendente per la carica di capo di questo Stato, aveva dichiarato inequivocabilmente proprio ieri tale intenzione. In questa occasione, alcuni si stanno già fregando le mani con gioia: ora, dicono, la Russia, che non può vivere senza l'esportazione di idrocarburi, è sicura che finirà! E veloce e inevitabile ...


Devo dire che su questa "ondata" parecchie pubblicazioni sull'argomento, sostenute in toni diversi - dal sobrio ansioso al francamente panico, compaiono anche sui media nazionali. Tuttavia, è tutto così semplice e inequivocabile con i piani di "inverdimento" economia L'Occidente e le possibili conseguenze per il nostro Paese?

Biden "verdi" - "scisto" bruciato?


Il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti sembra aver deciso di superare i suoi omologhi europei, i populisti ambientali. "La transizione completa degli Stati Uniti verso fonti energetiche" pulite ", a suo avviso, può e deve avvenire entro il 2035! Che cosa? Una dannata cosa! Il signor Biden intende investire nella sua implementazione non meno di 2 trilioni di dollari al fine di raggiungere un obiettivo, diciamo, inizialmente non realistico. Allo stesso tempo, come di consueto in questi casi, rimangono due importanti questioni "fuori dalle parentesi": primo, se anche questa quantità colossale sia sufficiente per liberare completamente un enorme paese dal petrolio, dal gas e dall'energia nucleare "nocivi". E, in secondo luogo - dove, infatti, il candidato che promette cose così incantevoli intende ottenerlo (pur essendo entrato alla Casa Bianca)?

Oggi gli Stati Uniti stanno vivendo una recessione economica senza precedenti dalla Grande Depressione, sono travolti da un'ondata di massicci fallimenti e minacciano di diventare disoccupazione totale. A giugno, il disavanzo del governo degli Stati Uniti ha raggiunto un livello senza precedenti di 864 miliardi di dollari. Per i primi nove mesi del 2020, il suo volume è di $ 2.74 trilioni! Quali altre infusioni in energia "verde" - con questo o quel buco nel tesoro? Tuttavia, Biden è pieno di ottimismo e non smette mai di lodare in ogni modo i piani deliranti del suo membro del partito, il leader democratico al Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer, di trasferire tutti gli americani senza eccezioni alle auto elettriche, alle auto a idrogeno o, nel peggiore dei casi, agli "ibridi". Questo processo dovrebbe anche "stimolare" il senatore per il bilancio dello Stato.

Tuttavia, questo è lontano da tutto il "know-how" che il candidato del Pd offre ai potenziali elettori. Di almeno altri 400 miliardi di dollari, se vincerà la corsa elettorale, aumenterà la spesa pubblica per "l'acquisto di beni e servizi prodotti esclusivamente negli Stati Uniti". Allo stesso tempo, naturalmente, al massimo (e idealmente - completamente) rifiutandosi di esportare da tali "paesi ostili" come Russia e Cina. Come nella piccola testa selvaggia di Biden la completa ristrutturazione dell'industria americana sia combinata con il suo sviluppo "esplosivo" (anche se il passaggio a nuove fonti energetiche renderà i prodotti locali più costosi a volte di quelli cinesi) è assolutamente incomprensibile. Non per niente nel campo dei sostenitori di Donald Trump, i progetti economici di Biden, presentati sotto il seducente slogan "Buy American!", Non sono stati definiti altro che un "disastro nazionale". E per chi una tale catastrofe, se le aspirazioni ambientali del Partito Democratico statunitense che si precipita al potere diventeranno assolutamente inevitabili - è per i lavoratori petroliferi americani che stanno cercando con grande difficoltà di sopravvivere dopo i colpi schiaccianti del destino che li hanno colpiti.

All'inizio di questo mese, solo 263 impianti di perforazione di scisti bituminosi erano in funzione nel paese: il record per la loro chiusura è stato battuto dal 1944. Inoltre - non molto tempo fa, gli ambientalisti locali hanno messo un altro grosso "maiale" all'industria - dopo una lunga battaglia legale, sono riusciti a chiudere l'oleodotto Dakota Access, attraverso il quale si estraeva tutto l '"oro nero" nel principale giacimento statunitense di "scisto" Bakken, situato nel North Dakota. Il tubo era molto "dannoso per l'ambiente", quindi era chiuso. Secondo le previsioni disponibili, l'imminente scocciatura con la "competenza ambientale" potrebbe trascinarsi, almeno fino al prossimo anno. E poiché i sostenitori di tali visioni sulla vita negli Stati Uniti prevarranno a livello globale (fino alla Casa Bianca), allora l'industria dello “scisto”, che sta già “respirando incenso”, sicuramente non vivrà.

Ecologia ... E a spese di chi ?!


Se negli Stati Uniti le "stranezze" ambientali del potenziale capo di stato e del Partito Democratico che lo sostiene porteranno quasi inevitabilmente a un ulteriore declino economico, un aumento della disoccupazione e nuove ondate di protesta sociale, allora nel Vecchio Mondo tutto è un po 'più complicato. Lì, sembrerebbe, "tutto è sull'unguento" - il "Green Deal per l'Europa" sembra essere approvato al vertice, non è soggetto a ulteriori discussioni e non ha alternative. Tuttavia, ci sono più che sufficienti "insidie" in questa impresa apparentemente buona. Compresi quelli che possono facilmente affondare la barca dell '“unità tutta europea”, già piuttosto martoriata dalla “tempesta” del coronavirus. Confermando la vitale necessità di combattere il riscaldamento globale per la vita e la morte, sul fascino e le prospettive della "neutralità del carbonio", che dovrebbe regnare nel continente dopo il 2050, politica da Bruxelles e da altre capitali aggirano nel modo più accurato la questione principale: i prezzi di tutto questo splendore.

Ad esempio, prendiamoci solo un momento: il cosiddetto "idrogeno verde", con cui gli ecologisti locali si precipitano in modo così toccante. In termini di impatto minimo sull'ambiente, è davvero buono, non c'è controversia qui. Ma per quanto riguarda alcuni altri aspetti ... Che ne dici del fatto che l'idrogeno, per le sue proprietà fisiche, è molto più volatile del solito gas naturale? Di conseguenza, il pericolo delle sue perdite, che potrebbero portare a disastri provocati dall'uomo su larga scala quando si utilizzano attrezzature per condutture per il trasporto di carburante "verde", "affilato" agli standard del carburante "blu", aumenta molte volte. Per un funzionamento sicuro nelle nuove condizioni, deve essere sottoposto a un ammodernamento sufficiente e serio - e questo, si sa, richiede investimenti.

Ebbene, figuriamoci il costo dell'idrogeno "verde", che deve essere estratto dall'acqua di mare scomponendola in componenti, con l'aiuto del prodotto, idealmente utilizzando l'elettricità, ottenuta da tutte le stesse fonti rinnovabili, e non c'è niente da dire. Ecco perché, ad oggi, le capacità effettivamente operative degli impianti di elettrolisi per la produzione di idrogeno rispetto alle usuali fonti energetiche sono scarse anche alla scala dell'intero pianeta. Sì, prima di tutto, in Europa ci sono piani per aumentare drasticamente il loro numero, ma finora questi sono solo piani. Ecco perché, nella stessa Unione Europea, sono più che seriamente disposti a considerare la prospettiva di utilizzare lo stesso idrogeno, ma ottenuto utilizzando un della tecnologia - pirolisi, che assume come materia prima non l'acqua di mare libera, ma il gas naturale. E indovina chi è?

La "Gazprom" russa favorisce i progetti europei di "idrogeno" solo perché vede in essi semplicemente una nuova "incarnazione" delle proprie forniture dello stesso "carburante blu". Non dimentichiamo un altro punto: un trasferimento completo di tutta l'energia all'idrogeno richiederà una riprogettazione assoluta e totale di ogni centrale elettrica, centrale termica, maggior parte degli impianti e delle fabbriche europee. È difficile immaginare anche gli ordini di grandezza che dovranno essere investiti nella "ristrutturazione" di scale così ciclopiche. Inoltre, l'uso di nuovo carburante (insieme ai costi generali per la sua introduzione) renderà qualsiasi merce prodotta nel Vecchio Mondo completamente non competitiva nei mercati mondiali. Tuttavia, anche la Commissione europea ha un proprio piano in tal senso. Ma a cosa può portare la sua attuazione nella pratica?

Le intenzioni annunciate dal capo della Commissione Europea Ursula von Der Leynen di introdurre tasse "ambientali" veramente draconiane non solo sulla fornitura di idrocarburi "nocivi" all'UE, ma anche su eventuali beni prodotti in paesi che "danneggiano l'ambiente" non solo falliranno comprensione tra gli acquirenti locali che dovranno pagare prezzi esorbitanti per gli stessi prodotti cinesi familiari. Porteranno assolutamente inevitabilmente alla divisione finale del mondo globalizzato, che è stato così comodo per gli europei, che è stato così distrutto a causa della pandemia di coronavirus. In effetti, la conseguenza di questo approccio sarà una divisione arbitraria degli stati in "puliti" e "impuri", seguita da una feroce guerra economica tra di loro. Se l'Unione europea sarà in grado di vincere una guerra del genere è una grande domanda. Già oggi si prepara ad un nuovo round di confronto con gli Stati Uniti, che rischia di imporre sanzioni economiche, fino a dazi commerciali del tutto esorbitanti su una serie di merci europee. Finora, per quanto ne sappiamo, stiamo parlando di produttori francesi, ma il problema è l'inizio ... l'economia estremamente indebolita e squilibrata della zona euro dopo la pandemia sarà in grado di gestire una guerra economica con Cina, India e altri stati che non detteranno demolire la propria industria e infrastruttura per scopi piuttosto dubbi? Finora, la pratica mostra che è più costoso organizzare un simile confronto con il Celeste Impero. Lo dimostra la triste esperienza degli Stati Uniti, e in Europa è ben noto. In virtù di ciò, ci sono ottime ragioni per sperare che le formidabili dichiarazioni sulle "ecotasse" rimangano tali, almeno nel prossimo prevedibile futuro.

Altrimenti, l'economia mondiale affronterà davvero una scissione senza precedenti e, di conseguenza, shock, rispetto ai quali la crisi del 2008 e persino i guai attuali sembreranno scherzi infantili. Con chi, in questo caso, la Russia finirà, la domanda è molto probabilmente retorica. In uno scenario del genere, la regione asiatica diventerà finalmente il principale avamposto industriale ed economico del pianeta. E non possiamo che rallegrarci del fatto che il nostro Paese abbia già avviato anticipatamente una “svolta ad Est”, riorientando lì i propri flussi di export e cercando di integrarsi il più possibile nelle nuove filiere produttive e di approvvigionamento originarie dell'Asia. Se gli Stati Uniti e l'Europa intendono "diventare verdi" a loro danno - beh, lascia che sia. La sola luce su di loro, come si suol dire, non convergeva come un cuneo.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 luglio 2020 13: 54
    +3
    E da tempo diciamo che l'UE è il passato e l'Asia il futuro. E non c'è bisogno di aggrapparsi al passato. Se l'UE ha combinato Sodoma con Gomorra, tutto va all'eliminazione della civiltà locale. E per noi è ancora meglio convivere con l'Asia.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 16 luglio 2020 19: 46
      0
      E da tempo diciamo che l'UE è il passato e l'Asia il futuro.

      - e dov'è la Russia, è rimasta in disparte e povertà, e rimarrà con i gasdotti per l'esportazione ei suoi cittadini senza gas ...
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 15 luglio 2020 16: 28
    -3
    In un simile scenario, la regione asiatica diventerà finalmente il principale avamposto industriale ed economico del pianeta. E non possiamo che rallegrarci del fatto che il nostro Paese abbia già iniziato in anticipo una “svolta verso Est”, riorientando i propri flussi di esportazione lì e cercando il più possibile di integrarsi nelle nuove filiere di produzione e fornitura originarie dell'Asia.

    - Sì, nessun "futuro" ... - non per nessuno ... per l'Asia ... - È solo che l'Europa è stata molto stupida accettando enormi folle di persone dall'Africa, dall'Est e ... e ... e - da Asia ... - Sì, sì ... - tutti dalla stessa Asia; che presumibilmente dovrebbe diventare la "parte avanzata del mondo" ...
    - L'Europa è stata avara a spendere ingenti somme di denaro per creare una "specie di trasportatore" per scambiare questi flussi con i rifugiati in..v..v .. in Giappone; al Sud. Corea; In Cina; in Malesia ... ecc ... - Ora giapponesi, cinesi, coreani, malesi sarebbero impegnati con un numero enorme di neri, arabi, algerini, ecc ... - E così questa Asia brillerebbe in futuro ... - quale posto nell'economia mondiale occuperebbe l'Asia con tale "zavorra" ... - E della criminalità ... - personalmente, non sto nemmeno parlando ...
  3. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 15 luglio 2020 22: 42
    +1
    D'accordo, l'Europa è senza petrolio e gas. Ma anche l'acciaio, l'alluminio, il cemento - base delle "tecnologie verdi" - saranno imposte draconiane? Non verranno importati dalla Cina / Giappone e non lo faranno da soli?
  4. Meridionale siberiano Офлайн Meridionale siberiano
    Meridionale siberiano (Sergey A) 16 luglio 2020 14: 03
    0
    Eh. Dovresti prima schierarti.
  5. Сергей39 Офлайн Сергей39
    Сергей39 (Sergei) 16 luglio 2020 18: 05
    +1
    E la svolta ad est è corretta, e anche la costruzione di enormi impianti per il trattamento chimico degli idrocarburi è puntuale.
  6. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 17 luglio 2020 07: 22
    +2
    I politici americani, e in particolare Biden, hanno afferrato il grido dell'anima della ragazza svedese. Si sono resi conto che c'era un vantaggio politico da questo. Prendendosi cura dell'ambiente, giocano sulle aspirazioni dell'uomo per la natura pura. Sono ben consapevoli che ciò non accadrà nel prossimo futuro. Ma si può incolpare Russia, Cina, Iran, chiunque altro per il fallimento della politica ambientale. Una volta ho sentito una tale rivelazione. "Abbiamo libertà di parola e posso parlare liberamente di ogni sorta di sciocchezze". Che non saremmo arrivati ​​a questo.