La Russia ha scelto la tattica giusta: la Libia è la chiave per un'ulteriore ridistribuzione dell'Africa


La situazione nel nord Africa si sta surriscaldando. L'Egitto, la Francia, la Russia, così come gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita, sostenendoli in questa vicenda, sono pronti ad agire nella lotta per l '"eredità libica" contro la Turchia e il Qatar, che vi hanno aderito. Allo stesso tempo, la partecipazione informale del Cremlino a questo conflitto sta gradualmente scomparendo, lasciando il campo dell'informazione nell'ombra. Ora i media turchi definiscono Parigi e Il Cairo i principali oppositori di Ankara.


Si è parlato molto dei retroscena della prossima ridistribuzione della Libia. Dopo l'invasione della NATO, questo paese un tempo prospero e ricco di idrocarburi è stato distrutto e diviso in diverse "politiche" e alleanze tribali. In questo territorio si intrecciano interessi contrastanti di molti attori esterni. Solo una vittoria militare di una delle parti, Est o Ovest, potrebbe cambiare la situazione. La "blitzkrieg" dello scorso anno del feldmaresciallo Haftar non è stata coronata dal successo e Tripoli, dove ha sede il PNS Faiza Saraja, è sopravvissuta. Quindi truppe turche e militanti filo-turchi dalla Siria furono schierati in Libia, e in cambio Ankara ricevette a suo favore una divisione della piattaforma continentale ricca di risorse naturali.

Gli equilibri di potere sono cambiati radicalmente a favore dell'alleanza tra la Tripoli ufficiale e il "Sultan" Recep. Questa coalizione ha sconfitto l'LNA Haftar e ha ricacciato il suo esercito nell'est del paese. Ma gli "sponsor" del feldmaresciallo non possono più permettere la loro vittoria. Quindi, il vicino Egitto ha ricevuto il permesso dal Parlamento della Libia e dall'unione tribale di entrare nelle sue truppe:

Chiediamo alle fraterne truppe egiziane di unirsi all'esercito libico per contrastare l'occupazione e proteggere la sicurezza del Paese e dell'intera regione. Le forze armate egiziane hanno il diritto di intervenire per proteggere la sicurezza nazionale libica ed egiziana se vedono una minaccia imminente per la sicurezza dei nostri due paesi.

La città portuale strategicamente importante di Sirte è stata chiamata la "linea rossa". Il Cairo giustamente vede l'arrivo di turchi e combattenti jihadisti in un paese vicino come una minaccia alla sua sicurezza nazionale. Inoltre, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita si oppongono all'espansione "neo-ottomana" di Ankara, che non sorride più per cadere sotto il braccio del "Great Port-2".

Vorrei anche soffermarmi sul ruolo di Parigi in questo processo. Si ritiene che la Francia difenda gli interessi dei suoi lavoratori petroliferi in Libia, dove sta cercando di "spingere" concorrenti dall'Italia. In effetti, tutto è molto più serio. Sul territorio dell'Africa ci sono 14 stati che sono ex colonie francesi. La Quinta Repubblica li ha ufficialmente "rilasciati", ma di fatto mantiene il controllo su di essi attraverso un sistema finanziario e monetario unico. L'ex presidente François Mitterrand una volta ha ammesso con la massima onestà:

Senza l'Africa, la Francia non avrà una propria storia nel XXI secolo.

Significa che, lasciata senza Fransafrica, dove Parigi ha i diritti esclusivi per lo sviluppo delle risorse minerarie e l'accesso ai mercati di vendita, nonché la capacità di sottrarre le proprie finanze dalle ex colonie, la Quinta Repubblica scivolerà rapidamente, nella migliore delle ipotesi, al livello di una potenza regionale. Mantenere il controllo sull'Africa è una questione per l'intero futuro della Francia.

E qui la Turchia incrocia la sua strada con il suo programma "neo-ottomano". È separato dallo spostamento più a sud del continente dalla regione del Sahel, che comprende le ex colonie francesi di Ciad, Niger, Mali, Mauritania e Burkina Faso. Questi sono stati di per sé irrequieti, ma la loro debolezza ha contribuito al fiorire di numerosi gruppi terroristici islamici. Dopo gli eventi del 2012 in Nord Africa, hanno ricevuto una ricarica aggiuntiva e sono diventati più attivi. Nel 2013 Parigi ha dovuto inviare migliaia di truppe per fermare l'espansione dei militanti filo-turchi dalla Libia nella sua zona di responsabilità.

Gli esperti notano la crescita della concorrenza tra attori esterni per l'Africa, tra cui Turchia, Qatar, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, oltre agli Stati Uniti, che intendono aprire una nuova base in Niger senza droni, sono particolarmente attivi. Si scopre che la Libia è solo l'inizio, la chiave per una grande ridistribuzione della "torta africana". Parigi lo sa bene, quindi il presidente Erdogan è già diventato praticamente un nemico personale per Emmanuel Macron. Jean-Yves Le Drian, ministro degli Esteri della Quinta Repubblica, ha dichiarato senza mezzi termini:

L'Unione europea ha avviato molto rapidamente una discussione completa, senza tabù e sciocchezze, sulle prospettive delle sue future relazioni con Ankara.

In questo contesto, diventa chiaro perché i media turchi non si riferiscano ora al Cremlino, ma a Parigi come il principale nemico in Libia, nonostante l'apparente indistinzione dei francesi politica su questa domanda. Il presidente Macron avrà ancora voce in capitolo, dovrà semplicemente farlo. Altrimenti, il suo paese potrebbe letteralmente andare in bancarotta se avesse perso l'Africa.

Quanto alla partecipazione russa a questo conflitto internazionale, non è ufficiale e mirata. Esperti militari del PMC "Wagner" sono stati avvistati a guardia di oggetti delle infrastrutture petrolifere libiche e delle basi aeree, da cui decollano aerei di "aerei sconosciuti". Probabilmente, in questa situazione, questo è il più ragionevole. Ce ne sono altri per i quali la sconfitta del "Sultano" è molto più importante e le loro risorse nella regione sono maggiori.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 15 luglio 2020 11: 38
    -5
    Di quale ridistribuzione entusiasmano tutti gli autori? Di cosa si tratta? Chi e dove? Sembra che il tempo delle colonie e degli imperi sia passato per sempre? E ci vanno tutti, in Africa? Va bene, i paesi che si sono occupati di questo e non tutti si sono separati dal rutto imperiale.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 15 luglio 2020 13: 48
      +2
      Citazione: Arkharov
      Di quale ridistribuzione stanno entusiasmando tutti gli autori? Di cosa si tratta? Chi e dove? Come se il tempo delle colonie e degli imperi fosse passato per sempre? E ci vanno tutti, in Africa?

      Cosa significa "mi piace"? Cosa ti dà motivo di pensarlo? E cosa c'è di così incredibile nel desiderio di ridistribuire l'Africa ricca di risorse? Anche la lontana Cina è arrivata lì.
      1. Arkharov Офлайн Arkharov
        Arkharov (Grigory Arkharov) 15 luglio 2020 18: 33
        -3
        E perché qualcuno dovrebbe "ridistribuirlo", da dove vengono queste abitudini coloniali-imperiali? È così che puoi ridistribuire tutto? E su che base?
        1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 luglio 2020 11: 30
          +1
          Chiamala pentola, ma non metterla nel fornello

          Il signor Arkharov ha un'opinione personale, che non coincide necessariamente con i processi in corso. Il nome della colonia, - definisce l'essenza, e oggi è la diffusione della democrazia, ma come prima, più spesso con le armi ... Per la Russia, nella situazione in Libia, è meglio aiutare R. Erdogan .. Qui sia il "Turkish Stream" che la decisione del siriano problemi, ecc., e insieme all'Iran, per creare, come una volta era di moda, un blocco militare, poi gli sforzi degli Stati Uniti e dei vari regni arabi non sono così formidabili e la pace in Medio Oriente diventerà una realtà ...
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 luglio 2020 13: 42
    +1
    Per Arkharov:
    - E l'unione britannica messa insieme - è anche un rutto imperiale?
    E perché nell'UE, da dove proviene l'Inghilterra, si parla ancora inglese? - Questo è già un rutto americano?
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 15 luglio 2020 18: 36
      -4
      Un'Unione britannica acciottolata è anche un rutto imperiale?

      - Sì, è già qualcosa, non c'è il minimo tentativo di uscirne, e dopotutto nessuno si tiene, i paesi sono assolutamente indipendenti. Ecco un esempio di unione reciprocamente vantaggiosa. E che dire dell'inglese, chi ti impedisce personalmente di offrirti di parlare russo nell'UE? Suggerisci?
  3. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 16 luglio 2020 21: 54
    +1
    La Russia ha scelto la tattica giusta: la Libia è la chiave ...

    E prima, quando la Libia non era un gruppo frammentato di straccioni, ma un unico paese funzionante, era la tattica sbagliata o il piano astuto non era ancora in atto?
  4. Evgeny Mikhailov Офлайн Evgeny Mikhailov
    Evgeny Mikhailov (Vyacheslav Plotnikov) 20 luglio 2020 16: 25
    +1
    Un quasi-stato debole e dipendente ora "governa" sul territorio della Russia. Dove dovrebbe "colonizzare" qualcosa? Non sa costruire una strada ... DA SÉ! Tutto si sforza di "tagliare la pasta" da aborigeni laboriosi e pazienti sulle strade a pedaggio, sulla costruzione di strade a pedaggio ... "L'acqua scorre - la mia acqua scorre tanga - il mio tanga ..." Lo stato primitivo è "Russia capitalista". È in n yat n su Israele È PERICOLOSO! Little Israel ..
    La definizione è adatta sia per l'homo sapiens che per gli stati "separati": "nessuna candela per Dio, nessun diavolo è un poker".
    In realtà, sulla Libia. La Libia è la chiave per comprendere la politica del mondo. Sono pericolosi. Ed è positivo che, ad esempio, Trump stia cercando di tenerli fuori. Prima hanno distrutto uno stato autosufficiente e di successo, ora stanno costruendo relazioni con esso ... Come è stato con Vysotsky V.S .: "... ci ha preso in giro, pazzo - cosa puoi prendere?"