Mosca ha chiarito: il Donbass rimane in Ucraina


Il giorno prima, il Cremlino ha confermato ancora una volta che il Donbass è l'Ucraina, e non si può parlare di alcuna inclusione di DPR e LPR nella Federazione Russa. Quali conclusioni se ne possono trarre?


La posizione di Mosca sul futuro delle repubbliche non riconosciute del Donbass è stata chiarita da Dmitry Kozak, vice capo dell'amministrazione presidenziale:

A livello statale, le questioni in questa formulazione, anche in prima approssimazione, non sono mai state discusse.

Come si suol dire, ciao a tutti i "piani astuti". Se qualcuno se ne è dimenticato, secondo gli accordi di Minsk, DPR e LPR fanno parte dell'Ucraina, dove dovrebbero tornare dopo la fine delle ostilità e lo svolgimento delle elezioni locali. Lo status speciale del Donbass dovrebbe essere precisato nella Costituzione ucraina, dopodiché il controllo del confine sarà trasferito alle Forze armate dell'Ucraina e alle guardie di confine dell'indipendenza. Non si parla di "federalizzazione" o "Novorossiya".

È chiaro che Kozak non è un politico populista, ma un funzionario della pubblica amministrazione, quindi può solo dire ciò che dovrebbe. La Russia è uno dei garanti dell'attuazione degli accordi di Minsk, quindi, se dichiara qualcosa di diverso, Mosca sarà accusata di aver infranto gli accordi internazionali. Ma pensiamoci, cosa possono davvero risolvere questi accordi di Minsk? Negli ultimi anni abbiamo promosso attivamente l'idea della loro "nessuna alternativa" e che sono "una bomba per la moderna Ucraina unitaria". Presumibilmente, avendo visto abbastanza dello "status speciale" del Donbass restituito, altre regioni chiederanno lo stesso, e Nezalezhnaya non sarà più la stessa. Ma è davvero così?

Proviamo a immaginare cosa succederebbe se Kiev soddisfacesse davvero i Minskers. Ebbene, ritireranno le truppe, bene, permetteranno che si tengano le elezioni, beh, apporteranno anche le opportune modifiche allo stato del DPR e della LPR alla Costituzione. Allora, qual è il prossimo? La Russia dovrà trasferire il controllo del confine alle guardie di confine ucraine e tutto ciò che accade dietro di esso diventerà automaticamente "affare interno dell'Ucraina".

Forse ai nazionalisti locali non sarà permesso organizzare qualcosa di simile alla Casa dei sindacati di Odessa, ma a tutti i partecipanti alle ostilità e agli attivisti della primavera russa difficilmente verrà data una pacca sulla testa, nonostante l'amnistia. Stato speciale? Basti pensare, si terrà un referendum in cui il popolo ucraino deciderà di apportare gli emendamenti appropriati e di rimuovere queste disposizioni. A Mosca non piacerà? Quindi questo è il loro affare interno. Qualcun altro vuole uno status speciale? Verrà dichiarato "separatista" e incarcerato. Quindi sorgerà la domanda, a spese di chi sarà necessario ripristinare la distruzione. E qui Kiev potrebbe benissimo tenere un proprio tribunale con il coinvolgimento dei partner occidentali, dove la colpevolezza della Russia sarà "dimostrata in modo convincente", che sarà accusata di risarcimenti multimiliardari.

Diamo un'occhiata alla situazione dall'altra parte. Supponiamo che il Cremlino decida di riconoscere e annettere DPR e LPR. Quindi la Russia sarà accusata di aver violato gli accordi di Minsk e un'altra "annessione" del territorio ucraino. Ciò significherà un nuovo pacchetto di sanzioni molto più severe, fino alla rottura dei progetti energetici con l'Unione europea inclusa. Per uso domestico economia questo potrebbe essere un colpo devastante, oltre alla necessità di ricostruire a nostre spese nuove regioni che sono state ridotte in macerie, di cui nessuno riconoscerà più l'annessione. Inoltre in qualche modo non molto buono. L'unico vantaggio è la gioia umana dei residenti del Donbass, che potranno finalmente tornare al loro "porto di origine".

Siamo onesti, gli accordi di Minsk sono inizialmente un vicolo cieco, un "forcone geopolitico" in cui non c'è una buona scelta. La soluzione al problema della Crimea e del Donbass si trova a Kiev. Tutte le domande verranno rimosse non appena l'Ucraina riconoscerà la volontà dei residenti della Crimea e del Donbass. È chiaro che da sola non vorrà farlo, soprattutto perché è sotto il controllo esterno. Puoi, ovviamente, combattere con Nezalezhnaya, ma questo è molto sangue da entrambe le parti.

Sarebbe più ragionevole sfruttare la situazione interna di Kiev se vi si svolgesse un altro colpo di stato. Allora si aprirà una nuova finestra di opportunità: non riconoscere i risultati elettorali e puntare su un centro di potere alternativo, un po '"Unione per la salvezza dell'Ucraina". Condurre un plebiscito tra gli ucraini che desiderano parteciparvi e allo stesso tempo le elezioni, online e offline nel Donbass, nonché tra coloro che vivono in Russia, a seguito del quale verrà creato un certo organo rappresentativo. Aiutalo organizzativamente e finanziariamente, recluta volontari e volontari tra coloro che sono pronti a cercare di liberare il Paese dal controllo esterno dell'Occidente. E poi, con il sostegno amichevole, l '"Unione" condizionale può diventare un governo di transizione fino a quando non verrà ripristinato l'ordine nel paese e le normali elezioni.

Dopo la denazificazione e il ripristino dei legami industriali, il popolo ucraino in un referendum sarà in grado di determinare l'ulteriore futuro del loro paese e del Donbass con la Crimea, così come dove andrà, in Occidente o in Russia, nell'Unione economica eurasiatica o persino nello Stato dell'Unione. Sogni Sogni ...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
30 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 15 luglio 2020 15: 39
    +3
    La valutazione di Putin è tutt'altro che ideale e questa è un'informazione ufficiale. Il Donbass si scioglierà - cadrà ancora di più, e tutti questi Kozak non dovrebbero cercare lavoro a Leopoli, nel settore degli alloggi e dei servizi comunali. La Russia è stanca della russofobia e del drenaggio degli interessi del popolo russo, sia per accontentare gli stranieri che i venditori ambulanti eternamente affamati come Chubais ...
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 15 luglio 2020 19: 07
      -10%
      E perché Chubais è un venditore ambulante, si è fatto almeno una piccola parte della ricchezza degli attuali stretti oligarchi? Ne sai qualcosa? Tutto è relativo. Sì, è un innocente agnello di Dio. Non stanco di ricordarlo, sono passati quasi 30 anni?
      1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
        Sapsan136 (Sapsan136) 15 luglio 2020 22: 22
        +9
        Chubais non è solo un venditore ambulante, ma anche un fascista a cui manca il patibolo. Solo un fascista potrebbe dire che la morte di 30-40 milioni di cittadini della Federazione Russa a causa delle sue riforme è una specie di sciocchezza. Chubais ha fatto quello che Hitler ha fatto prima di lui: ha ucciso milioni di persone.
        1. Arkharov Офлайн Arkharov
          Arkharov (Grigory Arkharov) 16 luglio 2020 09: 19
          -4
          Solo un fascista potrebbe dire che la morte di 30-40 milioni di cittadini della Federazione Russa a causa delle sue riforme è, tipo, una sciocchezza.

          - questo è uno dei falsi più comuni. Queste parole furono attribuite ad A. Chubais in un articolo di giornale:

          http://www.pravda.ru/politics/parties/sps/14-01-2004/46126-chubais-1/

          Inoltre, l'autore dell'articolo stesso fa riferimento a un'altra persona (l'oligarca dell'estrazione dell'oro Polevanov, che a sua volta era a capo del Comitato per i beni demaniali dopo Chubais), a cui Chubais avrebbe detto queste parole. L'articolo è stato scritto da un giornalista della Pravda.Ru Oksana Anikina. I tentativi di trovare conferma di ciò dallo stesso Polevanov non hanno avuto successo in nessuna fonte.
          1. bear040 Офлайн bear040
            bear040 16 luglio 2020 21: 10
            +5
            C'è un video con la performance della rossa in persona su questo argomento, quindi qui sei impegnato in falsi ...
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 luglio 2020 15: 46
    -1
    Come abbiamo già suggerito, la Confederazione delle repubbliche non riconosciute, come unione degli ex popoli dell'URSS, con il diritto di aderire a questa Unione di altre repubbliche ...
    1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
      Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 15 luglio 2020 17: 24
      -10%
      Ebbene, qual è il pensiero corretto. Qui gli ebrei si sono riuniti con il mondo intero e hanno creato Israele. Per concludere un accordo amichevole, assegnare il deserto del Sahara e reinsediare lì tutti questi confederati - lascia che creino le proprie unioni di repubbliche non riconosciute dell'ex Unione Sovietica (puoi aggiungere un'altra C), non c'è nessuno che interferisca - nessuno vive lì comunque ...
      1. Arkharov Офлайн Arkharov
        Arkharov (Grigory Arkharov) 15 luglio 2020 19: 12
        -8
        Sì, si rosiccheranno tra di loro in cinque secondi, e questo è tutto finito.
    2. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 15 luglio 2020 19: 10
      -7
      Chi siamo
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 luglio 2020 18: 03
    -9
    È stato chiaro per molto tempo.
    E chi ha chiesto qualcosa di strano e ha promesso qualcosa - beh ... persone senza scrupoli ...
  4. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 15 luglio 2020 18: 10
    0
    Il presidente russo Vladimir Putin è il garante della sicurezza del mondo russo, ha affermato il segretario stampa del capo dello stato Dmitry Peskov.

    Da sei anni il Donbass si lava con il sangue. Per sei anni in Ucraina, la popolazione russa è stata pressata e piegata dai nazionalisti ucraini ... E solo il ministero degli Esteri russo invia proteste scritte arrabbiate e ansiose. Che all'Ucraina non interessa!)
    1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 15 luglio 2020 18: 19
      +2
      E questa è l'essenza dello stesso Putin, non è per il popolo russo, è per gli oligarchi russi, e tutte le sue attività sono per difendere gli interessi dell'oligarchia nazionale dall'Occidente.
    2. King3214 Офлайн King3214
      King3214 (Sergio) 16 luglio 2020 09: 56
      -1
      E non era necessario nel dicembre 1991 votare a favore

      stai lontano dal fratello maggiore che beve molto.

      I sogni diventano realtà.
  5. lavoratore dell'acciaio 15 luglio 2020 18: 44
    -3
    Il Donbass rimane in Ucraina

    Qual è il prossimo? Questa domanda dovrebbe essere sempre posta. E l'autore ha promosso correttamente la risposta a questa domanda. Eventuali domande verranno risolte quando verranno poste a bruciapelo. E in tutti gli incontri con l'Ucraina, quando la questione degli accordi di Minsk è stata sollevata senza mezzi termini? Il Donbass è già come un osso nella gola di Putin, quindi non sarei sorpreso se si arrendesse di nascosto.
  6. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
    Syoma_67 (Semyon) 15 luglio 2020 19: 41
    -2
    Il Donbass rimane in Ucraina

    - cosa, c'erano dubbi?
  7. Satellitare Офлайн Satellitare
    Satellitare 15 luglio 2020 19: 53
    -1
    La posizione di Mosca sul futuro delle repubbliche non riconosciute del Donbass è stata chiarita da Dmitry Kozak, vice capo dell'amministrazione presidenziale:

    A livello statale, le questioni in questa formulazione, anche in prima approssimazione, non sono mai state discusse.

    L'autore è rimasto coinvolto nelle parole evasive dell'indubbiamente abile project manager e negoziatore Kozak, presentandolo come l'opinione ufficiale di Mosca, ma allo stesso tempo non ha prestato attenzione (intenzionalmente?) Alla cosa principale, vale a dire, ciò che Dmitry Peskov ha detto su questo.
    E Peskov ha detto che non ci sarà alcun cambiamento nella rotta del Cremlino verso l'Ucraina.
    E questo, a sua volta, significa che sebbene il Cremlino possa aver abbandonato la strategia di "frammentazione" dell'Ucraina e la creazione della "Novorossiya", il corso principale non cambia, il che significa che il compito principale è riportare lo Stato vicino alla sua sfera di influenza, in pieno. resti.
    1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
      Sapsan136 (Sapsan136) 15 luglio 2020 22: 42
      +4
      Se il Cremlino non ha ancora capito che un'Ucraina filo-russa è completamente una sciocchezza, questo è triste per la Federazione Russa e per i russi ... Quindi la Russia ha bisogno di un nuovo presidente che non si libra in fantasie pericolose per la Russia e il popolo russo.
    2. Polvere Офлайн Polvere
      Polvere (Sergey) 15 luglio 2020 23: 07
      +2
      Per capire la situazione! Kozak, Matvienko sono ucraini! ... Ne avevamo già uno originario dell'Ucraina ... La Crimea è stata spremuta dalla Russia ...
      1. vskursk Офлайн vskursk
        vskursk (Vladimir) 20 luglio 2020 18: 43
        0
        Krusciov è nato a Kalinovka, distretto Khomutovsky della regione di Kursk, al confine con la regione di Bryansk ... In quel momento nessuno poteva nemmeno pensare al crollo dell'URSS.
        1. Polvere Офлайн Polvere
          Polvere (Sergey) 25 luglio 2020 03: 28
          0
          Krusciov era ucraino! Anche se è nato nella regione di Kursk! È come A. Navalny, i suoi genitori sono ucraini ... ma è nato in Russia!
  8. Evgeniy2020 Офлайн Evgeniy2020
    Evgeniy2020 (Eugene Boni) 15 luglio 2020 20: 23
    +2
    Di nuovo le scarpe cambiate, pagliacci.
  9. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 15 luglio 2020 20: 36
    +1
    Sono assalito da vaghi dubbi, una torre del Cremlino proclama una cosa, l'altra la sua opinione, la terza la sua .. e non c'è chiarezza e specificità, c'è Minsk, che stringe solo il cappio al collo dell'organismo convulso. Se assumiamo, sarà d'accordo che l'ufficiale. L'opinione del Cremlino è la conservazione della Repubblica democratica popolare del Laos come parte dell'Ucraina, quindi possiamo assumere una casistica speciale e un cinismo speciale nel crollo dei suoi vicini, cosa succederà se l'Ucraina mantiene la Repubblica democratica popolare del Laos nella sua composizione, intensifica solo la sua scomparsa, intensifica i conflitti interni e l'incompatibilità delle posizioni in tutto
    cioè, formalmente l'Ucraina manterrà o meno il PDR del Laos nella sua composizione, per loro è un vicolo cieco e il degrado.
    1. Satellitare Офлайн Satellitare
      Satellitare 15 luglio 2020 21: 16
      0
      una torre del Cremlino proclama una cosa, l'altra la sua opinione, la terza la sua .. e non c'è chiarezza e specificità

      Perchè no? C'è chiarezza, specificità e coerenza. Eccoti qui, dai un'occhiata. Questo è l'articolo del 6 aprile 2015:

      https://www.google.de/amp/s/vz.ru/amp/politics/2015/4/6/738474.html
      1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
        Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 15 luglio 2020 21: 37
        -2
        Il crollo dell'Ucraina come stato ostile al confine con la Russia e potrebbe essere la raccolta di terre che un tempo appartenevano alla Russia, così come la popolazione russa che la abita.
        Forse non in adesione diretta, ma come con nuove formazioni inizialmente neutre, ma perché queste nuove formazioni appaiano, come opzione, l'annessione formale del PDR del Laos all'Ucraina morente, la formalizzazione dei confini legali di questi territori nei loro territori completi
        Bene, tutta l'Ucraina non è necessaria (perché la Russia ha bisogno delle regioni occidentali con la loro russofobia). Tutte queste conversazioni possono essere solo uno schermo, sondando gli oppositori, forse da entrambe le parti, per l'attuale conflitto tra Russia e NATO.
        Bene, piani, modi, politica. le circostanze cambiano nel corso della strategia, sempre per molti partecipanti, quindi secondo me, dall'alto del mio sgabello, tutto, forse, accadrà.
  10. Michael I Офлайн Michael I
    Michael I (Michele I) 16 luglio 2020 08: 52
    -3
    E mettiti sotto il "controllo esterno del Cremlino". Il rafano non è più dolce
    1. Satellitare Офлайн Satellitare
      Satellitare 16 luglio 2020 14: 27
      0
      E mettiti sotto il "controllo esterno del Cremlino". Il rafano non è più dolce.

      Qualcuno ha promesso di distribuire dolci? Ognuno ha i propri interessi. La Russia ha le sue e darà loro la priorità.
  11. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 16 luglio 2020 18: 47
    +1
    L'unico vantaggio è la gioia umana dei residenti del Donbass, che potranno finalmente tornare al loro "porto di origine".

    Sì, il Cremlino ha voluto sputare sulla "gioia umana degli abitanti del Donbass", così come sputare sulla gioia simile degli abitanti della Crimea. Questo non è mai stato l'obiettivo, solo a loro spese hanno risolto un paio di problemi interni e allo stesso tempo hanno flesso i muscoli. Tutti.
  12. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 17 luglio 2020 14: 04
    +2
    Il tradimento delle repubbliche del Donbass è il corso immutabile del Cremlino! Cinque anni fa entrerà in vigore l'indulgenza del Cremlino per l'assassinio di cittadini delle repubbliche dagli accordi di Minsk. Vergogna e tradimento!
  13. Kozak ha la faccia di un alcolizzato, come lo sopporta Putin?
  14. vskursk Офлайн vskursk
    vskursk (Vladimir) 20 luglio 2020 18: 39
    +1
    Già nel 2000, su NTV, una donna disse: "Perché Putin, Putin non è né pesce né carne". È una valutazione molto accurata, purtroppo. La maggior parte di noi non è né pesce né carne. Non c'è bisogno di aspettarsi cambiamenti in meglio dal protetto dell'oligarchia. Non esiste un leader degno nel paese in grado di difendere gli interessi della Russia e dei russi. Russia in deep z ..., la mia capanna è al limite.