Scontro russo-turco: perché ci ritiriamo in tutte le direzioni?


Oggi, quando l'improvviso aggravamento della situazione al confine armeno-azero è attivamente discusso e condannato in molti paesi, vale la pena guardare questo conflitto da una prospettiva leggermente diversa. In effetti, tutto ciò che accade in primo luogo è solo un altro "guanto" lanciato in faccia a Mosca da Ankara. Un altro fronte si aggiunge a una serie di "fronti" russo-turchi già esistenti oggi.


E ci ritiriamo di nuovo, non importa quanto sia doloroso ammettere questa dura verità. Cosa si nasconde dietro a quei processi tutt'altro che positivi per il nostro Paese, che si vedono sempre più chiaramente nelle sue relazioni con la Turchia col passare del tempo? Indecisione del Cremlino? Alcuni dei suoi "piani astuti"?

Dalla Siria alla Libia


Anche se analizziamo brevemente e superficialmente almeno i principali eventi e le tappe fondamentali nelle relazioni russo-turche degli ultimi tempi, possiamo dire che il periodo di "sviluppo intensivo di cooperazione a tutto tondo" tra i nostri stati si conclude con la fornitura di S-400 Trionfano i sistemi di difesa aerea ad Ankara e il lancio del gasdotto Turkish Stream ". Lungo il percorso, va notato che il massimo beneficio di tutto questo è stato ottenuto dalla parte turca, che ha così ricevuto sia i più moderni sistemi di difesa aerea e una garanzia di approvvigionamento di "carburante blu", nonché opportunità di molto fruttuosi negoziati con Washington e Mosca allo stesso tempo. Inoltre, come in politicoe in economico le zone. Dopodiché, inizia qualcosa di completamente diverso. Ankara, dapprima piuttosto cauta e moderatamente, e poi sempre più sfacciatamente interviene nel conflitto sul territorio della Siria, cercando di spremere lì la Russia. Tutto arriva a un confronto quasi aperto tra i militari dei due Paesi a Idlib e l'aggravarsi della situazione sull'orlo di uno scontro armato tra di loro.

Una via d'uscita, a quanto pare, si può trovare, almeno riducendo temporaneamente le tensioni, tuttavia, è perfettamente chiaro che prima o poi inizierà una nuova escalation, visto che gli interessi di Damasco (e, di conseguenza, della parte russa) a questa regione diverge dai piani e dalle intenzioni turche nel modo più drastico. Allo stesso tempo, Ankara trae una lezione piuttosto peculiare dagli eventi siriani e sta compiendo una mossa di ritorsione già in Libia, utilizzando, di fatto, i nostri metodi. Dopo aver stretto un'alleanza con il governo di accordo nazionale a Tripoli, Recep Erdogan interviene apertamente nella guerra civile in corso nel paese, opponendosi all'esercito popolare libico sostenuto da Mosca guidato dal feldmaresciallo Haftar.

La retorica che è stata ascoltata da Ankara per tutto questo tempo sta diventando sempre più anti-russa: il leader locale inizia a parlare con il nostro paese in una lingua che difficilmente può essere definita altro che ultimatum e minaccioso. Allo stesso tempo, tra l'altro, sta “testando la forza” della disponibilità a confrontarsi con i paesi dell'Unione Europea e con i loro stessi oppositori nella NATO, avviando un'espansione per appropriarsi delle risorse della piattaforma mediterranea. Come prevedibile, le cose non vanno oltre le dichiarazioni ad alta voce con "espressioni di preoccupazione" e frasi generali sull '"inammissibilità delle azioni della Turchia". La Russia, tuttavia, a livello ufficiale si limita all'incirca alla stessa retorica. È del tutto naturale che ogni volta che la Turchia non "la prende in mano" dopo un'altra sua iniziativa aggressiva, rafforzi la propria impunità e inizi a diventare ancora più sfacciata. La trasformazione della Basilica di Santa Sofia in una moschea è, ovviamente, "un affare politico interno della Turchia" in cui "nessuno, compresi noi, dovrebbe interferire", come ha detto il vice ministro degli Esteri russo Sergei Vershinin.

Tuttavia, la posizione espressa dalla Chiesa ortodossa russa, dove il trucco di Erdogan è stato definito non solo "una minaccia per l'intera civiltà cristiana", ma anche specificamente "un colpo all'Ortodossia mondiale" sembra essere più vicina alla verità. E non c'è bisogno di cercare consolazione nel fatto che ciò che è accaduto più dolorosamente a Istanbul ha echeggiato nel cuore dei rappresentanti della Grecia, rapporti con i quali i turchi sono oggi tesi al limite. La sfida è stata lanciata principalmente non a questo piccolo paese europeo, ma allo Stato, che rivendica un ruolo centrale e unificante per tutti i credenti ortodossi. Cioè, la Russia. Le dichiarazioni odierne di Erdogan secondo cui ha quasi "ricevuto l'approvazione per le sue azioni personalmente da Putin" e l'invito del nostro leader a visitare il tempio nel suo nuovo status confinano con gli insulti diretti ...

Da Hagia Sophia a Karabakh


Sullo sfondo di tutto ciò, la posizione assunta dalla Turchia sul prossimo conflitto armeno-azero (molto probabilmente, ispirato ad Ankara) sembra una naturale continuazione di tutto ciò che è accaduto prima. La stragrande maggioranza dei rappresentanti turchi di alto rango ha espresso il loro sostegno assoluto e incondizionato a Baku - dal ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu, che ha dichiarato senza mezzi termini che il suo paese "se succede qualcosa" sosterrà la parte azera del conflitto "con tutto ciò a sua disposizione". , pur sottolineando nello specifico che si tratta proprio del supporto delle forze armate alleate, davanti al capo del dipartimento della difesa Hulusi Akar, che ha confermato anche la tesi sulla disponibilità ad "aiutare", che di fatto significa possibilità di militari diretti intervento di Ankara. La Russia, d'altro canto, si è limitata a una dichiarazione estremamente vaga e spiegazzata del ministero degli Esteri, in cui non c'era nulla di concreto - mere "espressioni di preoccupazione" e richieste di routine per un cessate il fuoco immediato.

La reazione è al livello delle dichiarazioni ufficiali sdolcinate dell'Unione europea su questo argomento. L'annunciata riunione urgente dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva, in cui la Russia occupa la posizione di leadership, potrebbe cambiare radicalmente il quadro, ma è stata sia annunciata che annullata. Oppure, non era chiaro per quanto tempo e per quale motivo ... Ciò che è tipico, il 13 luglio, dopo l'inizio di una riacutizzazione nel Caucaso, ha avuto luogo una conversazione telefonica tra Vladimir Putin e Recep Erdogan, che, secondo il servizio stampa del Cremlino che ha riferito su di lui, si è svolto in un'atmosfera di piena calma e quasi "calda e amichevole". Abbiamo parlato di Siria, Libia, Sofia, prospettive turistiche e altre cose importanti. L'iniziatore della conversazione, secondo il rapporto ufficiale, è stato il leader turco.

Si ha l'impressione che tra Ankara e Mosca stia succedendo una partita molto strana, che di recente si è ridotta, appunto, a mettere alla prova la forza della pazienza di quest'ultima. Allo stesso tempo, è piuttosto divertente osservare come alcuni media nazionali, ad esempio, abbiano improvvisamente iniziato a cercare giustificazioni per l'assolutamente inaspettato per molti, l'assoluta assenza di una reazione ufficiale alla stessa erezione della mezzaluna sopra Hagia Sophia. Alcuni sono riusciti ad aggiungere al punto che questo quasi "diventerà un momento unificante per russi e turchi" nella loro "opposizione all'Occidente"! Dio sia il loro giudice ... E puoi filosofare quanto vuoi sul fatto che il colpo più potente è stato inferto all'autorità del Patriarcato di Costantinopoli, che ha recentemente assunto la posizione anti-russa più attiva, e non quello di Mosca, ma resta il fatto.

Di fronte agli occhi del mondo intero, la Turchia ha compiuto un altro passo significativo verso la reincarnazione dell'Impero Ottomano, anche se in una nuova veste, corrispondente alle realtà moderne. Solo i ciechi possono dire che le ambizioni di Recep Erdogan sono focalizzate solo sul "mantenere il proprio potere" e l'agenda politica interna, e tutte le sue iniziative di politica estera non sono altro che "la ricerca della popolarità". Oggi Ankara sta cercando di fare ciò per cui si è preparata e si è battuta per molto tempo: prendere il controllo delle "leve di controllo" del mondo musulmano. Almeno quella parte che professa il ramo sunnita dell'Islam. Non a caso Erdogan trasmette che "il ritorno di Hagia Sophia ai fedeli dovrebbe essere seguito dalla liberazione di al-Aqsa", che, se qualcuno l'ha dimenticato, è a Gerusalemme. Non per niente parla anche del “fuoco che dovrebbe divampare nei cuori dei correligionari repressi e sfruttati”. La Turchia non solo ha intrapreso con fermezza la via del neo-ottomanismo e del pan-turkismo oggi, ma la sta seguendo con passi da gigante. In ogni caso questo percorso non può essere pacifico. E non lo farà.

Quanti lupi non si nutrono


Non dobbiamo dimenticare che il principale nemico geopolitico dell'Impero Ottomano, il suo, per così dire, nemico naturale per secoli è stata la Russia. Ci sono troppi "punti di intersezione" in cui convergono le sfere di interessi vitali dei due paesi, che sono esistiti in tutti i secoli, ma in generale, e oggi si escludono a vicenda. Cercando non solo di coesistere pacificamente, ma di cooperare con la Turchia, i nostri leader sembrano aver dimenticato due cose che hanno determinato la sua strategia di politica estera da tempo immemorabile: il tradimento e la perfidia. Cosa abbiamo ottenuto alla fine da questa dubbia "amicizia", ​​per il bene della quale Ankara è stata prima perdonata per "scherzi innocenti" come sostenere le rivendicazioni ucraine sulla Crimea e fornire armi a Kiev, e ora, di fatto, cose molto più serie farla franca? Il denaro per l'S-400 (una parte significativa del quale è stato ricevuto dal nostro paese come prestito), in cambio della probabilità che questi sistemi di difesa aerea verranno utilizzati contro i nostri aerei o finiranno nelle mani di gli americani (a Washington un simile desiderio è già stato espresso)? Il gasdotto, inattivo per il Blue Stream dal 13 maggio a causa del quasi totale rifiuto della parte turca dal nostro carburante, e che lì possono facilmente tagliare, trasformandolo in un altro strumento di ricatto? La "rottura" di Ankara con gli Stati Uniti, che molto probabilmente non è altro che un altro spettacolo teatrale, un elemento della stessa "grande contrattazione" nello stile di un bazar orientale? Può darsi che la parte turca stia solo cercando di ottenere lo status di "sorvegliante" dagli Stati Uniti in Medio Oriente, ed è ben lungi dal fatto che non lo farà.

Una guerra, soprattutto con un avversario così grave come la Turchia, non è comunque necessaria al nostro Paese. Tuttavia, il problema sta proprio nel fatto che prima o poi Mosca dovrà ridurre molte delle proprie iniziative e progetti di politica estera, e non solo in Medio Oriente, oppure entrare in un conflitto aperto con Ankara. Ma sarà molto brutto se il luogo, il tempo e le condizioni di questo confronto non saranno scelti da noi. Dobbiamo rendere omaggio ai nostri avversari: i loro colpi sono molto calibrati, precisi e sempre più dolorosi. La situazione con lo stesso aggravamento intorno al Nagorno-Karabakh potrebbe rivelarsi un aspetto molto negativo per la Russia. Se Yerevan, che ha richiesto il supporto della CSTO, non lo riceve, questo darà a tutte le forze anti-russe disponibili (e ce ne sono parecchie) a dichiarare la completa impotenza e inutilità di questa organizzazione, e, soprattutto tutto, l'inutilità di un ulteriore corso verso una cooperazione prioritaria con Mosca. Là, vedete, verrà il tempo per una "politica multi-vettore", di cui parla già Pashinyan, che potrebbe essere seguita da una svolta completa verso l'Occidente. E questo è solo un esempio di questo tipo.

È del tutto possibile che, come ho già detto, tutto ciò che accade sia solo un prolungato preludio a una sorta di "multi-mossa", il cui finale dovrebbe essere così inaspettato che è difficile per le persone che non sono disposte a comprendere esso. Tuttavia, se tutto è molto più semplice, e cercando di "domare" il "lupo" turco stagionato, i nostri politici hanno semplicemente dimenticato il detto sulla futilità di nutrire questa bestia, mentre alimentano solo abbastanza le ambizioni di Ankara, non finirà bene. Con la Turchia amichevole e ospitale, potremmo vivere in pace per gli anni a venire. Con la rinascita dell'Impero Ottomano, non saremo in grado in alcun modo.
23 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Kyctyk ardax Офлайн Kyctyk ardax
    Kyctyk ardax (Kyctyk ardax) 16 luglio 2020 11: 08
    -4
    La multi-mossa del Cremlino. Stile judo. La Turchia sarà presto gettata sulle sue spalle.
    1. Meridionale siberiano Офлайн Meridionale siberiano
      Meridionale siberiano (Sergey A) 16 luglio 2020 14: 00
      -4
      Si sdraierà da solo.
    2. Alex più ampio Офлайн Alex più ampio
      Alex più ampio (Alex Widerkehr) 16 luglio 2020 19: 05
      +2
      Ricordi come morirono due soldati per colpa dei turchi? Un paio di mesi e me ne sono dimenticato. E ancora amicizia e riposo in Turchia. Qualche strano gioco del Cremlino.
      1. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
        Syoma_67 (Semyon) 16 luglio 2020 20: 17
        -2
        e in vacanza in Turchia

        - il resto in Turchia non si è fermato, hanno semplicemente volato attraverso Minsk e, per sapere come soffrono i turchi, hanno mostrato un hotel incompiuto e non occupato su tutti i canali.
    3. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 16 luglio 2020 19: 26
      -2
      L'articolo è chiaramente filo-armeno, motivo per cui le opinioni sono unilaterali. Ciò che sta accadendo, di conseguenza, e la risposta a Pashinyan e alla sua natura multi-vettoriale, anche se cerca supporto in questa natura multi-vettore, non è un dato di fatto che aiuterà a liberarsi. La Russia non può permettersi di cambiare le sue relazioni con l'attore regionale Turchia a causa dell'attuale governo armeno piumato dalle intemperie ... Dopo le azioni devastanti degli Stati Uniti con il crollo dell'Iraq e la violazione dell'Iran, la Turchia è rimasta l'unico chiaro leader del regione e musulmani sunniti. È preferibile che la Russia veda la Turchia come il leader dei sunniti, piuttosto che l'Arabia Saudita wahhabita ... Ricordiamo la storia, l'URSS ha avuto rapporti amichevoli con la Turchia negli anni '20 e '30, ma poi la Germania ha nuovamente tirato fuori la Turchia al suo fianco e ha scatenato l'inimicizia con l'URSS. È ora di restituire queste relazioni amichevoli, iniziate da K.Ataturk, il percorso è lungo, ma necessario, ma ci saranno molti ostacoli e irregolarità, sia per la Turchia che per la Russia, ma gradualmente hanno iniziato a essere superati ...
    4. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 16 luglio 2020 21: 13
      +3
      La multi-mossa del Cremlino.

      La cosa principale è non dimenticare alla quinta mossa, dove hai fatto la prima.

      Stile judo.

      Piuttosto, stile sfuggente, ovunque porti la curva, tutto è secondo i piani.

      La Turchia sarà presto gettata sulle sue spalle.

      Non appena Akkuyu viene lanciato, i turchi si getteranno immediatamente sulle scapole.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Kyctyk ardax Офлайн Kyctyk ardax
    Kyctyk ardax (Kyctyk ardax) 16 luglio 2020 11: 44
    -4
    I turchi diventeranno sfacciati.
    Sei anni fa non si faceva menzione della Turchia.
    1. Meridionale siberiano Офлайн Meridionale siberiano
      Meridionale siberiano (Sergey A) 16 luglio 2020 13: 59
      0
      Così hanno deciso di dichiararsi, il Sultano si annoia.
  4. Meridionale siberiano Офлайн Meridionale siberiano
    Meridionale siberiano (Sergey A) 16 luglio 2020 11: 54
    -1
    Esatto, il punto è salire all'inferno. La storia ha insegnato. Puoi solo aspettare che i partner si esauriscano a vicenda, vieni e prendi o aspetta di più, poi li porteranno da soli. Questa è una ritirata tattica in una posizione precedentemente fortificata.
  5. jekasimf Офлайн jekasimf
    jekasimf (jekasimf) 16 luglio 2020 12: 07
    +8
    Sono tormentato da vaghi dubbi che un armeno di etnia armena si nasconda sotto lo pseudonimo di Alexander Neukropny. Mentre vai ai forum specializzati, un gruppo di armeni urla che la Russia DEVE sconfiggere l'Azerbaigian e la Turchia e rinunciare al territorio dell'Armenia. Sami, saaaami ...
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 16 luglio 2020 12: 53
      +9
      La Russia DOVREBBE sconfiggere l'Azerbaigian e la Turchia e cedere i territori all'Armenia. Sami, saaaami ...

      E per vincere Costantinopoli e darla ai Greci? Ce ne sono molti che lo desiderano. risata Bene, capiscono perché un tale sviluppo di eventi è piacevole. Non è del tutto chiaro perché abbiamo così tante persone che vogliono combattere i turchi? Chiedi perché, niente ma - devi metterlo al suo posto - non ascolterai.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 16 luglio 2020 12: 24
    0
    Ah .. Nella vita, armeni e azeri comuni si uccidono a vicenda, ei media cercano tutti un paese nemico.
    E tutto da.
    L'altro giorno, Putin ed Erdogan hanno nuovamente dichiarato: pace, amicizia, gas, pattuglie ...
  7. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 16 luglio 2020 13: 03
    +4
    È cresciuta una nuova generazione di generali con il cervello grasso. Shchass che vogliono, e così sarà.
    Gli azeri sono soldati inutili e generali completamente stupidi. Questo è stato dimostrato nei primi anni '90. Sparano, sparano da tutto, ma non andranno all'attacco. La vita è cara ai soldati che possono combattere per il Nakhichevan e il Karabakh, ei generali sono più cari della gloria.
  8. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 luglio 2020 13: 50
    +4
    Se Yerevan, che ha richiesto il supporto della CSTO, non lo riceve, questo darà origine a tutte le forze anti-russe disponibili lì (e ce ne sono un bel po ') ..

    Se lì, a Yerevan, ce ne sono molti, allora perché aiutarli? Ricordo che gli armeni nell'URSS hanno fatto saltare in aria la metropolitana a Mosca. E se sono così CSTO-shny, allora lascia che chiudano e liquidino il laboratorio biologico militare americano in Armenia.
    Per quanto riguarda Hagia Sophia, il mondo intero ha visto che il Patriarcato di Costantinopoli (Istanbul) non è niente nel mondo ortodosso e il principale leader dell'Ortodossia mondiale è Mosca. Combattere per i greci? - Quindi lascia che la NATO combatta per loro - sono membri della NATO? La Russia ha dato loro la libertà dai turchi e si uniscono costantemente alla coalizione contro la Russia.
  9. Sultan Tayyip Erdogan 1 16 luglio 2020 21: 33
    -2
    Capisco tutto, ma c'è almeno un po 'del concetto di oggettività: perché pensi di poter rivendicare qualcosa, ma la Turchia o qualche altro paese non è consentito ??? Abbiamo un confine di 912 km con la Siria, da lì arriva una minaccia sotto forma di radicali del PKK. Da 9 anni nutriamo più di 3 milioni di siriani e ne siamo grati, non il PKK (o YPG), che in qualsiasi momento può organizzare una provocazione al confine. Accetti i curdi che vogliono il loro paese, e hai anche molti popoli che vorrebbero una repubblica separata, sei d'accordo con queste condizioni? Sono stati invitati in Libia, come te in Siria, il governo ufficiale, tu non sostieni ufficialmente Haftar, ripetendo costantemente "ihtamnet". La situazione con l'Azerbaigian è la stessa che hai con la Serbia. Guarderai se qualcuno attacca la Serbia? Se il Kosovo è stato sottratto alla Serbia e almeno parzialmente riconosciuto, il Nagorno-Karabakh non è affatto riconosciuto, compresa la Russia! E con i turisti per me, in generale, una storia terribile. Forse invece di chiudere le frontiere o vietare i viaggi, devi rendere i tuoi resort migliori di quelli turchi? Chi è d'intralcio ??! Sarai più ricco della Turchia. E infine, dal momento che l'autore di questo articolo sa così tanto e si preoccupa per te, perché allora non è lui a gestire il paese, ma Putin? ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 luglio 2020 21: 36
      +1
      Ogni parte ha la sua verità, e quando c'è ostilità, queste verità saranno solo distorte ... Hai ragione, ma i problemi della Turchia non infastidiscono molti, perché per molto tempo non ci sono stati buoni rapporti con la Russia. Permettetemi di ricordarvi la storia quando negli anni '20 K.Ataturk creò una nuova Turchia, il primo alleato principale era la Russia sovietica, che aiutò in tutto ciò che poteva ... Più tardi, i tedeschi attirarono la Turchia dalla loro parte e scatenarono l'inimicizia verso la Russia , che dura fino ad oggi, quindi è necessaria pazienza e lavoro per pacifiche relazioni di vicinato ... I pericoli nel mondo turbolento di oggi si sono moltiplicati, quindi sono necessarie azioni molto deliberate per evitare che diventiamo di nuovo nemici, per la gioia dei nemici di Turchia e Russia ...
  10. bear040 Офлайн bear040
    bear040 16 luglio 2020 21: 40
    +1
    Finora non vedo una minaccia diretta alla Federazione Russa dalla Turchia, ma vedo qualcosa di completamente diverso. La Turchia, procedendo a grandi passi, si strappò i pantaloni e si alza, luccicante di vergogna. In Libia, la Turchia è osteggiata da Egitto, Arabia Saudita e Francia. La Grecia si è già pronunciata contro la Turchia. In Karabakh, l'Armenia ha già distrutto il generale e il colonnello azeri, da cui si può concludere che gli armeni, almeno, hanno distrutto il quartier generale della divisione azera, o le brigate e gli affari dell'alleata Turchia dell'Azerbaigian non hanno importanza. Se la Turchia continua sulla stessa strada di oggi, sarà la fine della Turchia.
  11. vladimir mudov Офлайн vladimir mudov
    vladimir mudov (Vladimir Mudov) 17 luglio 2020 09: 31
    +2
    Sì! Purtroppo è vero! Putin è indubbiamente codardo, indubbiamente debole! Certo, con tali "qualità" non può essere il "leader" della Russia! Ma cosa è successo è successo! Questo uomo debole, per "volontà del destino" e ubriacone Eltsin, divenne tuttavia prima il presidente, e ora lo "zar" della Russia! Ovviamente Putin non può nemmeno essere messo vicino, ad esempio, a Kadyrov! Questo è davvero un leader che gode davvero della fiducia, almeno, almeno, del popolo ceceno! Questo, con le risorse della Russia, renderebbe la Russia una superpotenza! Putin non renderà la Russia "grande"! Sarebbe bello se la Russia restasse sulla mappa del mondo, non "fatta a pezzi, dal paese" di mezzo "del mondo! Con mio grande dispiacere, quindi. Ripeto," con mio grande dispiacere "! Putin non lo è. dello stesso livello!
    1. Michael1950 Офлайн Michael1950
      Michael1950 (Michael) 21 luglio 2020 16: 01
      -3
      Kadyrov - per la presidenza della Russia ?! Idea interessante! Solo tu, Mudov, dovrai convertirti all'Islam prima di allora! occhiolino risata Sei pronto?!
  12. Anatoly Gritsenko Офлайн Anatoly Gritsenko
    Anatoly Gritsenko (Anatoly Gritsenko) 17 luglio 2020 09: 42
    +2
    Tutto ciò che è affermato qui è pura verità, che avrebbe potuto essere prevista anche dalla gente comune con tutta la meschinità della nostra mente, e non solo dai "GRANDI" strateghi del Cremlino, tutti hanno messo in guardia sul fallimento dell '"amicizia" con i turchi e ora ...... si sta avverando! Inoltre peggiora.
  13. mikhail.rybakov2017 Офлайн mikhail.rybakov2017
    mikhail.rybakov2017 (Mikhail Rybakov) 18 luglio 2020 10: 53
    0
    Sappiamo solo quello che dovremmo sapere e niente di più.
  14. Dormidontych Офлайн Dormidontych
    Dormidontych (Dormidontych Dormidonov) 19 luglio 2020 22: 46
    0
    Ci ritiriamo perché il Paese è debole, l'economia è quasi esclusivamente basata sulle materie prime ed è completamente dipendente dall'Occidente. I prezzi aumentano e le guance dei putinoidi si gonfiano di importanza, e minacce e vanti si precipitano in lontananza ... Ma i prezzi sono crollati - e basta, i turchi fanno quello che vogliono e il Cremlino semplicemente deglutisce tristemente ... Sotto Stalin , Questo non era il caso.
  15. Yuri Strukov Офлайн Yuri Strukov
    Yuri Strukov (Yuri Strukov) 21 luglio 2020 16: 17
    +1
    Per praticare il judo, devi essere un combattente! E a livello del Cremlino ci sono mormorii e una schiena indifesa.