Gli Stati Uniti non hanno metodi di pressione sul Nord Stream 2


Washington continua a ostacolare senza tante cerimonie l'attuazione del progetto di trasporto del gas Nord Stream 2. Il 15 luglio 2020, il capo del Dipartimento di Stato americano, Mike Pompeo, ha minacciato apertamente di imporre sanzioni retroattive contro Shell, Engie, Uniper, Wintershall e OMV, che sono investitori nel progetto.


Pompeo ha detto che Washington intende estendere alla "SP-2" e alla parte del gasdotto "Turkish Stream" diretta ai Balcani, la legge sulla lotta agli avversari statunitensi attraverso le sanzioni (CAATSA). Se la richiesta di Washington non viene soddisfatta, gli americani promettono di bloccare le attività di queste società negli Stati Uniti.

Ciò significa: interrompere immediatamente il lavoro o rischiare di avere conseguenze spiacevoli.

disse Pompeo.

Va notato che nuove dichiarazioni minacciose sono arrivate da Washington in un momento in cui Gazprom ha intensificato gli sforzi per completare il gasdotto. Allo stesso tempo, le suddette società hanno già investito 4,75 miliardi di euro nel progetto.

Ogni società investitrice ha già investito 950 milioni di euro nel progetto, quindi ha fatto i propri investimenti e semplicemente non può soddisfare la richiesta di Pompeo di "smettere di lavorare immediatamente", poiché questo equivale a dare soldi a Gazprom. Il costo totale del progetto è stimato a 9,5 miliardi di euro, i restanti investimenti sono fondi propri di Gazprom.

Gli Stati Uniti non hanno metodi di pressione sul Nord Stream 2, quindi Mike Pompeo ha dovuto rimuovere frettolosamente la clausola sull'uso dell'articolo 232 del CAATSA

- spiegato alla pubblicazione "Kommersant" Managing Partner dell'ufficio di Mosca di Pen & Paper Anton Imennov.

Ha chiarito che Pompeo non ha annunciato nuove sanzioni, ma "vecchie ben dimenticate", che non erano state precedentemente applicate alla "SP-2" e al "Turkish Stream". Ha ricordato che le restrizioni americane si applicano alle società che partecipano a progetti di gas russi per $ 1 milione alla volta, o $ 5 milioni all'anno.

Come appreso dal giornale, le società di investimento erano perplesse dalle informazioni provenienti dagli Stati Uniti. Definiscono la possibile introduzione di sanzioni retroattive un passo senza precedenti. Non capiscono esattamente cosa Washington vuole da loro. In teoria, possono annunciare ufficialmente il loro ritiro dal progetto e chiedere a Gazprom di restituire i soldi. Ma Gazprom manterrà in ogni caso l'opportunità di completare la costruzione dell'SP-2.
  • Foto utilizzate: gazprom.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. bear040 Офлайн bear040
    bear040 16 luglio 2020 20: 43
    +2
    Nazionalizzare TUTTE le proprietà statunitensi nella Federazione Russa, al fine di ripagare i danni alla Federazione Russa causati dalle sanzioni statunitensi e lasciare che Washington si mangi i calzini. Altri saranno scoraggiati ..
    1. Yuri Nemov Офлайн Yuri Nemov
      Yuri Nemov (Yuri Nemov) 17 luglio 2020 11: 00
      0
      Perché i calzini? Gli americani faranno semplicemente lo stesso con la proprietà russa in America, tutto qui. Questa è una mossa senza speranza e non porterà da nessuna parte.
      1. bear040 Офлайн bear040
        bear040 19 luglio 2020 12: 19
        +3
        Proprietà della Federazione Russa negli USA ?! E ce n'è molto? Non molte, ma le dacie private della famiglia Eltsin che stavano rubando, questa non è proprietà della Federazione Russa e non è un problema per la Russia! Ma gli Stati Uniti solo su Sakhalin perderanno molto sensibilmente.