Contratto sulle armi del Pentagono: gli Stati Uniti "batteranno la Russia con la propria arma"


Il Pentagono ha recentemente annunciato una gara d'appalto piuttosto insolita: l'esercito degli Stati Uniti è determinato a trovare produttori e fornitori al fine di acquisire, come affermato nei relativi documenti ufficiali pubblicati sul suo sito web, “armi e munizioni prodotte nell'Unione Sovietica e nei paesi del Patto di Varsavia a lui".


Allo stesso tempo, non stiamo parlando di un acquisto una tantum e tutt'altro che di un classico del complesso militare-industriale domestico come, ad esempio, un fucile d'assalto Kalashnikov. La posta in gioco è un contratto a lungo termine che copre un enorme elenco di prodotti militari. Chi e perché esattamente potrebbe essere necessario negli Stati Uniti? Proviamo a capire le sfumature.

"Questo non è per me ... Questo è per un amico!"


Prima di tutto, va ricordato che questo è ben lungi dal primo tentativo degli americani di iniziare semplicemente a "rivettare" in se stessi campioni di armi sovietiche e russe che non sono state sviluppate, testate e perfezionate da loro. Ricordo che circa tre anni fa, il comando delle Forze per le operazioni speciali dell'esercito degli Stati Uniti fu precipitato con questa idea, cercando intensamente un "produttore nazionale" che potesse organizzare la produzione di un certo numero delle nostre mitragliatrici più popolari e richieste - dal pesante al leggero. Allo stesso tempo, i "padri-comandanti" della MTR hanno sostenuto all'unanimità che non avevano idea di riattrezzare i loro subordinati con mitragliatrici sovietiche - ma erano disperatamente necessari ad alcuni "alleati americani", non è completamente chiaro quale e in quale particolare parte del mondo vivesse. Lo scandalo, ricordo, fu nobile.

Prima di tutto, questa brillante idea, abbastanza prevedibilmente, non ha trovato la minima comprensione nella preoccupazione russa Kalashnikov. Ai vivaci ragazzi statunitensi si sono subito ricordati le strazianti grida sulla "santità e inviolabilità" della proprietà intellettuale, con cui si portano come con la famigerata borsa scritta a mano. E anche che tutti gli sviluppi tecnici degli armaioli sovietici e russi sono protetti in modo affidabile dai documenti corrispondenti nel campo del copyright. E qualcosa che nessuno ricorda che i rappresentanti dell'industria americana hanno acquisito le licenze appropriate per la produzione degli stessi tipi di armi che gli "specialisti" avevano già inteso fornire a qualcuno lì. Inoltre, è sorto immediatamente un forte sospetto che questo stesso "qualcuno" - se non i terroristi dell'ISIS, almeno i combattenti dell '"opposizione" siriana, sostenuti dagli Stati Uniti. L'argomento è stato in qualche modo rimosso impercettibilmente dall'agenda, "decadendo" come se da solo ...

Torneremo sicuramente sulla questione degli "amici" e degli "alleati" degli Stati Uniti, che hanno bisogno esattamente di armi e munizioni sovietiche. Nel frattempo, diamo uno sguardo più da vicino a quali cose specifiche i rappresentanti del Pentagono intendono mettere in onda questa volta. In questo caso, gli appetiti sono molto maggiori: è abbastanza possibile dire che stiamo parlando di un programma di scala e ordine completamente diversi! Quindi, oltre ai buoni vecchi giochi di ruolo e "Kalash" (dove posso farne a meno!), Oltre alle munizioni per loro, il Pentagono aveva improvvisamente bisogno di missili guidati anticarro (ovviamente sviluppo sovietico), e in aggiunta, "altri missili - sia terrestri che e aria ". Inoltre, l'esercito americano sta cercando qualcuno che possa fornire loro la più ampia gamma di colpi di artiglieria e mortai.

E non stiamo parlando solo di munizioni per pistole e obici nella gamma da 60 a 152 millimetri. Sono richieste anche munizioni per cannoni da serbatoio da 125 mm e proiettili per pistole automatiche da 23 mm e 30 mm. Il contratto per la produzione e la fornitura di tutta questa mortale varietà, "sia al territorio degli stessi Stati Uniti che agli indirizzi delle basi militari straniere del Pentagono", che sarà indicato in aggiunta, è previsto per un inizio dal 2022 al 2026. E poi - come va. Le potenziali controparti sono inizialmente avvertite che l'intera gamma di armi e munizioni richieste sarà sottoposta alla più vigile e severa "accettazione da parte dello Stato" da parte dei rappresentanti dell'esercito americano, al fine di evitare tentativi di infiltrazione di qualcosa di inadatto. In una parola, tutto è previsto e concordato. Tranne una "minuscola" domanda: chi esattamente e perché gli americani "si accontenteranno" di una simile raffica di armi "sovietiche" ?!

Nuovi fronti contro la Russia?


A proposito, c'è un altro momento molto intrigante in questa faccenda. I funzionari del Pentagono che hanno preparato la proposta commerciale ei documenti di accompagnamento ammettono con una franchezza assolutamente sorprendente di aver fornito armi di modelli sovietici e russi da molto tempo. Ma il problema è che oggigiorno ci sono molti problemi con questo. "Alcuni paesi europei", iniziando improvvisamente a mostrare disobbedienza a Washington, rifiutano di diventare paesi di transito per carichi simili di dubbia origine e destinatari ancora più dubbi. Inoltre, le "fonti di approvvigionamento" finora attive si sono prosciugate o sono diventate "tossiche". Nel secondo caso, stiamo parlando di paesi "che potrebbero presto essere soggetti alle sanzioni statunitensi". Alcuni degli esperti militari ritengono che in questo caso si parli principalmente della Cina. È questo paese che è stato a lungo uno dei principali produttori mondiali di quelle armi, che avrebbero dovuto essere giustamente etichettate come "made in USSR". E per quanto riguarda la fornitura di tali armi, pagata dagli americani ...

In questa occasione, si può ricordare almeno quale incredibile quantità di prodotti del complesso militare-industriale del Celeste Impero fosse un tempo nelle mani dei dushmans afgani. Per quale parte di questo tipo di carico è stato generosamente calcolato dai fondi segreti della CIA statunitense, si può solo immaginare. Sicuramente, questo per uno molto considerevole. Tuttavia, oggi la Cina si è trasformata in quasi il nemico più giurato di Washington e l'esercito americano è completamente fuori mano a comprare qualsiasi cosa lì. E probabilmente non lo faranno. Per quanto riguarda le "altre fonti", che sembrano essere "esaurite", allora questa è una storia completamente diversa.

Il tema della "dissoluzione" come per magia degli enormi arsenali di armi sovietiche che un tempo appartenevano ai paesi che facevano parte della Direzione Affari Interni, nonché delle ex repubbliche dell'URSS, e la scomparsa di centinaia di migliaia, se non milioni di unità di stoccaggio dai magazzini dell'esercito, è diventato più volte oggetto di numerosi scandali e indagini. Ma queste indagini si sono concluse, di regola, molto male - per coloro che le hanno avviate e svolte. Tuttavia, ci sono ancora alcune cifre che possono essere utilizzate con un alto grado di sicurezza. Darò solo alcuni esempi molto specifici. Quindi, ad oggi, la posizione di circa 1200 carri armati T-72, che un tempo appartenevano agli eserciti di Ungheria, Polonia, Cecoslovacchia e RDT, rimane un completo mistero. Una situazione simile con mille BMP-1, che avevano gli stessi proprietari. Decine di sistemi di difesa aerea Osa e Strela-10 MANPADS, che erano in servizio con polacchi, cechi, bulgari e tedeschi, sono scomparsi nella completa oscurità. Inoltre, un centinaio di ZSU-23-4 "Shilka", ancora una volta, un tempo molto popolari tra i militari dei paesi del Patto di Varsavia, sono sprofondati nel nulla.

L'elenco, si sa, è lungi dall'essere completo, riguarda solo i paesi dell'Europa orientale, senza il cosiddetto "spazio post-sovietico" Inoltre, per ovvie ragioni, non include armi portatili portatili: in genere è impossibile scoprire anche il numero più approssimativo di "bauli" scomparsi senza lasciare traccia. Tuttavia, già sulla base dell'elenco di cui sopra, diventa chiaro perché l'esercito americano aveva improvvisamente bisogno di una montagna di munizioni di calibri molto specifici. Va detto che, secondo seri esperti e ricercatori, le armi sovietiche "si sono diffuse" in tutto il mondo e, soprattutto, i loro "punti caldi" sono così diffusi che forse è più facile nominare i paesi in cui non esistono che elencare gli stati in cui si trovano periodicamente trovato e dichiarato in guerre e conflitti locali.

Tuttavia, non tutti i suoi modelli sono in servizio con formazioni legali e illegali dal Nord al Sud Africa e dal Medio Oriente all'America Latina, o sono già stati distrutti nel corso delle ostilità. Ci sono tutte le ragioni per credere che un numero abbastanza serio di armi e attrezzatura, che in un modo o nell'altro hanno lasciato le unità militari e gli arsenali sia dei paesi ATS che delle ex repubbliche sovietiche, sono semplicemente migrati verso altri magazzini - segreti. Sì, la maggioranza assoluta di loro, per usare un eufemismo, non brilla di novità, e alcuni sono completamente "ushatan" all'estremo grado di usura. Da qui la necessità di stabilire la produzione, ovviamente in base ai campioni a disposizione del cliente. Perché tutto questo? Non molto tempo fa, la rivista americana Forbes, che ha sollevato questo argomento, senza alcun sentimentalismo o riflessione, ha ricordato che per molto tempo armi "aliene" sono state utilizzate da scout, sabotatori e altri assi di una guerra segreta "per rendere il più credibile possibile la negazione delle operazioni segrete". Bene, grazie per la tua franchezza ... Tuttavia, le richieste del Pentagono non sono troppo grandi per cercare di spiegarle solo con piani per condurre certe azioni sovversive segrete contro la Russia? Perché razzi e carri armati in questo caso? I "Cavalieri del mantello e del pugnale" nei carri armati vanno in giro, di regola, solo nei film d'azione di Hollywood della peggiore qualità. Hanno metodi diversi e armi diverse.

Gli stessi giornalisti americani alla fine giungono alla conclusione che le armi dei modelli sovietici e russi, di cui il Pentagono aveva improvvisamente urgentemente e massicciamente bisogno, sono nondimeno destinate, piuttosto, agli "alleati degli Stati Uniti". E se questa idea è corretta (e non c'è altra spiegazione qui, qualunque cosa si possa dire), allora tali intenzioni possono significare solo una cosa: gli Stati Uniti intendono aprire non neppure uno, ma tanti "fronti" contro il nostro Paese, agendo, come al solito, con i propri mercenari. Dove sarà: in Siria, in un'altra parte del Medio Oriente o in alcuni paesi post-sovietici? Washington intende chiaramente utilizzare la propria esperienza afghana o, meglio, più recente, cecena e cercare di trascinare il nostro paese in un lungo e sanguinoso confronto con eventuali "combattenti per la libertà" generosamente armati dagli Stati Uniti. Se qualcuno ha una versione chiara e logica di un tipo diverso, sei libero di esprimerla. Tuttavia, è improbabile che possa esistere, a meno che non si attinga ad alcuni presupposti assolutamente fantastici. Tutti gli indizi indicano che, ben consapevoli del pericolo mortale dello scontro militare diretto con la Russia, gli Stati Uniti intendono ancora provare a picchiarla, ma con le mani sbagliate e le proprie armi.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 17 luglio 2020 13: 54
    -4
    È un incubo!
    Cioè, in precedenza YSA ha semplicemente acquistato le armi lasciate e abbandonate da Unione Sovietica, Cina, Federazione Russa e altre armi. E tutto era perfetto.
    Tutti ne traggono vantaggio e nessuno si chiedeva dove i combattenti in Cecenia abbiano preso le armi più recenti della Federazione Russa e chi dovrebbe essere punito per questo.

    E ora che le vecchie armi si stanno esaurendo, hanno deciso di annunciare una gara d'appalto, in modo che fossero più economiche, di più, e le portassimo noi stessi.
    Marca urgentemente gli USA !!! Ma a proposito dei generali di retroguardia, dei mandatari di magazzino, dei funzionari, no, no ...
  2. Lascia che ordinino in Russia: puoi vendere le scorte in eccesso!
    1. Meridionale siberiano Офлайн Meridionale siberiano
      Meridionale siberiano (Sergey A) 17 luglio 2020 16: 08
      0
      Non sei il nostro Fedka. Ti sconfiggerà. lingua
  3. Meridionale siberiano Офлайн Meridionale siberiano
    Meridionale siberiano (Sergey A) 17 luglio 2020 16: 10
    +2
    Ma ciò che non è chiaro, le cartucce sono lontane da una pozzanghera da trasportare, il gasolio ora è costoso. Quindi forniranno il barmaleev a livello locale.
  4. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 18 luglio 2020 14: 16
    +2
    Gli americani capiscono perfettamente che è più costoso per loro copiare e distribuire armi russo-sovietiche! Ciò comporterà perdite di immagini colossali, inoltre il vaso di Pandora si aprirà! Chi allora proibirà a Russia e Cina, e ad altri paesi, di copiare armi americane! Molto probabilmente, gli americani stanno cercando un paese che accetterebbe di fabbricare queste armi con denaro americano! Ma anche qui ci sono grossi problemi. Dove trovare un paese del genere? In Europa, sicuramente non troveranno un paese del genere. L'UE è rigorosa sulla proprietà intellettuale. Tra le ex repubbliche dell'URSS, solo l'Ucraina può essere d'accordo su questo ... Ma! Qui tutto dipenderà da come si comporterà la Russia. Non considero l'Asia e l'Africa, semplicemente non è realistico lì.
    1. meandr51 Офлайн meandr51
      meandr51 (Andrew) 19 luglio 2020 13: 32
      +2
      Chi dovrebbe copiare le armi americane? Non ha senso copiarlo a causa del suo costo elevato, o è semplicemente peggiore di quello sovietico. Ma la copia sovietica è una cosa carina ...
      1. Polvere Офлайн Polvere
        Polvere (Sergey) 26 luglio 2020 22: 42
        +1
        Oh, quanto ti sbagli! Copiare armi americane è molto redditizio! La produzione in America è molto costosa a causa delle tasse e della manodopera costosa! Un'altra cosa è che gli americani sono zelanti nel vedere che nessuno lo fa!) La Cina è stata a lungo sgombrata! E molte armi sono simili a quelle russe o americane.
  5. Yuri Mikhailovsky Офлайн Yuri Mikhailovsky
    Yuri Mikhailovsky (Yuri Mikhailovsky) 18 luglio 2020 16: 21
    +2
    Ukrov per armarli con armi a loro familiari (venderanno le più recenti americane).
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 luglio 2020 22: 00
      +2
      Qui l'SVR della Federazione Russa dovrebbe dare una risposta, ma ci sono forti fallimenti e silenzio su tutte le questioni ...