"Il grande valzer" di Beria e Stalin: il lato segreto della marcia dei prigionieri a Mosca


Il 17 luglio 1944 ebbe luogo un grandioso evento, incluso nei documenti ufficiali sotto il nome di "scorta di prigionieri di guerra degli invasori fascisti tedeschi a Mosca", registrato nei documenti operativi dell'NKVD come Operazione "Grande Valzer", e nella memoria del popolo rimase "una parata dei vinti".


C'erano, tuttavia, altri nomi molto meno euforici, ma ne riparleremo più avanti. Molti dei più talentuosi giornalisti e scrittori sovietici di quel tempo scrissero articoli di giornale molto dettagliati su questo evento subito dopo la sua conclusione. Anche le poesie sono state scritte ... È catturato in dettaglio nei cinegiornali. Tuttavia, a un esame più attento, risulta che praticamente non conosciamo la vera verità sul "Big Waltz". È ora di aggiustarlo.

Perché i Fritz "valzer" erano necessari?


Cominciamo con la cosa principale: quei motivi che hanno spinto la leadership dell'URSS a un passo così non banale, piuttosto costoso e, allo stesso tempo, in una certa misura rischioso. Senza dubbio ci sarà chi dichiarerà subito: "Stalin in questo modo si è assecondato la propria vanità!" Chi avrebbe dubitato che ci sarà. Ebbene, la risposta è accettata e accreditata, gli inservienti sono già in viaggio ... Chi cerca di spiegare l'intera gamma di eventi della Grande Guerra Patriottica sia con la "tirannia" del Comandante Supremo o con la sua "incompetenza" potrebbe non leggere oltre. Passiamo alla versione principale prevalente nella storiografia ufficiale: il "Grande Valzer" fu necessario all'Unione Sovietica per sottolineare ancora una volta l'entità della schiacciante sconfitta della Wehrmacht, compiuta nell'ambito della brillante Operazione Bagration, iniziata il 23 giugno 1944 e ai tempi di Mosca La "parata dei vinti" era ancora in corso, anche se nella sua fase finale.

Nel corso di questa serie di battaglie su larga scala, che gli storici militari chiamano "le più grandi battaglie di tutti i tempi e di tutti i popoli", il Centro del Gruppo dell'Esercito Tedesco praticamente cessò di esistere: l'Armata Rossa lo lasciò in quello che viene chiamato un luogo umido. I Fritz furono cacciati non solo dal territorio della Bielorussia e degli Stati baltici, ma anche fermamente spinti nella Polonia orientale, trasferendo operazioni militari al di fuori dell'URSS. Le vittime del nemico durante questa battaglia davvero epica furono orribili. La loro vera dimensione è dibattuta fino ad oggi. Molti ricercatori sono propensi a considerare da sottovalutare anche la cifra di 400mila uccisi e oltre 150mila prigionieri nazisti. Solo 21 generali furono fatti prigionieri, che era quasi la metà dei ranghi della Wehrmacht di questo livello, che comandava i suoi corpi e le sue divisioni!

È abbastanza prevedibile che nel campo dei nostri "alleati" la notizia di così sbalorditive vittorie di Mosca, sulle quali, come si suol dire, "strombazzata da ogni ferro" (avendo tutto il diritto di farlo!) Non sia stata percepita in modo univoco. Alcuni media occidentali hanno cominciato ad accusare direttamente il nostro paese di "poscritti", esagerazione del potere e del valore del loro esercito. Questa reazione sembrava particolarmente naturale a causa del fatto che gli inglesi e gli americani che sbarcarono in Normandia all'incirca nello stesso periodo (6 giugno 1944) stavano facendo, per usare un eufemismo, non così bene - e questo nonostante il fatto che le unità più pronte al combattimento La Wehrmacht in questo momento ha cercato disperatamente di fermare l'Armata Rossa sul fronte orientale. Durante le prime settimane della loro "offensiva vittoriosa" i tedeschi riuscirono solo a catturare più di 20mila "liberatori d'Europa" in cattività e decisero ... di scacciarli in disgrazia attraverso Parigi. Quando? Sì, 17 luglio 1944!

Da qui ci appare chiaro che la data del "Grande Valzer", a cui furono invitati i rappresentanti di tutti gli stati dell'Unione Sovietica, non fu scelta a caso. Iosif Vissarionovich voleva "schiacciare" i nostri "alleati" il più spesso possibile? Sì, senza dubbio! E ne aveva assolutamente tutte le ragioni, almeno per il fatto che con l'apertura del "secondo fronte" hanno tirato, come si suol dire, fino all'ultimo. Pensa all'essenza di ciò che sta accadendo - proprio nel momento in cui americani, britannici e canadesi venivano guidati attraverso la capitale della Francia (tra l'altro, inondati di sputi e percosse dei residenti locali, proprio quelli che pochi mesi dopo baceranno quasi le tracce dei carri armati americani), ha dimostrato Stalin ai rappresentanti di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, un flusso senza fine di nazisti sconfitti che vagano sconsolati attraverso la raggiante Mosca. No, genio, davvero, genio!

Ci furono, ovviamente, ancora un paio di momenti. A quel punto, l'Armata Rossa aveva ripulito la terra sovietica dagli occupanti. Tuttavia, il Comandante Supremo era ben consapevole che non era affatto possibile fermarsi a questo: questa guerra doveva finire a Berlino. Piuttosto, sulle sue rovine fumanti, sulle quali deve certamente sventolare una bandiera rossa. Tuttavia, capiva anche un'altra cosa: centinaia e centinaia di migliaia di vite dei nostri soldati e ufficiali sarebbero inevitabilmente diventate il pagamento per la Vittoria, l'ulteriore sforzo estremo di tutte le forze di coloro che lavoravano giorno e notte nelle retrovie. Occorreva ricordare alla gente come l'élite del Terzo Reich prometteva vanagloriosamente di organizzare una parata dei loro delinquenti a Mosca. Ed era il "fantasma" miserabile, pietoso, eppure abbastanza reale, dell'orda che venne ad ucciderci nel 1941, sotto forma di generali nazisti che camminavano per le strade della capitale con tutti i premi e le insegne dei generali nazisti e la parte posteriore del corteo di "superuomini" scalzi in mutande unte. non meglio.

Il nemico è sconfitto, umiliato e giusto castigo! Ma non è stato ancora completamente sconfitto, il che significa che ogni soldato nazista deve essere a terra o in una colonna così vergognosa. E si scopre! Questo è esattamente ciò che, ne sono certo, Stalin voleva dire ai moscoviti, all'intero paese, che soffre nella sofferenza, al mondo intero. C'era un altro sottotesto. I nostri soldati dovevano attaccare in Europa, compresa la Germania. Il numero delle vittime della guerra, il prezzo della Vittoria dipendeva dalla feroce resistenza che avrebbero incontrato lì. I futuri liberatori hanno mostrato a coloro che erano visti come un nemico sconfitto: saremo misericordiosi il più possibile dopo tutte le tue atrocità. La redenzione ti aspetta, ma non la distruzione totale che hai preparato per noi. Questo era un messaggio molto importante: con l'aiuto di esso, Stalin voleva salvare quante più vite possibili, e su entrambi i lati del fronte.

La migliore operazione di Lavrenty Pavlovich?


Dopo i fatti di cui sopra, diventa chiaro perché i ricercatori chiamano più spesso Lavrenty Beria l'autore dell'idea del "Grande Valzer". Anche se è del tutto possibile che la paternità sia duplice: il pensiero potrebbe essere venuto in mente a Iosif Vissarionovich dopo il rapporto del capo dell'NKVD sull'ottenimento di informazioni sullo "spettacolo" preparato dai tedeschi a Parigi. Che queste due date siano strettamente correlate, personalmente non ho dubbi. In generale, dietro il "Grande Valzer" non c'è solo un enorme, ma titanico lavoro svolto dall'intelligence e dal controspionaggio sovietico, dove la parte del leone è chiaramente attribuita al dipartimento di Lavrenty Pavlovich. Dov'è tanta fiducia?

Ebbene, prima di tutto, per il fatto che si trattava proprio di tutto ciò che riguardava i prigionieri di guerra e solo i suoi "specialisti" potevano dare una risposta chiara e inequivocabile alla domanda principale: un'idea veramente geniale non porterà a conseguenze fatali. "Ebbene, che rischio poteva esserci, questi sono prigionieri ?!" - dirà qualcuno. Ebbene, si può solo invidiare la lucidità di coscienza di chi la pensa in questo modo. Permettetemi di ricordarvi che non era nel luglio del 1945, non dopo la nostra completa e definitiva vittoria sul Terzo Reich, ma un anno prima. Né la Wehrmacht, né il partito nazista, né il posseduto Fuhrer, nonostante le sconfitte più dure, erano stati ancora infranti. Avevano intenzione di combattere fino alla fine e, come hanno dimostrato gli eventi successivi, hanno realizzato la loro intenzione. E così, in questo momento, uno dei paesi belligeranti lascia entrare nella propria capitale quasi quattro divisioni di fanteria nemiche! Permettetemi di ricordarvi che la divisione media dell'esercito tedesco contava circa 17mila persone, più di 57 mila e mezzo i prigionieri nazisti furono coinvolti nel "Grande Valzer".

Allo stesso tempo, la norma, che è sempre rigorosamente osservata da tutti, è stata deliberatamente violata: la separazione del grado e della fila dai comandanti, che, anche in cattività, sono in grado di elaborare un piano competente di fuga o ribellione, ispirare i loro subordinati a intraprendere azioni attive e guidarli. Nelle colonne del "corteo dei vinti" non solo Obersts e colonnelli tedeschi hanno marciato per la capitale, ma anche generali! Prigionieri? Non dimentichiamolo - al tempo degli eventi che ricordiamo, una buona metà della "resistenza" europea, e in alcuni paesi - quasi tutta, era costituita da prigionieri di guerra sovietici che riuscirono a fuggire dai campi, e invece per starsene tranquillamente seduti pacificamente, rannicchiati in buchi appartati, che continuavano la lotta armata contro i nazisti come parte di distaccamenti partigiani e gruppi clandestini. Inoltre, la rivolta nel campo di concentramento di Sobibor il 14 ottobre 1943 ha sollevato solo 550 soldati dell'Armata Rossa imprigionati al suo interno! Trecento di loro sono riusciti a liberarsi. Successivamente, nel 1945, i prigionieri del "blocco della morte" di Mauthausen, stremati al limite, si trasformarono in scheletri viventi, prigionieri del "blocco della morte" di Mauthausen sarebbero passati dai muri di mattoni alle torri delle mitragliatrici con saponette e mani nude contorte. Inoltre non ce ne saranno più di mezzo migliaio - e riusciranno a sfondare! Tuttavia, il paragone è indubbiamente errato: qui stiamo parlando del popolo sovietico, principalmente russo, capace di fare il completamente impensabile, e non dei nazisti. Sì, non mi confronto in alcun modo. Sottolineo solo: gli ufficiali dell'NKVD erano obbligati ad essere sicuri al 100% che gli hitleriani riuniti in una massa enorme nel cuore della nostra capitale non si sarebbero sentiti forti e non avrebbero cercato di "sollevarsi". Si può solo immaginare a quale scala è stato impiegato il lavoro di intelligence per studiare l'umore tra i prigionieri. Le persone che sono almeno un po '"nell'argomento" capiranno. Il resto semplicemente non sarà presente. Comunque sia, la cosa principale qui è un risultato brillante. Non si presentò il minimo problema con i nazisti che marciavano su Mosca. Erano completamente sottomessi al destino.

C'era, tuttavia, un altro pericolo: se i normali moscoviti che erano nelle file degli spettatori non avessero controllato le proprie emozioni, il caso avrebbe potuto concludersi con un disgustoso e sanguinoso massacro. Sì, ogni invasore, fatto a pezzi, otterrebbe esattamente ciò che si meritava, ma la reputazione del nostro Paese a livello internazionale sarebbe semplicemente irrimediabilmente rovinata. Non voglio parlare di cosa sarebbe successo se i soldati dell'NKVD che scortavano i nazisti avessero usato la forza bruta, o anche le armi, per proteggerli dalla folla inferocita ... In molti modi, la prevenzione degli eccessi è stata facilitata, tra l'altro, da quanto annunciato alla radio di Mosca sull'imminente la vergognosa processione si è svolta solo alle 7 del mattino del giorno in cui si è svolta. Allo stesso tempo è stato pubblicato un numero del quotidiano Pravda, che ha duplicato il "messaggio informativo del capo della polizia di Mosca" sulla scorta in arrivo. Ha incaricato gli abitanti della capitale di "non consentire trucchi" nei confronti dei prigionieri. Quelli non hanno seguito. Una varietà di testimonianze, abbastanza accessibili per la lettura, sono sopravvissute anche su come i moscoviti, che si sono riuniti in gran numero per le strade per "accogliere calorosamente" i "governanti del mondo" falliti, hanno reagito alla loro apparizione e al movimento lungo Gorky Street e il Garden Ring - dal rapporto personale di Beria indirizzato a Stalin , ai ricordi di una delle marce nelle colonne vergognose: Hans Siemer. Lavrenty Pavlovich non ha resistito ad attribuire al pubblico "grida di rabbia": "Morte a Hitler!", "Morte al fascismo!", Nonché augurio ai nazisti che passavano da loro di "morire". Questo, di sicuro, lo era, ma in quantità molto piccole. Le memorie di Zimer, chiaramente "pietose", non corrispondono troppo alla verità, in cui ricorda con orrore le "grida polifoniche chiaramente provate di" Hitler kaput! "," Sputi di massa "nei prigionieri e, apparentemente a morte, tentativi spaventati" veri ariani "da parte delle donne "Balzare a pugni" ... Mosca, per la maggior parte, incontrò e scacciò gli spiriti maligni nazisti che arrancavano in silenzio per le sue strade. E questo silenzio sembrava ai tedeschi più terribile di qualsiasi grida, perché era davvero grave ...

Qualcosa sull'organizzazione e alcuni dettagli


L'organizzazione del Grand Waltz è stata impeccabile. Prima di tutto, la preparazione è stata effettuata in un'atmosfera di profonda segretezza. Non tutti sapevano della imminente "parata" anche al Cremlino, sede del distretto militare di Mosca e dell'NKVD, ma solo quelli che ne avevano bisogno. Molti attori diretti non hanno compreso appieno il significato delle azioni eseguite, ma hanno lavorato, come sempre, chiaramente, come parti di un orologio. Lavrenty Beria ei suoi subordinati hanno dimostrato ancora una volta che non ci sono sciocchezze per loro. Per le future "colonne della parata", i prigionieri non sono stati reclutati comunque, ma solo dopo un'accurata visita medica: ogni candidato doveva muoversi in modo indipendente, apparire esteriormente sano. Non bastava preoccuparsi dei svenimenti Fritz o che la loro vista suscitasse in qualcuno la solita pietà umana per i poveri e gli storpi! Tale esame medico è stato effettuato due volte: sia nei campi, dove inizialmente erano selezionati i prigionieri, sia nelle stazioni Belorusskaya-Tovarnaya e Begovaya, dove sono stati portati.

>

La qualità della sua esibizione è testimoniata dal fatto che su quasi 57mila “ballerini” del “Grande Valzer” che si è svolto in una calda giornata estiva, solo quattro hanno dovuto ricevere assistenza medica. Nessuno avrebbe torturato i prigionieri: all'arrivo a Mosca gli fu data molta acqua. Tuttavia, "abbastanza" significava solo che puoi bere quanto vuoi, ma non lavarti, raderti o assumere in qualche modo un aspetto militare. Qui - no ... gli "ariani" dovevano apparire davanti a coloro che definivano "subumani" e condannati alla distruzione totale nella loro vera veste - i vinti e infelici. Ma hanno dato da mangiare ai Fritz, come si suol dire, dal cuore! Da tutta l'ospitalità russa: ricco porridge, aggiunta di pane e pancetta. Ed è con questo che successivamente è emersa una grave discrepanza.

In tutto, nessuno escluso, le memorie del "Grande Valzer" appaiono come un dettaglio molto caratteristico delle macchine per l'irrigazione che seguirono il sistema tedesco, inondando i marciapiedi di Mosca con ruscelli d'acqua. In questo, tutti gli autori vedono "un simbolico lavaggio della sporcizia fascista dalla terra sovietica". C'era il simbolismo, lo ammetto. E anche un doppio - se qualcuno ha dimenticato, in Russia il pavimento della casa è stato lavato dopo il defunto da tempo immemorabile ... Tuttavia, c'era anche una vera sporcizia - molti "conquistatori" che hanno divorato scioccamente il grasso molto, per il quale si sono attaccati a noi nel 41, sono stati brutalmente delusi stomaci. Affetti, ovviamente, e tensione nervosa - secondo i ricordi disponibili, quasi tutti i nazisti, avendo saputo di essere a Mosca, erano fermamente convinti che i russi li avessero portati nella capitale per qualche mostruosa esecuzione pubblica di massa. Questa fiducia è stata particolarmente fortemente alimentata dalla consapevolezza che era proprio un tale risultato che, in linea di massima, meritavano. Quindi gli abbeveratoi dopo la marcia, che molti moscoviti hanno subito ribattezzato "marcia vile", erano più che appropriati. Oltre alle grida periodiche dei combattenti di scorta dell'NKVD (nella lingua più pura di Goethe e Schiller, tra l'altro): "Dov'è la vantata cultura del popolo tedesco?" Derisione, diciamo? Penso di no - una meritata vergogna, niente di più.

Per inciso, quel giorno non solo i rappresentanti della Germania furono disonorati. Nelle colonne, come si è scoperto, c'erano immigrati dalla Francia - legionari della Wehrmacht o delle SS, vedendo sul podio il generale francese Ernest Petit, che rappresentava Charles de Gaulle, in uniforme, questi furfanti iniziarono a gridare disperatamente: "Lunga vita alla Francia! Generale, non siamo volontari, siamo stati arruolati con la forza! " e cose simili, sperando apparentemente di guadagnare clemenza in questo modo. In una parola: "Non sono colpevole, è venuto lui stesso ..." Il generale infuriato, pronto ad affondare nel terreno dalla vergogna bruciante, sputò pesantemente su questi "compatrioti" e li chiamò mascalzoni.

Un altro dettaglio ricordato dalla maggior parte dei testimoni oculari del "Grande Valzer" è stato l'assurdo e ridicolo tintinnio di lattine che si ergeva sulle colonne tedesche che si muovevano per Mosca. No, non sono stati imposti loro specificamente come una presa in giro: solo i Fritz usavano le lattine come utensili per mangiare e bere. Tuttavia, passando attraverso le colonne, l'effetto sonoro è stato creato come da una mandria di mucche. Sì, in effetti a quel tempo erano già un branco - quelli che si erano addormentati, che avevano perso la fiducia bellicosa che avevano il diritto di decidere: chi viveva su questa terra e chi no, a brandelli, con la barba lunga, con gli occhi vuoti, e alcuni con sorrisi accattivanti sui loro volti. Alcuni autori moderni riescono a pensare al fatto che i moscoviti tacessero, guardando questo miserabile "esercito", per il fatto che "vedevano in loro gli stessi sofferenti di guerra come erano i loro padri, figli e fratelli" e da qualche parte nel profondo le anime "provavano pietà". Sono sicuro che non ci fosse niente di simile.

Oggi, grazie a Internet, possiamo visionare fotografie documentarie e filmati di questo evento. Diamo uno sguardo ai volti delle persone, di cui ogni secondo ha perso un parente, ucciso al fronte o torturato dagli invasori, è sopravvissuto ai bombardamenti e ai bombardamenti, era pronto a combattere fino alla morte sulle barricate per ogni strada della capitale ... Non c'è pietà, almeno uccidere. Non c'è neppure gongolando assetato di sangue. Anche sui volti dei bambini c'è una sorta di severo distacco, appropriato per coloro che sono presenti nell'esecuzione della massima giustizia. Penso che la freddezza mortale e l'orrore panico attanagliassero i nazisti quel giorno proprio a causa di questa calma gelida, congelata negli occhi delle persone che li guardavano, ognuno dei quali giudicava e pronunciava una sentenza che non era soggetta ad appello ...

Oh sì, quasi dimenticavo. Perché "The Big Waltz"? Questo era il nome del film musicale americano sulla vita di Johann Strauss, molto popolare in URSS dalla fine degli anni '30. Ad esempio, a Joseph Vissarionovich piaceva molto e ha rivisto questa immagine, in cui non c'era guerra, ma solo musica e amore belli, ripetutamente. Forse Beria, proponendo un tale nome in codice, ha deciso, in modo puramente umano, di accontentare il Supremo. Bene, e un accenno agli alleati - come potrebbe essere senza di essa ... La "parata della vergogna" di Mosca è stata, su scala molto più piccola, ripetuta a Kiev un mese dopo - Krusciov, come al solito, si comportava come una scimmia. Nel 1949, l'URSS firmò la Terza Convenzione di Ginevra, che proibiva eventi come "disumani". Ma la successiva "parata vergognosa" nella nostra terra ha avuto luogo - a Donetsk, per le strade da cui il 24 agosto 2014 sono stati condotti i punitori catturati. Tuttavia, questa è una storia completamente diversa.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 18 luglio 2020 21: 58
    +3
    ... i nazisti non si sentiranno forti e non cercheranno di "sollevarsi".

    Quante volte ho visto questi filmati, questa domanda è sempre sorta. Dopo tutto, le guardie erano single e con i fucili. Ho letto l'articolo e tutto si è allineato. Per un articolo del genere, e GRAZIE, non è un peccato!
    1. Boris Arbel (Latukha) Офлайн Boris Arbel (Latukha)
      Boris Arbel (Latukha) 19 luglio 2020 12: 09
      -1
      Abbiamo ricordato SOBIBOR. Quindi questo campo era sorvegliato SOLO da ex soldati dell'Armata Rossa che furono catturati e andarono a fianco dei tedeschi. E i prigionieri erano per lo più ebrei, civili e diverse dozzine di prigionieri dell'Armata Rossa. A capo della rivolta c'era Sasha Pechersky, un ufficiale sovietico, ebreo di nazionalità, prigioniero di guerra. Sono state queste persone a sollevare questa rivolta. In URSS rimasero in silenzio per decenni e se sarebbero rimasti in silenzio ulteriormente. Ma l'Unione Sovietica è crollata e nel 2018-19 nella Federazione Russa hanno ritirato il caso della rivolta di Sobibor, come prova del comportamento polacco. Se la Polonia avesse avuto un atteggiamento diverso, la Federazione Russa non avrebbe ancora saputo di questa rivolta. Perché non parlano della rivolta nel ghetto di Varsavia o a Lakhva. Sette ebrei hanno combattuto a Tashkent e solo i russi hanno combattuto.
      1. Alexey Alekseev_3 Офлайн Alexey Alekseev_3
        Alexey Alekseev_3 (Alexey Alekseev) 21 September 2020 12: 15
        +1
        A proposito, tra i soldati catturati della Wehrmacht e delle SS, catturati dall'Armata Rossa, ci sono 10 ebrei. In URSS rimasero in silenzio per decenni e se sarebbero rimasti in silenzio ulteriormente. Ma l'URSS è crollata. Se l'URSS fosse sopravvissuta, non avremmo ancora saputo di questa vergognosa pagina della storia del popolo eletto. E inoltre non saprebbero che la maggior parte dei villaggi bruciati dai punitori insieme agli abitanti nelle regioni di Pskov e Novgorod sono stati distrutti non prima dagli europei dei moderni "paesi baltici", ea Smolensk e altri occupati dalla Germania - dai superuomini ucraini!
    2. Alexey Alekseev_3 Офлайн Alexey Alekseev_3
      Alexey Alekseev_3 (Alexey Alekseev) 21 September 2020 12: 00
      0
      Quindi i tedeschi sapevano molto bene che la linea del fronte era di 1500 chilometri di territorio con una popolazione che li odiava. Dove stava andando ?!
  2. AlexPAN Офлайн AlexPAN
    AlexPAN 19 luglio 2020 10: 16
    +4
    Personalmente ammiro tutti gli articoli dell'autore. Grazie.
  3. alexey alexeyev Офлайн alexey alexeyev
    alexey alexeyev (alexey alekseev) 20 luglio 2020 20: 33
    +1
    Rispetto per l'autore. Informativo. La prima volta che ho saputo del "valzer" per gli alleati.
  4. Magog Офлайн Magog
    Magog (Gog Magog) 7 August 2020 10: 46
    0
    Le nostre perdite nella guerra da parte dei prigionieri di guerra sono incommensurabilmente grandi: centinaia di migliaia e milioni! E niente - hanno vinto la macchina da guerra nazista ... "57mila prigionieri" hanno messo l'intero gruppo dell'esercito "Centro" in una posizione di completa sconfitta. Quindi chi era meglio preparato per la guerra, noi oi nazisti?
    1. Alexey Alekseev_3 Офлайн Alexey Alekseev_3
      Alexey Alekseev_3 (Alexey Alekseev) 21 September 2020 12: 23
      0
      Miliardi! Miliardi di liberali! Tuttavia, il numero di soldati catturati della Germania e dei suoi alleati è approssimativamente uguale al numero di soldati dell'Armata Rossa catturati. E qui dobbiamo ricordare che sul territorio della Germania, adolescenti e anziani catturati dal Volkssturm sono stati rimandati a casa con un calcio nel culo - non c'era tempo con loro per impegnarsi nei servizi logistici, quando l'esercito avanzava per centinaia di chilometri al giorno e l'esecuzione dei prigionieri non era accettata da noi come al solito misurare! Inoltre, i tedeschi contavano come prigionieri l'intera amministrazione sovietica, fino ai contabili dei Consigli distrettuali e ai contabili collettivi delle fattorie, nonché gli uomini in età militare finiti nel territorio occupato. Quindi la tua adorazione di Hitler non si basa su nulla!
  5. anjelomikel Офлайн anjelomikel
    anjelomikel (Mikel Angelo) 31 August 2020 19: 42
    +2
    Per un articolo del genere, non solo come il brandy deve essere messo, e uno da collezione.
    Molte grazie all'autore. Alla gente stanca delle bugie liberali, articoli di autori onesti come un balsamo, come un sorso d'acqua fresca esaurita dal deserto, uniamo le mani e salviamo la nostra storia.
    1. Alexey Alekseev_3 Офлайн Alexey Alekseev_3
      Alexey Alekseev_3 (Alexey Alekseev) 21 September 2020 12: 04
      0
      Sì, ottimo articolo. Non liberale, senza sputare nel passato, cosa estremamente rara nei media moderni!
  6. lo stemma non è ucraino 26 September 2020 13: 28
    0
    Grazie per l'interessante articolo.