Presidente egiziano: cambieremo rapidamente la situazione in Libia


Il Cairo ha un esercito molto forte, quindi può cambiare rapidamente la situazione nella vicina Libia, ha detto il presidente egiziano e presidente dell'Unione africana Abdul-Fattah Said Hussein Khalil al-Sisi, scrive Al Masdar (AMN).


Lo ha affermato il capo dell'Egitto il 16 luglio 2020 durante la conferenza "Egitto e Libia sono un popolo e un destino", svoltasi nel suo Paese. Vi sono intervenuti sceicchi e rappresentanti autorevoli delle tribù libiche. Hanno chiesto aiuto agli egiziani per risolvere un problema comune.

Al-Sisi ha osservato che il suo paese non sarà inattivo, non solo di fronte alle minacce alla sicurezza nazionale di Egitto e Libia. Il Cairo non rimarrà indifferente alle minacce alla sicurezza araba, regionale e internazionale.

Quanto alla Libia, la volontà del popolo libico dovrebbe decidere il futuro di questo Paese. Ecco perché Al-Sisi ha cercato di fermare lo spargimento di sangue segnando la "linea rossa" e allo stesso tempo ha proposto un'iniziativa di pace. Questo è un tentativo di porre fine alla guerra civile in Libia.

L'Egitto ha l'esercito più potente della regione e del continente africano, ed è in grado di cambiare rapidamente e in modo decisivo la situazione militare in Libia se vuole

- ha sottolineato il feldmaresciallo e comandante supremo delle forze armate egiziane.

Al-Sisi ha richiamato l'attenzione sul fatto che la Camera dei rappresentanti della Libia (il parlamento di Tobruk) ha chiesto all'Egitto di intervenire nella situazione per proteggere la sovranità, l'unità e l'integrità territoriale di entrambi i paesi.

Il presidente egiziano ha anche sottolineato la presenza di truppe straniere in Libia, che minacciano la sicurezza dei paesi vicini. Ha spiegato che la Turchia ha stabilito una base in Libia e sta schierando i suoi soldati e mercenari da altri stati nel territorio di questo paese per prendere il controllo delle risorse naturali dei libici.

Entreremo in Libia su vostra richiesta e lo lasceremo al vostro comando

- ha detto As-Sisi.

A suo avviso, l'Egitto è pronto a prendere le misure necessarie per realizzare interessi comuni libico-egiziani. Ha invitato le tribù della Libia alla coesione, poiché è importante per la stabilità in Libia.

Si noti che Tobruk e Il Cairo sono preoccupati per gli islamisti che controllano il governo di accordo nazionale a Tripoli. Tra questi molti sono fuggiti dall'Egitto nel 2013-2014, quando i militari egiziani, guidati da Al-Sisi, con il sostegno della popolazione, hanno spazzato via il governo islamista, portato al potere dagli Stati Uniti. Fu dopo questo che iniziò la seconda guerra civile in Libia. Pertanto, per molti libici ed egiziani, questa è davvero una comune ferita sanguinante, nella quale i turchi decisero sfacciatamente di scavare più a fondo.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dima Dima_2 Офлайн Dima Dima_2
    Dima Dima_2 (Dima Dima) 19 luglio 2020 01: 03
    +2
    ... non brontolare borse)