Il Giappone intende cambiare l'equilibrio del potere in mare con un missile


Mentre la minaccia di guerra tra la Cina ei suoi vicini incombe sull'Asia, il Giappone sta rapidamente adottando il suo missile anti-nave ASM-3, scrive l'EurAsian Times. Tokyo è vicina a uno scontro quasi inevitabile con Pechino in mare, dove il Celeste Impero è sempre più attivo.


Sviluppato da Mitshubishi Heavy Industry, il supersonico ASM-3 potrebbe cambiare la situazione per il Giappone nel contrastare le navi da guerra cinesi. Questo razzo si sta muovendo verso il suo obiettivo molto più velocemente della velocità del suono, e технология La furtività lo rende estremamente difficile da rilevare. L'ASM-3 trasporta una testata Sea Buster progettata per distruggere grandi navi da guerra di superficie, comprese le portaerei.

In caso di collisione diretta, la Marina giapponese non consentirà ai cinesi di raggiungere l'Oceano Pacifico e ASM-3 li aiuterà a raggiungere questo obiettivo. L'avanzata tecnologia militare vanta un'autonomia di 200 miglia, il doppio delle sue affermazioni originali e viaggerà alla velocità massima di Mach 3, rendendo difficile l'intercettazione.

Mentre il peso della testata rimane segreto, può essere di centinaia di libbre, permettendole di affondare o disabilitare molte navi da guerra con un solo colpo. Gli esperti dell'EurAsian Times lo hanno definito un "missile demolitore di navi" e ritengono che potrebbe diventare uno degli argomenti decisivi in ​​caso di conflitto tra Cina e Giappone.

- approvato nella pubblicazione.

Attualmente, l'unico vettore del razzo ASM-3 è il caccia giapponese F-2. Ma l'ASM-3 è troppo grande per stare nel vano bombe dell'F-35, il caccia di quinta generazione che Tokyo sta attualmente acquistando dagli Stati Uniti.

La rivista Forbes prevede che la compatibilità ASM-3 sarà anche un requisito per il caccia stealth giapponese F-3 lungimirante. Come riportato in precedenza dall'EurAsian Times, citando un editoriale della CNN, un'escalation di controversia tra Cina e Giappone sembra quasi inevitabile. Un battibecco sulla sovranità su un gruppo di territori isolati nel Mar Cinese Orientale, meglio noto come Senkaku, è in fermento da decenni.

Sia il Giappone che la Cina rivendicano storicamente l'arcipelago, che comprende cinque isole disabitate e tre rocce brulle, la cui superficie totale non supera i 5 metri quadrati. km. Tuttavia, l'area che circonda le isole è piena di risorse biologiche e, come ritengono gli esperti, contiene depositi di petrolio e altri minerali, che sia Tokyo che Pechino intendono tenere sotto controllo.
  • Foto utilizzate: Hunini / wikimedia.org
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 20 luglio 2020 08: 52
    +1
    Il Giappone, secondo il diritto internazionale, può avere un'arma del genere?
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 luglio 2020 10: 33
    0
    Durante la seconda guerra mondiale, anche il Giappone aveva molti siluri, e allora?
  3. guerriero Офлайн guerriero
    guerriero 21 luglio 2020 23: 44
    +1
    In modo che Cina e Giappone non discutano e non ci sia GUERRA tra di loro, la Russia prenderà TUTTO per sé ..
    Questa è l'unica soluzione corretta ..