"Clipping the wings of MS-21": La Russia sta aumentando la produzione di compositi per un motivo


La scorsa settimana si è saputo che la struttura di Rosatom UMATEX acquisisce una divisione di Porcher Industries, uno dei leader del settore nella produzione di tessuti tecnici. L'acquisizione di una filiale del colosso francese, insieme a uno stabilimento nella regione di Kaluga, consentirà all'ente statale di aumentare la produzione di compositi di una volta e mezza.


A sua volta, la società russa Anisoprint, specializzata nella creazione di attrezzature per la produzione di compositi, ha collocato la produzione in serie presso gli stabilimenti di TEN fab, che in precedenza si era guadagnata un nome sul mercato europeo.

Entrambi gli eventi indicano che la Russia sta rapidamente aumentando il suo potenziale di produzione di compositi. E questo è di grande importanza per il nostro Paese.

Prima di tutto, un tale approccio amplierà le capacità dell'aviazione nazionale, che ha ampiamente risentito dei tentativi americani di tagliarci le ali. Tuttavia, quest'ultimo ci ha solo dato uno slancio e ha accelerato il processo di sostituzione delle importazioni. In particolare, entro la fine del mese, TsAGI dovrebbe ricevere un'ala composita completamente domestica per il velivolo MC-21 per i test, la cui sezione centrale è anch'essa realizzata esclusivamente con materiali russi.

Si prevede che entro il 2030 il mercato russo dei materiali compositi crescerà di 7 volte e l'aviazione diventerà il suo principale consumatore. In questo caso, non si tratta solo di aerei civili, ma anche di elicotteri, in particolare "Asant", droni e veicoli da combattimento come il Su-57, una parte significativa della cui cellula è composta da materiali compositi.

Inoltre, non dimenticare la costruzione navale. Ad esempio, lo scafo dell'esclusiva nave da difesa contro le mine del Progetto 12700 Alexandrite è interamente realizzato in fibra di vetro monolitica. Pertanto, è più forte del metallo, non si corrode, ha una durata illimitata ed è invulnerabile alle mine magnetiche. Si presume che siano queste navi a costituire la base delle forze di sminamento delle flotte della Marina russa.

È ovvio che il 21 ° secolo ha tutte le possibilità di diventare un "secolo di materiali compositi" che hanno sostituito il metallo e la plastica. Di conseguenza, il nostro paese non può dipendere da fornitori stranieri in questo settore. Quindi la Russia sta riunendo la produzione corrispondente e della tecnologia "Casa".

4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 21 luglio 2020 10: 40
    +1
    Dio non voglia, le sanzioni saranno revocate ... Si dovrebbe fare di più. L'industria ha bisogno di essere ripristinata.
  2. Anchonsha Офлайн Anchonsha
    Anchonsha (Anchonsha) 21 luglio 2020 14: 10
    +2
    Sì, è questo che significa procurarci un pendel dall'Occidente, e non solo. Sì, e la pandemia ha colpito anche il cervello, alcuni hanno improvvisamente iniziato a girare così tanto che hanno persino iniziato a esportare le loro imprese dalla Cina, perché non hanno iniziato a produrre prodotti lì a causa del coronavirus. Continuate così, improvvisamente ho sentito che in Russia si può fare molto e non è molto costoso.
  3. scorpione Офлайн scorpione
    scorpione (Alexander Burylov) 21 luglio 2020 17: 04
    +2
    Magari scrivere una lettera collettiva di cittadini russi al Presidente degli Stati Uniti: tutti i capi delle amministrazioni distrettuali e superiori russi, i giudici cittadini e superiori e così via. - includere nell'elenco delle sanzioni e vietare l'ingresso nei paesi della NATO e dell'UE. Penso che raccoglieremo diversi milionari.
    1. Andrey8485 Офлайн Andrey8485
      Andrey8485 (Andrei) 23 luglio 2020 00: 20
      0
      Sono d'accordo al 100%))