Grain OPEC: perché la Russia è coinvolta in un nuovo cartello


In un futuro molto prossimo, il Cremlino potrebbe avere una nuova "arma". Questi non saranno i "missili di Putin" e nemmeno il gas e il petrolio, ma il grano. In ogni caso, questa è l'opinione degli analisti dell'edizione americana specializzata di The National Interest, che prevedono che entro il 2028 la Russia occuperà un quinto del mercato cerealicolo globale.


In effetti, il nostro paese ha ottenuto molto negli ultimi anni nello sviluppo del suo settore agricolo. È persino riuscito a superare il record sovietico nella raccolta del grano attraverso gli investimenti e l'espansione dei terreni coltivabili. È stato riferito che il governo intende restituire alla circolazione altri 15-20 milioni di ettari. Inoltre, un notevole riscaldamento del clima consentirà presto di introdurre nella circolazione agricola 4,3 milioni di chilometri quadrati di terre siberiane. La struttura delle colture è cambiata a causa di un aumento del volume delle colture invernali in crescita, che producono una resa media di 2-2,5 volte superiore alle colture primaverili. Nuove varietà di grano vengono utilizzate attivamente, adattate alle nostre condizioni climatiche.

La Russia è già il più grande esportatore di cereali al mondo. Quest'anno si prevede di vendere all'estero il suo surplus per un importo di 35-36 milioni di tonnellate. Oggi la quota del nostro Paese è circa il 18% del mercato globale. La National Interest ritiene che la cifra del 20% verrà raggiunta entro il 2028, ma in realtà questa barra può essere conquistata anche prima e risulta essere molto più significativa.

È curioso come questo venga presentato dalla stampa occidentale.

La Russia ha già dimostrato che non sarà una fonte affidabile di approvvigionamento di grano la prossima volta che dovrà affrontare una pandemia o disastri meteorologici.

- Scrivono i giornalisti americani.

In effetti, sullo sfondo di una pandemia e di un clima anormale, Mosca quest'anno ha limitato l'esportazione di grano all'estero. Ciò è stato fatto per proteggere gli interessi dei propri consumatori. Si noti che molti paesi hanno introdotto quote per le esportazioni di prodotti alimentari. Tuttavia, è stata la Russia a essere incolpata di questo. Dove il Cremlino ha attraversato la strada per l'Occidente questa volta?

Se guardi la geografia dei rifornimenti, è impressionante. Tra gli importatori di grano russo ci sono Turchia, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Iran, Israele, Vietnam, Bangladesh, Angola, Filippine, Nigeria, Sudan, Togo, Kenya, Tanzania, Sud Africa, Nigeria. Tra i paesi europei si può notare solo l'Italia, che acquista grano duro. I paesi dell'UE, gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia e l'Argentina non acquistano il nostro grano, poiché sono essi stessi esportatori. Allora in che modo la popolare pubblicazione americana ha visto la "minaccia" del Cremlino, che presumibilmente potrà utilizzare il grano come "arma alimentare" introducendo quote alla sua esportazione?

Se togliamo il "guscio" della propaganda, allora è ovvio che stiamo parlando di una banale lotta commerciale per il mercato delle vendite. La quota della Russia su di esso sta crescendo rapidamente, il che non può che causare timori tra i concorrenti, sia in Occidente che tra i suoi vicini più prossimi. Negli ultimi anni è stata discussa attivamente la possibilità di creare una cosiddetta "OPEC del grano", che terrà conto degli interessi di attori relativamente piccoli. A sostegno di tale iniziativa, tra gli altri, il presidente del Kazakistan, Kassym-Zhomart Tokayev, ha parlato:

Russia e Kazakistan sono tra i primi dieci esportatori mondiali di grano, la nostra quota nelle esportazioni mondiali di grano è del 3%. Come sapete, le decisioni dell'OPEC mirano a contenere i volumi di produzione al fine di ottenere prezzi del petrolio favorevoli. La creazione di una "OPEC del grano" potrebbe rivelarsi un'interessante iniziativa volta a garantire la stabilità del mercato dei cereali e il coordinamento del prezzo politica per il grano.

Molto probabilmente, cercheranno in ogni modo possibile di portare il nostro paese in un determinato quadro di un accordo di cartello. Va anche notato che per aumentare il volume delle esportazioni di cereali, la Russia dovrà risolvere i problemi con la logistica dei trasporti, che ha restrizioni significative, nonché con la dipendenza dai prodotti fitosanitari importati e dalle scorte di semi, di cui parleremo in dettaglio. detto in precedenza.

Se il nostro paese libererà tutto il potenziale del suo settore agricolo, le esportazioni alimentari in futuro potranno iniziare a compensare il calo dei ricavi dell'industria petrolifera e del gas. Lo scorso marzo, una tonnellata di grano è costata più di una tonnellata di petrolio degli Urali.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 21 luglio 2020 12: 37
    -1
    La cospirazione del cartello è considerata un crimine economico ed è sempre stata perseguita nei singoli stati, perché la cospirazione del cartello è utile solo per il venditore, al contrario, è dannosa per gli acquirenti. Una cospirazione del cartello viene creata su base volontaria dai partecipanti. L'autore non comprende le verità elementari? Nessun pericolo per i partecipanti, in qualsiasi momento puoi uscire dalla cospirazione ...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 21 luglio 2020 14: 55
      0
      Citazione: Vladimir Tuzakov
      Una cospirazione del cartello viene creata su base volontaria dai partecipanti. L'autore non comprende le verità elementari? Nessun pericolo per i partecipanti, in qualsiasi momento puoi uscire dalla cospirazione ...

      Ti ricordi cosa si è rivelata la guerra del petrolio sui termini dell'accordo OPEC +? Anche lì, a quanto pare, tutto viene fatto volontariamente.
      1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 21 luglio 2020 17: 12
        -1
        Ancora una volta, una bugia, e che modo di mentire in faccia (oi goy dovrebbero mentire in faccia) ... Sono stati i nostri manager di successo che hanno interrotto le trattative e se ne sono andati, sbattendo la porta ... Poi i sauditi hanno apprezzato lo sbattere di porte ...
        1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
          Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 21 luglio 2020 17: 49
          -2
          E siamo andati a cercare soldi per pagare le prestazioni sociali ...
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 21 luglio 2020 12: 48
    +2
    La cospirazione del cartello è un crimine per la gente comune.
    E per gli stati e l'élite - proprio la cosa. I cittadini comuni devono pagare l'élite. Per gas, petrolio, benzina, acciaio, acqua, diamanti o grano.
    I soldi non odorano.
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 21 luglio 2020 13: 12
    0
    Grain OPEC: perché la Russia è coinvolta in un nuovo cartello

    Sì, questo non è un "Grain OPEC"; e questo è un vero e proprio nuovo "Grain WTO" ... o in altre parole ... - un nuovo "Grain Yoke" per la Russia ...
    - E perché il presidente del Kazakistan sta ficcando il naso qui ... - Ovviamente. La Cina ha dato il compito al Kazakistan in "termini fraterni" di organizzare una fornitura collettiva di grano russo (il Kazakistan sta già fornendo grano alla Cina con forza e potenza) ... - E se la Russia aumenta improvvisamente le forniture di grano alla Cina, potrebbe cadere sotto Dazi cinesi draconiani - 82% del costo di una tonnellata ... - Oggi, la Cina sta già sottrando tali dazi dal Kazakistan con 2/3 del grano fornito dal Kazakistan ... - Bene, e la Russia ... come sempre, è pronta per la Cina a fare e fornire tutto per niente ... - non ci sono commenti ...
  4. lavoratore dell'acciaio 21 luglio 2020 14: 04
    +3
    Sono persino riusciti a superare il record sovietico nella raccolta del grano.

    Durante il periodo sovietico, il pane nelle mense era gratuito. In generale, il cibo era molto economico. E ora è il contrario. Più produciamo qualcosa, più alti sono i prezzi sul mercato interno. C'è un accordo di cartello, no, solo il numero di miliardari in Russia aumenterà, specialmente nell'entourage di Putin!
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 21 luglio 2020 17: 47
      -1
      Qualcosa che il pane senza ukrov non ha impedito di scappare ... ho pane gratis nella caffetteria della fabbrica, proprio come il primo, il secondo e la composta ...
  5. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 21 luglio 2020 17: 45
    -1
    Hai ancora bisogno di vivere 8 anni ... o forse non un quinto, ma l'unico. Gli ucraini non hanno più tempo per il grano e gli Stati Uniti sono sempre più sulle sue corna ... non sai cosa sarà domani ...
  6. bear040 Офлайн bear040
    bear040 22 luglio 2020 20: 21
    +5
    Tenendo conto del fatto che vengono introdotte sempre più sanzioni contro la Federazione Russa, non è redditizio e anzi dannoso per la Federazione Russa limitarsi ad eventuali accordi con i paesi NATO, Bandera e Basmachi!
  7. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 22 luglio 2020 23: 59
    +2
    Abbiamo urgente bisogno di ripristinare la nostra selezione e produzione di semi (e non solo il grano, e non solo nella produzione agricola, abbiamo bisogno dei nostri polli / vitelli, ecc.). Altrimenti saremo messi al guinzaglio corto anche senza il grano OPEC, non solo per l'export, non ci nutriremo.
  8. sasha197220 Офлайн sasha197220
    sasha197220 (sasha shevtchenko) 23 luglio 2020 06: 50
    -4
    La Russia ha ancora bisogno di sopravvivere per cominciare, perché dopo il tradimento dell'Ucraina, non è rimasto molto tempo! A settembre, devi pagare 50 miliardi per Yukos, poi 100 per la Crimea e così via! E tu cosa ne pensi, tradirai e sperperai i territori per 40 anni e continuerai a rispettarti e temerti?
  9. Sergey Shreiner Офлайн Sergey Shreiner
    Sergey Shreiner (Sergey Shreiner) 29 March 2021 13: 07
    +1
    Accademico dell'Accademia delle scienze russa dopo la perestrojka, ha studiato l'esperienza della svolta economica cinese. Il governo cinese ha permesso ad agricoltori e pescatori di svilupparsi abbandonando i prezzi. All'inizio i prezzi sono aumentati, ma è iniziata la concorrenza e i prezzi sono tornati. Il problema del cibo è stato risolto. Questo fu l'inizio del "miracolo economico cinese".
    Il nostro governo ha introdotto dazi protettivi sui prodotti agricoli a causa della STUPIDITÀ. Nella struttura dei prezzi, i produttori e le catene hanno un margine maggiore. La redditività "sufficiente" (secondo i funzionari) per i produttori agricoli non tiene conto della siccità, delle perdite di raccolto e della necessità di aggiornare le attrezzature. Questo passo "intelligente" non deve essere identificato con la Russia, alcuni funzionari incompetenti al potere hanno causato danni colossali all'agricoltura. Forse per il bene dei singoli processori ad essi associati. E la stampa occidentale scrive correttamente in questo caso: la nostra credibilità di fornitori affidabili è stata minata. Stiamo perdendo i mercati conquistati. E il nostro contadino è diventato l'ultimo, e non le reti commerciali registrate in offshore.