Distruzione di una centrale nucleare in risposta allo sciopero su una centrale idroelettrica: il conflitto tra Baku e Yerevan minaccia la regione di catastrofe


La situazione al confine tra Armenia e Azerbaigian continua ad essere tesa. La possibilità di un intervento della Turchia nel conflitto dalla parte di Baku ha alzato nettamente la posta in gioco. Quindi Yerevan aspetterà che la Russia si unisca come alleata alla CSTO, poiché difficilmente sarà possibile attendere un aiuto reale dalla Bielorussia o dal Kirghizistan in questa materia. Questo porterà alla formazione di un "terzo fronte" tra Ankara e Mosca?


Sullo sfondo dello scontro armato, siamo nei dettagli detto prima. Questi non sono solo echi del conflitto di lunga data del Nagorno-Karabakh, tutto è molto più grave. Socialeeconomico la situazione odierna in Armenia e Azerbaigian è tale che oggettivamente c'è una richiesta di aggravamento tra i due paesi. Formalmente, sia Baku che Yerevan sono contrarie all'escalation, ma l'opinione pubblica è agitata e chiede vendetta. È possibile che con la mediazione tradizionale la Russia possa ancora prendere il controllo, ma il grosso problema è il fattore esterno della Turchia.

Il presidente Erdogan promuove attivamente e costantemente l'idea di unire l'intero mondo turco intorno ad Ankara. Là, a livello ufficiale, gli azeri sono chiamati un popolo con i turchi, diviso in due stati. Il ministero della Difesa turco ha annunciato la sua disponibilità a sostenere Baku nella guerra contro Yerevan. Vale la pena ricordare il vecchio conflitto con l'Armenia e le accuse di genocidio contro il popolo armeno, nonché lo scontro tra il Cremlino e Ankara in Siria e Libia. Ora tutto è stato portato a un livello molto più alto della semplice questione della proprietà e dello status del Nagorno-Karabakh.

Le forze delle parti opposte sono più o meno paragonabili in termini di numero di carri armati, artiglieria e veicoli corazzati. L'Armenia è armata con moderne armi di fabbricazione russa e una brigata di fucilieri motorizzati è di stanza a Gyumri, in cui servono principalmente armeni etnici con cittadinanza russa. L'Azerbaigian, grazie ai proventi del petrolio e del gas nei suoi "anni grassi", ha acquistato armi non solo dalla Russia, ma anche in Israele, Turchia, Corea del Sud e altri paesi. Istruttori militari turchi e israeliani stanno addestrando la loro applicazione a Baku. Ankara ha dichiarato di essere pronta a fornire all'Azerbaigian i suoi UAV d'attacco, che si sono mostrati abbastanza bene in Siria e Libia.

Un'escalation del conflitto con la transizione alle ostilità su vasta scala è estremamente pericolosa. Iskander-E OTRK, che possiede l'Armenia, è in grado di finire a Baku, distruggendo l'infrastruttura di produzione di petrolio del nemico e un oggetto strategicamente importante: la diga della centrale idroelettrica di Mingechevir sul Kura. Ma in risposta, l'Azerbaigian può utilizzare missili LORA di fabbricazione israeliana con una gittata di 400 km e missili bielorussi "Polonaise" con una gittata di 300 km presso la centrale nucleare armena, situata a 34 chilometri da Yerevan. Cioè, c'è il rischio di un incidente nucleare e di contaminazione da radiazioni nella regione transcaucasica. Si scopre che la Russia dovrà semplicemente intervenire per escludere la possibilità di una catastrofe nucleare.

La situazione potrebbe peggiorare ancora di più se la Turchia fornisse assistenza non solo fornendo UAV shock e altre armi, ma anche introducendo il suo esercito nell'enclave di Nakhichevan. Riuscirà una brigata di appaltatori russi a impedire agli azeri e ai turchi di recarsi a Yerevan? Allora potrebbe sorgere la domanda anche sull'uso di armi nucleari tattiche da parte di Mosca per "l'escalation ai fini della de-escalation".

Facciamo subito una riserva che lo scenario sopra descritto è considerato improbabile, ma va anche preso in considerazione.

L'escalation del conflitto da parte della Turchia attraverso il formato della "guerra per procura" è molto più probabile. L'agenzia di stampa curda Firat ha riferito che, secondo esso, Ankara avrebbe iniziato a reclutare militanti del cosiddetto Esercito libero siriano per trasportarli in Azerbaigian. Il costo del contratto per ogni delinquente è di 3,5 mila dollari al mese. Sì, i curdi difficilmente possono essere definiti un partito imparziale, ma nel complesso questa informazione si adatta bene alla logica delle azioni della Turchia in Siria e Libia.

L'emergere di combattenti jihadisti può destabilizzare drammaticamente la situazione al confine con l'Armenia. Non volendo rovinare le relazioni ufficiali con Baku e Ankara, il Cremlino può anche rispondere indirettamente inviando combattenti di un noto PMC per aiutare Yerevan.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 23 luglio 2020 13: 40
    +1
    È possibile assumere qualsiasi opzione. E a seconda di questi o quegli input, ognuno di loro può suonare. Compreso analizzato nella pubblicazione. O forse non per giocare. Non è un caso che l'autore abbia ragionevolmente classificato come improbabile la sua versione dello sviluppo degli eventi. Per quanto mi riguarda, il "fattore caucasico" gioca un ruolo significativo - prima di tutto, la mentalità. Ed è abbastanza simile per armeni e azeri. La cosa principale qui è non perdere la faccia davanti ai connazionali. Grideranno, gonfieranno le guance, andranno a provocazioni reciproche, ma locali al confine. Qualcosa del tipo: "Stringimi, lo ammazzo adesso !!!!" Ma molto probabilmente non andrà oltre. Facciamo rumore, fratelli, facciamo rumore. Questo è ciò che, sottolineo, vedo soggettivamente.