Bloomberg: Come la Russia sta guadagnando terreno sullo scioglimento del permafrost


Appena a sud della tundra artica, nelle vaste pianure che coprono gran parte della Russia settentrionale, il business della soia sta guadagnando slancio. Bloomberg racconta come la Federazione Russa sfrutta le opportunità che si aprono quando il permafrost si scioglie.


Le piantagioni di soia sono il risultato di anni di aumento delle temperature globali, scongelamento del permafrost e trasformazione della terra in terreno fertile. I semi di soia in Russia riflettono una tendenza globale: grazie al clima caldo, tali colture possono ora essere piantate a latitudini così elevate come mai prima d'ora. Negli Stati Uniti, il Dakota del Nord è emerso come uno dei principali produttori di mais e il Regno Unito sta assistendo a una rapida crescita della produzione di uva.

In Russia, gli agricoltori hanno approfittato dell'opportunità di coltivare semi di soia ad alto rendimento. I semi oleosi vengono trasformati in mangimi per il bestiame e la loro domanda è cresciuta notevolmente sullo sfondo di un boom dello sviluppo del bestiame. Circa 1 milione di tonnellate di semi di soia vengono ancora importati nella Federazione Russa e ora la natura offre agli agricoltori russi opportunità molto favorevoli per la sostituzione delle importazioni.

Nel 2019, le piantagioni di soia hanno occupato circa 1,1 milioni di ettari di territorio nella parte centrale della Russia, 18 volte di più rispetto all'ultimo decennio: si tratta di circa il 7% del terreno coltivabile totale in questa parte della Federazione Russa.

La Russia ha bisogno di più semi di soia, e con economico punto di vista, è meglio coltivarli a livello nazionale

- ha osservato Sergey Zelentsov, capo del dipartimento di soia presso l'Istituto di ricerca russo sui semi oleosi "Pustovoit".

Secondo Margarita Fadeeva, coltivatrice di semi di soia presso il Chuvash Agricultural Research Institute, le varietà più recenti di semi di soia del nord possono crescere a lungo a una temperatura di oltre 10 gradi Celsius. Alle latitudini settentrionali hanno bisogno di circa 100 giorni di tempo favorevole per la maturazione.

Secondo il governo russo, i raccolti sono raddoppiati negli ultimi dieci anni e la produzione è quasi quadruplicata. Secondo Sergei Zelentsov, l'espansione delle piantagioni di soia nelle regioni settentrionali potrebbe continuare ed è pronto a condurre ricerche più audaci in questo settore. Il suo istituto ha collaborato con scienziati siberiani per sviluppare una varietà di fagioli in grado di germinare sotto il terriccio in un permafrost di due metri.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 24 luglio 2020 14: 55
    +3
    Negli Stati Uniti, il North Dakota è emerso come uno dei principali produttori di mais e il Regno Unito sta assistendo a una rapida crescita della produzione di uva.

    E i russi stanno incassando il riscaldamento? Analisi cristalline e non un briciolo di propaganda. triste Solo imparzialità e obiettività stessa. risata
    È interessante notare che gli allevatori di Chuvash sono consapevoli di avere il permafrost? In qualche modo non l'ho vista lì. richiesta
  2. Yuri 17 Офлайн Yuri 17
    Yuri 17 (Yury) 24 luglio 2020 22: 37
    0
    Puoi anche coltivare funghi sul ghiaccio dell'Artico.
  3. E piantate mais, miei cari compagni, piantate mais nell'Artico!