Il piano della Germania di fornire gas naturale liquefatto è vanificato


I piani di Berlino di fornire gas naturale liquefatto dal Nord America vengono vanificati. L'implementazione del progetto Goldboro LNG in Nuova Scozia (Canada), in base al quale il governo tedesco ha concesso una garanzia di prestito di 4,5 miliardi di dollari, si è nuovamente arrestata.


La società energetica canadese Pieridae Energy, che gestisce Goldboro LNG, ha pianificato una decisione finale di investimento (FID) per il progetto da 30 miliardi di dollari entro il 2020 settembre 10. I canadesi hanno un accordo di 20 anni con la tedesca Uniper per l'acquisto GNL. Tuttavia, nella primavera del 2020, Pieridae Energy, a causa della pandemia COVID-19 e del calo dei prezzi del gas, ha rinviato l'adozione del FID al 30 giugno 2021 e ha convinto i partner tedeschi della correttezza di questa misura.

Questa volta, i canadesi hanno informato i tedeschi che la società di ingegneria Kellogg Brown & Root aveva violato i suoi obblighi e si era rifiutata di costruire l'impianto di Goldboro LNG su base chiavi in ​​mano alle stesse condizioni. L'appaltatore desidera modificare i termini del contratto. Pieridae Energy sta ora esplorando le opzioni per uscire da questa situazione, dall'andare in tribunale alla negoziazione con altri appaltatori. Tuttavia, tutto ciò può ritardare l'attuazione del progetto.

L'impianto di Goldboro LNG dovrebbe produrre 9,6 milioni di tonnellate di GNL all'anno (circa 14 miliardi di metri cubi di gas) da materie prime americane, che saranno fornite all'impresa tramite un gasdotto. Allo stesso tempo, Uniper (partner di Gazprom in Nord Stream 2) è pronta ad acquistare il 50% del GNL prodotto nell'arco di due decenni, per il quale ha ricevuto la suddetta garanzia sul prestito da Berlino.
  • Foto usate: kees torn / flickr.com /
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.