MEI: Mosca ha carte più forti in Transcaucasia rispetto ai turchi


di partenza politico Le posizioni di Mosca e Ankara nel nuovo conflitto tra Armenia e Azerbaigian vengono analizzate in un nuovo articolo analitico sul sito web del Middle East Institute di Washington.


La revisione rileva che lo scontro di luglio tra gli eserciti delle repubbliche transcaucasiche è avvenuto lontano dal territorio conteso del Nagorno-Karabakh, ma in prossimità della Georgia e dello strategico oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, del gasdotto del Caucaso meridionale e della ferrovia Baku-Tbilisi-Kars.

Pertanto, non sorprende che la Turchia abbia reagito immediatamente ed estremamente duramente, condannando le azioni dell'Armenia. Quasi tutti i partiti parlamentari di Ankara, ad eccezione del Partito democratico popolare filo-curdo, si sono opposti a Yerevan. Il ministro della Difesa turco e il ministro degli Esteri hanno rilasciato dichiarazioni simili.

Tuttavia, l'attacco più potente è stato compiuto dal presidente Recep Erdogan, il quale ha sottolineato che lo scontro è avvenuto lontano dalla linea di contatto in Nagorno-Karabakh, ed era per colpa dell'Armenia. Il capo dello stato ha accennato al fatto che un tale passo potrebbe essere vantaggioso per alcune forze esterne.

Gli esperti dell'Istituto del Medio Oriente notano nello studio che questa era un'allusione sottilmente velata alla Russia. A questo proposito, sorge la domanda, Mosca e Ankara sono pronte ad estendere il loro confronto intorno alla Libia e alla Siria fino al Transcaucaso? Ma questo è improbabile per una serie di ragioni.

L'articolo rileva che Mosca ha in mano carte più forti di quelle in mano al suo rivale.

In particolare, la Federazione Russa e l'Armenia si trovano nel quadro di un'alleanza militare ufficiale: la CSTO. La Russia mantiene una base militare sul territorio del suo alleato transcaucasico, che è stato notevolmente modernizzato dopo la distruzione del Su-24 da parte dei turchi. Sono state istituite pattuglie di frontiera congiunte.

Allo stesso tempo, nonostante gli stretti legami con l'Armenia, Mosca riesce ad agire come un arbitro imparziale. Le opinioni del Cremlino sul Nagorno-Karabakh differiscono in modo significativo dalla posizione che assume su altri conflitti congelati.

Mosca teme che il sostegno aperto all'Armenia non solo metta a repentaglio le calde relazioni della Russia con l'Azerbaigian, ma spingerà anche Baku a cercare aiuto in Occidente.

- dice la recensione.

Invece, la Russia vuole rimanere un partner insostituibile per ciascuna parte. La dipendenza dell'Armenia dalla Russia, allo stesso tempo, è evidente anche per un leader come il primo ministro Nikol Pashinyan, portato al potere dalla rivoluzione, contro il quale si oppone il Cremlino.

Allo stesso tempo, le autorità turche, che sono diventate ostaggi del loro nazionalismo, apparentemente non sono pronte a opporsi direttamente alla Federazione russa. Anche se, in un modo o nell'altro, la Turchia dovrà sostenere l'Azerbaigian in caso di escalation.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Repubblica di Armenia
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Raccoglitore Online Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 1 August 2020 15: 28
    +1
    Il titolo della pubblicazione non corrisponde al contenuto. Non è chiaro dal testo esattamente quali vantaggi abbia la Russia sulla Turchia nel conflitto armeno-azero. Piuttosto, è vero il contrario: il 100% degli azeri ha sentimenti amichevoli nei confronti della Turchia come stato fraterno, perché in realtà è un popolo. La principale differenza di religione: gli azeri sono sciiti ei turchi sono sunniti. Allo stesso tempo, l'atteggiamento degli armeni nei confronti della Russia e dei russi è, delicatamente parlando, ambiguo. La presenza di una base russa sul territorio dell'Armenia non garantisce affatto questo Paese dall'intervento dell'esercito turco durante le ostilità dalla parte dell'Azerbaigian.
    1. Il commento è stato cancellato
    2. Il commento è stato cancellato
    3. Il commento è stato cancellato
    4. KARAKURT21 Офлайн KARAKURT21
      KARAKURT21 (KARAKURT21) 12 August 2020 13: 59
      0
      Tutto è chiaro e va al punto. Non c'è niente da aggiungere. Molti in questo argomento sono completamente disinformati.