Filippine interessate alla centrale nucleare russa galleggiante


Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha ordinato uno studio sulla possibilità di utilizzare le centrali nucleari del paese per generare elettricità, scrive INQUIRER.net. Allo stesso tempo, lo stato asiatico potrebbe essere interessato alle corrispondenti tecnologie russe.


Alla vigilia di un decreto speciale, è stato creato un Comitato interdipartimentale, incaricato di "rivedere il quadro giuridico esistente, studiare le prospettive per l'energia nucleare, le possibilità del suo utilizzo, nonché gli impianti esistenti, tra cui, tra le altre cose, la centrale nucleare di Bataan". Il comitato deve presentare una relazione entro sei mesi.

La centrale nucleare di Bataan da 2 miliardi di dollari è la prima e unica centrale nucleare del paese. Fu costruito durante il regno del dittatore Ferdinand Marcos, ma non entrò mai in funzione a causa di problemi di sicurezza e innumerevoli scandali di corruzione.

Il rapporto rileva che il ministro dell'energia filippino ha recentemente firmato un memorandum con la società statale russa Rusatom Overseas per esplorare la possibilità di acquistare un nuovo della tecnologia centrale nucleare galleggiante. Un memorandum su questo è stato firmato durante la visita di Duterte a Mosca nell'ottobre dello scorso anno.

Ma in seguito il capo dello stato ha ammesso che un simile accordo non poteva essere riconosciuto come incompatibile con la legge. Tuttavia, la Costituzione non vieta l'uso pacifico dell'energia nucleare, ma solo non consente il dispiegamento di armi nucleari nelle Filippine.
  • Fotografie usate: Rosatom
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.