La NATO cerca di fermare una fittizia "ondata di sottomarini russi" nell'Atlantico


Dal 29 giugno al 10 luglio 2020, le marine NATO combinate hanno condotto per l'ottava volta l'esercitazione Dynamic Mongoose nel Nord Atlantico. Cinque navi, lo stesso numero di sottomarini e aerei da pattuglia provenienti da Germania, Francia, Canada, Norvegia, Stati Uniti e Gran Bretagna hanno cercato di fermare la fittizia "ondata di sottomarini russi", scrive Business Insider.


BI osserva che lo svolgimento di tali esercizi da parte dell'Alleanza è condizionato dalla "grande competizione di potere" con Mosca e Pechino. Le flotte di sottomarini russa e cinese stanno diventando sempre più efficaci, quindi hanno iniziato a prestare molta attenzione alla lotta contro i sottomarini di un potenziale nemico, assegnando più tempo e risorse per questo. L'Islanda era l'ospite.

Le navi di superficie si alternarono a caccia di sottomarini e sfuggirono al loro inseguimento e agli attacchi. I sottomarini usavano attivamente le profondità, la topografia del fondale, la temperatura dell'acqua e la salinità, nascondendosi dalle navi o preparandosi per un attacco. Gli aerei francesi e americani volavano dall'Islanda e gli aerei britannici dalla Scozia. Sono stati utilizzati anche elicotteri di coperta.

I comandanti del cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke USS Roosevelt (DDG-80) Ryan Kendall e il sottomarino nucleare multiuso USS Indiana (SSN-789) di classe Virginia David Grogan erano entusiasti delle manovre. Sono rimasti sbalorditi dall'interazione raggiunta.

L'obiettivo più importante di questi esercizi è la lotta contro i sottomarini. Stiamo infatti parlando della ricerca di sottomarini russi che lasciano le loro basi nella penisola di Kola.

- ha spiegato il ricercatore senior presso l'Hudson Institute Brian Clark.

L'esperto ha ricordato che durante la Guerra Fredda, il confine faro-islandese ha svolto il ruolo di un collo di bottiglia attraverso il quale i sottomarini sovietici hanno cercato di sfondare. Se riuscivano a sfondare, le comunicazioni tra il Nord America e l'Europa erano minacciate. Questa situazione non è cambiata fino ad oggi in relazione al sottomarino nucleare russo.

Clarke, a differenza dei militari, non era entusiasta dell'esercizio. Ha richiamato l'attenzione su squilibri e problemi. A suo avviso, la partecipazione di cinque sottomarini NATO non era sufficiente.

L'esperto ha sottolineato che nell'ottobre 2019 la Russia ha inviato contemporaneamente 10 dei suoi sottomarini nucleari nel Nord Atlantico. Questi sottomarini erano molto difficili da rintracciare, perché la NATO non ha ancora forze e mezzi sufficienti per contrastare.
  • Fotografie usate: http://mil.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 2 August 2020 13: 02
    0
    È ora di andare nelle direzioni meridionali dell'Atlantico e dell'Oceano Indiano da nuove basi: la cooperazione con la RPC lo consente ... Scambio di capacità per entrambe le flotte, la possibilità di utilizzare basi navali strategiche in punti, cinese nell'emisfero settentrionale, russo nell'emisfero meridionale, e tutto diventerà un ordine di grandezza più efficace ... Per attirare la Marina iraniana alla cooperazione, allora i problemi con i ritiri della Marina si semplificheranno, la posizione si rafforzerà ...
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 2 August 2020 13: 59
    +1
    Nonostante ciò abbastanza numerosi ed estremamente sviluppati Le forze dell'OLP degli Stati Uniti e di altri paesi della NATO, quasi continuamente, monitorano i sottomarini russi già dal momento in cui hanno lasciato il loro porto di origine (li seguono persino nei campi di addestramento subacquei nei corsi d'acqua), questi presunti "timori di un'uscita incontrollata nell'oceano degli atomarines russi" o presumibilmentebuchi neri(Russo immersioni sottomarini diesel-elettrici) nelle profondità del mare di okiyana "sembrano un astuto tentativo di inganno (in una resa dei conti snob sulla stessa" innocenza "e ingenua autocompiacimento dei loro" partner "russi?!)?! strizzò l'occhio
    Ricorda molto il racconto popolare inglese sull'astuta volpe, che, essendo sorpresa a rubare polli, "aveva paura della cosa peggiore che gli potesse capitare" e in lacrime chiedeva alle persone: "Fai con me quello che vuoi, almeno uccidi, ma semplicemente non gettami nel cespuglio spinoso! ".....
    1. Magog Офлайн Magog
      Magog (Gog Magog) 2 August 2020 20: 20
      +2
      Sembra che gli ts della NATO stiano fingendo nelle loro presunte difficoltà nel tracciare i sottomarini. Il gioco è lo stesso da entrambe le parti: dare più soldi per risolvere il problema. Con le nostre: abbiamo barche così silenziose e invulnerabili che l'avversario si troverà terribilmente a disagio nel teatro delle operazioni marittime - risolveremo tutti i compiti della flotta con forze sottomarine.
  3. Magog Офлайн Magog
    Magog (Gog Magog) 2 August 2020 20: 06
    +2
    All'inizio degli anni XNUMX, ho avuto una conversazione casuale con un ex pilota della Marina sovietica che prestò servizio su un incrociatore che trasportava elicotteri durante l'era di Gorbaciov. Se qualcuno se lo ricorda, si sono svolte le prime (e uniche) esercitazioni navali congiunte della NATO e dell'Unione Sovietica. Uno dei compiti era semplice: rilevare e identificare il sottomarino nemico simulato. All'inizio i NATO-ts stavano cercando il nostro sottomarino. Passarono molte ore e non ci fu alcun risultato. Nelle parole del narratore: "Ho dovuto suonare insieme" ... "Quando è stato il nostro turno di trovare la loro barca, abbiamo avuto appena il tempo di riscaldare i motori dell'elicottero, e poi è stato inviato un comando di decollo con l'indicazione del quadrato per aver lasciato la boa d'acqua" ...