Mosca - Minsk: tre scenari di esito pessimo


Continuando per diversi giorni di seguito a rimanere quasi il principale notizie Nello spazio informativo interno, la detenzione di 33 russi in Bielorussia è ancora oggetto di discussione da parte dei nostri media e di vari esperti con un tono relativamente calmo e sobrio. La maggior parte di coloro che parlano di questo argomento sono inclini a considerare ciò che sta accadendo come un altro "vybryk del padre", uno dei tanti che sono diventati, ahimè, le sue azioni anti-russe. Le spiegazioni semplici sono sicuramente buone ...


Tuttavia, se non intendiamo accontentarci di loro, ma vogliamo andare a fondo di ciò che sta accadendo, allora prima di tutto dovremo ammettere l'ovvio: tutto qui è lungi dall'essere il più semplice e diretto possibile sembra a prima vista.

Questi non sono più giochi


Forse il problema principale nel valutare le azioni di Alyaksandr Lukashenka (e non ci possono essere dubbi che tutto ciò che sta accadendo è una sua iniziativa) è che, qualunque cosa si possa dire, ma le azioni del leader bielorusso, che sta diligentemente gira l'isteria " I militanti russi ”, non sono solo ostili nei confronti del nostro Paese molto più di tutti i passi simili che aveva intrapreso in precedenza. Sono categoricamente illogici! Inoltre, sono francamente suicidi. Questo se consideriamo la situazione nel quadro delle solite categorie di relazioni tra Minsk e Mosca, nonché degli eventi in vari paesi dello “spazio post-sovietico”. Lo stato da lui guidato di fronte a tutti non si sta muovendo solo senza intoppi, ma piuttosto rapidamente vola nella direzione del vero, che nemmeno il classico "Maidan" - una "rivoluzione colorata" da manuale preparata e orchestrata dai "campioni occidentali della democrazia" "secondo lo scenario" false elezioni ".

La portata delle proteste popolari, per la prima volta da molti anni, espresse con un'apertura e un carattere di massa senza precedenti per la Bielorussia, è assolutamente senza precedenti. In effetti, il fuoco sta già bruciando: non resta che versarvi "benzina" dal cuore e non c'è dubbio che gli specialisti in tali azioni non solo sono pronti, ma si trovano in posizioni nella stessa Minsk. L'unico stato su cui Lukashenka, in linea di principio, potrebbe contare se la situazione si sviluppasse secondo lo scenario peggiore, è la Russia. E ora invece, anche se per un po ', anche se seguendo non estremamente dubbiosi nel suo caso "sentimenti fraterni", ma l'istinto elementare di autoconservazione, limita per un po' la retorica russofobica e fa almeno mezzo passo verso Mosca, il "padre" le avanza pubblicamente accuse, che potrebbero servire da pretesto per lo scoppio della guerra.

Al momento della stesura di questo articolo (la sera del 2 agosto), tutte le speranze che Alexander Grigorievich fosse "oscurato", e la storia estremamente brutta con la detenzione massiccia e assolutamente irragionevole di cittadini russi finirà con un "lieto fine", che sarà consentire a entrambi i paesi senza perdere la faccia, fingere che nulla sia realmente accaduto, ridotto in mille pezzi. Ahimè, Dmitry Peskov, che ha espresso la speranza a nome del Cremlino che "i servizi speciali bielorussi capiranno tutto e lasceranno andare i russi", si è rivelato inutile come visionario. I Minsk Themis hanno mostrato la massima severità nei confronti dei nostri connazionali: su richiesta del comitato investigativo locale e la sanzione dell'ufficio del pubblico ministero, sono stati presi in custodia, cioè arrestati. In relazione a loro, nel modo più serio, è iniziato un processo, nel linguaggio comune chiamato "ricucire un caso". Non stiamo parlando di accuse di terrorismo, come si sono già affrettati ad annunciare alcuni dei nostri media. Investigatori e giudici "provano" gli articoli 13 e 2, parte 293 del codice penale della Bielorussia ai dipendenti detenuti di società di sicurezza private russe che cercano di raggiungere nuovi posti di lavoro. Presi insieme, questo suona come "prepararsi a partecipare alle rivolte". E "tira", rispettivamente, per 8 anni dietro le sbarre - secondo le leggi locali, la responsabilità per "cucinare" non è diversa dalla punizione per un atto commesso.

Se si tratta di riqualificare dalla seconda alla prima parte dello stesso articolo (e questo può benissimo accadere), allora parleremo di termini di 15 anni. Un dettaglio ancora più spiacevole è il desiderio della parte bielorussa di coinvolgere Kiev in questo caso, dove stanno già chiedendo più che attivamente l'estradizione della maggior parte dei detenuti. E ovviamente non per aver conferito certificati d'onore per rafforzare l'amicizia tra i popoli ...

PR pre-elettorale? No, pirateria politica ...


Almeno una dozzina degli arrestati in Bielorussia sono stati dichiarati "inesistenti" dalla Procura e dalla SBU "cittadini ucraini" che "hanno partecipato alle attività di gruppi terroristici e hanno commesso crimini di guerra nel Donbass". Per quanto è noto, Kiev ha presentato a Minsk una richiesta del tutto ufficiale per l'estradizione non solo di loro, ma di 28 dei nostri 33 connazionali in custodia. Sarà soddisfatto? Difficile dire - soprattutto se si considera che la lista dei "militanti" è stata trasferita alla Farnesina dal "inesistente" proprio su iniziativa della parte bielorussa: "per verificare il coinvolgimento in crimini". Bene, è qui che siamo andati di tutto. Si noti che l'affermazione di Dmitry Peskov secondo cui Mosca "non riconosce la cittadinanza ucraina dei detenuti" e li considera tutti russi, viene ignorata in modo dimostrativo.

Si tratta, infatti, di una presa di ostaggi chiaramente pianificata e accuratamente preparata, eseguita secondo le migliori tradizioni dei "signori di ventura" che sventolano sotto bandiera nera. Ma l'argomento della contrattazione qui è chiaramente molto più pesante delle solite valigie in questi casi, ermeticamente imbottite di banconote da un dollaro. Lo stesso Lukashenko non osa trattare con i cittadini russi - quindi, attira "agenti delle forze dell'ordine" ucraini che hanno sete del "sangue di Mosca" come potenziali carnefici per loro. Allo stesso tempo, è abbastanza ovvio: personalmente, non crede ai racconti di “altri duecento militanti russi” che vagano segretamente per la Bielorussia con le intenzioni più malintenzionate. Così come nei deliri dello stesso capo del Consiglio di sicurezza di Andrei Ravkov sui "campi segreti vicino a Pskov e Nevel", dove un'intera orda di avversari simili si allena, "imparando abilità da cecchino ed esplosivi". Altrimenti, il "papà" avrebbe dovuto essere riconosciuto come irrimediabilmente pazzo, ma questo, ovviamente, non è così. Lontano da esso.

Già qualcuno, e Alexander Grigorievich, sa con certezza quanto siano brutte le cose nel suo Paese con vere "forze filo-russe" capaci almeno di un qualche tipo di azione consolidata e seria. Tanto che ha dovuto nominare il povero Babariko nel ruolo del "candidato di Mosca", di cui è lo stesso "agente del Cremlino" di Andrei Makarevich, mi scusi. Nazionalista al cento per cento e migliore amico degli Zmagar. Con falsi "Wagneriani" - assolutamente la stessa storia. E le versioni avanzate da alcuni secondo cui Lukashenka era "disorientato" e "incastrato" da alcuni dei suoi "consiglieri filo-occidentali" che hanno ingannato il fiducioso presidente con storie di "specialisti delle PMC" inviate da Mosca al suo cuore non reggono. anche alle critiche.

Non dovresti prendere in giro Alexander Grigorievich. Davanti a noi c'è il politico più esperto, come si suol dire, indurito con una straordinaria esperienza e un'assoluta consapevolezza delle realtà circostanti. I suoi discorsi sui "soldati innocenti" e le "sporche intenzioni" di coloro che presumibilmente "li hanno mandati in Bielorussia" sono solo una parte del gioco, indubbiamente iniziato da lui. Parlando delle "intenzioni terroristiche" dei detenuti, Lukashenka stesso agisce secondo le migliori tradizioni dei terroristi: aveva semplicemente bisogno di ostaggi per garantire la "vittoria su Mosca" pre-elettorale, quindi li ha catturati. I dipendenti della società di vigilanza privata non sarebbero arrivati, si deve pensare che, nel peggiore dei casi, sarebbero scesi raccoglitori di funghi vestiti di mimetizzazione. Non si è arrivati ​​a questo solo a causa dell'eccellente consapevolezza dei servizi speciali bielorussi sulle rotte di transito di alcuni dei nostri concittadini che hanno professioni piuttosto specifiche, che sono costretti a volare attraverso Minsk verso paesi da cui è semplicemente impossibile arrivare Russia.

Ora, infatti, sui possibili scenari. In effetti, Lukashenko ha accusato la Russia di aver tentato un colpo di stato nel suo stesso paese. E, a giudicare dalle sue azioni, intende sfruttare fino in fondo questo argomento. In linea di principio, ulteriori passi nello sviluppo della situazione nel filone attuale potrebbero essere la rottura dei rapporti diplomatici e l'estremo aggravamento delle relazioni interstatali. Ma Alexander Grigorievich, molto probabilmente, non ne ha bisogno.

Così, scenario uno - dal "padre": Mosca, temendo la prospettiva di estradare i suoi cittadini ai carnefici di Kiev, fa concessioni davvero serie. Almeno in materia di approvvigionamento energetico. Fino all'abolizione della "manovra fiscale" o di altri passi altrettanto ampi che, secondo Lukashenka, possono garantire l'ulteriore più o meno confortevole esistenza degli "emirati bielorussi" a scapito del bilancio russo. Alexander Grigorievich, avendo "vinto" le elezioni, si presenta davanti al suo popolo come un sovrano quasi onnipotente di proporzioni epiche, capace sia di prevenire la confusione che di "piegare" il Cremlino a proprio piacimento. Quali sono le prospettive per la Russia? È estremamente difficile esprimerlo censurando qui. In ogni caso, non c'è bisogno di parlare di alcuna autorità internazionale e peso di un Paese che gli consenta di prendere in ostaggio i suoi cittadini, e allo stesso tempo assolva rassegnatamente le richieste avanzate.

Scenario due - tiepido: Lukashenka usa la situazione attuale per ravvivare ulteriormente l'atmosfera nel paese, per introdurre se non uno stato di emergenza durante le elezioni e per qualche periodo dopo la loro detenzione, qualcosa di molto simile a lui. Con il pretesto di possibili "rivolte di massa", che saranno certamente organizzate da "cosacchi inviati", se non si "stringono le viti" al limite, libertà di riunione, circolazione dei cittadini e tutte le altre "libertà" ancora nominalmente disponibili in Bielorussia sono limitati. Agli occhi dell'Occidente, allo stesso tempo, un "papà" astuto che conduce apertamente il più vero politico repressione, sembra un "combattente contro l'aggressione russa". Questo, ancora una volta, nella sua sincera convinzione, "cancellerà" tutto ciò che sta accadendo lì ora, e anche alcune cose molto più difficili, a cui le cose potrebbero benissimo arrivare se la gente comunque scenderà in piazza dopo una "volontà" predeterminata. Bene, e Mosca ... Con Mosca e poi puoi fare la pace. Resisteranno! Inoltre non lo tolleravano.

Scenario tre - il più negativo: Alexander Grigorievich ha davvero deciso di "arrendere" il paese all'Occidente. Un'opzione abbastanza possibile, non importa quanto possa sembrare incredibile a prima vista. Dopo tutto, alcune aziende specifiche hanno metodi di persuasione e coercizione a cui anche alcuni presidenti non possono resistere. Gli esempi di Kuchma e Yanukovich (che credevano sinceramente nelle "garanzie" occidentali e quasi persero la testa) ne sono la prova. Ancora una volta, avendo davanti a sé una scelta tra l'inevitabile "Maidan" con conseguenze assolutamente imprevedibili e il trasferimento "civilizzato" del potere a un successore nominato dall'occidente (non Tikhanovsky o Tsepkalo, ovviamente, ma almeno lo stesso Makei), Lukashenko può "galleggiante" ... E perché la condizione più importante per un simile accordo non dovrebbe essere una rottura completa nelle relazioni con la Russia, inoltre, la creazione di una situazione dopo la quale la riconciliazione tra Mosca e Minsk (indipendentemente dai nomi dei leader lì) diventerà estremamente problematica? In questo formato, puoi aspettarti qualsiasi cosa, fino all'estradizione dei russi arrestati (o parte di essi) in Ucraina.

Devo dire che il terzo scenario oggi non viene praticamente preso in considerazione da nessuno e non viene preso in considerazione. E invano ... Non importa quanto tardi fosse tardi. In ogni caso, il tempo dirà, tuttavia, non ci sono praticamente buone opzioni per lo sviluppo delle relazioni tra l'attuale Minsk e Mosca.
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 3 August 2020 09: 20
    +2
    L'astuto segue le orme di Yanukovich, più avanti nella Repubblica di Bielorussia tutto sarà come in Ucraina.
  2. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 3 August 2020 09: 24
    -10%
    Non capisco assolutamente il clamore intorno ai mercenari a livello statale - nessuno in Russia ha cancellato l'articolo 359 del codice penale della Federazione Russa. Mercenarismo

    1. Il reclutamento, l'addestramento, il finanziamento o altro supporto materiale di un mercenario, nonché il suo uso in conflitti armati o operazioni militari -
    sono puniti con la reclusione da quattro a quindici anni ...

    e così via eccetera
    I cittadini stranieri - tanto più, nafig, dalla spiaggia - deportati, e lasciate che lo stato "straniero" se ne occupi - li nutrono di pappa, distribuiscono uniformi carcerarie e pagano i servizi di manutenzione in luoghi remoti a spese del loro "straniero" cittadini, non russi. am
    1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
      Sapsan136 (Sapsan136) 3 August 2020 10: 23
      +6
      Questo a condizione che queste persone abbiano fatto del male alla Russia e che non ci sia processo. Se gli astuti banderiti estradano i cittadini della Federazione Russa, anche se né lui né i suoi sudditi vengono più nella Federazione Russa, potrebbero non essere accolti in quel modo.
    2. 123 Офлайн 123
      123 (123) 3 August 2020 12: 27
      +6
      Credo che il loro atteggiamento nei confronti del tuo punto di vista sarà indicato più volte qui, cercherò di integrarlo e, per così dire, guarderò il problema da un'angolazione leggermente diversa.

      Non capisco assolutamente il clamore intorno ai mercenari a livello statale: nessuno in Russia ha cancellato l'articolo 359 del codice penale della Federazione Russa.

      Stai proponendo di estendere la giurisdizione russa al territorio di uno stato confinante? È tempo per te del "Peacemaker". risata Contenuti dell'Art. 359 del codice penale della Federazione Russa sarebbe entusiasmante discutere, ad esempio, con Yarosh, per la sua partecipazione alla guerra cecena (e questo è il territorio della Russia) sarà accolto calorosamente. L'ucraino Themis, che è tipico, non si lamenta di lui.
      Sta proponendo di processare per presunti crimini commessi all'estero? Allo stesso tempo, preferisci non notare i crimini commessi dagli stranieri qui. Sogni di mettere le cose in ordine in un determinato paese? Non funzionerà, questo fenomeno non si limita ai confini di stato, scusate la tautologia. Che tu ci creda o no, neanche i cavalli hanno cancellato questo articolo:

      Articolo 447
      1. Reclutamento, finanziamento, supporto materiale, addestramento di mercenari allo scopo di utilizzare in conflitti armati di altri stati o azioni violente volte a rovesciare il potere statale o violare l'integrità territoriale, nonché l'uso di mercenari in conflitti o azioni militari

      Ciò non impedisce l'emergere di "volontari" estoni e "Texas Rangers".
      È impossibile non rispettare alcuna norma, mentre si richiede la loro osservanza da parte degli altri. Yarosh non telepate su una betulla, non è stato mandato nelle cantine della Lubjanka. Se intendi risolvere il problema, non sembra logico che la squadra ucraina faccia il primo passo?
  3. pischak Офлайн pischak
    pischak 3 August 2020 11: 02
    +3
    Sfortunatamente-terza opzione!
    IMHO - "Astuto" AHL (con figli maggiori, già ben attaccati al timone delle autorità, e il più giovane) è stato a lungo tenuto in ostaggio e canta al ritmo del suo ambiente russofobo filo-occidentale, che (non si nasconde più affatto !) Si arrende RB ai suoi venditori ambulanti di Washington.
    Per provocazione con i cittadini russi catturati, i complici in un modo bandito "saldato nel sangue" - hanno tagliato tutte le vie di fuga verso l'AHL, conoscendo perfettamente la sua astuta ipocrisia e le capacità opportunistiche del ripetuto "cambio di scarpe in un salto"! strizzò l'occhio

    E questo "processo" anti-russo (che ha notevolmente accelerato dalla primavera del 2014) è stato ben nutrito dal Cremlino e solo di recente ha limitato l '"AntiRussia" bielorusso (già impupato) nei suoi immensi sussidi ?!
    A quanto pare, agli "astuti" strateghi "di Mosca" non è mai stato insegnato nulla dalla triste "esperienza" con il presunto "filo-russo" giudeo Mazepa Yanyk e il bambino di dieci anni (insieme a cinque miliardari "dichiarati dalla" pechenyushnitsa "Vika Nuland!) Sponsorizzazione russa della trasformazione dell'Ucraina" indipendente "in una" AntiRussia "filoamericana russofobica ??! richiesta

    Il clamore con le storie dell'orrore sulla presunta "interferenza russa nelle elezioni bielorusse" è necessario anche ai burattini di Washington come una "cortina fumogena" informativa.
    Con queste insinuazioni anti-russe risucchiate dalla punta delle dita, "riempiono i serbatoi" di abitanti occidentali di parte russofobi (la cosiddetta "comunità mondiale") - per coprire l'impudente intervento americano su larga scala nelle elezioni presidenziali e violenta "riformattazione" filo-occidentale della Bielorussia!
    È esattamente lo stesso illogico e assolutamente assurda per il buon senso, la giunta Kiev Maidan accusa la Russia di aver presumibilmente organizzato un sanguinoso colpo di stato a Kiev - "Euromaidan"! ingannare

    Gli insidiosi neo-colonialisti di Washington sono noti per aver utilizzato gli stessi "metodi di lavoro" dei colpi di stato del Maidan più e più volte, applicando solo leggermente alle specifiche locali, anche i simboli dei combattenti estremisti addestrati per questo non sono cambiati (gli "anizhedets" bielorussi dimostrano gli stessi "pugni" e "raschietti", conosciuti dalle prime "rivoluzioni colorate", dai militanti filoamericani del serbo "Otpor"!)
    In Bielorussia, le Washington DC stanno agendo secondo gli stessi schemi, pur mantenendo il loro "algoritmo di democratizzazione coloniale". E l'AHL è solo una "pedina sacrificale (nemmeno un" ufficiale ")" sulla loro "scacchiera", tutte le mosse sono già state mappate (quelle di Mosca riusciranno a "adattarsi" all'ultimo momento, come è stato il caso con la Crimea, o la questione Washington domande ??! strizzò l'occhio ) ... ahimè!
    È un peccato, ovviamente, perché Luka ha avuto una notevole possibilità di entrare davvero nella storia della Russia e del mondo da una lettera maiuscola (una volta ho persino pensato che l'AHL potesse, fino all'agosto 2008 è stato il suo sincero simpatizzante, e fino alla primavera del 2014 credeva di non essere ancora del tutto senza speranza), e non così ingrato da "tuffarsi" nella "nota N con una piccola stampa cancellata a metà", sotto la riga in fondo alla pagina ... sinceramente è peccato - non questo, come si è scoperto, uno sciocco di una piccola città che ha stupidamente perso un'opportunità del genere, ma per il popolo e lo Stato è un insulto!
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 3 August 2020 11: 12
    +5
    Quarta opzione. Opinione personale, non mi impongo a nessuno.

    Condizioni di confine:
    1. Lukashenka non è un idiota.
    2. Lukashenka vuole restare al potere.

    I risultati delle elezioni saranno falsificati. In ogni caso, tutti su Internet ne parlano. Di conseguenza, l'Occidente non riconosce la legittimità di Lukashenka e il paese inizierà a scuotere il Maidan.
    Nel tentativo di prendere l'iniziativa, Lukashenka sta cercando con tutte le sue forze di far cadere le armi dalle mani dell'opposizione e mostra all'Occidente di essere un politico filo-occidentale. Vuole che l'Occidente riconosca i risultati delle elezioni e poi non ci sarà Maidan nel Paese.
    Quindi la mia conclusione è completamente opposta. Lukashenka cerca di evitare il Maidan e quindi persegue una politica anti-russa. Da qui le provocazioni e la possibile chiusura del confine con la Russia.
    Conclusione: al fine di preservare il suo potere personale e prevenire Maidan, Lukashenka scivolerà sempre più nella posizione di anti-Russia. L'esempio di Yanukovich è davanti ai suoi occhi e non seduce affatto. E non ci sono forze filo-russe in Bielorussia. Come non si è visto in Ucraina.
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 August 2020 11: 16
    +5
    Lasciatemi suggerire una quarta opzione, latinoamericana o araba, per così dire. Parte del comando militare, fedele al popolo bielorusso e allo Stato dell'Unione, arresta Lukashenka e lo costringe a dimettersi. Il potere provvisorio passa nelle loro mani, la legge marziale viene dichiarata per 1 anno per preparare nuove elezioni e in questo momento viene eliminata la 5a colonna delle ONG filo-occidentali. In ogni caso, in un tale scenario, la Bielorussia non ripeterà il destino della vicina Ucraina e non permetterà alle Rovine nella sua patria. E la Russia sa essere generosa ...
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 3 August 2020 13: 21
      +3
      La quarta opzione è una buona via d'uscita, buono rispetto ai primi tre, ovviamente. Un guardaboschi che disperderà sia i tedeschi che i partigiani è una soluzione accettabile al problema. I militari hanno una motivazione, se mettiamo da parte "il dovere, l'onore, il destino del paese" e così via, non possono fare a meno di capire che se il paese va "sulle rotaie occidentali", le loro carriere possono essere interrotte. Ma dubito che ci sarà un "nucleo appassionato" nelle file ordinate di un esercito che non combatte da 30 anni. no Chi altro? Il ministero dell'Interno non può farlo. KGB? Guarda questa vergogna, un nuovo leader. Sicuramente, il monumento a Dzerzhinsky si è ribaltato da un simile spettacolo nel magazzino.
      E ciò che è più triste, a quanto pare, il Maidan non può essere evitato.
  6. Sì, cosa c'è da mettere in salamoia? Tagliamo via dalle regioni Russo-Belov Mogilev, Vitebsk e Gomel, dove vivono i RUSSI, e lì - un muro di ferro sul cordone e andiamo, papà, in Europa.
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 August 2020 12: 33
    0
    In effetti, tutto questo clamore è chiaramente orchestrato dai nemici.

    O prima, "l'indagine lo scoprirà" per gli altri, poi "andiamo, andiamo, andiamo" .....

    L'hype continua e le autorità lo starnutiscono. Hai comprato benzina? - comprato. Hai comprato combattenti? - comprato. Lo hai già comprato? - comprato.
    Tutti. Il denaro non puzza.
  8. kot711 Офлайн kot711
    kot711 (voce) 3 August 2020 12: 41
    -1
    Perché russofobo? L'odio per gli oligarchi russi non significa russofobia. Capisce cosa succederà se avviene la cosiddetta "unificazione". Sebbene la sua dichiarazione sulle "guerre non russe" e "la NATO proteggerà" non ispira rispetto per lui, è chiaro che ha avviato una sorta di "piano astuto" di sua iniziativa.
  9. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 3 August 2020 14: 06
    +4
    Ebbene, i nostri occhi si sono aperti e non abbiamo più "fratelli"? Bello, ora nessuno ci metterà un coltello nella schiena, tranne che per gli asiatici centrali, da cui puoi aspettarti tutto anche tu ... Ma che dire dei nostri super analisti, servizi speciali, per tanti anni ci ha cagato in tasca, e quasi ce lo portavano sulle mani, balbettavano con lui, gli piacevano e ci diede un fico enorme.
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 3 August 2020 17: 53
      0
      E chi l'ha detto che i "superanalisti" non lo prevedessero? Mi sembra che di recente questo sia stato discusso qui ...
  10. Tektor Офлайн Tektor
    Tektor (Tettore) 3 August 2020 18: 22
    +2
    Sarebbe necessario denunciare lo Stato dell'Unione, escludere la Bielorussia dalla EAEU e imporre sanzioni economiche prima delle elezioni del 9 agosto.
  11. yaelxninsh Офлайн yaelxninsh
    yaelxninsh (Janis Elksninsh) 3 August 2020 20: 37
    +1
    Sembra che lo stretto contatto dell'Ucraina con la Bielorussia sia stato a lungo. Hanno condiviso con loro i piani per avviare operazioni militari in tutto il territorio della Federazione Russa. In Bielorussia, non vogliono partecipare dalla parte della Federazione Russa. Si sono assicurati con l'arresto di cittadini della Federazione Russa.
    1. Essex62 Офлайн Essex62
      Essex62 (Alexander) 4 August 2020 03: 00
      -1
      Solo il plotone è stato rallentato, ma il rumore. Sebbene, ovviamente, alla vigilia dell'offensiva dei cavalli, che viene trasmessa da ogni ferro russo, ogni unità di combattimento conta.
      Ma il Maidan deve essere spento sul nascere. Nessuno, ovviamente, pianterà o addirittura rinuncerà a 404 dei nostri combattenti. Papà contratta per qualcosa dalla nostra palude borghese. Ebbene, cosa fare, non ci sono petrolio e gas in Bielorussia, su cui, di fatto, viene mantenuto il nostro zero. Togliete questo sostegno dall'attuale governo russo e il Maidan andrà in fiamme. Già zaluzhnye proverà a oscillare, ci sarebbero ragioni importanti.
  12. arte_2 Офлайн arte_2
    arte_2 (Mikhail Yurievich Artemiev) 4 August 2020 10: 31
    +1
    Sì, Putin, nel momento in cui tutta la Russia si ribella contro di lui, è riuscito a litigare con l'ultimo alleato. Ebbene, come farà l'Inghilterra a non accettare?
  13. Valery V. Офлайн Valery V.
    Valery V. (Valery V.) 4 August 2020 12: 39
    +1
    E ne sono sicuro: Lukashenka ha raggiunto un accordo con VVP e tutto ciò che accade è una performance pre-pianificata. Per dare a Lukashenka l'immagine di un difensore degli interessi nazionali e del leader più coraggioso ("non ha paura di Putin stesso !!"). Di conseguenza, l'elettorato, pronto a votare per i suoi rivali, fluisce senza problemi nel campo dei suoi sostenitori. E gli Stati Uniti, guardando i battibecchi di Lukashenko con la Federazione Russa, non lo chiameranno più "il boia del popolo bielorusso", e dopo la vittoria (ovviamente, la cui vittoria) non daranno inizio a un Maidan ..
  14. vladimir mudov Офлайн vladimir mudov
    vladimir mudov (Vladimir Mudov) 5 August 2020 13: 31
    0
    Cosa ne pensi, il MOSTRO DI MINSK ARRESTA il codardo Putin, proprio nel suo bunker di Mosca? Ciò che il "chiacchierone, mascalzone e criminale" Kvachkov non ha fatto, il MINSK MONSTER lo farà, anche se una SETTIMANA ancora più grande, ma più forte di Putin e Kvachkov!
  15. Il commento è stato cancellato