La Polonia ha multato Gazprom per la costruzione del "Nord Stream-2"


L'Ufficio polacco per la protezione della concorrenza e dei consumatori (UOKiK) ha multato la russa Gazprom di 57 milioni di euro per aver violato le leggi polacche contro il monopolio durante la costruzione del gasdotto Nord Stream 2.


Il capo dell'UOKiK, Tomasz Khrustny, ha deciso di multare la preoccupazione russa per essersi rifiutata di collaborare ai procedimenti per la costruzione della SP-2.

Per finanziare il lavoro, è stato creato un consorzio - questo è stato fatto senza il consenso della direzione del regolatore polacco. A tal proposito, sono state mosse accuse contro quattro società olandesi: Shell, OMV, Wintershall, Uniper, la società svizzera Engie Energy e la russa Gazprom. I rappresentanti di quest'ultimo si sono rifiutati di fornire alla parte polacca la documentazione necessaria per il procedimento

- ha detto in una dichiarazione UOKiK.

Secondo Khrustny, la creazione di un consorzio per finanziare la costruzione del Nord Stream 2 è in contrasto con le leggi polacche ed europee per limitare le attività dei monopoli. L'UOKiK ha anche impedito ai partecipanti europei di creare una società operativa per costruire il gasdotto. Di conseguenza, tali operatori sono diventati una controllata di Gazprom, Nord Stream 2 AG, e il progetto è finanziato con prestiti.
  • Foto utilizzate: www.gazprom.com
24 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 3 August 2020 11: 08
    +4
    Per finanziare il lavoro, è stato creato un consorzio - questo è stato fatto senza il consenso della direzione del regolatore polacco.

    La Polonia è semplicemente lo standard della modestia. buono Puoi, ovviamente, ridere, ma in realtà non c'è molto divertimento qui. Questi sono segni del crollo dell'ordine mondiale. Presto arriveremo al punto che le carovane mercantili verranno spedite con sicurezza. Combatti ladri, regolatori, tribunali arbitrali e altre persone avide.
  2. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 3 August 2020 11: 15
    +5
    È tempo che la Russia proibisca l'importazione di gamberetti bielorussi e altre cose nel territorio della Federazione Russa, lascia che il Crafty ei signori contino le perdite, altrimenti fa male. Questo comportamento della Polonia suggerisce solo che la Federazione Russa dovrebbe piuttosto terminare la costruzione della SP-2 e introdurre un embargo completo sul commercio con i padroni polacchi ei loro schiavi Bandera.
  3. Povero Gazprom! Le sue condutture lo rendono vulnerabile a tutti i tipi di ricattatori ed estorsori! Miller, passa a GNL!
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 3 August 2020 15: 59
      +1
      Povero Gazprom! Le sue condutture lo rendono vulnerabile a tutti i tipi di ricattatori ed estorsori! Miller, passa a GNL!

      Non cambierà nulla. Un vettore di gas o un tubo in fondo al Baltico ha più o meno lo stesso atteggiamento nei confronti del giudice pazzo polacco. Un gruppo di avvocati incasinati ha deciso che erano i padroni del mondo. Nella prossima decisione, potrebbero essere offesi dal fatto che Miller sta costruendo vettori di gas.
      Ho guardato questo strano principale ufficiale anti-monopolio polacco, i dubbi sulla sua sanità mentale sono aumentati.
      Ciò che l'UOKiK (Ufficio per la protezione della concorrenza e dei consumatori) abbia motivo di multare le società straniere per progetti non legati alla Polonia non è affatto chiaro. Una sorta di surrealismo.

      https://www.uokik.gov.pl/aktualnosci.php?news_id=16648
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 August 2020 12: 25
    +1
    Se Gazprom viene picchiato e tollera, accetta di tollerare ...
    Ho risparmiato sugli avvocati, non l'ho portato nel mio ufficio, ottimizzato i soldi stanziati per il contratto ...
    Non è la prima volta. Recupererà a prezzi interni.
    1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 3 August 2020 12: 36
      +2
      Purtroppo, semplicemente non abbiamo nulla per rispondere a tali buffonate dei governi occidentali.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 08: 40
        +2
        C'è qualcosa a cui rispondere. È stato detto cento volte: abbiamo bisogno della volontà al Cremlino. Sei mesi di divieto di fornitura di idrocarburi all'Europa e tutto (e tutto) si calmerà. Diventerà subito chiaro chi deve chi.
        1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
          Kristallovich (Ruslan) 4 August 2020 09: 17
          +1
          Sei mesi di divieto di fornitura di idrocarburi all'Europa e tutto (e tutto) si calmerà.

          È strano sentire tali proposte da te. Una tale mossa sarà il declino delle esportazioni di gas russo in Europa. Fondamentalmente passeranno al GNL.
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 09: 32
            +1
            Prima di tutto, non lo faranno.
            In secondo luogo, il GNL dalla Russia è ancora più economico che dal Qatar o dagli Stati Uniti.
            Terzo, in linea di principio, l'Europa non vorrà congelarsi le orecchie. È più facile per loro ribaltare decisioni giudiziarie illegali.
            1. Bakht Офлайн Bakht
              Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 09: 39
              +1
              Per coloro che non sono amichevoli con l'aritmetica. E teme il calo delle "esportazioni di gas in Europa".
              GazProm ha pompato in Europa qualcosa di circa 200 miliardi di metri cubi all'anno. A $ 100 (più facile da contare), questo fa $ 20 miliardi all'anno. Qualcuno è interessato alla sintesi delle denunce contro Gazprom? 3 miliardi in Ucraina, 1,7 miliardi in Polonia. L'Ucraina sta preparando una richiesta per altri 17 miliardi, Polonia e Bulgaria hanno già ottenuto una revisione del prezzo, la Turchia non sta rispettando i termini del contratto. Mi sembra che le richieste superino l'intero COSTO (non parlo di profitti) delle esportazioni di gas in Europa.
              È davvero necessaria questa esportazione in Europa? E chi potrà sostituire 200 miliardi di metri cubi di gas per passare al GNL? Beh, forse NOVATEK ... guadagnerà un po '.
            2. Kristallovich Офлайн Kristallovich
              Kristallovich (Ruslan) 4 August 2020 09: 45
              +1
              Primo, non lo faranno

              Il ragionamento è fuori scala.

              In secondo luogo, il GNL dalla Russia è ancora più economico.

              Più economico. Ma i volumi sono incomparabili rispetto al gasdotto.

              In terzo luogo, in linea di principio l'Europa non vorrà congelarsi le orecchie.

              Immaginiamo questo scenario: Mosca interrompe il gas. In ogni caso, questo è un passaggio temporaneo, per mostrare le tue intenzioni. Se è estate, l'Europa può facilmente sopravvivere per pochi mesi. Allo stesso tempo, la Russia sarà comunque costretta a riprendere le forniture. Tuttavia, quello che abbiamo come risultato: ululando dall'altra parte dell'oceano, urlando a metà dei politici europei che la Russia è già un fornitore inaffidabile e sta usando la sua posizione di monopolio sul mercato come leva di pressione. Dopodiché diventerà fondamentale per Berlino una vera ricerca di percorsi alternativi per la consegna del gas. Se ora le pressioni per tali decisioni provengono più da Washington, quindi creando un precedente per il ricatto energetico, Mosca scioglierà le mani dell'Europa.
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 09: 50
                +1
                Ho fornito gli argomenti. Semplicemente non esiste una tale quantità di GNL.
                Esatto, i volumi del gasdotto sono incomparabili con i volumi di GNL. Questa, a proposito, è la risposta all'argomentazione.
                Il terzo punto è il più interessante. Non ci sono grida ora che la Russia sta usando la sua posizione di monopolio? Sì, il 90% dei reclami è legato specificamente alla legislazione antimonopolio. Sei mesi è il periodo per il quale l'SP-2 può essere completato. E poi dimentica i contratti a lungo termine e di transito. Il gas dovrebbe essere esportato in Europa solo attraverso i gasdotti della joint venture senza intermediari e direttamente in Germania. Chi ne ha bisogno, lo comprerà in Olanda.
                E come farà la Russia a "sciogliere le mani dell'Europa"? E ora l'Europa (Ucraina, Bielorussia, Stati baltici, Polonia, Romania, Bulgaria, Turchia) hanno le mani legate da qualcosa?
                1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
                  Kristallovich (Ruslan) 4 August 2020 10: 16
                  +1
                  Il monopolio stesso non ha nulla a che fare con questo. Non ho scritto su questo, leggi con più attenzione.

                  Ho fornito gli argomenti.

                  No.

                  Ancora una volta: creando un precedente di pressione attraverso l'approvvigionamento di risorse energetiche, soprattutto quando si parla già molto di rinunciare al gas russo sullo sfondo della ridistribuzione del mercato europeo del gas, la Russia firmerà il proprio verdetto. Ora uno degli ultimi argomenti dei politici europei in una disputa con l'opposizione e il fratello d'oltremare è che la Russia è un fornitore affidabile che non ha mai fallito. Se Mosca osa tagliare il gas, Berlino non lo inghiottirà. I tedeschi sono caratterizzati dall'adesione ai principi. 10 anni fa hanno annunciato l'abbandono dell'energia atomica e si stanno muovendo sistematicamente verso questo obiettivo, anche se costa loro un sacco di soldi. Guarda quanta energia generano oggi le fonti rinnovabili per loro. E questo è centinaia di miliardi di iniezioni.
                  1. Bakht Офлайн Bakht
                    Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 10: 34
                    +1
                    L'Europa non passerà al GNL, perché semplicemente non esiste una tale quantità di GNL nel mondo. Non è un argomento?
                    Continui a insistere affinché la Russia mantenga il suo status di "fornitore di gas affidabile". Gli accordi implicano che ci deve essere almeno un "acquirente affidabile di gas". E questo, grazie agli sforzi dell'Europa, ora semplicemente non è visibile. Se proponi di vendere gas in perdita in nome di questa stessa affidabilità, allora non posso farci niente.
                    I contratti vengono riesaminati, risolti e rinegoziati. In relazione alle ultime decisioni dei tribunali, Gazprom è semplicemente obbligata a rivedere TUTTI i contratti a lungo termine e ad abbandonarli. È tutto.
                    Strana logica. GazProm deve mantenere la sua reputazione, mentre l'Europa non ne ha bisogno. Tutta questa orgia sta accadendo per una sola ragione: la mancanza di volontà politica al Cremlino.
                    1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
                      Kristallovich (Ruslan) 4 August 2020 11: 28
                      +2
                      Nessuno ha detto che l'Europa, se succede qualcosa, rinuncerà "domani" al gas russo. Questo è un processo che richiederà molti anni. I volumi di produzione di GNL nel mondo stanno crescendo e molto rapidamente. Pertanto, non c'è nulla di irrealistico che gli europei inizieranno a passare attivamente al gas liquefatto, diciamo, tra 5-7 anni - no.

                      L'Europa non passerà al GNL, perché semplicemente non esiste una tale quantità di GNL nel mondo. Non è un argomento?

                      Non un argomento. La Russia ha esportato 2018 miliardi di metri cubi in Europa nel 200. E nel 2017, il volume totale della produzione di GNL nel mondo è stato di 323 miliardi di metri cubi. Sono sicuro che ora questa cifra è molto più alta e continuerà a crescere. È inevitabile.
                      1. Bakht Офлайн Bakht
                        Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 11: 33
                        +1
                        323 miliardi di metri cubi all'anno per TUTTO il mondo. Non è molto. Non ci sono 200 miliardi in più per l'Europa.
                        Gli impianti GNL in Australia stanno chiudendo. La costruzione di terminali GNL negli Stati Uniti è stata congelata. Sì, è possibile che il GNL sostituirà il gasdotto in futuro. Ma stiamo parlando dell'ora corrente e di un ritardo di 6-12 mesi. Bene, il costo. Al momento, il costo minimo del GNL è di $ 70 per mille metri cubi. Questo è senza spedizione e margine. Il fatto che ora venga venduto in Europa per $ 70 per mille non è per sempre. Il prezzo medio oggi è di $ 150.
                      2. Kristallovich Офлайн Kristallovich
                        Kristallovich (Ruslan) 4 August 2020 11: 35
                        +1
                        Gli impianti GNL in Australia stanno chiudendo. La costruzione di terminali GNL negli Stati Uniti è stata congelata.

                        Questo è un fenomeno temporaneo. La domanda è diminuita.

                        Ma stiamo parlando dell'ora corrente e di un ritardo di 6-12 mesi.

                        Quando si parla di energia e di mercati così grandi come quello europeo, dovrebbe essere una prospettiva di circa 5-10 anni. Minimo. Che cosa sono i 6-12 mesi in generale? Chi ne tiene conto ???
                      3. Bakht Офлайн Bakht
                        Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 12: 17
                        +1
                        È strano. È Gazprom che vuole un contratto a lungo termine per 20 anni. E l'Europa vuole un contratto spot. Nemmeno per 6 mesi, ma per un mese. Non lo trovi strano?
                        La domanda è diminuita ed è l'Europa a beneficiare di vantaggi momentanei. Semplicemente non pensano al lungo termine.
                      4. Kristallovich Офлайн Kristallovich
                        Kristallovich (Ruslan) 4 August 2020 12: 36
                        +2
                        Non lo trovi strano?

                        Cosa c'è di così strano in una pandemia ???
                      5. Bakht Офлайн Bakht
                        Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 12: 38
                        +2
                        La pandemia non ha nulla a che fare con questo. Il rifiuto dei contratti a lungo termine e l'arbitrato di Stoccolma erano molto prima.
                        Ma qualcos'altro è interessante. Non trovi strano che una delle parti si rifiuti di eseguire il contratto mantenendo gli obblighi dell'altra parte?
                      6. Kristallovich Офлайн Kristallovich
                        Kristallovich (Ruslan) 4 August 2020 12: 42
                        +2
                        Non trovi strano che una delle parti si rifiuti di eseguire il contratto mantenendo gli obblighi dell'altra parte?

                        Ovviamente questo non è normale. Ma la Russia non può fare nulla qui. La Polonia proietta la volontà e le idee degli Stati Uniti, Berlino non può e non vuole fare pressione su Varsavia.
                      7. Bakht Офлайн Bakht
                        Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 13: 08
                        +2
                        Ecco perché parlo della mancanza di volontà al Cremlino. Se a una delle parti il ​​contratto non piace, deve essere annullato. E non per cambiare qualche parte. Il Cremlino deve abbandonare completamente gli obblighi contrattuali e interrompere le forniture di gas all'Europa. Consegnare solo con contratti spot con consegne un mese in anticipo. Questo è il desiderio dell'Europa.
                        Un'eccezione per gli acquirenti diretti come la Germania che non corrono in tribunale con azioni legali idiote.
  • Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2020 08: 38
    +2
    Di recente, guardando le dichiarazioni di reclamo, voglio solo chiedere: "Quando si calmeranno questi hick?" I mendicanti chiedevano soldi. Adesso sono esigenti.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 5 August 2020 10: 21
      0
      Hai giustamente notato che i nemici hanno trovato una "miniera d'oro", per qualsiasi motivo con i loro tribunali richiedono enormi quantità da GAZPROM e altre società russe (per tali affermazioni non russe, di regola, non ci sono) .... Ecco gli avvocati di GAZPROM per ragioni sconosciute senza opposizione sufficiente, accettano e pagano i miliardi richiesti ... Perché in risposta ai tribunali della Federazione Russa per non concedere richieste a tutti questi dilettanti, sì, non ci sono tali tribunali di ritorsione ... Ci sono ragioni sufficienti per le richieste: divieti irragionevoli e ritardi nei permessi, ostacoli alle aziende che incorrono in tale azioni di perdita (ad esempio, la Polonia può essere citata in giudizio per decine di miliardi per vietare la posa di un gasdotto attraverso la Polonia e per opporsi alle attività di GAZPROM e di altre società ai sensi di SP-1 SP-2 solo per motivi politici, le rivendicazioni della Bulgaria contro il divieto di posa dei gasdotti South Stream, quando oggi il gasdotto branch) è consentito, ecc. Qui è necessario richiedere decine di miliardi di dollari di danni, ma c'è un Solo concessioni e perdite multimiliardarie da parte del management di GAZPROM, che sono solo utenti delle risorse naturali dello stato, infatti, la ricchezza di tutti i cittadini della Federazione Russa ...