L'industria aeronautica statunitense sperimenta il massimo atterraggio duro


Anche sullo sfondo di un generale, per usare un eufemismo, tutt'altro che favorevole nella situazione americana l'economia la situazione nelle sue industrie "alate", legate sia al trasporto aereo che alla costruzione di aeromobili, appare particolarmente deprimente. Il Paese, che da molti anni detiene le posizioni di primo piano in queste aree, sta attraversando un periodo di “sbarco” estremamente doloroso che rischia di aggiungere ulteriori momenti distruttivi alla crisi senza precedenti negli Stati Uniti per ampiezza e profondità.


Allo stesso tempo, non si può tacere sul fatto che le cause dell'attuale situazione catastrofica non risiedono solo nella pandemia di coronavirus. Cos'altro?

"Il nostro equipaggio ti saluta ..."


Partiamo da cose che sono di conoscenza comune, ma fondamentali per comprendere la gravità dei problemi degli aviatori statunitensi. Ricordiamoci che non ci sono compagnie aeree statali nel paese in quanto tale. Fino a poco tempo fa, l'80% di tutto il traffico aereo (sia nazionale che internazionale) era controllato dalle cosiddette "tre grandi" compagnie aeree: American Airlines, Delta Air Lines e United Airlines. C'erano, tuttavia, una dozzina di vettori in più, rappresentando una mera "piccolezza" sulla scala degli Stati Uniti. Non si sa con certezza come stiano andando queste aziende oggi e quante di loro siano sopravvissute. Tuttavia, in base a quanto sono salati i leader di mercato al giorno d'oggi, sorgono le ipotesi più cupe.

Il fatto è che, nonostante il dominio completo e indiviso delle "società private" nel campo del trasporto aereo, il governo federale degli Stati Uniti sovvenziona regolarmente e molto generosamente questo settore, e stiamo parlando di iniezioni che ammontano a molti miliardi di dollari. Nell'attuale situazione di crisi, anche il Washington ufficiale non si è fatto da parte, offrendo ai rappresentanti dei Tre Grandi finanziamenti più che generosi in cambio di impegni per preservare i posti di lavoro. Ad esempio, la stessa United Airlines ha ricevuto 50 miliardi di dollari dal bilancio federale, in cambio di una promessa di giuramento, fino al 30 settembre, non solo per non licenziare una sola persona, ma nemmeno per "tagliarne" gli stipendi. Le autorità americane sono abbastanza comprensibili: se i vettori aerei effettuano riduzioni di personale su larga scala, l'intera orda di nuovi disoccupati si schiererà immediatamente per ottenere i sussidi, che dovranno essere nuovamente pagati dal tesoro. Quindi è meglio lasciare che le aziende provino a "rimanere in aria" - forse funzionerà?

Ahimè, a quanto pare, non funziona. La stessa United Airlines ha già rilasciato un comunicato ufficiale rivolto ai propri dipendenti, che sicuramente non farà loro piacere. "Siamo stati onesti con te nell'avvertire che la dimensione della forza lavoro verrà adeguata alla domanda di viaggi", si legge nel messaggio. "Allineamento" comporterà licenziamenti (anche se posizionati come "temporanei") per almeno 36mila persone che oggi lavorano alla United Airlines. Il fatto che prevedano di tagliare circa la metà del personale impiegato negli Stati Uniti testimonia quale sia la reale domanda e come vedono le proprie prospettive nella gestione dell'azienda. Cosa puoi fare: il volume di traffico a luglio 2020 è diminuito di oltre il 75% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Non è assolutamente migliore la situazione con American Airlines Group, dove dopo la scadenza delle "garanzie" federali, cioè dal 1 ° ottobre, si intende mettere fuori dai cancelli più di un quinto dei propri dipendenti - 25mila persone -. I primi ad "uscire" (per ora - sulle cosiddette "ferie non pagate") saranno i dipendenti di aeroporti e altri tecnico personale. Inoltre, chi lo sa ...

La corrispondente lettera di avvertimento è già stata inviata a tutta la squadra. Non sorprende se si guardano le dure statistiche finanziarie recentemente rilasciate dai rappresentanti della terza compagnia aerea leader negli Stati Uniti, Delta Air Lines. La perdita netta di questo vettore nell'aprile-giugno 2020 è stata di oltre 5.72 miliardi di dollari. I ricavi della società sono diminuiti dell'88%, con il calo dei ricavi dal traffico passeggeri del 94% e dai voli cargo "solo" del 42%. La capitalizzazione della società dall'inizio dell'anno è diminuita del 54%, anzi, il prezzo è diminuito di oltre la metà.

Prima gli aeroplani? Per che cosa?!


Con un calo così catastrofico della domanda di viaggi aerei e l'impoverimento anche delle aziende leader del settore, il futuro delle società coinvolte nella creazione di aerei alati appare più che desolante. Nel caso che stiamo considerando, stiamo parlando, prima di tutto, di un gigante mondiale della produzione di aeromobili come Boeing Co. La crisi globale causata dalla pandemia di coronavirus è diventata per questa società solo la continuazione di una lunga serie di problemi iniziati con due incidenti aerei Boeing 737 MAX che hanno portato al completo smantellamento degli aerei di linea di questo modello in tutto il mondo. In definitiva, il calo della domanda per i prodotti dell'azienda è diventato completamente senza precedenti: nel secondo trimestre del 2020, Boeing ha consegnato ai clienti quasi il 78% di aeromobili commerciali in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Allo stesso tempo, la riduzione ha interessato l'intera "linea" del produttore - dai modelli 737 a 787.

Alcuni di loro, come è diventato noto, non sopravviveranno affatto ai tempi difficili attuali. Pertanto, la società ha già annunciato le sue intenzioni di interrompere completamente la produzione di uno dei suoi iconici "figli" - il famoso Boeing 747-8, noto come Jumbo Jet. Questo aereo passeggeri quadrimotore, di cui sono state prodotte più di un migliaio e mezzo di unità dal 1969, è riconosciuto come irrimediabilmente superato e "non si adatta alle nuove realtà economiche". Aveva cessato di essere richiesto dalle compagnie aeree molto prima dell'inizio della pandemia, e ora era completamente non reclamato. L'ultimo Jumbo Jet sarà assemblato entro i prossimi due anni in una fabbrica di aerei vicino a Seattle, dopodiché questo modello diventerà finalmente una proprietà della storia.

Inoltre, invece di sviluppare e testare nuovi modelli per sostituire quelli obsoleti, la società è fermamente impantanata in varie controversie commerciali, contenziosi e altri contenziosi. Ad esempio, la compagnia aerea norvegese Norwegian Air Shuttle ASA è determinata a rompere il suo precedente contratto per l'acquisto di oltre 90 unità Boeing 737 MAX. Inoltre, gli scandinavi dispersi stanno anche cercando di dare il via all'acquisto di cinque Boeing 787 Dreamliner, riferendosi al fatto che i motori installati su di essi sono prodotti da Rolls-Royce Holdings Plc. presumibilmente non funzionano normalmente, il che costringe la compagnia aerea a svolgere "lavori tecnici non pianificati", portandola a ulteriori perdite. Per quanto si sa, la Norwegian Air Shuttle ha cercato di risolvere la questione del risarcimento con Boeing "in modo amichevole", senza arbitrati e cause legali, ma la società non si è riunita a metà. È facile indovinare cosa succederà dopo.

A loro volta, gli stessi produttori di aerei americani "si sono imbarcati sul sentiero di guerra" con la compagnia brasiliana Embraer, accusata di aver infranto i precedenti accordi. Allo stesso tempo, il che è tipico, entrambe le parti si incolpano a vicenda per disonestà, disonestà e frode quasi dolosa. L'essenza del conflitto è quella tra Boeing Co. ed Embraer, già nel 2018, è stato raggiunto un accordo per creare una joint venture per la produzione di velivoli per l'aviazione civile. In base all'accordo, gli americani dovevano investire 4.2 miliardi di dollari nell'attività e, di conseguenza, ricevere una quota dell'80%. In realtà, dopo due anni, né il denaro è stato pagato, né l'impresa è stata creata. Woz, come si suol dire, è ancora lì ei partner falliti continuano a comunicare in modo estremamente nervoso nei tribunali.

Il momento più spiacevole per gli Stati Uniti può essere considerato il fatto che il direttore generale dell'Embraer Francisco Gomez Netto abbia già rilasciato una dichiarazione in cui ha sottolineato che partner "affidabili" come gli americani, le sue società non servono per niente. Inoltre, la parte brasiliana intende considerare le prospettive di cooperazione nel campo della costruzione di aeromobili "con altri paesi". Ciò significa Russia, India e persino Cina, che ora è, ovviamente, un coltello affilato per gli americani. Allo stesso tempo, è impossibile tacere sul fatto che i problemi che stanno ora prevalendo in alcuni settori dell'economia statunitense sono in gran parte radicati nel duro confronto con il Celeste Impero scatenato da Donald Trump e dalla sua amministrazione. Chissà, Pechino avrebbe preso la decisione di ignorare le richieste disperate di Delta Air Lines e United Airlines in merito alla ripresa dei loro voli per la Cina al livello precedente la pandemia, se non fosse per la costante retorica anti-cinese di Washington ufficiale. Era necessario accusare più compagni cinesi di "creare e diffondere il coronavirus", imporre sanzioni contro di loro ancora più ampiamente, non è chiaro il motivo, e condurre interminabili discorsi su una sorta di "risarcimento" presumibilmente dovuto da Pechino. agli "americani colpiti" e calcolati in quantità esorbitanti! La parte cinese, che ha ripetutamente sottolineato la propria riluttanza a discutere anche di affermazioni così assurde, piuttosto che seguirle, chiude abbastanza naturalmente le "porte" del loro paese per gli americani di oggi, compreso il suo spazio aereo.

A Washington, invece di riflettere sul proprio comportamento e rivederlo prima che sia troppo tardi, continuano a seguire il loro solito modo di introdurre nuovi divieti e restrizioni. Ricordiamo che dopo le accuse rivolte alla Cina dal Dipartimento dei Trasporti americano di aver violato alcuni "accordi bilaterali" (tra l'altro non c'è accordo sui "cieli aperti" tra i paesi), Donald Trump con grande entusiasmo ha firmato un decreto , secondo la quale, dal 16 giugno, alle compagnie aeree cinesi è vietato effettuare voli di linea verso gli Stati Uniti. Fino a quando non "cambiano idea" e "si correggono" ... Il fatto che Pechino, che è estremamente seria su tutto ciò che è finalizzato a prevenire un secondo focolaio di coronavirus nel Paese, è sempre più sensibile agli attacchi degli Stati Uniti , in questo caso si tirerà indietro, sembra più che problematico. Piuttosto, nella realtà attuale dell'estremo aggravamento del confronto tra i due paesi, ci si dovrebbe aspettare una completa chiusura del cielo cinese per le compagnie aeree americane.

Chi perderà di più da questa è una domanda retorica, soprattutto tenendo conto dei fatti e delle statistiche di cui sopra. Ad esempio, l'amministratore delegato di Delta Air Ed Bastian ha recentemente affermato che il colpo ai viaggi aerei negli Stati Uniti causato dalla pandemia e dalla conseguente crisi finanziaria ed economica è stato "travolgente" e, a suo avviso, una "ripresa sostenibile" del settore prima che tra un paio d'anni non vale nemmeno la pena di sognare. Inoltre guidato "in tilt" politico giochi di Washington, l'aviazione americana potrebbe non uscirne.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 August 2020 09: 29
    0
    Chi è facile ora?
    È ora di calcolare ciò di cui hai bisogno dall'avionica e comprare, comprare, comprare a buon mercato. Medvedev una volta ha comprato Boeings invece di quelli domestici, e niente, è diventato presidente.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 4 August 2020 09: 45
      0
      È ora di calcolare ciò di cui hai bisogno dall'avionica e comprare, comprare, comprare a buon mercato. Medvedev una volta ha comprato Boeings invece di quelli domestici, e niente, è diventato presidente.

      Acquista e appendi al muro? Cosa pensi di farne? È saggio sviluppare la produzione della nostra avionica e non salvare un concorrente in tempi difficili. Puoi comprarti, all'improvviso diventi presidente. hi
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 4 August 2020 15: 46
        -1
        Wah, con piacere. Ma ... capisci ... le nostre parentesi graffe non sono quelle di cui canta Leningrado ...

        Ma ci sono campioni, ci sono tecnologie, brevetti, ma alcuni di essi sono semplicemente non redditizi da produrre a causa della scarsa circolazione ... in generale, come scrive Vladimir dal basso, "come fecero in URSS durante la crisi del 1929. ....... ".

        Buon senso e volontà, ma ...
    2. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 4 August 2020 11: 04
      +2
      Il processo descritto nel post è solo all'inizio. Il collasso globale dell'industria del turismo non è ancora così evidente. Nella forma a cui siamo tutti abituati, non rinascerà più.
      Inoltre, durante le quarantene, le persone si sono abituate alla comunicazione online. Pertanto, anche tutti i tipi di conferenze internazionali (e non solo) tenute in gran numero passeranno alla storia.
      Bene, anche l'inadeguatezza degli ameri notata dall'autore avrà un ruolo.
      Pertanto, come ho più volte notato, gli americani avranno il momento più difficile nella crisi imminente.
      Ed è giunto il momento per noi di dare impulso alla nostra industria aeronautica.
      E il fatto che sia stato Medvedev ad acquistare Boeings è solo un indicatore del fatto che ciò non dovrebbe essere fatto.
    3. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2020 11: 06
      -1
      Bisogna acquistare non prodotti, ma tecnologie (licenze, ecc.), Come fecero in URSS durante la crisi del 1929 ... E poi sviluppare noi stessi l'intera economia dello Stato con finanziamenti statali, perché durante le crisi il settore privato è in una posizione "bugiarda" ... Ad esempio, secondo l'articolo, negli Stati Uniti, lo stato fa sforzi per resuscitare le società private, ma se la crisi si prolunga, è improbabile che aiuti in modo significativo ...
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 4 August 2020 16: 55
        +1
        È necessario acquistare non prodotti, ma tecnologie (licenze, ecc.), Come hanno fatto in URSS durante la crisi del 1929 ..

        Forse mi sbaglio, ma ora, di regola, devi acquistare un'impresa e poi spostare la produzione a casa. E questo è ancora un problema, il "paese della colonna di denaro" sta pompando trilioni nelle sue azioni. Bene, o per una licenza per inviare costantemente una piccola quota all'estero. hi
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 4 August 2020 09: 42
    0
    In base all'accordo, gli americani dovevano investire 4.2 miliardi di dollari nell'attività e, di conseguenza, ricevere una quota dell'80%. In realtà, dopo due anni, né i soldi sono stati pagati, né l'impresa è stata creata. Woz, come si suol dire, e ora lì, ei partner falliti continuano la comunicazione estremamente nervosa nei tribunali.

    Secondo uno schema simile, nel nostro paese venivano allevati aborigeni creduloni.
  3. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
    Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 4 August 2020 11: 31
    0
    Secondo l'autore, l'America è un altro kirdyk. Almeno, l'aviazione. In questo contesto, l'aviazione della Federazione Russa crescerà sicuramente.
  4. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 4 August 2020 12: 50
    0
    Necropic nel suo repertorio - ancora una volta seppellisce gli Stati Uniti e la sua industria. E i Boeing, dato che costituivano metà della flotta mondiale di aerei, lo fanno ancora. Ebbene, niente, dopotutto, un giorno la Boeing si piegherà e il mondo intero passerà agli aerei russi. :)
    1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
      Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 4 August 2020 21: 05
      -1
      C'è anche Kharaluzhny su Topvar. Scarabocchiano lo stesso, sospetto, e la faccia è la stessa.
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 5 August 2020 03: 24
        +1
        In effetti, è molto simile.
  5. Obama Barakov Офлайн Obama Barakov
    Obama Barakov (Obama Barakov) 5 August 2020 10: 09
    -2
    Non simpatizzo, perché anche gli Stati Uniti dovrebbero vivere di quello che guadagnano, e non delle bolle delle dot-com e delle macchine da stampa.