Egitto e Turchia sono entrati nella guerra "per procura"


Nessuno voleva una guerra tra Turchia ed Egitto. La guerra tra di loro è inevitabile. È vero, molto probabilmente, avrà luogo nel formato di una guerra "per procura". Cosa ci dà motivo di crederlo, proviamo a capirlo.


Nella lotta con Ankara per l '"eredità libica", il Cairo è ora alla ribalta. Il pubblico patriottico turco, credendo nella forza del proprio esercito, si prepara ad abbattere gli aerei di fabbricazione russa in servizio nell'aeronautica militare egiziana e a bruciare i carri armati russi per inviarli a "rottami metallici". Chi sta per esaurirsi o bruciare chi è una domanda discutibile. Sul tema delle reali capacità dell'aeronautica militare turca in Libia, noi motivata separatamente.

Vale la pena notare che sia il presidente Erdogan che il suo collega Al-Sisi preferirebbero chiaramente evitare uno scontro di forze diretto, preferendo agire in modo sottile e orientale. Ci sono almeno due ragioni importanti per cui il Cairo intraprende una guerra con i turchi.

In primo luogo, è una questione di sicurezza nazionale. In Egitto, di recente si è verificato un colpo di stato militare, a seguito del quale il presidente Mohammed Morsi è stato estromesso dal potere. Nonostante questo, nella terra delle piramidi, ci sono ancora molti dei suoi sostenitori del movimento dei Fratelli Musulmani, considerato filo-turco. Sarebbe estremamente miope per tutte le ex province del Porto Grande ignorare i tentativi di "vendetta neo-ottomana" attivamente perseguiti dal presidente Erdogan. Avendo stabilito un punto d'appoggio in Libia, i turchi potrebbero in futuro aiutare in un colpo di stato nel vicino Egitto, stabilendo un governo fedele al Cairo.

Va notato che il presidente Al-Sisi ha già praticamente risolto questo problema ottenendo il permesso dall'unione tribale e dal parlamento libico per inviare truppe. Si può presumere che il paese nordafricano di fatto un tempo prospero sarà diviso in sfere di influenza: l'Occidente rimarrà con la Turchia, l'Oriente con l'Egitto. Il confine non detto sarà la "linea rossa" che il Cairo ha tracciato vicino a Sirte. Ma questo non significa che la guerra finirà lì.

Molto probabilmente, si trasformerà in scontri tra "delegati" turchi nella persona dei militanti del PNS e dell'LNA sostenuta dall'egiziano di Khalifa Haftar, e le loro retrovie da entrambe le parti sosterranno, impedendo una sconfitta finale, e riforniranno eserciti professionali. Ciò significa una guerra senza fine, ma il Cairo proteggerà così i suoi interessi nazionali creando una zona cuscinetto nella zona di confine.

In secondo luogo, fino a quando il problema del denaro non sarà completamente risolto. Economia L'Egitto è in uno stato deplorevole. A causa della pandemia, il famoso centro turistico ha perso il 5% del suo PIL e un altro 10% del suo PIL sotto forma di trasferimenti da egiziani che lavorano all'estero. Inoltre, una diga idroelettrica in costruzione in Etiopia rischia di distruggere l'agricoltura tradizionale nella Valle del Nilo. Il Cairo è stato costretto a chiedere al FMI un prestito multimiliardario, ma sarà concesso solo a condizioni apertamente predatorie.

Un vero toccasana potrebbe essere la trasformazione dell'Egitto in un importante esportatore di risorse energetiche che si trovano nel Mediterraneo orientale. C'erano piani reali per aumentare in modo significativo il volume delle forniture, ma poi la Turchia ha incrociato la strada. In cambio dell'assistenza militare a Tripoli, il presidente Erdogan ha ridisegnato a fondo i confini marittimi con la Libia a suo favore, mettendo in discussione le ambizioni del gas degli egiziani.

Il problema deve essere risolto con urgenza, ma preferibilmente senza una guerra diretta con uno stato con un potente esercito e marina. E anche qui la diplomazia orientale si mostra in azione. È stato riferito che il Cairo ha inviato XNUMX dei suoi soldati in Siria per sostenere Damasco. Lo ha confermato l'agenzia turca Anadolu:

Le truppe egiziane sono state dispiegate nell'area di Khan al-Asal nella campagna occidentale di Aleppo e intorno alla città di Saraqib nella campagna meridionale di Idlib.

È chiaro che 148 combattenti non cambieranno gli equilibri di potere a favore dei siriani, ma questo è un chiaro segnale ad Ankara. Se non è possibile concordare sulla parte economica in Libia, allora l'Egitto creerà un problema per la Turchia già nel suo ventre, inviando soldati e militanti e, possibilmente, fornendo assistenza militare ai siriani con elettrodomestici e altre forniture. Come puoi vedere, queste ricette funzionano in entrambi i modi.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2020 11: 32
    -1
    Sempre, dopo la partenza dell'indiscutibile egemone, come gli Stati Uniti, inizia una ripartizione da parte di "egemoniti" minori. La Turchia, ovviamente, è militarmente più forte dell'Egitto, ma anche la Francia e altri vogliono partecipare alla divisione del territorio e avere i propri bonus, quindi la serie di cifre per il gioco è in aumento, tutto è difficile ...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 4 August 2020 12: 09
      0
      Citazione: Vladimir Tuzakov
      Sempre, dopo la partenza dell'indiscutibile egemone, quello che erano gli Stati Uniti

      Dove è andato esattamente?
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 4 August 2020 12: 33
        +3
        Dove è andato esattamente?

        A quanto pare, dove hanno mandato. sorriso Ricordi come gli Stati Uniti hanno lasciato la Libia?
      2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2020 12: 43
        0
        Sul Pacifico per radunare le forze, la Cina è il nemico numero uno all'ordine del giorno ... Anche negli Stati Uniti. Per fare "USA first", c'è molto da fare, solo una pandemia e la crisi in arrivo mostreranno ancora "dove i gamberi svernano" ...
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 4 August 2020 11: 36
    +1
    L'Occidente rimarrà con la Turchia ...

    È improbabile che la Turchia interrompa qualcosa in Libia.
    Lo scontro è sbagliato da considerare come la Turchia - Egitto. La Turchia è sola in questa partita, ma contro Francia, Egitto, KSA, Russia e Israele. Questo per non parlare del fatto che i turchi sono entrati in Siria, e ora anche nella disputa armeno-azera.
    Qui devono pensare non a come strappare un pezzo dalla Libia, ma a come sopravvivere sulla mappa nella sua forma precedente.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2020 11: 55
      +1
      boriz ha giustamente notato che la Turchia ha problemi ... Gli Stati Uniti sono zelanti in questo, sostenendo i curdi e, di fatto, la statualità curda, che è chiaramente un problema esistenziale per la Turchia. Inoltre, anche il colpo di stato fallito dagli Stati Uniti con il pianificato assassinio di R. Erdogan non è stato dimenticato ... Gli Stati Uniti hanno iniziato a distruggere direttamente la Turchia come leader regionale. Da qui la posizione della Federazione Russa - il nemico del mio nemico, amico mio ... Ciò implica la necessità di relazioni alleate con la Turchia, oltre che con l'Iran. In questo scenario alleato, gli Stati Uniti perderanno i "giochi" mediorientali, altrimenti tutti subiranno un'ulteriore sconfitta da soli. Ad esempio, gli Stati Uniti stanno trasformando l'Armenia in un'Armenia anti-russa, legata all'Occidente e alla NATO, questo è quasi un fatto compiuto - l'ennesima sconfitta per la Federazione Russa. Pertanto, non esitate e agite in alleanza ... La Russia ha il problema principale, il governo liberale compradore e gli alti funzionari, che sono legati ai nemici della Russia dalle loro proprietà, famiglie viventi e altri legami, e durante il periodo di confronto sono come traditori nelle loro file ...
  3. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
    Barmaley_2 (Barmale) 5 August 2020 01: 47
    0
    Gli egiziani sono guerrieri del tutto inutili, lì da 100mila ci sarà poco senso e quasi 150mila non parlano di niente. Un'altra cosa è che l'Egitto ha una grande eccedenza di popolazione e persino un paio di lama per mettere le persone in loro - questo è un argomento normale per loro in effetti.