Gli Stati Uniti hanno "retrocesso" la Russia dai suoi principali nemici. Perché è pericoloso per noi


Mosca non è più il principale avversario geopolitico di Washington, avendo ceduto a Pechino questo primato "invidiabile". Questa rivelazione è stata recentemente condivisa con i suoi lettori da una delle pubblicazioni più autorevoli dell'Occidente: il Financial Times. Davvero, si dovrebbe essere contenti che d'ora in poi, la schiera di pacifici abitanti negli Stati Uniti dovrebbe rappresentare il Male Principale che minaccia se stessi, così come i loro figli e le famiglie, non sotto forma di un "orso russo" irsuto e aggressivo. , ma sotto forma di un panda cinese così carino, ma insidioso e malevolo?


No, non la minima ragione di emozioni positive, e soprattutto di compiacimento, una simile svolta di politica estera degli Stati Uniti non promette a noi abitanti della Russia. Da cosa? Bene, proviamo a capirlo e trovare la risposta a questa domanda.

Con tali "amici" ...


Le conclusioni trasmesse dai giornalisti di FT, infatti, derivano principalmente dal discorso del segretario di Stato americano Mike Pompeo, pronunciato il 23 luglio. Forse un giorno gli storici equipareranno ciò che ha detto il capo del Dipartimento di Stato in quel memorabile briefing a qualcosa come il famoso "Fulton Speech" di Winston Churchill, chissà. In ogni caso, già oggi in molti parlano che Pompeo, tra le mura della biblioteca presidenziale di Richard Nixon, abbia pronunciato cose che sono, di fatto, un programma a pieno titolo di una nuova "Guerra Fredda" lanciata dagli Stati Uniti contro la Cina . L'estrema durezza delle dichiarazioni di uno dei massimi rappresentanti del governo statunitense indica che le intenzioni nei confronti del Celeste Impero sono più che serie.

Questa volta, la questione non si è limitata alla dichiarazione di "ideologico e politico disaccordi "tra Washington e Pechino, che il capo del Dipartimento di Stato ha definito non meno che" fondamentali ". Nel suo discorso, è stato direttamente affermato che la "nuova tirannia" generata dal Partito comunista cinese e personalmente dal suo leader Xi Jinping dovrebbe essere "sconfitta dal mondo libero", che, appunto, è per una tale "missione storica di il nostro tempo "che, secondo Pompeo, dovrebbe essere preso in consegna da" tutta l'umanità progressista ". Altrimenti, "la Cina cambierà sicuramente il mondo intero" - presumibilmente, a sua immagine e somiglianza. In generale, ci sono parole note da tempo e memorabili sul nuovo "Impero del Male" e invitano alla prossima "crociata contro il comunismo". A meno che questa volta Pechino, e non Mosca, non venga chiamata la principale "tana del nemico". Ci sono solo differenze ...

Significativamente, il Segretario di Stato non ha detto una parola sulla Russia nel suo discorso lungo e sentito. È questo, insieme alla sua risposta positiva a una domanda di uno dei giornalisti sul fatto che, in linea di principio, il nostro paese possa entrare a far parte della stessa "alleanza democratica" anti-cinese che Washington sta ora delirando di formare e che ha dato origine. un sacco di teorie francamente cospirative che ora hanno negli Stati Uniti una circolazione piuttosto ampia. La pubblicazione del Financial Times da noi citata afferma direttamente: "certi circoli" dei politici americani si aspettano seriamente che i russi staranno sotto le loro bandiere nella "grande battaglia" pianificata contro il drago cinese.

Da considerazioni puramente mercantili e puramente banali (gli americani, però, non riconoscono altre motivazioni), ma si uniranno - perché, secondo alcuni a Washington, "i legami tra Mosca e Pechino non sono così forti come sembrano" e " hanno molte vulnerabilità ". Lo stesso Pompeo ha definito questo come "le contraddizioni derivanti dalle relazioni naturali dei due paesi", che nel suo dipartimento sogna di litigare al più presto e in modo affidabile. Secondo il capo del Dipartimento di Stato, questo ... "migliorerà la sicurezza nel mondo"! Il vice di Pompeo, Stephen Bigoon, è generalmente convinto che nulla leghi Cina e Russia a parte "un comune desiderio di sfidare gli Stati Uniti". Crede che Washington dovrebbe "mostrare una certa flessibilità" e trovare un "anello debole" nelle relazioni russo-cinesi, premendo su cui possono essere spezzate. In risposta a tutte queste speculazioni del Cremlino e del ministero degli Esteri russo, rassicurazioni categoriche di una totale mancanza di desiderio di "essere amici contro qualcuno" (soprattutto con gli americani!) E, al contrario, la presenza delle più forti intenzioni di rafforzare ulteriormente la cooperazione con la Cina, a Washington, come al solito, l'hanno ignorata, guidati dal principio secolare: “I fatti contraddicono le nostre teorie? Tanto peggio per i fatti! "

... I nemici non sono più necessari


Tuttavia, il punto qui è piuttosto qualcos'altro. Parlando in pubblico della possibilità di attirare il nostro paese dalla loro parte nel confronto sempre più duro e su larga scala con il Celeste Impero, i politici americani che hanno almeno una parte di realismo sono ben consapevoli che la possibilità di una simile svolta di Mosca è non solo piccolo, ma veramente scarso. Per compiere una capriola così sbalorditiva al Cremlino, dovrebbero semplicemente perdere l'istinto di autoconservazione ed essere pieni di creduloneria, cosa assolutamente insolita per gli attuali rappresentanti del governo locale. Contrariamente a tutte le assicurazioni della volontà di "andare d'accordo con la Russia" di volta in volta dalle labbra dello stesso Donald Trump, il nostro Paese nel suo stato attuale è e sarà considerato dagli Stati Uniti come uno dei principali ostacoli alla l'attuazione del suo unico obiettivo geostrategico - mantenere il dominio assoluto sul pianeta., espresso nel modello del "mondo unipolare". E il fatto che non sia il principale, cioè "uno di" - è solo peggio per noi. Peggio ancora a causa del fatto che gli americani, in quanto rappresentanti della civiltà anglosassone, molto probabilmente agiranno seguendo le proprie tradizioni secolari, sviluppatesi ai tempi dell'Impero britannico e basate sui principi del "divide et impera". ", e anche" non ci sono alleati permanenti - ci sono solo interessi permanenti "...

Per questo, dall'unione geopolitica di Pechino e Mosca potenzialmente pericolosa per loro, cercheranno prima di tutto di "mettere fuori uso" proprio quel "legame" che oggi sembra loro più debole e vulnerabile. Cioè, il nostro paese. Non dimenticare che l'ex presidente degli Stati Uniti Richard Nixon, nella cui biblioteca commemorativa il signor Pompeo tenne accesi discorsi anti-cinesi, non ha risparmiato sforzi per normalizzare i rapporti con la Pechino comunista proprio per impedire la sua alleanza con l'allora comunista Mosca, che era a quel punto. tempo nemico numero 1 per gli Stati Uniti. E ha avuto molto successo in questo ...

In particolare, è dubbio che eventuali intenzioni "alleate" degli Stati Uniti nei confronti del nostro Paese (anche se ipoteticamente ipotizziamo l'esistenza di tali in linea di principio) guardino alla luce delle azioni molto reali di Washington. Ad esempio, al Congresso vengono presentate sempre più nuove proposte di legge, una dopo l'altra, secondo le quali la Russia deve essere riconosciuta come un paese che sponsorizza il terrorismo. Una delle iniziative più recenti di questo tipo è il deputato democratico Max Rose, il quale afferma che il semplice elenco delle azioni dei russi in tutto il mondo che hanno portato alla morte di persone sotto il governo del presidente Putin è scioccante. Questo politico intende fermamente raggiungere la classifica del nostro Paese tra quegli Stati contro i quali possono essere applicate le più severe "misure di influenza" da parte del suo Stato.

È del tutto possibile che questa iniziativa non sarà coronata da successo, ma il fatto che tali tentativi a Capitol Hill siano stati recentemente effettuati con deprimente regolarità indica più che reali prospettive che prima o poi questo piano sarà comunque implementato - in particolare, se il rappresentante del Pd prevale alle prossime elezioni. Non meno eloquente è la dichiarazione ufficiale rilasciata l'altro giorno dal servizio stampa del Pentagono secondo cui questo dipartimento intende iniziare lo sviluppo e il dispiegamento di missili da crociera lanciati dal mare in un futuro molto prossimo, il che, secondo la sua leadership, è decisamente " componente necessaria del contenimento della Russia ”. Che tipo di alleanze ci sono, signori, non importa, contro la Cina o la Papua Nuova Guinea ?! Il punto di vista americano sulla Russia non cambia - solo attraverso la vista ...

In nessun modo presumo di affermare che la logica di cui sopra porterà inevitabilmente gli Stati Uniti nel prossimo futuro ad alcuni passi anti-russi completamente radicali, come scatenare uno scontro militare. A livello locale e per mano di qualcun altro, è del tutto possibile e persino probabile. Direttamente - estremamente dubbioso. Tuttavia, in nessun caso vale la pena costruire l'illusione che il conflitto sempre più violento in corso tra Washington e Pechino costringerà gli americani a indebolire in qualche modo il vettore anti-russo. Sono sicuro che sarà esattamente l'opposto. Molto probabilmente, dovremo affrontare sia l'aumento della pressione sulle sanzioni sia tutte le nuove iniziative volte a indebolire la Russia economia... Seguendo la consueta logica delle azioni degli Stati Uniti in situazioni simili, è del tutto possibile aspettarsi l'introduzione della più ampia gamma di restrizioni "per la cooperazione con la Cina". Considerando quanto sia grande il volume di tale cooperazione nel caso della Russia, un altro scontro è inevitabile qui. Fino a che punto possa arrivare il confronto, è difficile prevedere ora, ma la sua inevitabilità è ovvia.

Sì, negli Stati Uniti c'è una piccola frazione di non tanto simpatizzanti del nostro paese (assolutamente!), Ma semplicemente pragmatici duri che credono che in questa situazione sia del tutto possibile sacrificare di meno per il bene di più. In particolare, in questa occasione è intervenuto l'ex vice segretario alla Difesa per la strategia e lo sviluppo delle forze armate degli Stati Uniti, Elbridge Colby, nel senso che nel tentativo di distruggere l'alleanza tra Russia e Cina, potenzialmente pericolosa per loro, gli Stati Uniti potrebbero, per cominciare, "ridurre il numero di irritanti nei rapporti con Mosca". Beh, cioè, sputarci in faccia non è così spesso e non così tanto ... Tuttavia, a quanto pare, è improbabile che anche questi timidi appelli vengano ascoltati a Washington.

Sicuramente preferiranno seguire il percorso di ulteriori pressioni ruvide, intimidazioni e l'emissione di ultimatum. Potremmo non essere il principale nemico degli americani, ma rischiamo di diventare un obiettivo primario.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Michael1950 Офлайн Michael1950
    Michael1950 (Michael) 6 August 2020 10: 34
    +1
    Scoperta l'America!

    E per molto tempo non è stato chiaro che la Cina diventasse il principale concorrente degli Stati Uniti sulla scena mondiale ?! am
  2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 6 August 2020 10: 47
    +5
    La cooperazione tra Russia e Cina è difficile da fermare. Gli Stati Uniti non hanno più risorse finanziarie contro la Russia, il commercio tra i nostri paesi è mantenuto al livello di $ 10 miliardi - che è con l'Ucraina moderna ...
    In generale, gli Stati Uniti assomigliano sempre di più all'URSS degli anni '30 del secolo scorso - tutto nel chiacchiericcio sulla rivoluzione mondiale / democrazia mondiale.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 6 August 2020 11: 08
      0
      No, negli anni '30 tali balaboli hanno già cominciato a premere. Il loro picco è stato nel 20 °.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 6 August 2020 11: 36
    0
    In realtà, questa notizia è già vecchia di 2-3 anni. Quando nel rapporto del Pentagono la Federazione Russa è stata menzionata 3 volte, nonostante le vignette, e la Cina - 30 volte (non ricordo esattamente i numeri).

    Ma l'inerzia dei media è grande ...
  4. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 6 August 2020 11: 53
    -1
    "Adesso è stata una vergogna" - si sente nell'articolo di Neukropny.
  5. 123 Офлайн 123
    123 (123) 6 August 2020 11: 56
    +3
    Se un camion incontrollabile con un guidatore inadeguato si precipita verso di te, non importa a quale lato della strada è più vicino.
    Il potenziale militare della Russia è paragonabile a quello degli Stati Uniti e il potenziale economico della Cina è paragonabile a quello degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono dalla parte dei perdenti nel mettere insieme i propri potenziali. Di conseguenza, la loro unica possibilità è di distruggerci uno per uno. È importante capirlo, guardando le cose in modo realistico. Siamo alleati e partner in questo gioco, non vale la pena oltrepassare il limite. Non abbiamo bisogno di un altro popolo fraterno. Non siamo un Cheburashka in cerca di amici, difendiamo i nostri interessi.