Triplo "tratto": Kiev si è trovata tra Stati Uniti, Cina e Russia


La prospettiva di un'ulteriore esacerbazione del conflitto tra Washington e Pechino non aggiunge ottimismo a nessuno. Non è molto buono per il mondo intero l'economia... E questo per non parlare delle già inquietanti prospettive che si profilano nel caso in cui lo scontro, Dio non voglia, raggiunga uno stadio "caldo", che rischia di sfociare in un cataclisma termonucleare planetario. Con tutto questo, c'è un paese per il quale la lite tra gli Stati Uniti e il Celeste Impero, divampando sempre più ardentemente, è del tutto simile alla morte. In questo caso, si tratta dell'Ucraina. Perché è successo e dove c'entra il nostro Paese?


Questa situazione, come la maggioranza assoluta delle collisioni nel nostro momento difficile, ha almeno due componenti: politico e puramente mercantile, cioè economico. Tuttavia, entrambi sono intrecciati e intrecciati in un modo così stretto che non puoi dire immediatamente dove finisce uno e inizia l'altro ...

"Ci consegneranno ai russi ?!"


Le "riverenze" del Segretario di Stato Usa Mike Pompeo in direzione di Mosca, che egli ipoteticamente vorrebbe vedere come alleata di Washington nel confronto con il Celeste Impero, citate in uno degli articoli di recente pubblicazione, hanno provocato a Kiev non solo un attacco di tetro orrore, ma un'ondata di vero panico. E questo non sorprende affatto, se si considera quali previsioni e ipotesi, poco confortanti per il "no profit", si sono espresse al riguardo nella comunità degli esperti americani. Ad esempio, Matthew Creing, professore alla Georgetown University e allo stesso tempo editorialista per la nota pubblicazione di politica estera, ha sottolineato senza mezzi termini che il modo migliore per "negoziare con Putin e voltare le spalle alla Cina" non sarebbe solo "limitare le iniziative degli Stati Uniti. nel campo della difesa missilistica ", ma, soprattutto," il trasferimento dell'Europa orientale a Mosca come sua sfera di influenza ". Allo stesso tempo, gli analisti americani intendono, ovviamente, non i paesi del Vecchio Mondo, che sono stati a lungo saldamente inclusi nella NATO e nell'Unione Europea, ma solo il cosiddetto "spazio post-sovietico".

Gli Stati Uniti continuano ostinatamente a credere che "il Cremlino definisce i limiti della propria sicurezza non lungo i confini russi, ma lungo i confini dell'URSS". Da qui, dicono, e dal suo eterno desiderio "di fare della sfera dei propri interessi geopolitici esclusivi" quasi tutte le ex repubbliche dell'Unione Sovietica. Ucraina, prima di tutto. Bisogna ammettere che c'è del vero (e considerevole) in tale concetto. E come potrebbe essere altrimenti, se la Russia dovesse "perdere" una qualsiasi delle repubbliche "fraterne", e lì, vedete, domani è "Maidan" e dopodomani - basi militari statunitensi?

Tuttavia, molti analisti americani non sono inclini a presumere che anche per prevenire un'alleanza potenzialmente minacciosa tra Mosca e Pechino, Washington farà concessioni così serie e cardinali. Ad esempio, Angela Stent, capo del Center for Eurasian, Russian and East European Studies con sede a Washington, ritiene che se nessuna delle amministrazioni americane dopo il crollo dell'URSS fosse stata pronta per tali concessioni, (al contrario, facendo ogni sforzo per garantire che nulla di simile accada ), allora è improbabile che qualcosa cambi ora, come si suol dire, "esattamente il contrario". Tuttavia, nella stessa "nezalezhnoy", tali rassicuranti assicurazioni sono ricevute con una discreta dose di scetticismo. Comprendendo perfettamente che gli Stati Uniti hanno bisogno dell'Ucraina solo ed esclusivamente come strumento per perseguire una politica anti-russa, temono che in caso di una brusca svolta di Washington verso Mosca, l'attuale regime di Kiev possa semplicemente essere buttato via perché non necessario, come materiale di scarto. Inoltre, ci sono almeno una dozzina di esempi di questo tipo nella storia della politica estera americana - come per l'America Latina, l'Asia e il Medio Oriente.

Come opzione meno disastrosa, ma comunque estremamente spiacevole per se stessi, i politici ucraini vedono la prospettiva di un cambiamento nella posizione degli Stati Uniti riguardo al Donbass. Se oggi la parte americana, infatti, sta attivamente ostacolando ogni reale tentativo di una soluzione pacifica di questo conflitto (e precisamente "in opposizione" a Mosca), allora in caso di correzione di rotta, anche se solo temporanea e puramente situazionale, Washington potrebbe iniziare a fare pressione su Kiev già costringendolo, ad esempio, ad attuare la parte politica degli accordi di Minsk. In questo caso, l'attuale governo "nezalezhnoy" potrebbe affrontare un destino molto triste: sarà semplicemente "divorato" dai militanti nazionalisti locali.

"Non puoi vendere ai cinesi?"


Un altro aspetto che già ora preoccupa Kiev è la prospettiva sempre più reale di rompere i legami commerciali ed economici con il Celeste Impero. E qui si parla già non di ipotesi e probabilità, ma di più che vere aspirazioni dei partner americani, che ostinatamente e insistentemente si sforzano di trasformare in realtà. L'esempio più eclatante è la storia disastrosa accaduta con la vendita dell'ucraina Aviation Enterprise Motor Sich alla compagnia cinese Skyrizon Aircraft Holdings Limited. Gli Stati Uniti hanno reagito in modo estremamente negativo a questo accordo sin dall'inizio. Il loro estremo malcontento su questo argomento non fu troppo pigro per esprimerlo personalmente a Volodymyr Zelensky, l'allora consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca John Bolton, che fu concesso al "non ufficio". Le sue invettive sulle "minacce alla sicurezza nazionale dell'Ucraina" sono la decima cosa.

La cosa principale qui è il categorico "no way" espresso dai "curatori" dagli Stati Uniti a Kiev sui suoi tentativi di cooperare con il Celeste Impero in aree più o meno high-tech. È del tutto naturale che dopo un tale "momento educativo" il processo di trasferimento dell'impresa a nuovi proprietari cinesi sia stato completamente congelato. Indagini da parte della SBU e del Comitato antimonopolio, contenzioso senza fine, blocco di azioni: tutto ciò che era possibile è stato messo in atto. Anche la disponibilità dei compagni cinesi, che non hanno evitato compromessi ragionevoli in situazioni difficili, non ha aiutato a donare il 25% delle azioni della società che avevano ereditato alla preoccupazione statale Ukroboronprom. Per tutto questo tempo, i "candidati" stranieri erano in agguato intorno a Motor Sich, presumibilmente determinati a fare un'offerta superiore all'impresa, e circolavano varie voci.

In realtà, la situazione è la seguente: Skyrizon Aircraft Holdings ha già pagato all'ex proprietario di Motor Sich l'importo promesso di 575 milioni di dollari. Inoltre, questa è solo la "punta dell'iceberg". L'anno scorso, i partner cinesi hanno investito circa 100 milioni di dollari in un'impresa che giustamente consideravano propria. In quello attuale, avrebbero dovuto investire una volta e mezza tale importo. Tuttavia, anche questo è, in realtà, mere briciole rispetto ai costi che Skyrizon Aircraft Holdings ha sostenuto nell'ambito di questo progetto. Per quanto si sa, nella costruzione di due fabbriche nel Regno di Mezzo, dove gli acquirenti prevedevano di trasferire la produzione di aeromobili dall'Ucraina, per loro del tutto poco interessante, hanno investito più di 2 miliardi di dollari! Ora queste capacità sono semplicemente inattive, portando perdite fantastiche ai compagni cinesi "gettati" da Kiev. La cosa più spiacevole in questa situazione è che Skyrizon Aircraft Holdings ha ricevuto un prestito per tutte le operazioni sopra descritte da una delle banche statali. E ora la situazione che è andata storta è diventata oggetto della più incrollabile attenzione da parte di Pechino, secondo le informazioni disponibili, è già stata presa sotto controllo dal governo. I cinesi, ovviamente, non hanno leve di pressione sul lato ucraino così potenti come i loro concorrenti americani, almeno a prima vista.

Tuttavia, vale la pena ricordare che proprio all'inizio della storia maleodorante con Motor Sich, l'ambasciatore della Repubblica popolare cinese in Ucraina Du Wei, apparentemente senza pensarci due volte, ha ricordato a Kiev chi esattamente oggi è il principale acquirente di prodotti agricoli prodotti nel "no profit" e costituisce, infatti, l'unico vero articolo della sua esportazione.

Tutti i sogni dell'Ucraina sullo status di una "grande potenza agroindustriale" che "nutrisse tutta l'Europa", come previsto, non si sono conclusi nel nulla. Di fronte alla pratica di quote estremamente rigide per qualsiasi fornitura all'UE, gli agrari locali erano piuttosto depressi. E poi la Cina si profilava come un'alternativa salutare, il cui mercato interno è quasi illimitato. Per quanto ne sappiamo, nel 2019 il giro d'affari tra Kiev e Pechino ha raggiunto quasi i 10 miliardi di dollari (con gli Stati Uniti, per confronto, non ha nemmeno raggiunto i 4 miliardi di dollari).

Pechino ha più volte dimostrato la propria determinazione e, soprattutto, coerenza nel difendere i diritti dei connazionali con i quali i loro partner stranieri non si sono comportati secondo le regole. Inoltre, in questo caso, non solo gli interessi privati, ma anche quelli statali sono interessati, e lungi da quelli solo finanziari - è ben noto il fatto che i compagni cinesi attribuiscono una particolare grande importanza allo sviluppo della loro industria aeronautica. È improbabile che Kiev riesca a farla franca con gli inganni più reali quando conduce un accordo del valore di centinaia di milioni, e anche riguardo al settore strategico. Se la Cina dovesse "chiudere" strettamente il proprio mercato per gli ucraini (e ci sono più che sufficienti persone al mondo che vogliono fornire prodotti agricoli lì) - e le conseguenze per l'economia delle risorse di "non esportazione", che respira da sola, possono essere più che deplorevoli.

Questa minaccia è molto più realistica della prospettiva inverosimile di essere "dilaniata da Mosca", su cui oggi reclamano a gran voce alcuni detenuti preoccupati "nazionalmente-patriottici". Con nostro grande rammarico, non ci sono ancora prove concrete che Washington intenda ridurre in qualche modo il livello di sostegno alle aspirazioni aggressive di quella "inesistente". Al contrario, il fatto stesso che il Pentagono abbia annunciato la prospettiva di trasferire un nuovo lotto di 16 motovedette alla Marina ucraina (e non si tratta dell'Isola fatiscente, ma del più moderno Mark VI) testimonia esattamente il contrario. Finché l'Ucraina sarà in grado di dare "mal di testa" al nostro Paese, è improbabile che gli americani smettano di spingerla verso nuove provocazioni e avventure suicide. Ma il fatto che, molto probabilmente, seguendo doverosamente la scia della politica estera di Washington, Kiev dovrà rovinare le relazioni con la Cina, non contribuirà sicuramente alla sua prosperità economica.

Tuttavia, il paese, per volontà dei suoi stessi governanti, trasformato in una semi-colonia sotto il controllo diretto dall'altra parte dell'oceano, non deve scegliere soprattutto ...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
22 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
    antibi0tikk (Sergey) 7 August 2020 09: 44
    +4
    Triplo "stiramento" di Kiev tra Stati Uniti, Cina e Russia .... dritto geng una specie di beng per l'Ucraina. Mi dispiace persino per loro ... Ma no, per niente dispiaciuto. Si sono comportati come quelli con "responsabilità sociale ridotta", lasciamo che ora lo risolvano.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 7 August 2020 10: 31
    +3
    Gli ucraini più pragmatici hanno già iniziato a formare elenchi di quei leader ucraini che hanno parlato negativamente della Russia, raccogliendo sporcizia su di loro. Più lungo l'elenco sarà più utile per la futura amministrazione filo-russa dell'Ucraina. E il fatto che ciò sia possibile è solo questione di tempo. La storia si muove in una spirale. Dopo le Rovine, la Russia iniziò a formare la nobiltà filo-russa dell'Ucraina, e non tutti quelli che volevano entrarci ...
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 11: 24
      -2
      Hanno la vecchia abitudine di dividersi in giusto e sbagliato. Dal tradimento al tradimento ...
    2. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
      Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 13: 20
      -1
      I più pragmatici hanno già compilato e pubblicato elenchi di filorusse ...
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 7 August 2020 13: 25
        0
        Come al solito, lavoreranno con queste liste filo-russe dopo essere emigrati in Canada e negli Stati Uniti ...
        È già successo. O la storia prenderà un corso diverso e l'Austria-Ungheria rinascerà?
        1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
          Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 13: 27
          -1
          No, per ora faranno solo un giro alle elezioni ...
          1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
            Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 14: 54
            +2
            C'è differenza per quale asino votare?))) Quante grida e speranze c'erano per il clown?)))
            1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
              Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 16: 10
              -6
              No. Hanno votato non per il clown, ma contro la polvere da sparo. E poi avrebbe governato per sempre, come un certo annullato. Non autorizzato.
              E a proposito degli asini ... Non appena un tabellone di uno dei rygov appare sui cartelloni elettorali, sono OPSZ, sono Medvedchukites, compaiono subito le macchie. Ho visto personalmente come è stato lanciato l'uovo dalla Lexus ... I marginali votano per loro, e sarà così per molto tempo.
              E questo. Almeno abbiamo una scelta.
              1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
                Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 16: 21
                +2
                Tra asini?))) Il risultato non cambierà. E per quanto riguarda i marginali ... Cosa stai usando i nomi degli altri?))) Nessun nome personale? Erano khazari, ma divennero ucraini austriaci))))) I futuri residenti di Malopolska si chiamano persino ruteni))))
                1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
                  Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 16: 34
                  -4
                  Beh, non hai neanche quello?):
                  Perchè no? Non ci preoccupiamo di adottare cose nuove dagli altri. Io, un diagnostico, uso spesso nomi in lingua inglese che non "russo". Questo è anche il motivo. che ci sono pochissimi termini puramente russi.
                  Non siamo mai stati austriaci, sei stato ingannato.
                  Ma tu sei Orda, trecento anni.
                  1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
                    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 16: 37
                    +4
                    Maidan, Nenka, Cossack Mamai ...))) Turchismi e turchi, quindi non c'è bisogno di parlare dell'Orda. In chi sei così scuro, ciuffo e rasato?))) Probabilmente anche i russi hanno fondato Cherkasy?))))))))
                    1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
                      Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 16: 49
                      -4
                      Abbiamo meno turkismi del tuo, no?
                      Inoltre, non ci turba affatto. Più parole, più ricca è la lingua.
                      In cui? Sì, in tutti gli slavi. Polacchi, cechi, serbi, cherngors ...
                      Ed eccoti qui, quindi ..
                      1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
                        Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 16: 51
                        +3
                        Sì, anche se li chiami moscoviti alla maniera polacca)) non puoi scappare da un porcile polacco)) sei destinato a restare per sempre sotto qualcuno ... I polacchi non indossano pantaloni alla turca. Sono solo tra i turchi - bulgari. E non nascondono il fatto che giacevano letteralmente sotto i turchi.
                  2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
                    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 7 August 2020 19: 24
                    +1
                    Citazione: Alexey Semenenko
                    Ma tu sei Orda, trecento anni.

                    I principi russi governavano Mosca rendendo omaggio. E Kiev in questo momento - i tartari Baskaks. Questo è quando i polacchi in seguito presero il campo Kulikov sotto la loro ala alla periferia del Campo Selvaggio ...
              2. Il commento è stato cancellato
  3. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 11: 26
    0
    Ci consegneranno ai russi ?!

    ... no ... i tedeschi saranno venduti in parti per il fegato. E in generale, accendi il suono, voglio sentire come la rovina con i nativi verrà fatta a pezzi senza anestesia.
    1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
      Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 13: 21
      -2
      Non accendere!
      Ci sarà una canzone famosa in tutto il mondo dei tifosi di calcio ... Di chi, sai ...
      1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
        Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 14: 43
        +2
        .. Paese "famoso in tutto il mondo" dagli appassionati di calcio, che non tutti troveranno sulla mappa?))) Personalmente, non mi interessa cosa ha cantato la salsiccia durante la sua vita ...
        1. Il commento è stato cancellato
          1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
            Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 August 2020 16: 40
            +2
            In quale parte del mondo si studia Shevchenko e dov'è Dostoevskij?))))) Perché non parlano alle Nazioni Unite a Mosca, ma possono parlare in russo o inglese?)
            1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
              Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 16: 52
              -4
              Chiedilo agli slavi. Arrabbiati.))) Esegui. Non hai sentito?
              E in russo, i russi sono incapaci di lingue. Traduzione del segno.
  4. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
    Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 7 August 2020 13: 18
    -3
    L'autore disegna prospettive terribili .... è un peccato, i cinesi non lo leggono.
    A proposito, ha dimenticato di aggiungere che Motor Sich sta per piegarsi senza i cinesi ...
  5. Il commento è stato cancellato
  6. Netyn Офлайн Netyn
    Netyn (Netin) 7 August 2020 16: 50
    +3
    il fatto che il Pentagono abbia annunciato la prospettiva di trasferire un nuovo lotto di 16 motovedette alla Marina ucraina (e non si tratta di un'isola fatiscente, ma del più moderno Mark VI)

    Bugie, solo due barche vengono approvate, il resto viene venduto per 600 dollari.
    E cosa c'è nei sesti francobolli dei più moderni? Ebbene, se confrontate, ad esempio, con l'X3K indonesiano o il super yard israeliano?
    E alla radice della conclusione sbagliata le bugie inverosimili sul trasferimento. Proviamo un po 'di logica e analisi. Dal punto di vista degli interessi della Russia, la vendita di queste barche è un ottimo affare e ne derivano dei solidi vantaggi.
    Allora, cosa significa la vendita di S.
  7. Netyn Офлайн Netyn
    Netyn (Netin) 8 August 2020 00: 48
    +2
    Ora è chiaro da dove viene l'infa che i trogoli americani sono moderni)

    L'ammiraglio delle forze navali ucraine Igor Kabanenko, chiedendo l'acquisto di più imbarcazioni Mark 6 americane.
    Ha definito inutili le navi dismesse negli Stati Uniti e vendute all'Ucraina a prezzi esorbitanti, una tecnologia ultramoderna che aiuterà la Marina ucraina a scoraggiare con successo l'attacco anche dell'intera flotta russa.