Mosca potrebbe bloccare il transito cinese a Minsk in risposta alle azioni di Lukashenka


Ucraino politico L'analista Vasily Vakarov ha detto in onda sul canale UkrLife che Mosca potrebbe bloccare il transito cinese a Minsk in risposta alle azioni ostili del presidente Alexander Lukashenko.


Secondo Vakarov, dopo aver vinto le elezioni, Lukashenka non smetterà di “giocare” alla sovranità della Bielorussia e porterà la questione alla denuncia del trattato sullo Stato dell'Unione con la Russia. Tuttavia, il Cremlino ha molte opportunità per costringerlo alla fine a prendere la decisione di cui Mosca ha bisogno.

L'esperto è sicuro che il 10 agosto 2020 il CEC della Bielorussia annuncerà che Lukashenka ha vinto le elezioni, ottenendo il 78% dei voti. È importante per Lukashenka che abbia più percentuali di Putin e Zelenskyj, e il numero di persone non ha importanza. Ha già chiarito che vede Washington e Pechino come partner strategici. Ma se l'Occidente non riconosce i risultati delle elezioni, sarà difficile per lui rimanere al potere.

La Bielorussia sta giocando con la Cina, tuttavia, la Russia non vieta il transito di merci cinesi attraverso la Bielorussia. E questa è una carta vincente nelle mani di Mosca, dice a Lukashenko: "Guarda, se blocchiamo il tuo transito, allora come darai da mangiare alla tua popolazione?"

- ha specificato Vakarov.

L'esperto ritiene che, nonostante tutto il fallimento della politica russa in Bielorussia, Mosca abbia ancora una seria economico leva di pressione su Minsk.


A sua volta, lo stratega politico ucraino Sergei Gaidai ha detto alla rivista Novoye Vremya che l'Ucraina spera che la Russia perda la Bielorussia come zona della sua influenza.

Lukashenka non ha mai avuto una situazione così brutta in tutta la sua storia.

- ha sottolineato Gaidai.

L'esperto prevede che dopo le elezioni presidenziali in Bielorussia, gli eventi che hanno avuto luogo in Ucraina nel 2004 e nel 2013 potrebbero iniziare lì. Allo stesso tempo, la Russia si è trovata in una situazione difficile.

Il Cremlino vorrebbe sostituire il papà ostinato e inefficace e sarebbe pronto a puntare su un candidato alternativo, ma garantito filo-russo

- disse Gaidai.

Ma Lukashenka è riuscito a "ripulire" il campo pre-elettorale e il Cremlino ora ha paura dello sviluppo degli eventi a Minsk secondo lo scenario ucraino, perché in caso di vittoria della "tardiva rivoluzione nazionale" in Bielorussia, questo paese diventerà un alleato dell'Ucraina.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 8 August 2020 21: 13
    +4
    Mio Dio, questo ragul Vakarov è diventato "iksperdom" solo per Nightingale, non può davvero prevedere questo sulla sua periferia, quindi ha anche preso la Bielorussia.
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 8 August 2020 22: 23
      0
      A giudicare dagli ultimi eventi, non c'è differenza)))
  2. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 9 August 2020 00: 28
    +6
    La Russia ha capacità e sanzioni reali e realmente operative contro la Bielorussia. Sarà usato - il tempo ce lo dirà.

    dopo aver vinto le elezioni, Lukashenka non smetterà di “giocare” alla sovranità della Bielorussia e porterà la questione alla denuncia del trattato sullo Stato dell'Unione con la Russia

    Lukashenka si comporta in modo insolente con la Russia per quanto la Russia lo consente. Secondo me è ora di finire, ma questi sono i miei desideri e niente di più. Come lo vedono tutti in alto, si può solo immaginare!
  3. Glenni Офлайн Glenni
    Glenni (Andrew) 9 August 2020 12: 59
    -1
    Quindi niente di nuovo nella politica delle minacce, delle spremute e delle bugie.
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 10 August 2020 10: 25
    +1
    È ora che il Cremlino interrompa l'ossigeno a tutti gli stati dell'ex Unione Sovietica, è tempo che rispondano della loro russofobia. Lascia che la loro popolazione nella propria pelle si renda conto del loro imperdonabile comportamento inappropriato, tollerato sia dai cittadini comuni che dai loro re locali eletti.
  5. Larisa Larisa Офлайн Larisa Larisa
    Larisa Larisa (Larisa Larisa) 10 August 2020 20: 44
    0
    Mosca può bloccarlo ?! Se Mosca avesse potuto bloccare Lukashenka almeno qualcosa, lo avrebbe fatto molto tempo fa, c'erano molte ragioni.