"Civil War-2" potrebbe iniziare negli Stati Uniti tra tre mesi


Mancano meno di tre mesi alle elezioni presidenziali americane. I loro risultati determineranno quale ulteriore percorso di sviluppo richiederà non solo l '"egemone" stesso, ma il resto del mondo. La questione dell'esito del confronto tra i progetti "globalisti" e "imperiali" è così fondamentale da poter far precipitare l'America in una nuova guerra civile. E questa non è un'esagerazione.


Nell'ottobre dello scorso anno, dando inizio alla campagna presidenziale, Donald Trump ha affermato che se si fosse tentato di rimuoverlo dal potere, negli Stati Uniti sarebbe scoppiato un conflitto "che ricordava una guerra civile". Il 12 luglio 2020, il suo rivale democratico Joe Biden, a sua volta, ha affermato che se Trump repubblicano si rifiuta di riconoscere i risultati delle elezioni, "i militari verranno alla Casa Bianca e lo scorteranno fuori". Cioè, entrambe le parti sono pronte a usare la forza se necessario.

Questo è un problema in sé, chiaramente indegno della "cittadella della democrazia". Ma un problema ancora più grande è che tutto non finirà con l '"espulsione". Il Paese è diviso, entrambi i candidati inconciliabili sono supportati da circa la metà degli elettori. Sono pronti ad ammettere di essere dei perdenti e a sottomettersi? Questa è una domanda da molti miliardi di dollari.

In inverno, il presidente Trump sembrava il chiaro favorito per i suoi guadagni economici negli ultimi quattro anni. Tuttavia, la pandemia di coronavirus li ha letteralmente "azzerati" in pochi mesi, portando gli Stati Uniti al livello del dopoguerra del 1947. Poi iniziò il "baccanale nero", che gli fece cadere il supporto da sotto i piedi. "Quiet Joe", che ha fatto una scommessa sulla popolazione "di colore", ha iniziato a guadagnare attivamente punti. Ora i democratici sono diventati i favoriti, minacciando di organizzare una "vendetta globalista", di cui siamo in dettaglio detto in precedenza.

Ora il pendolo ha oscillato di nuovo in direzione di Donald Trump. L'edizione americana del Sunday Express ha commissionato un sondaggio indipendente al Democracy Institute, che ha confermato che il repubblicano è davanti al democratico del 48% contro il 46%. Tra gli elettori bianchi, Trump è supportato dal 53% contro il 46% di Biden, tra gli afroamericani - 20% e 77%, rispettivamente. A proposito, c'è stato un aumento della popolarità di Donald Trump tra la popolazione "di colore": dall'8% nel 2016 al 20% indicato.

È necessario ricordare le specificità del sistema elettorale americano, dove per vincere è necessario conquistare i cosiddetti stati vacillanti. Florida, Minnesota, Pennsylvania, Iowa, Michigan e Wisconsin sono tutti a favore di Trump con un piccolo margine del 5%, secondo il rapporto. Negli Stati Uniti non è consuetudine parlarne direttamente, ma si può presumere che i concittadini abbiano iniziato a propendere per il repubblicano più conservatore dopo la "baldoria nera", quando la maggioranza bianca è stata costretta a inginocchiarsi di fronte degli afroamericani, che costituiscono solo il 13% del totale.

Inoltre, il 77enne Joe Biden è sospettato da malvagi della fase iniziale della demenza. Curiosamente, al suo predecessore, Hillary Clinton, è stato in gran parte impedito di diventare presidente a causa di problemi di salute manifestati in comportamenti inappropriati. In questa difficile situazione, "Quiet Joe" ha deciso di andare all-in, prendendo Kamala Harris come suo partner nella campagna. È successo così che si tratti di una senatrice donna di sangue misto africano e asiatico, che, secondo l'idea dei Democratici, dovrebbe attirare ulteriori voti al Partito Democratico.

Funzionerà politico trucco, il tempo lo dirà. Entrambe le parti sono chiaramente pronte a combattere fino alla morte, il che sta gradualmente aumentando il grado di tensione. La cosa più interessante inizierà negli Stati Uniti dopo il conteggio dei voti, quando due presidenti possono comparire nel paese contemporaneamente, e l'esercito americano dovrà scegliere chi espellere da dove.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 14 August 2020 11: 37
    +4
    In questa difficile situazione, "Quiet Joe" ha deciso di andare all-in, prendendo Kamala Harris come suo partner nella campagna. È successo così che si tratti di una senatrice donna di sangue misto africano e asiatico, che, secondo l'idea dei Democratici, dovrebbe attirare ulteriori voti al Partito Democratico.

    Questo lo dimostra ancora una volta Stati Uniti in nessun modo la "torcia della democrazia" che affermano di essere, ma un vero stato razzista! richiesta
    E questi deboli razzisti di "Fashington" "ci insegnano" la democrazia giusta "?! sorriso
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 14 August 2020 11: 47
    -3
    Urgentemente che tutti riconsiderino il "breve tasso di caduta del dollaro")))
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 14 August 2020 13: 56
    +2
    E non succederà molto. Se Trump vincerà, sarà meglio sia per l'America che per la Russia di Biden. Se l'anziano Biden vince, il suo vicepresidente è Beria in gonna. Biden non può restare fermo fino alla fine del mandato a causa di malattia e dimettersi. E lei (il suo vice) diventerà presidente e trapianterà rapidamente i sostenitori di Trump e metà dei bianchi nel Gulag, e li farà lavorare gratuitamente nelle prigioni come schiavi. Si dice che l'abbia già fatto in California.
  4. Don36 Офлайн Don36
    Don36 (Don36) 14 August 2020 15: 27
    +3
    Se scoppierà una guerra civile negli Stati Uniti, andrò a bere champagne. Con tutto il cuore auguro agli yankee tutti gli orrori che la Russia ha vissuto durante e dopo il crollo dell'URSS.
    1. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
      Cittadino Mashkov (Sergѣi) 15 August 2020 20: 16
      0
      Ho dimenticato di menzionare quello che è successo nell'impero russo durante il colpo di stato e la guerra civile scatenata!