Il "fallimento dello scisto" di Varsavia: non ci sarà l'attacco polacco a Gazprom


Jerzy Kwieczyński, presidente del consiglio della compagnia polacca di petrolio e gas PGNiG, ha fatto una dichiarazione: ha definito i piani veramente ambiziosi per la produzione di colossali volumi di gas di scisto sul proprio territorio "un sogno che si può dimenticare". Almeno per un futuro prevedibile.


Le speranze di trasformarsi da importatore perpetuo in almeno uno dei principali esportatori di "carburante blu" in Europa si sono rivelate fantasma e, inseguendolo, i polacchi sembrano essere riusciti a fare una buona dose di stupidità. Chi ha dato origine a questo “miraggio di scisto” e quali spiacevoli conseguenze per Varsavia può portare a crederci? Proviamo a capirlo.

"Norvegia dell'Europa orientale" e altri miti


Per quanto è noto, i polacchi hanno cominciato a mostrare un crescente interesse per i depositi di "scisto" eventualmente esistenti sul loro territorio già nel 2004. Successivamente, questo interesse iniziò a lasciare gradualmente il posto alla preoccupazione, trasformandosi senza problemi in uno stadio di psicosi lieve (all'inizio). Davvero "scoppiato" nel 2011. Fu allora che Varsavia, che si era già completamente mossa a ragione sul tema “sbarazzarsi della dipendenza dal gas imposta da Mosca”, fu felicissima: c'è il gas, c'è! La modesta azienda britannica 3Legs Resources, che da tempo frugava nel suolo polacco e tediosamente, è riuscita a perforare il primo pozzo orizzontale del paese con una lunghezza totale di circa 4100 metri sulla struttura di scisto di Lebien vicino alla costa baltica. E presto annunciò di aver scoperto "un'alta concentrazione di gas di scisto". Qui è dove è iniziato ...

I rappresentanti di quasi tutti gli "squali" del mondo nel campo della produzione di energia sono stati immediatamente attratti dalle distese polacche. Giganti come Chevron, ExxonMobil, Total e MarathonOil sono stati "guidati". Cosa possiamo dire del resto. All'inizio di luglio 2011, in Polonia sono state rilasciate 87 licenze per l'esplorazione di gas di scisto! Alle società che hanno ricevuto le concessioni è stata data facoltà di praticare fori nel terreno, effettuando lavori di esplorazione su un'area superiore al 30% dell'intero territorio nazionale. Hanno perforato, come al solito, valutando febbrilmente i futuri super profitti: "È davvero un vero Klondike di" scisto "nel Vecchio Mondo?" Tuttavia, questa psicosi si trasformò in una follia generale e violenta dopo che gli "specialisti" furono coinvolti non da nessuna parte, ma dallo stesso Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti. Le loro affermazioni categoriche non solo hanno aggiunto benzina al fuoco, ma vi hanno anche versato benzina. Da un tubo e sotto pressione.

Bene, dimmi, potresti dubitare dell'imminente "miracolo dello scisto" polacco se il Ministero dell'Energia americano fosse seriamente intenzionato a sostenere che le riserve recuperabili di gas di scisto in Polonia sono 32 volte superiori ai depositi di "combustibile blu" convenzionale. Sono così enormi che il paese ne avrà più che a sufficienza per più di trecento anni a venire! La Polonia ha tutte le possibilità di "diventare un leader europeo nello sviluppo di questo tipo di energia" e poi, vedete, e trasformarsi in una nave ammiraglia energetica del Vecchio Mondo. Tutto ciò si è riflesso in un rapporto dell'agenzia speciale, su cui hanno lavorato i rappresentanti dell'Energy Information Administration (EIA), un'organizzazione di ricerca direttamente collegata al Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti. Secondo loro, la "cintura di scisto" polacca si estende in tutta la parte orientale del paese, dalla costa baltica al confine con l'Ucraina. E contiene nelle sue profondità ... Non ci crederai - fino a 5.3 trilioni di metri cubi di gas, che è abbastanza disponibile per lo sviluppo e utilizzabile.

In generale, secondo le stime dell'EIA, la Polonia avrebbe dovuto rappresentare poco meno di un terzo di tutte le riserve di gas di scisto in Europa (17.5 trilioni di metri cubi). Tali numeri potrebbero far venire le vertigini a chiunque. Varsavia fu presa da una vera euforia: "analisti" ed "esperti" locali iniziarono subito a scarabocchiare "previsioni" e proiezioni fantastiche, in confronto alle quali il "New Vasyuki" di Ostap Bender era una pietosa dilettanza. Insieme al caratteristico odore di gas "patriottico", c'erano nell'aria idee sulla trasformazione della Polonia nella "Norvegia dell'Europa orientale", che avrebbe dettato i prezzi sui mercati energetici ai suoi vicini. Alcune persone hanno già visto hub, consorzi e cose ancora più attraenti come arroganti teutoni che fanno la coda modestamente per una stazione di servizio polacca ...

C'è il gas! Ma non con te ...


Ma la Polonia, che a quel tempo ha ricevuto i due terzi del "carburante blu" (nel 2010 - circa 10 miliardi di metri cubi all'anno) dalla Russia, che odia, non sarebbe stata la Polonia se non avesse iniziato immediatamente ad "allacciare" " pulire l'economia geopolitica. “Abbasso il gas russo! Abbasso la vergognosa dipendenza da Mosca! " - queste sono le chiamate che hanno cominciato a farsi sentire lì fino ai massimi livelli. L'allora capo del ministero degli Esteri polacco, Radoslaw Sikorski, iniziò a trasmettere non solo la futura "revisione delle condizioni per le importazioni di risorse energetiche dalla Russia", ma anche nientemeno che "sbarazzarsi della dipendenza dal gas russo in tutta l'Europa orientale, come oltre ad aumentare la sicurezza energetica dell'Unione europea ". Naturalmente, esclusivamente attraverso la "lavagna" polacca ... Ma questo era solo ciò che era stato annunciato apertamente e ad alta voce. In realtà, le teste violente di alcuni signori di Varsavia stavano già dando vita a piani molto più ampi.

Il monopolio del gas nello "spazio post-sovietico" (prima di tutto, nella vicina Ucraina e Bielorussia, da dove Gazprom sarà "spazzato via da una brutta scopa"), i super profitti dalle esportazioni di energia, una posizione di leadership nell'UE ... e "Wielkopolska da Mozha a Mozha" è a due passi! È del tutto possibile - se lo scintillante miraggio dello "scisto" non si fosse profilato davanti ai suoi occhi, Varsavia si sarebbe comportata in modo molto meno sfacciato con Mosca e non sarebbe stata così zelante nell'organizzare "Maidans" - sia ucraina che attuale, bielorussa. In ogni caso, la grande domanda è se i polacchi sarebbero stati così sicuri di sé, affermando di non avere categoricamente intenzione di rinnovare il contratto con Gazprom, che scade nel 2022. Tutte le "forniture alternative" di gas, lasciatemelo ricordare, hanno consentito a Varsavia nel 2019 di ridurre l'importazione del nostro "carburante blu" fino all'1%, a 8.95 miliardi di metri cubi. Le speranze globali erano chiaramente riposte su qualcos'altro.

La cosa divertente è che tutto questo è continuato dopo l'inizio della storia del gas, scusate il rude gioco di parole, un cattivo odore. ExxonMobil è stata la prima a dichiarare in modo imbarazzante la sua perfetta "delusione". Secondo i suoi rappresentanti, due pozzi esplorativi perforati nei "campi lussuosi", contrariamente alle aspettative, non hanno prodotto abbastanza gas per riconoscere la sua produzione come redditizia. Inoltre, queste parole sono state ascoltate anche prima della pubblicazione dell'incantevole rapporto del Dipartimento dell'Energia statunitense. “Cosa capiscono! - gridarono i polacchi, offesi nei migliori sentimenti, - Burita, Panov, Burita! Sono oro ... "In un certo senso - le riserve di" scisti bituminosi ", che in ogni caso avrebbero dovuto arricchire tutte le persone coinvolte, e solo Varsavia - in primo luogo. Sono persino riusciti a calcolare che il profitto dello stato dalle tasse sulla produzione di gas dovrebbe ammontare a circa $ 10.5 miliardi all'anno. Opposto politica Gonfiavano minacciosamente le guance, promettendo all'elettorato di rivolgersi al tesoro statale fino al 40% dei "super profitti del gas".

Va detto che il proseguimento della ricerca di depositi di "scisto", nella sua persistenza e inefficacia, è del tutto paragonabile ad alcune scappatelle dei più folli cacciatori di tesori, è stato notevolmente facilitato dalla "rivoluzione dello scisto" che nel frattempo si sta svolgendo in gli Stati Uniti. "Essere come gli americani" è il sogno secolare di quasi tutti i polacchi! Ahimè, non ha funzionato ... Dopo aver sofferto molto con l'esplorazione, la perforazione e la manutenzione dei rimanenti pozzi semivuoti, uno per uno, tutti i richiedenti per lo sviluppo di "ricchezze colossali" hanno iniziato a essere scaricati dal paese . Dopo ExxonMobil, Lane Energy, 3Legs Resources, BNK Petroleum Total e MarathonOil sono rimasti delusi dal miraggio dello scisto. L'ultima, il 31 gennaio 2015, ad arrendersi si è rivelata la più ostinata di tutte le Chevron. “Non ci sono trilioni di cubi qui! E se c'è, allora a una tale profondità che la loro estrazione è completamente non redditizia ... ”- questo era il verdetto finale. Permettetemi di ricordarvi che è stato poco prima del calo dei prezzi dell'energia, che ha reso tutti i discorsi sullo "scisto" polacco completamente senza speranza.

Tuttavia, PGNiG ha riconosciuto un fiasco solo ora. Ma la voce della ragione è stata ascoltata nel 2011 - anche allora il viceministro dell'Ambiente polacco Jacek Jezierski ha affermato che la valutazione VIA è solo una delle tante, non necessariamente corretta! Inoltre, ha ammesso apertamente che altri esperti hanno chiamato numeri completamente diversi, tutt'altro che così travolgenti e allettanti. Allo stesso tempo, cercando di raffreddare le teste calde di connazionali troppo esultanti, il Vice Ministro ha precisato che in realtà risultati di esplorazione geologica più o meno accurati potrebbero essere ottenuti non prima che in 3-4 anni. E così è successo, comunque. Pan Jezerski, a quanto pare, sapeva il fatto suo. Perché non l'hanno ascoltato? Ebbene, non dobbiamo dimenticare i motivi puramente materialistici. Ad esempio, il commercio di concessioni per l'esplorazione di "scisti bituminosi" è stato condotto secondo le migliori tradizioni del bazar polacco. Per ottenerli bastava pagare solo 100mila dollari (l'importo in questo caso è semplicemente esiguo), le domande sono state soddisfatte secondo il principio del “primo arrivato, primo ricevuto”, non si sono tenute gare o aste.

Un altro esempio: un tempo, il Centro nazionale polacco per la ricerca e lo sviluppo ha investito 30 milioni di euro nella ricerca per "sviluppare le proprie tecnologia produzione di gas di scisto ”. I fondi, ovviamente, provenivano dal bilancio dello Stato e sono stati suddivisi tra una dozzina e mezzo di "consorzi di ricerca", compresi quelli che rappresentano grandi società energetiche come "Polske Gurnitstvo Naftove i Gazovnitstvo". Risultato? Assolutamente zero! Nel suo discorso scoraggiante, Pan Kwieczyński ammette che "lo sviluppo di metodi per la produzione di gas di scisto" in Polonia potrebbe essere, nella migliore delle ipotesi, "una questione di un lontano futuro". Allora dove sono finite le decine di milioni di euro? Tuttavia, lascia che i polacchi abbiano mal di testa per questo. Così come per tutte le altre conseguenze della propria creduloneria e proiezione - sia economiche che geopolitiche.

D'altra parte, RAO Gazprom (mai, è vero, particolarmente preoccupato per questo), non ha motivo di un mal di testa per la possibile concorrenza per lo scisto bituminoso polacco. Forse il nostro gigante dell'energia avrà anche meno di una controparte estremamente sfacciata - nella persona di Varsavia. Dopotutto, c'è ancora tempo fino al 2022. Il miraggio è svanito ed è necessario tornare alla realtà, qualunque essa sia.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 13 August 2020 10: 08
    +7
    non ci sarà nessun attacco polacco contro Gazprom

    Va bene. Ma ci sarà uno sciopero della Gazprom contro la Polonia? Questo è l'intrigo ... Il contratto finisce e non ha senso concluderne uno nuovo. Lascia che comprino a prezzi di scambio. Con pagamento anticipato del 100% e consegne mensili. Allora dirò che puoi lanciare i tuoi berretti in cielo. E il sogno "blu" di Varsavia diventerà realtà. Si sbarazzeranno completamente del gas russo totalitario e della loro economia.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 13 August 2020 12: 59
      +8
      Ebbene, il sogno "blu" si è già avverato, le persone LGBT hanno iniziato a marcare Varsavia con le loro bandiere.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 13 August 2020 11: 54
    -7
    Peremoga gonfiata.
    Il rapporto della Commissione EuroEnergo è stato stampato così 10 anni fa: - non ci sono buone riserve di scisti bituminosi in Europa, le riserve sono molto piccole in Polonia e ce ne sono molte nel Donbass ...
    Poi abbiamo avuto un ululato sui futuri danni all'ambiente dai nostri vicini, Greenpeace sta riposando ..

    E poi gli ometti educati anonimi hanno organizzato lì Kayuk (e anche la compagnia del gas ucraino-polacco-americana).

    E i soldi ... Per i disinformati, 30 milioni di euro sono tanti. E in confronto alle multe di Gazprom - ugh, e macinare ... sicuramente hanno perforato delle sonde su di loro ...
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 13 August 2020 12: 57
      0
      ... e ce ne sono molti nel Donbass ...

      Quindi in Donbass, come hanno scoperto i nostri "partner" dopo il 2014, non c'è neanche ...
      Pertanto, non si preoccupano seriamente per lui.
      Fu solo Gazprom su cui tutti si lanciarono per la rivalutazione del campo Chayandinskoye. In effetti, tali errori sono comuni. E c'è un riempimento per il "Potere della Siberia". "Il mio paese natale è vasto ...".
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 13 August 2020 13: 47
        -2
        L'articolo non riguarda Gazprom.
        Quel deposito avviene. Inoltre, a causa della recessione, c'è un margine di tempo.

        E in Polonia, nessuno contava sulla wunderwaf ... prima di questo articolo))))

        E nelle repubbliche - c'è (cioè era). Non è per niente che i piccoli uomini correvano e correvano qua e là ...
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 13 August 2020 12: 48
    0
    Jeszcze Polska nie zginęła, ma ha già dato un profumo ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 13 August 2020 13: 39
      +2
      Tutte le istruzioni prima di tutto dicono: crea un alleato dal nemico, specialmente dalla Polonia slava. I nemici hanno sempre giocato contro gli slavi nelle guerre intestine, quindi è tempo di agire secondo i propri interessi, non secondo i piani insidiosi dei nemici ... Perché tale inimicizia costante, quindi la Russia era governata dal sangue tedesco degli zar , gli ebrei dai bolscevichi e altri Krusciov e Breznev ... La Russia governa il dominio russo ...
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 13 August 2020 13: 35
    +1
    Sembra che con i polacchi si sia fatto uno scherzo basato sulle storie di O'Henry ...
    Ora la merce più venduta è la salute. Chi ha medicine e dottori migliori guadagnerà di più!
  6. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 14 August 2020 06: 48
    0
    Le mele sepolte nel terreno possono essere fermentate in petrolio e gas, ma non durante questa vita.
    1. Kuzmich Sibiryakov Офлайн Kuzmich Sibiryakov
      Kuzmich Sibiryakov (Kuzmich Sibiryakov) 14 August 2020 12: 14
      0
      Citazione: g1washntwn
      Le mele sepolte nel terreno possono essere fermentate in petrolio e gas, ma non durante questa vita.

      Il processo chimico inizia con la sintesi e la sublimazione dell'acetone. Ecco, lasciali annusare. Puoi immaginare qualsiasi cosa sotto gas. Ad esempio, Great Polonia da maggio a maggio.
  7. IgorS Офлайн IgorS
    IgorS (Igor) 14 August 2020 22: 24
    0
    visto, Shura, visto ...