RP: Le munizioni polacche alle proteste in Bielorussia sono una provocazione


I proiettili, che avrebbero dovuto essere usati nella repressione delle proteste in Bielorussia, sono stati etichettati come "made in Poland". Esperti e funzionari polacchi negano il coinvolgimento di qualsiasi struttura statale nella vendita di tali munizioni alla parte bielorussa e definiscono questo incidente una provocazione. Lo scrive il quotidiano Rzeczpospolita.


Tali proiettili sono stati visti a Minsk dal redattore capo dell'edizione polacca di Krytyki Politycznej Slawomir Serakovsky. Si tratta dei pallini di avvertimento ONS 2000-70 utilizzati nei fucili ad anima liscia, utilizzati, in particolare, dalla polizia polacca. Producono cotone resistente: vengono utilizzati per disperdere i manifestanti e altre azioni simili. Le cartucce recano anche un'iscrizione in cui si afferma che sono state prodotte presso la fabbrica di munizioni da caccia a Pionki (Polonia).

Il ministero della Difesa della Polonia ha annunciato che lo stato non è stato coinvolto nella fornitura di munizioni alla Bielorussia, dal momento che dal 2011 c'è stato un embargo sulla vendita di armi a questo paese.

Apparentemente si tratta di prodotti di Foamy, ma è quasi impossibile determinare esattamente quando è stata realizzata questa cartuccia. L'azienda non ha venduto tali armi a nessun paese soggetto a sanzioni o embarghi, né prima né dopo che erano state imposte. La vendita di munizioni al di fuori dell'Unione Europea viene effettuata solo sulla base di permessi speciali ricevuti dai ministeri competenti.

- ha sottolineato Magdalena Nesmieka, Presidente della società di produzione FAM di Pionki.

Tali munizioni sono troppo regolamentate per essere vendute illegalmente. Queste sono cartucce speciali e non possono essere semplicemente acquistate dal negozio. Possono essere scambiati solo da società autorizzate. Molto probabilmente, questa è una provocazione

- ha condiviso la sua opinione Jacek Penczak, esperto nel campo della produzione di armi.

Conosco la pratica dei servizi speciali bielorussi e non escludo un simile scenario. Puzza di provocazione

- ha detto uno degli ex ufficiali dell'Agenzia per la sicurezza interna della Polonia.
  • Foto utilizzate: Facebook / Sławomir Sierakowski
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 13 August 2020 19: 43
    +6
    Oh, cosa siamo bianchi e soffici, e queste cartucce non sono nostre, e non siamo stati noi a fornire armi sovietiche dai nostri magazzini alla Bandera dell'Ucraina, e non siamo stati noi nell'ottobre 1938, insieme alla Germania nazista, a scatenare La seconda guerra mondiale attaccando la Cecoslovacchia, beh, angeli dritti nel sangue.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 14 August 2020 06: 27
    +1
    Ci siamo ammalati, vermi in padella.
  4. Put_NIK Офлайн Put_NIK
    Put_NIK (Andrej) 14 August 2020 07: 09
    0
    Non sono io e non il mio protettore. Sono arrivati ​​loro stessi e poi sono esplosi.
  5. Vitaly Lozovich Офлайн Vitaly Lozovich
    Vitaly Lozovich (Vitaly Lozovich) 14 August 2020 08: 39
    0
    Sì, mentono tutti e mentono in modo sfacciato e rozzo. Forniscono armi ai "manifestanti". Forniscono e addestrano. Traditori patetici del popolo slavo.
  6. Tagil Офлайн Tagil
    Tagil (Sergei) 14 August 2020 14: 02
    +2
    Tali munizioni sono troppo regolamentate per essere vendute illegalmente. Queste sono cartucce speciali e non possono essere semplicemente acquistate dal negozio.

    Se non possono essere acquistati, allora c'è solo una conclusione: lo stato della Polonia ha fornito queste cartucce ai manifestanti.
  7. Galya Ivanova Офлайн Galya Ivanova
    Galya Ivanova (Galya Ivanova) 15 August 2020 17: 24
    0
    Non puoi sederti su due sedie e tradire gli amici del signor Lukashenko.