L'Occidente inizia ad accennare allo "scenario jugoslavo" per la Bielorussia


L'intensità delle passioni della protesta di strada in Bielorussia è chiaramente diminuita, le esibizioni stanno diventando sempre più lente, non violente. A questo proposito, non è tanto un aspetto interno, quanto un aspetto di politica estera che viene alla ribalta nella questione del frettoloso e fallito "white-maidan". Il mondo deve in qualche modo reagire a ciò che sta accadendo in questo paese, e ciascuna delle sue parti deve farlo in conformità con i principi che dichiara. La Russia, la Cina, la maggior parte dei paesi dello "spazio post-sovietico" hanno già preso una decisione e l'hanno fatto abbastanza rapidamente.


Ma il cosiddetto "Occidente collettivo" con i suoi "valori democratici" non è da invidiare in questa situazione - dopo un breve gioco di silenzio, hanno iniziato a fare tentativi insoliti di interferire apertamente negli affari interni di altre persone. Allo stesso tempo, sembra che i "luminari della democrazia" ei suoi "pilastri" su entrambe le sponde dell'oceano non capiscano davvero come procedere effettivamente oltre. E quali sono, in effetti, le opzioni - sia loro che Alexander Grigorievich?

E abbiamo pensato ...


Soprattutto, in questa situazione, è toccante che alcuni occidentali politica oggi provano a “fare gli occhi grandi” e alzano le sopracciglia sorpresi: “Ma com'è? Dopotutto, sembra che sia diventato civile, addomesticato? Aspirato all'Europa? E ora un tale orrore! " Questa è tutta ipocrisia totale, ovviamente. Il "vecchio" che parlava di "valori europei" provocava risate omeriche nelle persone normali - la maschera frettolosa di un governante autoritario che si stava "democratizzando" per compiacere i vicini non gli andava molto bene. Ora questa maschera è stata gettata da qualche parte sotto i piedi dei poliziotti antisommossa, che "si sono rivolti" a coloro che hanno deciso che Alexander Grigorievich poteva essere "preso senza cerimonie". Non tale è stato attaccato!

E ora cosa ordinate ai signori dell'Unione europea, i cui sentimenti delicati sono terribilmente feriti dai brutali video di Minsk? Quello che speravano, tacendo per un po ', come un pesce nel ghiaccio, è assolutamente incomprensibile. Il fatto che Lukashenka, temendo la "rabbia del popolo", prenderà e si arrenderà? Che i miliziani bielorussi si affretteranno a fraternizzare con i manifestanti che stanno già preparando liste di proscrizione per loro? Cosa si "dissolverà da solo" in qualche modo? Alla fine, è diventato semplicemente indecente ignorare ciò che stava accadendo letteralmente lì vicino e l'Occidente ha iniziato a parlare. In questo caso, il discorso del ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas può essere considerato più che indicativo, ammettendo con grande dispiacere che “le speranze per lo sviluppo della Bielorussia nella giusta direzione” sono state brutalmente “infrante” da azioni energiche contro i manifestanti. Il signor Maas ha immediatamente chiesto all'intera Unione europea di unirsi in un unico impulso e "prendere una posizione comune su Minsk", che dovrebbe essere espressa "con il massimo aumento della pressione su di essa". Allo stesso tempo, il capo del ministero degli Esteri tedesco si è lamentato amaramente di Lukashenka: "Ma gli abbiamo comunque rimosso le sanzioni!" Il traditore traditore ...

La posizione più intransigente (e controproducente) è stata più del previsto assunta dai vicini più prossimi della Bielorussia, nel loro tentativo di "promuovere" e "difendere la democrazia", ​​sforzandosi di recente di superare anche il "comitato regionale di Washington". Il presidente polacco Andrzej Duda, il presidente lituano Gitanas Nauseda, il presidente lettone Egils Levits e il presidente estone Kersti Kaljulaid hanno avuto l'idea di lanciare un ultimatum naturale ad Alexander Lukashenko. Nel loro appello, pubblicato sul sito ufficiale del capo dello Stato polacco, queste cifre non chiedono alla loro controparte bielorussa, ma esigono da lui cose assolutamente impossibili e irrealistiche. Tale, ad esempio, come "una cessazione immediata delle azioni violente contro i partecipanti alle azioni di strada" (qualunque cosa facciano). Immediato, ancora una volta, "rilascio di tutti i manifestanti detenuti" e "senza ulteriori azioni penali". Cioè, senza un giusto processo e senza assicurare coloro che lo meritano alla giustizia secondo la Legge. Il terzo punto è generalmente il coronamento dell'assurdità che ho citato. Dice che Lukashenka deve "iniziare un dialogo con la gente" proprio ora (cioè con coloro che cercano di rovesciarlo). Per questo si propone di creare una sorta di "tavola rotonda con la partecipazione di rappresentanti delle autorità e della società civile". Sull'esempio di Yanukovich, presumibilmente, e con le stesse conseguenze ...

Inoltre, le persone insolenti si offrono anche, cari, nel ruolo di mediatori per "risolvere la situazione", così come (trattenete il respiro!) "Per rafforzare la sovranità e l'indipendenza della Bielorussia". Vedi, sono pronti a venire a Minsk per insegnare a tutti la saggezza. Bene, e la democrazia, ovviamente. Questo passaggio surreale è perfettamente completato dal più comune capriccio messo in scena su Twitter dall'ex presidente lituana Dalia Grybauskas, che è arrivata a definire Lukashenko “un dittatore sanguinario che non ha futuro sul suolo bielorusso”. E questa, mi scusi, è la sua decisione?

Ulteriore sviluppo: le opzioni sono possibili


Neanche a Washington hanno continuato a "fare una pausa". Il capo del Dipartimento di Stato americano Mike Pompeo, senza ulteriori indugi, ha proposto una soluzione semplice ed elegante (come la vede lui): cancellare le elezioni presidenziali già tenute in Bielorussia e indire nuove elezioni "democratiche" con la partecipazione di "osservatori internazionali seri". Non c'è dubbio che come tale il signor Pompeo sarebbe più adatto a un paio di divisioni NATO motorizzate. Tuttavia, il capo del Dipartimento di Stato ha cercato di far capire a Lukashenka che il “movimento all'indietro” con l'espressione di un'adeguata obbedienza è ancora possibile, promettendo di “vedere come si evolverà la situazione nel Paese nel prossimo futuro”. Ma già adesso Pompeo sta spaventando Minsk con la più ampia gamma di sanzioni e, soprattutto, con l'esclusione dalle forniture petrolifere americane. Sì, esattamente come il proverbiale riccio ...

Il punto è che Lukashenka semplicemente non ha una scelta speciale per il futuro "prossimo" e anche più lontano. Ha abbattuto l'attuale ondata di proteste, ma ha un compito molto più difficile davanti a lui: non lasciare che il "Maidan" "germogli" e prendere piede nella vita pubblica della Bielorussia e nella coscienza dei suoi abitanti. Ciò che si è riversato nelle strade di Minsk e in altre città negli ultimi giorni e nelle notti non ha solo "cime" aggressive che hanno assaggiato appieno mazze e proiettili di gomma, ma, ciò che è molto più pericoloso, radici nascoste e, a giudicare dalla portata di ciò che sta accadendo, sono molto profonde e ramificato. Ora dovranno essere sradicati, non avendo paura di sporcarsi le mani e, soprattutto, non tenendo conto della reazione dell'Occidente, che, giorno è chiaro, sarà estremamente negativa. Uno degli esempi più concreti è il previsto arrivo dell'ambasciatore statunitense a Minsk, che stava per avvenire dopo una lunga interruzione nelle vere e proprie relazioni diplomatiche tra i due Paesi. Se Lukashenka fa questo nelle condizioni attuali, avrà letteralmente a portata di mano un quartier generale a tutti gli effetti del nuovo "Maidan", che sarà molto più difficile da affrontare.

E altri paesi non limiteranno affatto la gamma di sporchi trucchi preparati per il "papà", in cui "improvvisamente" hanno nuovamente riconosciuto lo stesso "ultimo dittatore d'Europa", con semplici espressioni di "profonda preoccupazione". Ad esempio, il ministro degli Esteri lituano Linas Linkevičius ha affermato in un testo completamente aperto che anche ora il suo paese è pronto ad accogliere a braccia aperte tutte le "persone Maidan" bielorusse che vengono chiamate "persone che subiscono trattamenti crudeli". In realtà, questo significa organizzare un altro nido di serpenti sul territorio lituano, il cui scopo sarà minare la situazione nel paese vicino - oltre a un presepe simile, che si sente benissimo in Polonia e ha mostrato la sua non debole efficacia durante il caos attuale. Sarà possibile proteggere il Paese dall'influenza di tali centri sovversivi, che ora cominceranno a moltiplicarsi lungo i confini bielorussi, come sporchi funghi dopo una pioggia, solo con azioni estremamente dure. Se i "siloviki" locali (naturalmente, su suggerimento di Alexander Grigorievich) non lo intraprendono, allora firmeranno il verdetto per lui, per se stessi e per il paese.

Un nuovo "Maidan", e in una versione molto più organizzata, su larga scala, aggressiva e sanguinosa, sarà solo una questione di tempo. Lasciatemi dire (per coloro che dubitano) che sia il presidente della Bielorussia che molti altri rappresentanti delle autorità superiori (compresi i capi delle forze dell'ordine e delle strutture di "potere") oggi sperimentano uno shock del tutto sincero, per nulla finto da ciò che sta accadendo. Solo due o tre anni fa erano tutti fermamente convinti che nulla di simile fosse possibile in linea di principio! Credimi, è esattamente quello che è successo. Ora, avendo affrontato l '"impossibile" che è accaduto loro e accettando la nuova realtà, tutti devono trarre conclusioni serie, rivedere molte strategie e piani, e ciò dovrà essere fatto in un tempo abbastanza limitato.

L'Occidente non ha più intenzione di fare la "stretta di mano" con Lukashenka e chiamarlo con la più virtuale "carota". Da lì, si sentono chiamate sempre più distinte non solo alla frusta, ma quasi all'ascia. Prendiamo, ad esempio, Radoslaw Sikorski, ex ministro degli Esteri polacco e ora membro del Parlamento europeo. Ha affermato che mentre "puniscono" le autorità bielorusse per "violenza contro i manifestanti", è necessario "lasciare il territorio delle sanzioni e passare alla competenza della Corte penale internazionale per i funzionari responsabili". Mi chiedo come Pan Sikorsky intende trascinare il “siloviki” bielorusso nel processo dell'Aia? Avresti potuto occupare questo paese in anticipo? Sicuramente sa di un accenno alla Jugoslavia - mentre Lukashenka è già stato predetto da alcuni “il destino di Milosevic o Gheddafi”. E, a proposito, c'è qualche motivo per previsioni così cupe.

Con Alexander Grigorievich non funzionerà il numero che ha funzionato perfettamente, ad esempio, con due presidenti ucraini: Kuchma e Yanukovich. Per quanto è noto, Lukashenka e il suo entourage semplicemente non hanno beni stranieri, minacciando di bloccare o confiscare i quali potrebbero essere ricattati in modo produttivo. Non ci sono nemmeno oligarchi nel paese, usando chi o "persuadendoli a cooperare" esattamente con gli stessi metodi, sarebbe possibile organizzare un "Maidan" secondo lo scenario ucraino. Qui, se l'Occidente decide di andare fino in fondo, dovrà agire in modo estremamente diretto, rude e duro. Sì, Bruxelles ha già annunciato la sua disponibilità a introdurre nuove economico sanzioni (solo l'Ungheria oggi si oppone apertamente), ma quali sono le sanzioni al paese e al suo leader, che ha vissuto sotto di loro per decenni?

L'Occidente ha finalmente deciso il suo atteggiamento nei confronti di Lukashenka, e ora si tratta solo di sviluppare piani e metodi specifici per la sua eliminazione. Bene, è anche ora che Alexander Grigorievich decida sulla scelta di coloro che lo aiuteranno a evitare un finale così triste.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
32 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 14 August 2020 10: 09
    +6
    Sfortunatamente, Lukashenka non è cambiata affatto. Minsk ha già chiesto a Mosca di riequipaggiare completamente l'esercito bielorusso. E gratuitamente (ovvero, gratuitamente).
    In cambio, promette di proteggere la direzione occidentale dalle invasioni della NATO. Sta mentendo, ovviamente.
    1. scidoc Офлайн scidoc
      scidoc (Boris) 14 August 2020 12: 49
      +4
      La Bielorussia ha venduto i suoi sistemi di difesa aerea S-300 agli Stati Uniti attraverso la Romania senza il consenso della Russia. Lo afferma un articolo pubblicato dall'edizione vietnamita di DatViet il 13.08.2020. Questo è il motivo per cui Mosca si rifiuta di fornire armi moderne a Minsk e vuole avere le proprie basi militari in Bielorussia.
    2. Alexey Sergeev Офлайн Alexey Sergeev
      Alexey Sergeev (Alexey Sergeev) 16 August 2020 10: 46
      0
      Vuole davvero governare fino alla morte. E per mantenere il potere fino all'ultimo bielorusso .. Si parla molto di falsificazioni su larga scala, sembra che lui creda che se la gente non capisce che bisogna solo votare a favore, allora la gente ha bisogno di "aiutare". Sono "stupidi" e lui è "papà".
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 16 August 2020 11: 42
        +3
        Lukashenka, ovviamente, ama le autorità. Ha un complesso di utilità. Ma qual è l'alternativa?
        Secondo i sondaggi bielorussi, il 70% è contro il papà e contro la creazione di uno stato sindacale. Sono a favore di una stretta integrazione con l'UE e l'associazione europea. Questo non è né cattivo né buono. È solo un dato di fatto.
        Ma gli stessi sondaggi mostrano che il 70% dei bielorussi è favorevole al mantenimento delle attuali relazioni con la Russia. Cioè, per sovvenzionare l'industria bielorussa, aprire le frontiere con la Russia e l'assenza di dazi doganali.
        ----
        Torniamo un po 'indietro a novembre 2013. A Vilnius, per quanto riguarda l'integrazione europea dell'Ucraina, la Merkel ha affermato chiaramente che ciò è impossibile. Non puoi essere nell'UE e nell'UEE allo stesso tempo. L'integrazione di qualsiasi paese con l'UE significa la chiusura automatica del mercato russo. Questo è un assioma economico. Inoltre, la Bielorussia, quando si integrerà con l'UE, dovrà soddisfare i comandi di Bruxelles sulla politica delle sanzioni nei confronti della Russia.
        ----
        Così. Il 70% dei bielorussi vuole lo stesso di Lukashenka. Lukashenka, come la maggior parte della popolazione del suo paese, vuole ricevere risorse dalla Russia a prezzi interni, l'assenza di frontiere e dogane e continuare il percorso di avvicinamento all'UE. Non ci sono slogan anti-russi in Bielorussia, come in Ucraina nel 2013-2014.
        Non mi piace Lukashenka da solo. Poiché era il presidente della fattoria statale, rimase tale. Ma il tempo sta cambiando e la situazione è cambiata radicalmente. La Russia non può tirare su se stessa e la propria gobba dei suoi vicini più prossimi. Hai bisogno di un reso. E né Minsk né Kiev, e nessun altro vuole darlo via.
        Semplicemente non vedo il punto in queste proteste. Bene, Lukashenka se ne andrà e tra un anno o due (forse tre) la situazione sarà la stessa dell'Ucraina. Non ci sarà industria, niente mutandine di pizzo.
        -----
        La mia opinione è che il 70% dei bielorussi taglia il ramo su cui si siede. Certo, possono rovesciare Lukashenka (soprattutto con il sostegno dell'Occidente). Ma cosa succederà dopo? La Russia non introdurrà truppe. Questo è fuori discussione. E i partigiani filo-russi non ci saranno. Nemmeno l'UE ne ha bisogno. L'UE ha difficoltà a sostenere l'Ucraina. Daranno prestiti, ma poi inizieranno a prendere interessi.
        Il mondo è cambiato. La situazione è ridicolmente semplice: "Chi non è con noi è contro di noi".
        1. Alexey Sergeev Офлайн Alexey Sergeev
          Alexey Sergeev (Alexey Sergeev) 20 August 2020 15: 00
          0
          La Russia non può tirare su se stessa e sui suoi vicini più prossimi

          C'è un esempio con la stessa Estonia. Non si siede sulla nostra gobba, vive bene (stipendio medio 1000 €). Dici, l'UE li sovvenziona? (E lascia che sia, la cosa principale non siamo noi. Anche se non tutto è così semplice).
          Ma forse vale la pena lasciare che la Bielorussia lavori da sola, senza scoraggiare la motivazione con i sussidi?
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 20 August 2020 16: 05
            +3
            In generale, sono favorevole a che tutti si guadagnino da soli e non guardino nelle tasche dei vicini.

            Non considero esempi con i Balts. Sono ancora sovvenzionati. Come la Polonia. I confronti possono essere effettuati solo quando iniziano a sostenersi completamente. Lo stipendio di per sé non è un indicatore. Anche i costi contano. Ma, ovviamente, la situazione in Estonia è migliore che in Russia o Bielorussia. Ma questo è solo negli ultimi due anni. La crescita è fornita dalle tecnologie IT. Ma non per produzione. E per qualche ragione in Estonia, secondo l'UE, il 25% della popolazione vive in "povertà relativa". E le persone cercano lavoro in Europa. Anche se ciò potrebbe essere dovuto a salari più alti in Europa.

            In Bielorussia, il "duro dirigente" Lukashenko ha conservato "un'oasi di stabilità" a spese della Russia. 106 miliardi in 10 anni sono già tanti. Secondo lo stesso FMI, l'Ucraina è costata alla Russia 250 miliardi negli stessi 10 anni. Non appena i sussidi alla Bielorussia (non sono nemmeno terminati), ma semplicemente diminuiti, Lukashenko ha iniziato a ricattare e speculare. Ora vediamo il risultato.
            Non appena cesseranno i sussidi all'Estonia, vedremo il quadro reale.
            ----
            Per quanto riguarda la Russia, ho già riempito un cereale sulla mia lingua. Non appena il rublo non diventa convertibile e il deflusso di capitali si interrompe, vedremo quale modello di economia è migliore e più efficiente. Finora, vedo che tutti in giro chiedono soldi dalla Russia. Sanzioni, tribunali, violazioni delle regole dell'OMC. Avrei sbattuto la porta (la finestra di Pietro) molto tempo fa e inchiodato trasversalmente con delle assi.
  2. lavoratore dell'acciaio 14 August 2020 10: 34
    +1
    Lukashenka e il suo entourage semplicemente non hanno beni stranieri, minacciando di bloccare o confiscare che potrebbero essere effettivamente ricattati.

    E se non lo fa, ce l'hanno gli altri membri del governo e le loro famiglie? Ha mantenuto l'industria, non ha lasciato che venisse distrutta. Ha allevato l'agricoltura, sicuramente non moriranno di fame. Ad essere onesti, nessuno ha fatto affermazioni su Lukashenka, solo politiche - vattene e basta. Lukashenka si comporta onestamente nei confronti del suo popolo e del suo paese e non prepara una via di ritirata. Se solo non cedessi alle provocazioni.
    "La mia lingua è il mio nemico."
    1. polev66 Офлайн polev66
      polev66 (Alexander) 15 August 2020 18: 00
      0
      Togliete risorse energetiche a buon mercato da questa industria, metallo dalla Russia, la decantata industria sovietica di Lukashenko si trasformerà in zavorra a prezzi non competitivi.
      1. Nick Офлайн Nick
        Nick (Nicholas) 16 August 2020 08: 38
        +1
        Citazione: polev66
        Togliete risorse energetiche a buon mercato da questa industria, metallo dalla Russia, la decantata industria sovietica di Lukashenko si trasformerà in zavorra a prezzi non competitivi.

        Aggiungete a questo i mercati di vendita russi e il quadro diventa completo.
    2. Alexey Sergeev Офлайн Alexey Sergeev
      Alexey Sergeev (Alexey Sergeev) 20 August 2020 15: 03
      0
      È divertente che Lukashenka del passato sia un rimprovero di sé (come Putin, tra l'altro). Interventi sul fatto che è passato il tempo dei settant'anni di politici al timone, sull'inammissibilità di "tenere il potere fino alla morte" e di cambiare la costituzione per se stessi.
  3. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 14 August 2020 10: 40
    0
    E cosa non sarebbe subito lo scenario iracheno? La Russia è vicina ... Aggravamento dei pensieri suicidi stagionali? Fino allo scenario Maidan, le lancette sono corte, ma ancora lì. I sognatori di Washington.
  4. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 14 August 2020 11: 12
    +5
    Perché i signori dell'Unione europea si sono seduti sul sacerdote in modo uniforme e zitto quando i fatti si sono svolti negli Stati Uniti?
    Qui, dopotutto, è come se "i valori democratici sono ovunque" o chiudi la bocca.
    1. Yuri Nemov Офлайн Yuri Nemov
      Yuri Nemov (Yuri Nemov) 14 August 2020 13: 42
      +2
      Quindi gli yankees, dopotutto, uccidono democraticamente i neri e invadono democraticamente altri paesi. E Lukashenko disperde la folla con autoritarismo. Senti la differenza?
      1. Alexey Sergeev Офлайн Alexey Sergeev
        Alexey Sergeev (Alexey Sergeev) 20 August 2020 15: 07
        -2
        Hanno ucciso molti neri? sorriso
        Lukashenka compie un'azione intimidatoria quando afferrano e picchiano tutti di fila. Ma è importante ricordare che se la situazione sarà scossa, il bielorusso OMON chiederà bruscamente di emigrare da noi. Come l'ucraino Berkut.
    2. Alexey Sergeev Офлайн Alexey Sergeev
      Alexey Sergeev (Alexey Sergeev) 20 August 2020 15: 12
      0
      Cosa sta succedendo negli USA?
      Un gruppo di pogromisti (vale a dire, rapinano negozi, non uno solo in Bielorussia) stanno organizzando rivolte a causa di un criminale deceduto, di cui (con il sostegno del Partito Democratico) hanno fatto un'icona.
  5. Perfezionista Офлайн Perfezionista
    Perfezionista 14 August 2020 11: 41
    -1
    La Bielorussia, se non vuole la guerra e il sangue, deve entrare a far parte della Federazione Russa. L'adesione alla federazione è la salvezza per il Paese. Altrimenti perderanno il loro stato e il loro territorio, troveranno povertà, emigrazione, devastazione, liquidazione di imprese, disoccupazione. Il sistema economico di Lukashenko - il socialismo a spese della Russia non funziona più e il capitalismo occidentale li divorerà.
    1. King3214 Офлайн King3214
      King3214 (Sergio) 14 August 2020 14: 59
      +3
      Se TUTTI i candidati alla presidenza della Repubblica di Bielorussia si sono fatti notare sulla base della russofobia (nel loro processo pre-elettorale), allora la domanda "cosa vogliono i bielorussi" in termini di adesione alla Federazione Russa scompare da sola.
      Pertanto, non dovresti preoccuparti del loro destino, questa è la loro scelta.
      Quanto non vale la pena pagare per il loro viaggio "lontano dalla Russia". Al contrario, per estrarre il massimo profitto dalla Bielorussia per la Russia, con qualsiasi mezzo, senza restrizioni.
    2. kot711 Офлайн kot711
      kot711 (voce) 15 August 2020 12: 08
      +1
      La Bielorussia, se non vuole la guerra e il sangue, deve entrare a far parte della Federazione Russa. Entrare a far parte della federazione è la salvezza per il Paese.
      E quali sono i migliori oligarchi russi, i "democratici" bielorussi? Inoltre distruggeranno l'economia e abbasseranno il tenore di vita delle persone.
      1. polev66 Офлайн polev66
        polev66 (Alexander) 15 August 2020 18: 02
        -1
        O forse chiedi ai russi se vogliono vedere gli zmagar sul collo? Quanto siete stanchi, testimoni della setta sovietica.
        1. Il commento è stato cancellato
      2. King3214 Офлайн King3214
        King3214 (Sergio) 20 August 2020 18: 10
        +1
        Ma hanno "dimenticato" di dire ai bielorussi che il loro tenore di vita è stato pagato dalla Russia capitalista, oligarchica e generalmente pessima. È così che si sono "dimenticati" per 26 anni. Quindi è cresciuta una generazione di idioti che sono sacramente fiduciosi nella loro esclusività e che tutti li devono.
    3. Nick Офлайн Nick
      Nick (Nicholas) 16 August 2020 08: 40
      0
      Citazione: perfezionista
      La Bielorussia, se non vuole la guerra e il sangue, deve entrare a far parte della Federazione Russa. Entrare nella federazione è la salvezza per il Paese

      buono
    4. Alexey Sergeev Офлайн Alexey Sergeev
      Alexey Sergeev (Alexey Sergeev) 20 August 2020 15: 08
      0
      Permettetemi di ricordarvi che anche in Russia c'è il capitalismo. sorriso
      E non si tratta di alcuna "opposizione di sistemi" (come prima).
  6. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 14 August 2020 12: 54
    0
    L'Occidente inizia ad accennare allo "scenario jugoslavo" per la Bielorussia

    - I temi bielorussi sono andati ... - quasi la stessa ... consonante ...
    - Personalmente ho già menzionato nell'argomento:

    Quello che Lukashenka sarà costretto a dare a Putin in cambio di aiuto

    - riguardo a Lo ... come ... che ne dici di "Ceausescu bielorusso" ...

    Per quanto è noto, Lukashenka e il suo entourage semplicemente non hanno beni stranieri, minacciando di bloccare o confiscare che potrebbero essere ricattati in modo produttivo

    Quindi anche Ceausescu sembrava ripagare i debiti occidentali e non era così facile ricattarlo ... - Era rimasta solo una cosa ... - solo eliminare ...
    - Quindi Lo ... - non ha nemmeno conti personali che l'Occidente possa facilmente congelare; non esistono proprietà immobiliari straniere "a'la Deripaska e altri oligarchi russi"; ei suoi parenti vivono in Bielorussia, ei suoi figli sono addestrati in "nativi Penates" ... - Quindi personalmente, l'Occidente non può spremere Lo stesso ... - Tutto ciò che rimane è la "variante Chaushesk" ... - Quindi ... - meglio Lo lasciare se stesso per il bene, in salute ... e stabilirsi nella regione di Mosca con tutti i suoi parenti ... è l'opzione migliore per lui ...
    1. accidentalmente Офлайн accidentalmente
      accidentalmente 15 August 2020 10: 53
      -1
      Russophobe Lukashesku non andrà all'opzione nella regione di Mosca. Questo è un esempio per la Russia, è tempo che il Cremlino conosca l'onore. .... le proteste a Khabarovsk e in altre città continuano.
      1. Nick Офлайн Nick
        Nick (Nicholas) 16 August 2020 08: 46
        0
        Citazione: Kazara
        .... le proteste a Khabarovsk e in altre città continuano.

        Oh, stai parlando di Portland e Chicago? Chiaro. Krandets dell'egemonia americana significa.
        Il mondo sta cambiando ...
      2. King3214 Офлайн King3214
        King3214 (Sergio) 20 August 2020 18: 13
        -1
        Se i soldi vengono pagati, perché non dovrebbero andarsene?
        Vuole rassicurare me e tutti i presenti che stanno protestando a Khabarovsk "al richiamo del cuore" e "da soli"?
        Si prega di non offendere la comunità locale con tali conclusioni.
  7. Victor Zhelyabin Офлайн Victor Zhelyabin
    Victor Zhelyabin (Victor Zhelyabin) 15 August 2020 20: 39
    +1
    È debole per gli Stati Uniti e l'Unione europea riconoscere semplicemente Tikhanovskaya come presidente della Bielorussia, come hanno riconosciuto come presidente Guyado in Venezuela?
  8. Satellitare Офлайн Satellitare
    Satellitare 16 August 2020 00: 06
    +3
    L'Occidente inizia ad accennare allo "scenario jugoslavo" per la Bielorussia

    Fu tu, dannazione? ... E ho quasi pensato: 72 giorni di bombardamenti! Già iniziato a preoccuparsi per la NATO. Ma che dire .. Eltsin non c'è più .. Non ci sarà nessuno a tacere.
    1. g1washntwn Офлайн g1washntwn
      g1washntwn (Zhora Washington) 18 August 2020 09: 11
      +1
      Citazione: Satellite
      Non ci sarà nessuno a tacere.

      E a proposito, Sergei Kuzhugetovich sarà in grado di sostituire il PIL per un paio di mandati. Ho messo le cose in ordine nel Ministero delle situazioni di emergenza, ed è giunto il momento nell'ambiente circostante della Federazione Russa. Sarei PER.
  9. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 August 2020 13: 22
    +2
    ..che "le speranze per lo sviluppo della Bielorussia nella giusta direzione" sono state brutalmente "spezzate" da azioni energiche contro i manifestanti. Il signor Maas ha immediatamente invitato l'intera Unione europea a unirsi in un unico impulso e "prendere una posizione comune su Minsk".

    E come tutti speravamo che dopo la sconfitta di Hitler, la Germania avrebbe smesso di incoraggiare le marce delle SS in Europa, ma non si è fermata! Non puoi lavare un cane nero bianco! E per cominciare, lasciamo che la Germania prima si liberi dalle forze di occupazione statunitensi. Altrimenti, non esiste una colonia di fede americana.
  10. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 22 August 2020 13: 38
    0
    Non puoi arrenderti alla Bielorussia. Ma Luka è andato troppo oltre. Dopo la fine delle proteste, il Cremlino rimuoverà Luka. Maidan non sarà autorizzato e la Russia, ufficiosamente, aiuterà in questo.
  11. Topol M Офлайн Topol M
    Topol M (Yury) 22 August 2020 22: 45
    -1
    Necropico! Nel tuo paese, capiscilo, ma non devi decidere per l'intero popolo bielorusso! Noi e te non abbiamo bisogno dei tuoi modi imperiali, vogliamo una pacifica convivenza con tutti. Ho rispettato molto Putin, che ha sollevato la Russia e ha ricreato l'esercito. Ma quando si è congratulato con il nostro agricoltore collettivo per la sua vittoria, questa è la fine. È chiaro che le abitudini imperiali sono rimaste e vuoi tagliare i tuoi mangiatori di oglo in RB.