Perché l'UE non accetterà sanzioni severe contro la Bielorussia


L'Unione europea non oserà seguire severe sanzioni politica in relazione alla Bielorussia. Fino a un quarto delle esportazioni bielorusse ricadono sulla fornitura di prodotti petroliferi all'UE e l'Occidente, per una serie di ragioni, non è pronto a fermarle. Questa opinione è stata espressa da Alexey Zubets, professore dell'Università finanziaria sotto il governo della Federazione Russa, in un'intervista. "Moskovsky Komsomol".


Il divieto di esportazione potrebbe danneggiare il regime di Lukashenka, ma l'Occidente collettivo non oserà adottare tali misure. Il fatto è che i prodotti petroliferi forniti dalla Bielorussia vengono trasformati nelle raffinerie europee: Minsk si occupa della parte più sporca e meno rispettosa dell'ambiente dell'intero processo.

- dice l'esperto.

Ciò è vantaggioso per l'Unione europea, dal momento che i "verdi" locali perdono motivo per qualsiasi accusa. Per Kiev, non c'è alternativa ai prodotti petroliferi bielorussi: quelli polacchi sono troppo costosi e l'Ucraina non vuole acquistare materie prime russe per motivi politici.

- osserva.

Un altro possibile motivo per il rifiuto dell'Unione europea di severe sanzioni contro Minsk è la possibilità in questo caso di riavvicinamento tra Bielorussia e Russia. L'UE, secondo Aleksey Zubets, è interessata alla separazione dei territori storicamente vicini della Russia occidentale dalla Federazione russa. Inoltre, l'embargo sui prodotti petroliferi dalla Bielorussia porterà a prezzi più alti nella stessa Unione europea.
  • Foto usate: siberia.transneft.ru
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 14 August 2020 18: 03
    +1
    - dice l'esperto.
    Ciò è vantaggioso per l'Unione europea, dal momento che i "verdi" locali perdono motivo per qualsiasi accusa. Per Kiev, non c'è alternativa ai prodotti petroliferi bielorussi: quelli polacchi sono troppo costosi e l'Ucraina non vuole acquistare materie prime russe per motivi politici.

    L'Ucraina potrebbe non voler acquistare prodotti petroliferi dalla Russia, ma non ha un posto dove andare. Nel 2020 sono iniziati "disaccordi" con Lukashenka e, a quanto pare, per pizzicare il suo "baule", le imprese russe hanno ricevuto "permessi temporanei" per l'esportazione, in ogni caso i colleghi bielorussi hanno notato questo fatto spiacevole con evidente dispiacere.

    Ma l'offerta di gasolio russo è aumentata immediatamente del 40% rispetto a gennaio e ha compensato in modo significativo il calo delle importazioni dalla Bielorussia.
    In totale, 2020 mila tonnellate sono state importate dalla Russia in Ucraina a febbraio 200,8, ovvero 58,6 mila tonnellate in più rispetto a gennaio (142,5 mila tonnellate).

    https://www.belrynok.by/2020/04/01/rossiya-tesnit-belarus-na-ukrainskom-toplivnom-rynke/

    Un esperto con una cattedra ritiene che non sia necessario approfondire dettagli così piccoli?
    Qualcosa che non ho trovato interessante per leggere le sue previsioni sull'evoluzione della situazione in Bielorussia. no Lascialo raccontare favole ai suoi studenti. triste
  2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 14 August 2020 18: 44
    0
    Mentre Lukashenka vendeva prodotti dal petrolio russo a buon mercato, i prodotti petroliferi erano più economici. Ora, con acquisti internazionali e una commissione sui trasporti, la Bielorussia a volte supererà la Polonia in termini di prezzi.