L'Europa ha deciso di opporsi agli Stati Uniti con un "fronte del gas" unito


Oltre a tutte le altre preoccupazioni per il coronavirus pandemico, un calo senza precedenti economia e le proteste nel paese si placarono appena, l'amministrazione americana ne ricevette un'altra. Tutti i principali paesi dell'Unione europea si sono ribellati contro i loro "alleati" e "senior partner" d'oltremare. I rappresentanti del Vecchio Mondo hanno espresso il proprio disaccordo con le azioni degli Stati Uniti in modo così netto e amichevole, come non accadeva da molto tempo.


La cosa più spiacevole per Washington è che tutta questa iniziativa non è finalizzata nient'altro che a proteggere il gasdotto russo Nord Stream 2, il cui completamento gli europei, come si è scoperto, considerano già il loro interesse vitale. Tuttavia, questo progetto non è solo. Cos'altro?

Non sta a te decidere!


Si tratta di una nota ufficiale di protesta consegnata ai rappresentanti del Dipartimento di Stato americano durante una videoconferenza che si è svolta tra loro e la delegazione dell'Unione Europea. Dopo aver messo le loro firme sotto questo documento, a sostegno delle richieste di porre fine alla pressione sulle sanzioni volte a interrompere la costruzione del Nord Stream 2, 24 stati su 27 membri dell'UE hanno espresso il loro sostegno. Fonti dei circoli diplomatici europei, da cui, di fatto, le informazioni sull'iniziativa avvenuta, non vogliono categoricamente nominare i tre Paesi che si sono rifiutati di aderire all'opinione generale. Ma qualcosa suggerisce che, molto probabilmente, questa è la Polonia e un paio di paesi baltici. Oggi Washington non ha satelliti più fedeli nel Vecchio Mondo e la loro posizione russofobica è ben nota a tutti. Dalle capitali là, dove cercano di tessere inverosimili politico componenti, gli attacchi al Nord Stream 2 vengono ascoltati regolarmente, quindi non c'è nulla di sorprendente. Per il resto degli stati europei, il diktat senza cerimonie ed estremamente aggressivo di Washington è già, come si suol dire, attraverso la gola.

L'attuale nota è, infatti, una ripetizione quasi parola per parola delle affermazioni fatte alla parte americana di recente, un mese fa, dall'Alto rappresentante per la politica estera e la sicurezza dell'UE Josep Borrell. Poi ha detto che gli infiniti ultimatum e le minacce degli Stati Uniti contro le società coinvolte nella posa del gasdotto sono una flagrante violazione di tutte le norme immaginabili e inconcepibili del diritto internazionale. "Le questioni europee dovrebbero essere risolte in Europa e non nei paesi terzi!" Proclamò il signor Borrell appassionatamente.

Devo dire che l'indignazione che ha attanagliato Bruxelles e ben altre due dozzine di capitali del Vecchio Mondo ha ragioni ben precise. Da sempre contraddistinti nelle questioni di politica estera da una discreta sfacciataggine, gli yankees hanno perso anche il minimo senso delle proporzioni in tutto ciò che riguarda Nord Stream 2 e hanno iniziato a disfarsi degli stati da essi separati dall'oceano, come nei propri ranch . Che c'è solo una lettera inviata alla dirigenza del porto dei traghetti di Mukran nella città tedesca di Sassnitz dai senatori americani Ted Cruise, Tom Cotton e Ron Johnson, che può essere classificato tra il tutt'altro che glorioso coorte dei combattenti più implacabili contro Nord Stream 2. Questo non è nemmeno un ultimatum: si tratta di una serie di minacce completamente non mascherate, appropriate solo in combinazione con una Colt messa sulla fronte della persona a cui si stanno rivolgendo. I "celestiali" di Capitol Hill dichiarano direttamente ai lavoratori portuali di Mukran: "Se continuate a fornire beni, servizi e supporto al gasdotto russo, la vostra" futura distruzione finanziaria "è garantita. Nessuno sopravviverà! "

Questo è in qualche modo troppo anche per gli americani, che hanno completamente dimenticato che la Germania non è stata un territorio da loro occupato per molti decenni. Non sorprende che il "fronte del gas" antiamericano sia guidato da Berlino, che è già malata e stanca di raccogliere da Washington vari saggi peggio di un rafano amaro. Gli Stati Uniti sognavano di fermare la costruzione del Nord Stream 2, chiudere un monopolio del gas nel Vecchio Mondo e riempirlo con il proprio GNL, a cominciare dalla Germania? Possiamo congratularci con loro: con il loro "corteggiamento" insopportabilmente ossessivo hanno ottenuto esattamente l'effetto opposto.

Rimani indietro con il tuo GNL!


Si è arrivati ​​al punto in cui, finalmente, hanno cominciato a parlare apertamente di cose del tutto ovvie, come, ad esempio, l'assoluta inopportunità economica di rifiutarsi di fornire risorse energetiche russe a favore del GNL d'oltremare. Ad esempio, il ministro dell'Energia, delle Infrastrutture e del Digitale tecnologia dello stato tedesco del Meclemburgo-Pomerania occidentale, Christian Pegel ha chiaramente giustificato la riluttanza dei suoi compatrioti a farsi coinvolgere con le forniture americane. Secondo lui, i costi di liquefazione del "carburante blu", il suo trasporto attraverso la metà del mondo e l'ulteriore logistica già nel Vecchio Mondo, sovrapposti al costo di produzione molto basso, rendono il gas dagli Stati Uniti completamente non competitivo in Mercati europei. "La questione se dovremmo acquistare GNL americano non vale affatto la pena!" - sbottò Herr Pegel. Ma che dire dei terminali GNL in costruzione e già messi in servizio? Esse, secondo il ministro, sono necessarie esclusivamente come "ripiego per forniture alternative" e teoriche "per fornire opportunità di concorrenza". Per ogni evenienza, in una parola.

Con una sincerità veramente tedesca, Pegel ha espresso la sua fiducia che Washington stia facendo pressione sul Nord Stream 2 solo perché capisce perfettamente che RAO Gazprom non sarà in grado di spremere sui mercati dell'UE almeno con una concorrenza relativamente equa. ... Allo stesso tempo, il funzionario considera "oltraggiosi" i tentativi di "interferire nelle questioni della sovranità degli approvvigionamenti energetici" non solo dagli Stati Uniti, ma in generale "da qualsiasi Stato al di fuori della regione baltica". Per quanto riguarda la probabilità e la fattibilità di completare la costruzione, Herr Pegel guarda a questo problema, ancora una volta, come un vero tedesco, cioè in modo estremamente pragmatico. Secondo le sue stime, "oggi in fondo al Mar Baltico ci sono non meno di 10 miliardi di euro", il che fornisce a tutti i partecipanti al progetto "ragioni più che convincenti per andare fino in fondo" nonostante l'opposizione dall'esterno.

E, tra l'altro, per quanto riguarda l '"energia dell'idrogeno", utilizzando lo spauracchio di cui alcuni hanno già fretta di profetizzare "l'imminente fine dell'espansione del gas russo in Europa". Anche qui non tutto è così semplice come potrebbe sembrare a prima vista. Ad esempio, lo stesso Waldemar Gerdt, che è membro del Bundestag Committee on International Affairs, non molto tempo fa, parlando delle prospettive di consegne di GNL americano in Germania, ha sottolineato che questo carburante, oltre al suo "eccessivamente costoso" , è anche “terribile” dal punto di vista ambientale, perché quando viene utilizzato dà il 30% in più di emissioni di CO2 rispetto a un gas molto più economico proveniente dalla Russia. Sì, il processo di "inverdimento" dell'Europa sta procedendo, anche se non così rapidamente come previsto, ma sembra essere costante.

Di recente, undici società di gas locali di nove paesi: Enagás (Spagna), Energinet (Danimarca), Fluxys (Belgio), Gasunie (Paesi Bassi), GRTgaz e Teréga (Francia), NET4GAS (Repubblica Ceca), OGE e ONTRAS (Germania), Snam (Italia), Svezia (Svezia), hanno svelato un piano per creare un'infrastruttura speciale per il trasporto di idrogeno European Hydrogen. Secondo i loro rappresentanti, la rete di condutture dell'idrogeno che collegano i centri di produzione e consumo di "gas ecologico" entro il 2030 potrebbe raggiungere una lunghezza di 6,8 mila chilometri. E entro il 2040 crescerà fino a 23mila chilometri. I piani sono entusiasmanti - tuttavia, la creazione di una simile "rete di idrogeno" (e solo a condizione che consisterà nel 75% delle attuali condotte convertite) costerà circa 65 miliardi di euro. E questo, ripeto, è solo il prezzo delle infrastrutture per il trasporto dell '"idrogeno verde". Quale sarà il passaggio più completo al suo utilizzo nell'industria, nell'energia, nei trasporti, oggi quasi nessuno si impegnerà a calcolarlo anche approssimativamente.

È a causa di questi e di altri motivi che scienziati dell'Istituto per lo studio dell'economia energetica dell'Università di Colonia (EWI) ed esperti della Fondazione Berlino per la scienza e la politica (SWP) sono giunti a conclusioni simili. Berlino semplicemente non è in grado di realizzare da sola un progetto così grandioso dall'inizio alla fine. Nelle prime fasi della sua implementazione, che probabilmente saranno piuttosto lunghe, secondo gli analisti di EWI e SWP, la Germania, volenti o nolenti, importa qualcosa: enormi quantità di elettricità necessaria per produrre idrogeno "puro" mediante elettrolisi o questo idrogeno prodotto da qualche parte . Esiste anche una terza opzione: l'acquisto di idrogeno non "verde", ma dei cosiddetti tipi "blu" o "turchese". Entrambi questi tipi di H2 sono ottenuti dallo stesso gas naturale (metano), il primo con il metodo del reforming a vapore e il secondo con la pirolisi. Tuttavia, queste sono già sottigliezze tecniche. La conclusione è che anche l'Europa che si batte per la "decarbonizzazione" e la "neutralità del carbonio" dovrà acquistare da noi "carburante blu" per la sua trasformazione in "verde" per un tempo molto lungo, oppure ricevere prodotti pronti dalla Russia gas naturale. Altrimenti, i tedeschi dal pugno chiuso non "hanno gettato decine di miliardi di euro sul fondo del Baltico". E ancora di più, non entreremmo in un confronto aperto con Washington. E difficilmente sarebbero riusciti a convincere la maggioranza assoluta dei loro vicini nell'Unione europea della necessità di respingere gli intrighi americani sul Nord Stream 2 senza argomenti estremamente pesanti.

Avendo agito come un "fronte del gas" unito, gli europei si sono assicurati il ​​diritto di decidere autonomamente come, da chi ea quali prezzi acquistare risorse energetiche. Ovviamente, questo passo non dovrebbe in alcun modo essere visto come un sostegno alla Russia o una "difesa dei suoi interessi". Gli europei, come sempre, si preoccupano esclusivamente dei propri vantaggi e vantaggi. È successo così che su questo tema la loro posizione coincide con la nostra. E allora? Dobbiamo usarlo!
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 18 August 2020 10: 09
    -2
    agendo come un "fronte del gas" unito, gli europei si sono assicurati il ​​diritto di decidere da soli

    Deciderai tu stesso quando espellerai l'esercito americano dalla tua terra e ne creerai uno tuo. Quando legalmente tutte le finanze saranno soggette all'UE, non agli Stati Uniti. Fino ad allora, spetta a te esprimere preoccupazione.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 18 August 2020 10: 34
    +3
    Con una sensazione di profonda soddisfazione morale e anche con un po 'di gongolante, osservo come i partner europei si agitano e grugniscono sotto il corpo in sovrappeso di Trump, mentre strillano - e per cosa siamo? assicurare
    All'improvviso si è scoperto che le sanzioni non sono buone e persino illegali. risata Brucia Donnie, brucia. buono
    L'unanimità di opinione nei ranghi "monolitici" degli alleati del Nord Atlantico aggiunge anche ottimismo. strizzò l'occhio
    Nel frattempo ... silenziosamente e inosservato ... tre giorni fa ...

    Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite respinge la risoluzione degli Stati Uniti di estendere l'embargo sulle armi contro l'Iran

    Gli Stati Uniti e la Repubblica Dominicana hanno votato a favore, Russia e Cina erano contrarie, il resto guardato con interesse. Ecco un tale allineamento ... E poi - Il mondo intero è con noi. compagno
    Mi chiedo chi avrà più contratti per le armi, noi oi cinesi?
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 18 August 2020 13: 46
      0
      Citazione: 123
      chi avrà più contratti per le armi, noi oi cinesi?

      Il cinese. Più economico, di più e può essere scambiato direttamente con il petrolio tramite il baratto.