Cosa può salvare l'industria bielorussa dal collasso completo


Per una settimana e mezza i fratelli bielorussi non riescono a calmarsi dopo il conteggio dei voti alle elezioni presidenziali. La stanchezza dell'irremovibile Alexander Lukashenko e il risentimento per il suo “incredibile” 80,08% dei voti li costringono ad agire in modo non proprio razionale, danneggiando se stessi e il proprio Paese. Tra poche settimane diventeranno chiare le conseguenze della chiusura delle miniere e delle imprese bielorusse. Vorrei chiamare le persone fraterne a ragionare e pensare a cosa li attende nel caso in cui la signora Tikhanovskaya salisse al potere.


E li aspettano tutti i piaceri della "via ucraina", i cui risultati possono essere osservati negli ultimi 6 anni a Nezalezhnaya. Una rottura con la Russia avrà conseguenze davvero catastrofiche per il popolo fraterno. L'agricoltura bielorussa è orientata principalmente all'esportazione verso il nostro mercato. Se l'opposizione salirà al potere, inizierà inevitabilmente uno scambio di sanzioni reciproche e alla fine verrà chiuso l'accesso per la Bielorussia. In Europa, i prodotti degli agricoltori bielorussi semplicemente non sono necessari a nessuno, c'è già una forte concorrenza interna che regna lì.

Belaruskali detiene circa il 20% del mercato mondiale. L'esportazione di fertilizzanti è l'unica fonte di dollari completamente autonoma per Minsk, poiché dipende da Mosca per i prodotti petroliferi. Nel mercato della potassa, la Bielorussia sta disperatamente facendo dumping, abbattendo il prezzo dei concorrenti di Canada e Russia. Immaginiamo che la signora Tikhanovskaya sia effettivamente arrivata al potere e la sua squadra abbia iniziato la privatizzazione. Dopotutto, "Belaruskali" sarà il primo ad essere messo in vendita e le società occidentali lo acquisteranno con uno "sconto partner". E poi le miniere verranno semplicemente chiuse per aumentare i prezzi dei fertilizzanti. E i fratelli bielorussi andranno a battere i loro caschi sull'asfalto.

Lo stesso si può dire del distretto industriale, che Lukashenka è riuscito a mantenere intatto. MAZ e BelAZ sono vivi fintanto che hanno accesso ai mercati russo e EAEU. Dopo la privatizzazione da parte delle multinazionali occidentali, sarà più facile per loro "ottimizzare" questi impianti di produzione di automobili, o addirittura chiuderli del tutto. La nicchia vacante sarà occupata da Caterpillar, Komatsu e John Deere.

Oggi i cittadini della Bielorussia sono insoddisfatti di Alexander Grigorievich per un notevole calo del tenore di vita. Ma non capiscono ancora che se l'opposizione vincerà, dovranno accelerare i nostri "anni Novanta" con una disoccupazione massiccia e un impoverimento della popolazione. In 3-5 anni loro stessi ricorderanno con nostalgia la “stagnazione” del periodo Lukashenka. Esistono alternative a questo? Certo che sì.

Oggi la Bielorussia si trova tra due fuochi. Molto probabilmente, non sarà più in grado di mantenere il pieno controllo statale sull'industria e sulle risorse. Se le forze filo-occidentali prendono il sopravvento a Minsk, è inevitabile una "grande privatizzazione", seguita dalla liquidazione delle industrie in concorrenza con i prodotti TNK e dalla chiusura delle miniere. Anche le imprese della difesa che lavorano per il complesso militare-industriale russo e cinese andranno sotto i ferri. Se la Bielorussia rimane nella sfera di influenza della Russia e inizia a integrarsi nel formato dello Stato dell'Unione, le sue prospettive saranno molto migliori.

Sì, le grandi imprese nazionali verranno a partecipare ai processi di privatizzazione, ma la situazione nel nostro l'economia è tale che è estremamente redditizio preservare e modernizzare queste industrie. Il Cremlino è oggettivamente interessato alla sostituzione delle importazioni e alla riduzione della dipendenza dall'occidente tecnologia e accessori. A differenza dell'opposizione filo-occidentale, ora non sarà loro permesso di liquidare l'industria bielorussa. Inoltre, insieme, Mosca e Minsk saranno nuovamente in grado di dettare i loro termini, ad esempio, sul mercato dei fertilizzanti di potassio. Fino al 2013, il prezzo del cloruro di potassio in Asia raggiungeva i $ 1000 per tonnellata, ora i bielorussi lo vendono per $ 220, il che mette i bastoni tra le ruote della Russia e di altri fornitori. La cooperazione tra i due paesi alleati potrebbe riportare i prezzi a un livello confortevole.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 August 2020 13: 48
    -4
    Wah, giusto. Ci sedevamo sul divano e facevamo un cenno alla TV.
    La vita migliorerebbe da sola.
    Consenso, Presidenza, Nazionalità.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 August 2020 14: 29
    +4
    Salvare la Bielorussia dal Maidan può essere ... uno sciopero dei lavoratori delle stazioni di servizio. A tutti coloro che vogliono fare rifornimento alla propria auto, i lavoratori della stazione di servizio in sciopero spiegano popolarmente che si stanno unendo allo sciopero generale e non rilasceranno benzina e solarium in segno di solidarietà! Se la maggior parte delle stazioni di servizio lo fa, forse la gente capirà cosa può aspettarsi dopo il Maidan? E gli Euromen non sono abituati a camminare a piedi ...
  3. lavoratore dell'acciaio 19 August 2020 16: 04
    +5
    Cosa può salvare l'industria bielorussa dal collasso completo?

    Quando un bambino inizia a essere capriccioso e pretende, senza sapere cosa. I genitori intelligenti, anche se si sentono dispiaciuti per il bambino, li sculteranno e li metteranno in un angolo. Se cresci e dai una cintura. Tali problemi vengono risolti quando le parole non aiutano, solo con la forza. I cinesi usavano persino i carri armati. Pertanto, Lukashenka dovrebbe utilizzare la versione cinese. Non funzionerà pacificamente. O sarà il destino della Libia, dell'Ucraina.
  4. Yuri Mikhailovsky Офлайн Yuri Mikhailovsky
    Yuri Mikhailovsky (Yuri Mikhailovsky) 19 August 2020 18: 46
    +3
    Acquista urgentemente smerigliatrici - per tagliare le fabbriche per rottami. Durerai sei mesi. Non puoi andare a Parigi, gli ucraini hanno smontato tutto. Quindi levatevi di cappello e inchinatevi ai maestri ...
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 August 2020 20: 55
    0
    Ho appena guardato Konstantin Semin: BIELORUSSIA. UN ALTRO MATRIMONIO
    Tutti sono desiderosi di privatizzazione, specialmente gli oligarchi russi nativi. E l'articolo conferma indirettamente.

    Come possono i fertilizzanti di potassio essere venduti ora a 220 nella crisi (a quanto pare, consentono di mantenere il prezzo di un'impresa statale), quando l'anima degli oligarchi anela a 1000 ??? Almeno il 500% di profitto !!! Fantastica area confortevole !!!
    Ricordi che sia Lenin che gli americani hanno parlato di tale%?
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 20 August 2020 01: 11
      +1
      Tutti sono desiderosi di privatizzazione, specialmente gli oligarchi russi nativi.

      C'è sete di privatizzazione da tutte le parti, fregandosi le mani. Questo è anche il problema, l'opposizione sta cercando di promettere di tirare su "investitori" con nomi mondiali e allontanarsi da un boccone così gustoso di "eroi" russi che catturano. In ogni caso è inevitabile una vendita con conseguente ottimizzazione e chiusura di molte imprese, nonché una crisi generale dell'intera infrastruttura operante attorno ai grandi stabilimenti. E così via in una spirale. Questo è ciò che il presidente bielorusso di oggi sta cercando di evitare.
      Ma qui è possibile e in stile Chubais, chiunque abbia il tempo di voltarsi (capi, funzionari e soprattutto furfanti vicini e "attivisti"), può uscire come re, e il resto, quindi, semplicemente non si adattava ai rapporti di mercato - niente di personale. Lasciateli entrare in affari, abbastanza democratici. wassat
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 20 August 2020 08: 51
        0
        E dov'è la garanzia che i capitalisti russi, nel qual caso, gli americani non spremeranno Belaruskali, mentre spremevano l'alluminio da Deripaska? E nessun Chubais lo ha aiutato ...
        1. Amaro Офлайн Amaro
          Amaro (Gleb) 20 August 2020 09: 24
          +2
          E dov'è la garanzia ..

          Sì, non c'è alcuna garanzia, possono persino consegnarlo come "sacrificio" ai loro "partner" in modo che non vengano ancora toccati.

          no Chubais

          Ho citato Chubais non come un assistente, ma piuttosto come un esempio della privatizzazione "riuscita" dell'economia nazionale e dell'efficace spremitura delle risorse appartenenti alla società nelle tasche private dei singoli ladri.
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 20 August 2020 08: 07
      0
      Citazione: Sergey Latyshev
      Ho appena guardato Konstantin Semin: BIELORUSSIA. UN ALTRO MATRIMONIO
      Tutti sono desiderosi di privatizzazione, specialmente gli oligarchi russi nativi. E l'articolo conferma indirettamente.

      Sì, ha fatto un buon programma.
      1. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
        Vladimir_Voronov (Vladimir) 20 August 2020 10: 56
        -1
        Sergey, l'hai fatto anche tu oggettivamente. (Nessuna ironia)
  6. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
    Barmaley_2 (Barmale) 20 August 2020 00: 51
    +3
    Non capisci lo stato e la filosofia dei manifestanti in Bielorussia. Loro stessi dichiarano di non essere paragonati agli ucraini, e loro, come, saranno diversi. Credono persino nell'assurdità che Tikhanovskaya rinuncerà al potere e terrà presto nuove elezioni. E per l'Occidente, sono ancora più amici di chiunque altro, e in futuro avranno la preferenza nel lavare gli armadi rispetto anche agli ucraini quando il confine sarà aperto in futuro.
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 20 August 2020 09: 35
      +3
      il loro tipo sarà diverso.

      Se è così, sarà diverso. Il paese è più piccolo dell'Ucraina e tutti i processi andranno molto più velocemente e molto più duri. E la strada per l'UE sarà infinitamente lunga e spinosa.
      1. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
        Barmaley_2 (Barmale) 20 August 2020 21: 10
        -1
        Se solo in questo senso, allora sì!
  7. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 20 August 2020 16: 17
    +1
    Temo che non sia più possibile salvare l'economia statale. È caduta sotto la pista dei privatizzatori. Dall'Occidente alla Cina stessa.