Perché l'Occidente consiglia vivamente a Putin di "non salvare Lukashenka"


Oggi, uno dei temi più "delicati" per l'intero "Occidente collettivo", con il cuore che sprofonda dopo la situazione in Bielorussia, è il timore che la Russia aiuti Alexander Lukashenko, che sta cercando disperatamente di tenere questo paese lontano dal "Maidan " caos. Capiscono perfettamente che proprio una simile svolta di eventi molto probabilmente sarà in grado di "mescolare le carte" di un'operazione speciale che si svolge davanti ai nostri occhi chiamata: "Rimuovi l'ultimo dittatore" ...


Tutto questo è servito sotto il sugo di "relazioni analitiche" e "studi di esperti", i cui autori non risparmiano sforzi per dimostrare "in modo estremamente convincente": allo stato attuale, il "padre" che si è praticamente compromesso alla testa della Bielorussia non è redditizio per Mosca e il suo sostegno è irto di costi inaccettabili. Suona, a prima vista, plausibile.

"Cinque ragioni" ...


Come riferimento, per così dire, un esempio di tale creatività, è del tutto possibile citare la ricerca del centro di ricerca Council on Foreign Relations, che, tra l'altro, è considerato il più potente di tutte le organizzazioni private, che influenza davvero l'esterno politica di STATI UNITI D'AMERICA. In una rassegna analitica pubblicata sulla propria stampa, Foreign Affairs, gli esperti locali citano ben cinque ragioni, a seguito delle quali il Cremlino dovrebbe tenersi il più lontano possibile dal “tossico” leader bielorusso, e idealmente, come si suol dire, " lascialo perdere con tutte le sue frattaglie ”. Mi scusi per la "calma ruvida", ma il significato nel rapporto si vede proprio così. Allora, quali sono, secondo il "popolo intelligente" americano, le ragioni per cui Mosca tradisce Minsk?

In primo luogo, le proteste che si svolgono lì, secondo gli analisti del Council on Foreign Relations, "non sono affatto anti-russe". I "Maidans" a Kiev sono stati davvero messi in scena dai "nazionalisti ucraini", ammettono. E i manifestanti bielorussi sono le persone più gentili che non hanno nulla di male per il nostro paese e non hanno pensieri nelle loro menti. Sì, è così che credevamo ... In secondo luogo, il CFR è convinto che "dalla soppressione della democrazia in Bielorussia" Vladimir Putin non trarrà assolutamente alcun "beneficio". “L'invasione di un paese vicino” (di cosa parli? - autore) “sarà difficile per lui spiegare alla sua gente”, poiché tutti vedranno immediatamente il vero motivo - “sostegno alle falsificazioni”. Ovviamente, il "centro di ricerca" non ha sentito parlare di cose come gli interessi della sicurezza nazionale, perseguiti, tra l'altro, attraverso il mantenimento della stabilità nei paesi vicini. Oppure fingono di non sentire. Piuttosto, credono che una mossa così naturale nella politica estera su questo pianeta possa essere consentita solo dagli Stati Uniti.

La terza ragione per cui il Cremlino non dovrebbe aiutare Lukashenka suona piuttosto strana nella descrizione degli americani: "una mobilitazione popolare ben sviluppata dei bielorussi", che "non permetterà di spegnere le proteste sul nascere". E la Russia c'entra qualcosa? E sulla "nazionalità" dei tentativi disperati di scuotere la situazione nel Paese, che già si stanno verificando in questa fase, ci sono semplicemente dei dubbi enormi. Quarto, come affermano gli "analisti" all'estero, "Little Green Men" non sarà in grado di risolvere i problemi di Putin ". Ma a cosa serve ?! Di quali problemi, infatti, stiamo parlando ?! E che tipo di "piccoli uomini", a proposito? Ovviamente, di quelli che stanno già immaginando a Minsk o da qualche altra parte lì a ucraini, baltici, polacchi e altri sognatori con una fantasia dolorosa? Abbiamo già vissuto qualcosa di simile - poco prima delle elezioni, quando si stava scatenando lo scandalo del "caso wagneriano". Si è rivelato divertente e imbarazzante.

Tuttavia, la quinta ragione nella dichiarazione del CFR sembra relativamente sensata. Perché Mosca dovrebbe usare "opzioni di forza" se anche "gli oppositori politici di Lukashenka vogliono stretti legami con la Russia" e non se la cavano? Gli analisti del Council on Foreign Relations assicurano che il leader russo "dovrebbe, usando i suoi legami nell'élite bielorussa", non salvare Alexander Grigorievich, ma "facilitare il trasferimento del potere" nel paese. E poi, come avvertono, "slogan anti-russi potrebbero benissimo apparire alle proteste di Minsk". Ebbene, sì, come se non fossero lì di recente e solo nelle mani di quelle persone che oggi stanno cercando di rovesciare Lukashenka. Perché tutta questa verbosità diventa molto chiaro se si fa conoscenza con un altro degli "studi" pubblicati sui media americani - eseguiti dal noto centro analitico Atlantic Council. Gli esperti locali non esitano a spiegare: "la priorità dell'Occidente" in relazione agli eventi in Bielorussia oggi dovrebbe essere "il contenimento di Putin", e le azioni appropriate dovrebbero essere "prese in anticipo" in modo che il leader russo "non lo faccia pensa di poter agire ". Quindi si impegnano a "spolverare i loro cervelli" per niente e mentono incautamente.

... E una risposta


Per fare in modo che la maggioranza assoluta dei postulati "altamente intelligenti" sopra citati siano menzogne ​​pure, è sufficiente richiamare le vere intenzioni e posizioni della stessa Svetlana Tikhanovskaya, che oggi è agli occhi dell'Occidente "la legittima capo della Bielorussia "e, per così dire, attivamente" superando il test "per il ruolo del" bielorusso Juan Guaido ". Sì, ora tutti i rappresentanti dell '"opposizione" temporaneamente zittita, avendo ovviamente ricevuto le opportune rigide istruzioni dai loro curatori, hanno fortemente "inasprito" il grado di russofobia nelle loro stesse dichiarazioni. Prendiamo, ad esempio, le dichiarazioni ampiamente diffuse di figure odiose come "un membro del consiglio di coordinamento per il trasferimento del potere in Bielorussia", l'ex ministro della cultura Pavel Latushko lì, e uno dei più stretti collaboratori di Tikhanovskaya, "un membro di il quartier generale dell'opposizione congiunta ”Maria Kolesnikova. Questi due sono quasi degli usignoli che non pensano nemmeno a rompere i rapporti con il nostro Paese, inoltre, intendono fermamente “svilupparli in modo costruttivo”, senza tralasciare accordi e strutture interstatali. La Kolesnikova abbatte persino apertamente le "recenti tensioni e problemi" nei rapporti tra Minsk e Mosca su Lukashenko, che "non sta affrontando il compito". E loro, i "nuovi", saranno i migliori amici della Russia e i partner più affidabili! Una nuova tradizione ... Tutto questo è troppo contrario al programma estremamente russofobo dell '"opposizione unita" della Bielorussia, che fino a poco tempo fa presentava letteralmente sulla risorsa di reformby.com sotto forma di un "Progetto di riforma per un unico presidente candidato da sostenitori del cambiamento ed esperti indipendenti ". Ora questa fonte, che ha causato emozioni negative del tutto naturali (e non solo in Russia, ma anche tra i bielorussi sani di mente), è stata rapidamente "ripulita": il sito è inaccessibile ei materiali citati sono disponibili esclusivamente nella cache di Google.

Tuttavia, il "programma" e, in particolare, la sua sezione che tratta le questioni della "riforma della sicurezza nazionale" della Bielorussia è stato citato così tanto e spesso che è già possibile trarre alcune conclusioni riguardo alle opinioni e alla mentalità dei suoi autori e leader del movimento di protesta. Non entrerò nei dettagli, ma anche con una conoscenza piuttosto superficiale delle intenzioni espresse dagli "oppositori" riguardo al futuro della Bielorussia, si ha la piena impressione che tutto questo sia stato scritto sul "Maidan" di Kiev nel 2014 , e letteralmente come una copia carbone.

Qui hai sia "la politica aggressiva del Cremlino che minaccia il popolo bielorusso", e "la necessità vitale di ritirarsi da tutti i progetti di integrazione e le associazioni con la Russia", e persino "l'uso dell'idea del" mondo russo "per il dominio di Mosca su Minsk". Il "Maidan" ucraino e gli appelli per la "decomunizzazione e de-sovietizzazione completa della Bielorussia", le proposte da mandare in prigione per "negare la separatività della nazione bielorussa" e "insultare" la lingua nazionale e altri "santuari" ricevono un miglio di distanza. Bene, e "la ciliegina sulla torta" - l'idea di "creare la Chiesa bielorussa autocefala". La "tomosyatina" di Poroshenko in tutta la sua vile "gloria" ... Dopodiché, chiede di cacciare dalla Bielorussia non solo ogni singola base militare russa, ma anche di "rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale" varie, comprese le organizzazioni culturali "filo-russe "sembrano semplicemente meravigliosamente naturali. Così come le dichiarazioni secondo cui la cosa principale per l'esercito bielorusso è aderire alla NATO e "parlare esclusivamente nella lingua nazionale". Il divieto dei nostri canali televisivi, la privazione della lingua russa come seconda lingua di stato, la cessazione degli acquisti di risorse energetiche russe con una transizione di accompagnamento al GNL americano ... Tutto questo è sicuramente un programma ampio e profondo di "sviluppo di relazioni costruttive e di partenariato con la Russia ". Si ...

Cercando di promuovere idee secondo cui le forze che corrono al potere in Bielorussia oggi "non sono anti-russe" e non rappresentano una minaccia diretta agli interessi più importanti e alla sicurezza nazionale del nostro paese, gli oratori dell'Occidente dimostrano apertamente che tengono tutto di noi per, scusate, completi idioti. Prima di tutto, la leadership del nostro stato. "Salvataggio" e supporto con tutte le forze e i mezzi disponibili, che piaccia o no all'Occidente, la Russia oggi non dovrebbe Lukashenka tanto quanto il fraterno popolo bielorusso. Bene, e difendere i propri interessi vitali, rispettivamente. Consentendo nell'ultima, appunto, amichevole repubblica post-sovietica, l'avvento al potere di tipi che credono sinceramente che uno dei suoi problemi principali sia "il dominio di tutta la lingua, la cultura, la Chiesa russa", il nostro paese tollererà un colossale politica estera, ideologica e, direi fiasco di civiltà. Questo, almeno, metterà una croce definitiva all'idea di un "mondo russo", che, come si dice, non sarà sicuramente oggetto di restauro dopo un simile colpo. Chi farà i conti con una "grande potenza" incapace di sostenere i suoi più stretti alleati e di controllare la situazione nelle sue critiche vicine all'estero? Nessuno mai. Dopo essersi arresa a Minsk, Mosca si arrenderà ...

E questo per non parlare della moltitudine di altri problemi derivanti dal possibile "cambio di rotta" della Bielorussia, che, ancora una volta, sono direttamente collegati alla nostra sicurezza nazionale. Non si tratta nemmeno delle famigerate basi NATO "oltre il recinto" (anche se appariranno lì molto rapidamente - assicuratevi di essere affidabili), ma di qualcos'altro. Almeno - sui telai a ruote per i sistemi missilistici delle forze missilistiche strategiche delle forze armate della Russia, che oggi sono fabbricati solo ed esclusivamente nello stabilimento di trattori gommati di Minsk. Purtroppo, non c'è ancora alternativa a loro. Questa impresa, come tutte le altre, secondo i piani della signora Tikhanovskaya e di tutti i suoi collaboratori, chiunque di loro arrivasse al potere supremo, è destinata alla privatizzazione. Qui ci sono solo aziende russe per un tale "zmagars" locale, se hanno vinto, Dio non voglia, il sopravvento, non lasceranno nemmeno un colpo di cannone - non importa quello che tessono sulla "cooperazione" oggi. Cullare Mosca assicurando la "non pericolosità" di quanto sta accadendo in Bielorussia, chiedendo che il nostro Paese "non interferisca in quanto sta accadendo", qualunque cosa stia accadendo a Minsk (un appello simile è stato lanciato ieri dal candidato presidenziale americano Joe Biden), l'Occidente cerca di infliggere un'altra sconfitta geopolitica. Una sconfitta che può essere davvero fatale per lei.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 20 August 2020 10: 18
    +8
    La Russia può anche consigliare vivamente agli americani di non immischiarsi negli affari europei e di sedersi all'estero. Lascia che prima capiscano perché strangolano i neri in pieno giorno per le strade ...
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 August 2020 10: 30
    0
    Wah. Quanto in basso in qualche modo Alexander apprezza Putin.
    Non appena alcuni esperti stranieri pubblicano le loro analisi in una rivista interna, allora si trasforma immediatamente in "consiglio dall'Occidente a Putin personalmente", dicono, si siede e ascolta solo i consigli di pubblicazioni yusa minori ...

    Ma in effetti, ci sono molte persone nelle vicinanze, quali buone nonne spiegheranno qualsiasi cosa e come vuoi tu ...
  3. Vogliono lanciare batterie missilistiche vicino a Smolensk: questo è il loro vero obiettivo!
  4. Olegek Офлайн Olegek
    Olegek (Oleg) 20 August 2020 11: 28
    -1
    Oggi, il servizio di localizzazione degli aerei Radarbox ha mostrato che l'aereo del presidente della Bielorussia è decollato dall'aeroporto nazionale di Minsk e si è diretto verso est, quindi è tornato nella capitale.

    https://42.tut.by/697255

    I suoi autori hanno richiamato l'attenzione sul fatto che dopo il primo enorme anello, il consiglio presidenziale non è atterrato all'aeroporto: l'altitudine di volo è rimasta di almeno 365 metri. Ovviamente, il Boeing 737 è semplicemente passato sulla pista e ha continuato il suo volo.

    Come ci hanno spiegato persone competenti, c'è un'alta probabilità di avere un volo di controllo dell'aeromobile da parte dell'equipaggio. Se l'aereo non vola per un po 'di tempo, l'equipaggio deve controllare il corretto funzionamento dei sistemi dell'aeromobile prima di iniziare i voli con i passeggeri.

    https://42.tut.by/697255

    Sasha sta andando da qualche parte? Dove? assicurare
  5. kartalovkolya Офлайн kartalovkolya
    kartalovkolya 20 August 2020 12: 45
    +2
    Tutto è corretto e vero, ma la posizione delle autorità russe è sorprendente: per quanto tempo tollereremo le buffonate dei limitroph e degli altri nani politici (la stessa Polonia). Sembra che sia giunto il momento per la prossima sezione di questi sottovalutati, per la tranquillità generale! E lascia che l'Euroshelupon insegni a sua nonna a cucinare la zuppa di cavolo, e noi stessi scopriremo come e come aiutare la fraterna Bielorussia! Vai a baciarti ... neri, insegnanti !!!
  6. Il commento è stato cancellato
  7. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 20 August 2020 16: 12
    0
    Ovviamente, la Bielorussia è di importanza strategica. Ma gli imprenditori locali, occidentali e orientali sono interessati a questo problema nell'ultimo turno. L'importante è avere tempo per privatizzare lo Stato. proprietà.
  8. lavoratore dell'acciaio 20 August 2020 16: 30
    -1
    Quando tutto era calmo, non appena Lukashenka non è stato nominato o accusato. E ora, anche le persone più ostinate si sono rese conto che senza il papà della Russia, se non male, sarebbe sicuramente teso. E ora i patrioti fanno soldi in Bielorussia. E quando tutto si sarà calmato, ricominceranno a urlare: "Freeloader, oil, gas, hey him!"
  9. Georgievic Офлайн Georgievic
    Georgievic (Georgievico) 22 August 2020 00: 48
    0
    Citazione: acciaio
    ... sarà sicuramente teso.

    Sì, non teso, ma sarà brutto! Vecchia giovinezza licenziata, eccola e .....!