La marina russa sembra tornare a Cuba


A partire dal 2014, quando finalmente è diventato chiaro che la Russia non sarebbe riuscita a stringere amicizia con gli Stati Uniti, si è parlato della possibilità che i nostri militari tornassero a Cuba. È stata rilevata l'intensificazione dei contatti lungo la linea militare tra L'Avana e Mosca. Questo significa che le bandiere di Andreevskie inizieranno a sventolare di nuovo sull'Isola della Libertà?


La portavoce del Dipartimento di Stato americano Morgan Ortagus ha costretto a sollevare nuovamente la questione affermando quanto segue:

La creazione di una base per la Marina russa con il dispiegamento di missili balistici è una diretta violazione degli accordi tra Mosca e Washington in vigore dalla fine della crisi missilistica cubana.

I missili balistici nel ventre degli Stati Uniti sembrano interessanti, ma quanto sono realistici oggi? Da un lato, un tale passo sarebbe una risposta del tutto adeguata al ritiro di Washington dal Trattato INF e, in futuro, a START III. D'altra parte, provocherà ovviamente una reazione inadeguata da parte degli americani, come è avvenuto durante la crisi dei missili cubani, di cui ha parlato la signora Ortagus. Il Pentagono punterà immediatamente all'Isola della Libertà con tutto ciò che ha, oltre la base dovrà creare un potente sistema di difesa aerea / missilistica e guerra elettronica. La grande domanda è se l'Avana ufficiale ne abbia bisogno, soprattutto dopo che Mosca ha cancellato il suo debito di 3 miliardi di dollari. Tuttavia, in caso di reale aggravamento dei rapporti con gli Stati Uniti, non si può escludere lo scenario con il trasferimento di missili balistici.

Ma uno scenario "leggero" con l'apertura di un centro logistico straniero per la Marina russa invece di una vera e propria base di sottomarini nucleari è molto più probabile. Così la flotta russa è tornata alla vietnamita Cam Ranh, da dove è partita volontariamente nel 2002. Nel 2013 Mosca ha firmato un accordo con Hanoi sull'uso congiunto di questa baia in acque profonde. Le navi ei sottomarini russi della flotta del Pacifico possono entrarvi in ​​modo semplificato ed essere riparati. Il Vietnam ha ricevuto sei sottomarini di classe Varshavyanka, i nostri specialisti stanno addestrando i loro colleghi. Le petroliere russe Il-78, progettate per servire i bombardieri strategici Tu-95MS che pattugliano l'Oceano Pacifico, potrebbero avere sede presso l'aeroporto di Cam Ranh.

Questo è ancora sufficiente per le attuali esigenze del nostro popolo del Pacifico, e infastidisce gli americani, che si sono rivolti ad Hanoi con la richiesta di rimuovere gli aerei russi. I vietnamiti sono riluttanti, poiché cercano in questo modo di garantire l'equilibrio di potere nella regione. Molto probabilmente, il ritorno della Marina russa a Cuba seguirà lo stesso scenario. Il Cremlino è pronto ad aiutare l'Isola della Libertà a modernizzare la sua flotta puramente simbolica, rappresentata da diverse vecchie navi e imbarcazioni. Due anni fa, un portavoce della United Shipbuilding Corporation ha dichiarato:

Le parti hanno discusso della cooperazione nel campo del trasporto marittimo, compresa la possibilità di ammodernare le infrastrutture portuali di Cuba e di sviluppare porti e cantieri navali cubani.

Mosca ha accettato di fornire all'Avana un prestito di oltre un miliardo di euro a tal fine. Molto probabilmente, parleremo della modernizzazione del porto di Cienfuegos. La profondità della sua baia raggiunge i 600 metri, adatta a qualsiasi tipo di sottomarino, compresi quelli che trasportano missili balistici. Dopo la fine della crisi missilistica cubana, navi da guerra e sottomarini sovietici furono ospiti frequenti a Cienfuegos, il che irritò il Pentagono.

Molto probabilmente, dopo la modernizzazione del porto cubano, verrà aperto un secondo punto di rifornimento tecnico e materiale straniero per la Marina russa, e navi e sottomarini sotto la bandiera di Sant'Andrea inizieranno ad apparire regolarmente lì.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 20 August 2020 14: 39
    -3
    La marina russa sembra tornare a Cuba

    - Resta solo di nuovo ... - portare Cuba in Russia sotto la sua ala protettrice e iniziare a finanziarla e rifornirla di nuovo ...
    - C'era una volta l'esercito cubano abbastanza potente e ben addestrato ...
    - Quindi sostituirà l'esercito della vicina e fraterna Bielorussia; Andare da nessuna parte ...
    1. Netyn Офлайн Netyn
      Netyn (Netin) 21 August 2020 07: 01
      0
      Citazione: gorenina91
      Quindi sostituirà l'esercito della stretta e fraterna Bielorussia, che non sta andando da nessuna parte ...

      Compagno Maggiore, metti da parte il panico e la decomposizione. La Bielorussia è ancora al suo posto e non sta andando da nessuna parte.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 20 August 2020 16: 55
    +4
    La creazione di una base per la Marina russa con il dispiegamento di missili balistici è una diretta violazione degli accordi tra Mosca e Washington in vigore dalla fine della crisi missilistica cubana.

    La creazione di basi militari batteriologiche statunitensi lungo il perimetro della Russia, inclusa l'Ucraina, e l'espansione della NATO ad est è una diretta violazione degli accordi tra Mosca e Washington!
    1. gorenina91 Офлайн gorenina91
      gorenina91 (Irina) 20 August 2020 18: 05
      0
      "La creazione di una base per la Marina russa con il dispiegamento di missili balistici è una diretta violazione degli accordi tra Mosca e Washington in vigore dalla fine della crisi dei missili cubani".
      La creazione di basi militari batteriologiche statunitensi lungo il perimetro della Russia, inclusa l'Ucraina, e l'espansione della NATO ad est è una diretta violazione degli accordi tra Mosca e Washington!

      - Gli accordi non vengono violati solo dai codardi ... - Scherzo ...
      - Tuttavia, se la musica di qualcun altro suona sotto la nostra finestra, cosa che non abbiamo ordinato e non ci piace; allora perché non accendiamo lo stesso grammofono sotto le finestre dei nostri dispettosi critici ????
  3. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 20 August 2020 19: 51
    +1
    È giunto il momento di creare un punto doloroso nel ventre degli Stati Uniti a Cuba, perché la NATO si è avvicinata ai confini della Federazione Russa, quindi dobbiamo avvicinarci ai confini degli Stati Uniti una condizione indispensabile per la parità ... non è necessario creare basi di missili balistici, è sufficiente tenere navi con armi nucleari lì in diversi porti su un nastro trasportatore ... Anche navi convertite per vettori nascosti di calibri con armi nucleari e altri doni, una specie di mare " "... Devono essere creati anche laboratori batteriologici per la parità, e saranno utili. A Cuba esiste un potente farmaco antitumorale, quindi rinforzante e antinfettivo.
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 20 August 2020 22: 11
    +5
    Gli Stati Uniti sono diventati completamente insolenti. Dispiegano i loro missili in Romania e Polonia e hanno l'audacia di accusare la Russia di qualcosa. Che gli Stati Uniti mostrino un accordo con la Federazione Russa, in cui la Federazione Russa acconsente al dispiegamento di missili Yankee in Romania e Polonia, al dispiegamento di basi militari statunitensi in Lituania, Lettonia, Estonia, Georgia e Ucraina.
  5. tempesta-2019 Офлайн tempesta-2019
    tempesta-2019 (tempesta-2019) 21 August 2020 09: 06
    +1
    E il dispiegamento delle basi NATO agli stessi confini della Russia non è una violazione degli accordi da parte degli Stati Uniti?