Cosa succede se la Bielorussia diventa il nemico della Russia?


La situazione nell'amichevole Bielorussia continua ad essere molto grave. I manifestanti non lasciano le strade e il presidente Lukashenko è pronto a chiudere le fabbriche in sciopero e persino a "impugnare la mitragliatrice". Al momento Aleksandr Grigorievich è praticamente "alle baionette", ma cosa succede se l'esercito si rifiuta di sparare alla gente durante l'escalation del conflitto e il potere a Minsk passa ancora nelle mani dell'opposizione?


Non nascondono nemmeno il fatto che gli oppositori del presidente Lukashenko non vedono un futuro nell'unione con la Russia. Di economico le conseguenze di una possibile svolta della Bielorussia in Occidente, noi detto prima. Ora vale la pena parlare delle possibili conseguenze militari della perdita del nostro ultimo alleato. Saranno molto seri per entrambi i paesi.

In primo luogo, dovremmo aspettarci che il governo filo-occidentale chieda prima di tutto alle infrastrutture militari del Ministero della Difesa della RF di andarsene. Questi sono il 43 ° centro di comunicazione della Marina russa, situato nella regione di Minsk, e il centro di ingegneria radio Baranovichi, dove si trova la stazione radar Volga. Quest'ultimo è un elemento importante del sistema di allarme per attacchi missilistici. E il 43 ° centro di comunicazione fornisce comunicazioni tra lo Stato maggiore della Marina russa ei nostri sottomarini nucleari, che sono in allerta nelle aree dell'Atlantico, dell'India e in parte del Pacifico. Vale a dire, la loro importanza per la sicurezza della Russia e della Bielorussia stessa come nostro alleato difficilmente può essere sopravvalutata.

Mosca sarà in grado di compensare in qualche modo la perdita di queste strutture militari? Sì, può, purtroppo, questo è già successo più di una volta. Il ministero della Difesa RF ha già perso le stazioni radar nello Skrunda lettone, nell'ucraino Mukachevo, in Kazakistan e in Azerbaigian (Gabala). Dalla Lettonia la stazione radar si è spostata nel bielorusso Baranovichi, dall'Azerbaijan - ad Armavir, dal Kazakistan - vicino a Orsk. Il "Volga" bielorusso, se necessario, sarà sostituito da radar nelle regioni di Kaliningrad e Leningrado, così come nella penisola di Kola. Nella peggiore delle ipotesi, le funzioni del 43 ° centro di comunicazioni della Marina saranno trasferite alla stazione di Antey nella regione di Krasnodar e Novgorod.

In secondo luogo, molto più pericolosa è la trasformazione della Bielorussia da alleato della Russia nel suo potenziale avversario. Il suo esercito è relativamente piccolo, ma ben addestrato e armato e, se necessario, può essere aumentato mobilitando fino a mezzo milione di persone. Adesso tutta lei dirette in direzione ovest e nord-ovest, ma dopo che l'opposizione russofobica salirà al potere, la situazione cambierà drasticamente, e già sul confine orientale potrebbe apparire un “bastione bielorusso”, irto nella nostra direzione di filo spinato, campi minati e tronchi.

Oltre alla minaccia della NATO e dell'esercito ucraino incredibilmente allargato, avremo un altro grosso problema. Mosca dovrà rivedere completamente la sua intera struttura di difesa in direzione occidentale. Se la Bielorussia entrerà a far parte della NATO o diventerà il suo partner, l'infrastruttura militare di questa alleanza si avvicinerà bruscamente alle strutture chiave del Ministero della Difesa della RF. Kaliningrad, San Pietroburgo e Mosca sono letteralmente a due passi.

In terzo luogo, è necessario parlare separatamente di Kaliningrad. Questa nostra exclave territoriale è inserita tra la Lituania e la Polonia, e solo la cordialità della Bielorussia fa sperare che, se necessario, l'esercito russo sarà in grado di sfondare il "corridoio di Suwalki". Se Minsk seguirà la via di Kiev, Kaliningrad dovrebbe probabilmente essere dimenticata, poiché non ci sarà praticamente alcun modo per mantenerla e la vicina Unione europea la reintegrerà costantemente.

Il prezzo dell'emissione è molto alto. Si può rispettare la scelta dei fratelli bielorussi che non vogliono il governo senza fine del presidente Lukashenko. Ma Mosca semplicemente non ha il diritto di consegnare Minsk all'opposizione anti-russa. Questa è una questione di sicurezza nazionale. In Bielorussia è necessario un compromesso tra le autorità e la popolazione e un periodo di transizione fino alla partenza di Lukashenka o alle rielezioni con garanzie di sicurezza dalla Russia, durante il quale politico e riforme economiche.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 24 August 2020 12: 50
    +3
    Tutto sembra essere pulito e logico, ma .....
    1) Le strutture militari sul territorio della Bielorussia sono duplicate da strutture simili situate nel nord e nel sud del paese. La loro perdita è spiacevole, ma non critica.

    Vale a dire, la loro importanza per la sicurezza della Russia e della Bielorussia stessa come nostro alleato difficilmente può essere sopravvalutata.

    Tuttavia, li sopravvaluti.
    2) L'ingresso della Repubblica di Bielorussia nella NATO è uno sviluppo improbabile degli eventi, anche se l'opposizione filo-occidentale sale al potere. Per qualche ragione, Ucraina e Georgia non sono state ancora accettate, ma stanno cercando di arrivarci, saltando fuori dai pantaloni.
    3) "Corridoio Suwalki". Pensi che possa essere sfondato solo attraverso la Polonia? Attraverso la Lettonia e la Lituania altri 300 km, ma i problemi con gli eserciti decorativi locali e le "milizie" sono molto meno, eppure l'esercito polacco è più forte.
    In generale, esageri i colori e sopravvaluti le possibili conseguenze negative.
    E soprattutto.

    Si può rispettare la scelta dei fratelli bielorussi che non vogliono il governo senza fine del presidente Lukashenko.

    Certo, è necessario rispettare "la scelta dei fratelli bielorussi che non vogliono il governo senza fine del presidente Lukashenko", ma quella che chiamate la scelta del popolo è il risultato delle attività dei servizi speciali occidentali e delle ONG. Molti non sono contenti di Lukashenka, ma questo non significa affatto che la scelta dei bielorussi sia quella di aderire alla NATO e interrompere le relazioni con la Russia. È necessario distinguere chiaramente dov'è la volontà del popolo e dove è dettata la volontà dell '"Occidente". Compito della Russia è impedire l'ascesa al potere dell'opposizione filo-occidentale, sollevata dai "partner" sulla connivenza e l'indulgenza di Lukashenko. Le riforme politiche ed economiche sono già un affare interno dei bielorussi.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 25 August 2020 08: 15
      -3
      Citazione: 123
      Tuttavia, li sopravvaluti.

      Chi sono i giudici?
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 25 August 2020 11: 35
        0
        Chi sono i giudici?

        In questo caso particolare, i lettori.
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 25 August 2020 08: 18
      -5
      Citazione: 123
      Certo, è necessario rispettare "la scelta dei fratelli bielorussi che non vogliono il governo senza fine del presidente Lukashenko", ma quella che chiamate la scelta del popolo è il risultato delle attività dei servizi speciali occidentali e delle ONG. Molti non sono contenti di Lukashenka, ma questo non significa affatto che la scelta dei bielorussi sia quella di aderire alla NATO e interrompere le relazioni con la Russia.

      A proposito, non l'ho detto. E non parli nemmeno per i bielorussi.
      In Ucraina, a proposito, non tutti erano contro la Russia 6 anni fa. E adesso cosa?
      1. Caro esperto di divani. 25 August 2020 10: 52
        0
        In Ucraina, a proposito, non tutti erano contro la Russia 6 anni fa. E adesso cosa?

        Ora che cosa?
        L'80% dei bielorussi ha ufficialmente votato per Lukashenka. Finché non ci sono altri numeri, 123 ha ragione quando dice:

        .... ciò che chiamate la scelta del popolo è il risultato delle attività dei servizi segreti occidentali e delle ONG. Molti non sono contenti di Lukashenka, ma questo non significa affatto che la scelta dei bielorussi sia quella di aderire alla NATO e interrompere le relazioni con la Russia. È necessario distinguere chiaramente dov'è la volontà del popolo e dove è dettata la volontà dell '"Occidente". Compito della Russia è impedire l'ascesa al potere dell'opposizione filo-occidentale, sollevata dai "partner" sulla connivenza e l'indulgenza di Lukashenko. Le riforme politiche ed economiche sono già un affare interno dei bielorussi.
      2. 123 Офлайн 123
        123 (123) 25 August 2020 11: 43
        0
        A proposito, non l'ho detto. E non parli nemmeno per i bielorussi.

        Anzi, non hanno parlato direttamente. Questa conclusione suggerisce se stessa. Elenchi le "terribili conseguenze" della svolta in Occidente, poi parli della scelta delle persone, che dobbiamo rispettare. Se questo può essere inteso in un altro modo, chiarisci cosa intendi.
        Non sto cercando di parlare per i bielorussi, ripeterò:

        Le riforme politiche ed economiche sono già un affare interno dei bielorussi.

        In Ucraina, a proposito, non tutti erano contro la Russia 6 anni fa. E adesso cosa?

        Quindi sii onesto con i tuoi lettori, parla direttamente della minoranza aggressiva e organizzata che, con il sostegno dall'estero, ha organizzato un colpo di stato e non trasmette la scelta del popolo.
      3. bear040 Офлайн bear040
        bear040 25 August 2020 19: 24
        +4
        Tutto quello che è successo in Ucraina, perché c'erano quelli che erano contro la Federazione Russa e quelli che non erano per la Federazione Russa. Sarebbero stati favorevoli a buoni rapporti con la Federazione Russa, non avrebbero permesso ai banditi di salire al potere, ma in realtà, non erano contro i nazisti, non si curavano o approvano ciò che stava accadendo. Di conseguenza, abbiamo l'Ucraina di oggi, dove tutti pagano le tasse sull'ATO e tutti sono contenti di tutto. Non andrebbe bene, andrebbe in strada, e così tutti sono a casa, sui divani.
  2. lavoratore dell'acciaio 24 August 2020 13: 07
    0
    L'esempio dell'Ucraina è davanti agli occhi di tutti. E ancora non puoi spiegarlo ai nemici della Russia, oa quelli colpiti contro l'articolazione. Forniranno un centinaio di ragioni ed esempi che questo non è critico.
    1. King3214 Офлайн King3214
      King3214 (Sergio) 24 August 2020 13: 50
      +1
      E cosa accadrà di così terribile alla Russia?
      Faresti meglio a pensare a quanto tempo e in quale forma esisterà la Bielorussia.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 24 August 2020 13: 19
    +2
    La stazione radar si è spostata dalla Lettonia al bielorusso Baranovichi, dall'Azerbaijan ad Armavir

    Se i commercianti azerbaigiani fossero costretti a trasferirsi nei mercati di Baku in cambio del ritiro della stazione radar dall'Azerbaigian, questa sarebbe ancora al suo posto in Azerbaijan. Se qualcuno confonde la propria lana con quella statale, non è a favore della Russia. È lo stesso con Bielorussia e Ucraina. Dovresti sempre avere un metodo per influenzare "Kostya Saprykin". Vale la pena imparare dagli americani.
  4. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 24 August 2020 13: 49
    +1
    Sarà spiacevole per la Russia, ma in Bielorussia sarà molto povera.
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 24 August 2020 14: 01
    0
    Sì, è vero, nei commenti, i media hanno più volte affermato che qualsiasi infrastruttura lì non è particolarmente necessaria.

    Pertanto, i principali pericoli sono politici: alla popolazione potrebbe non piacere la recessione economica e gli zeri aggiunti alle elezioni. Questo è il momento e vogliono "giustizia".

    E con i pericoli militari, la mossa è stata risolta: da qualche parte nuova Crimea in Bielorussia (sarebbe necessario badare a un posto con spiagge), e nuove repubbliche che non vogliono il "Maidan".
    Fortunatamente, secondo le ultime notizie, molti vecchi volontari vivono e vivono in Russia, e stanno solo aspettando dietro le quinte. A partire dai comandanti dell'esercito e capi di governo, ai soldati ordinari.
  6. bear040 Офлайн bear040
    bear040 25 August 2020 19: 19
    +4
    Non sono d'accordo con il signor Marzhetsky, ed ecco perché:
    1) Tutte le strutture militari della Federazione Russa sul territorio della Repubblica di Bielorussia sono già state duplicate da nuovi sistemi situati sul territorio della Federazione Russa.
    2) Il beneficio della Federazione Russa dalla Repubblica di Bielorussia può essere solo se la Repubblica di Bielorussia diventa parte della Federazione Russa, altrimenti la Repubblica di Bielorussia non aiuterà la Russia, iniziando ancora una volta una chiacchiera disgustosa sui suoi diritti, indipendenza e natura multi-vettore.
    3) La stabilità di Kaliningrad dipende direttamente dalla determinazione del Cremlino a difenderla. Se il Cremlino dimostra la sua determinazione a difendere Kaliningrad con qualsiasi forza e mezzo, la sua disponibilità ad andare fino alla fine, nessuno oserà invadere Kaliningrad, ma dopo l'invasione, si laverà con il proprio sangue e si intaserà rapidamente nel buco da cui è uscito, se per allora esiste ancora o rinunciare alle estremità.
  7. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 31 August 2020 03: 46
    0
    Sì, rinunciate anche alla Bielorussia, nel bene e nel male !!! Hai perso il 50% di questo confronto alcuni anni fa, quando il fratello Louis vendeva gasolio alle forze armate ucraine (fottuto contadino collettivo), allora era necessario cambiarlo tranquillamente, ma lui ha resistito, e ora il punto è rinunciarvi per essere fatto a pezzi dall'opposizione, se lo meritava! !!! Collezionerai tutti gli idioti in Russia !?