"Fratelli slavi" e altri traditori: come i bulgari sabotano i progetti energetici russi


Di recente, alla luce delle contraddizioni estremamente aggravate tra Ankara e Atene, alcune delle "persone intelligenti" domestiche si sono indignate per il mancato intervento di Mosca in questo conflitto. Dalla parte dei "fratelli nella fede" greci, ovviamente ... Come, com'è - i turchi permettono persino a Santa Sofia di trasformarsi in una moschea per se stessi, i greci sono indignati per il mondo intero, e noi - no gu-gu! Ad ogni modo, Erdogan estrarrà gas e petrolio nel Mediterraneo, di nuovo a scapito dei poveri greci. Dov'è l'eterna disponibilità della Russia a venire in aiuto dei più diversi "fratelli" dei Balcani, per proteggerli con il loro seno dai famigerati avversari ?!


Prima di intraprendere tali considerazioni, vale la pena considerare più in dettaglio come questi stessi “fratelli” si relazionano in qualche modo al nostro Paese, come si comportano in situazioni ben precise e che vedono come veri amici, alleati e protettori non dichiarati.

L'amicizia è amicizia e il gas è a parte


Non a caso ho usato la parola "fratellini", che suscita la mia ostilità persistente. Inizieremo la nostra conversazione sugli affari reali e sulle manovre più che dubbie dei "partner" balcanici della Russia con la Bulgaria. Come si è saputo, l'operatore statale locale del gas Bultransgaz ha effettuato un acquisto, che nel paese viene definito "l'affare del secolo". La questione riguarda l'acquisizione da parte bulgara di una partecipazione del 20% nella società greca Gastrade. Non sembra molto impressionante, ma questo è solo a prima vista. Infatti, concludendo questo accordo, Sofia è entrata nel progetto per creare un terminale di gas naturale liquefatto nella città di Alexandroupolis - un'altra porta per la penetrazione vittoriosa del GNL americano nel Vecchio Mondo.

Sempre dolorante e piangendo per la propria povertà e squallore (basta parlare del completamento del ramo bulgaro del Turkish Stream), Sofia è entrata nella costruzione, la cui stima, secondo i calcoli più approssimativi, è di almeno 370 milioni di euro, in teoria "appesa" a se stessa esattamente un quinto dei costi - per poi richiedere il 20% delle forniture energetiche. E i volumi previsti non sono affatto piccoli: secondo i parametri dichiarati, il terminal dovrà avere una capacità di 6.1 miliardi di metri cubi all'anno. In generale, il terminal di Alexandroupolis è un collegamento chiave in una rotta alternativa per la fornitura di "carburante blu" all'Europa sud-orientale attraverso il gasdotto di interconnessione Grecia-Bulgaria (IGB). Alternativa, ovviamente, in relazione a eventuali progetti della nostra "Gazprom". Qual è, in generale, la differenza: ci sarà un flusso di GNL dagli Stati Uniti o gas "ordinario" dall'Azerbaigian attraverso il gasdotto Trans-Adriatico? In un modo o nell'altro, ma il nostro approvvigionamento energetico è un duro colpo.

L'accordo firmato è così importante per la "diversificazione degli approvvigionamenti per l'intera Europa centrale" che i primi ministri di Bulgaria e Grecia hanno assistito personalmente alla firma. È stato Kyriakos Mitsotakis, che ha rappresentato Atene a questo evento, che ha espresso grande gioia per il fatto che da ora in poi i connazionali europei "non dipenderanno più da un'unica fonte di energia". È chiaro da quale ... Entrambi i paesi, che è caratteristico, sono un classico esempio dei nostri "partner" balcanici. Entrambi amano, quando gli fa comodo, ricordare che i russi sono i loro compagni di fede, i cristiani ortodossi e, in generale, sono quasi i loro migliori amici. Allo stesso tempo, sia la Grecia che la Bulgaria hanno da tempo "guardato nella bocca" di Washington e con grande prontezza eseguono qualsiasi comando proveniente da lì, agendo non solo contro gli interessi della Russia, ma a discapito di esso. E non c'è nulla di sorprendente: lo stesso Boyko Borisov, che ha trasmesso profondamente dopo ogni sua meschinità sul "fratello maggiore russo che perdonerà tutto", non ha giurato fedeltà eterna a Donald Trump a Washington lo scorso novembre?

Durante questo incontro, il bacio delle scarpe del capo della Casa Bianca da parte del primo ministro bulgaro è stato così serio che Washington ha persino emesso un comunicato dopo l'incontro, che parlava di "amicizia e alleanza tra le due grandi potenze - Stati Uniti e Bulgaria". Grande potere ... Puoi morire dalle risate! Tuttavia, negli Stati Uniti, non considerano vergognoso adulare spudoratamente i nativi, se seguono diligentemente tutte le preziose istruzioni che ricevono. Uno di questi era la richiesta di "diversificare gli approvvigionamenti energetici". Sophia ha "salutato" vivacemente - e ora abbiamo i risultati.

"Fratelli slavi" e altri traditori


Washington ha tutte le ragioni per essere soddisfatta della diligenza bulgara. Sofia ha trasferito i soldi per l'acquisto di otto combattenti americani F-16 Block 70 alla US Defense Cooperation and Security Agency più di un anno fa - ma non un anticipo, ma l'intero favoloso (per la Bulgaria, i cui parlamentari erano fondamentalmente contrari a questo accordo) importo di 1.2 miliardi di dollari subito! Il mese scorso, un'esercitazione militare su larga scala "Thracian Summer 2020" si è svolta sul territorio bulgaro con la partecipazione delle forze armate statunitensi. Dopo un'attenta considerazione della leggenda di queste manovre, sorgono sospetti e domande molto specifiche. Nel loro corso, gli equipaggi del velivolo C-130 Hercules del 37 ° squadrone da trasporto dell'aeronautica americana, di stanza in Europa, hanno eseguito "un'ampia gamma di missioni di addestramento congiunte con la partecipazione dell'Aeronautica Militare bulgara". Dal lato della Bulgaria sono stati coinvolti (aerei da trasporto militare C-27, "Spartan", elicotteri AS-532 AL Cougar e Mi-17, caccia MiG-29, sistemi missilistici antiaerei KUB, nonché personale militare del comando congiunto delle forze per operazioni speciali - virtualmente tutta la manodopera e le attrezzature disponibili Lo scopo dell'esercitazione era "aumentare l'interoperabilità dei partecipanti e migliorare la capacità di operare come parte delle forze operative internazionali", nonché addestrare l'esercito bulgaro a "sostenere l'esercito americano come ospite".

La Bulgaria si sta quindi chiaramente trasformando in un'area di sosta per l'imminente attacco. Non ci sono altri obiettivi per il prossimo sciopero, ad eccezione della Crimea russa e degli altri nostri punti strategicamente importanti sulla costa del Mar Nero, qualunque cosa si possa dire. Considerando che in due guerre mondiali la Bulgaria ha combattuto dalla parte dei nostri nemici, tutto è più che naturale.

Torniamo, però, alle questioni energetiche. Cercando disperatamente di entrare nel numero dei fornitori all'Europa di vettori energetici "alternativi" al russo, Sofia non si limita affatto a progetti comuni con Atene. Intendono anche rendere felice Belgrado con la "diversificazione" - con il pieno sostegno di quest'ultima, a quanto pare. Nel giugno di quest'anno è stata annunciata in Bulgaria la costruzione di un interconnector di gas con la Serbia (IBS) per la fornitura di gas dall'Azerbaigian e dal GNL americano, che dovrà passare esattamente attraverso il terminale di Alexandroupolis. Il ramo Turkish Stream, che attraversa il territorio locale, non è ancora arrivato vicino al completamento e Sofia è già ansiosa di creare un concorrente per lei - per il bene di Washington e per il proprio vantaggio! Partendo da ciò, si sospetta che il gasdotto in costruzione insieme alla Russia, grazie al quale la parte bulgara ha già “spremuto” enormi sconti sul “carburante blu” di Gazprom, non sarà mai completato. Oppure - non sarà messo in funzione a causa di "circostanze appena emerse", che, in linea di principio, è esattamente la stessa. Le promesse che il gas della "corrente turca" andrà in Serbia "quasi" vengono da Sofia dallo scorso anno. Ma i termini cambiano e cambiano costantemente. All'inizio era il 1 ° gennaio 2020, poi si trattava dell'inizio delle forniture a maggio, a metà estate ... Oggi diventa sempre più chiaro che la parte bulgara sta facendo di tutto per impedire del tutto alle risorse energetiche russe di entrare in Serbia - almeno attraverso di essa territorio. Pertanto, il nostro "carburante blu" è strettamente bloccato verso l'Europa centrale, che era vitale per la Russia. Senza questa continuazione, l'intero "flusso turco" perde il suo significato in quanto tale.

E chi sta seppellendo tutti i piani di Gazprom e del Cremlino in questa direzione? Americani? Ebbene, sì, certo, come possiamo farne a meno ... Tuttavia, gli esecutori diretti delle azioni che rappresentano un'enorme minaccia per i nostri interessi economici sono solo i greci, i bulgari e ... Sì, sì - i serbi! Oppure pensi che i rappresentanti patologicamente avari di Sophia inizierebbero a costruire un interconnettore IBS, che, secondo calcoli preliminari, costerebbe molti milioni di dollari (il suo tecnico il progetto è stimato in oltre 300mila dollari) senza prima accordarsi su questo argomento con Belgrado? Alla Serbia viene offerto di ricevere circa 2 miliardi di metri cubi di gas all'anno tramite IBS - questo non è assolutamente russo. Pensa che "il migliore amico della Russia nei Balcani" Alexander Vucic rifiuterà con indignazione una simile proposta? Dopo che questa figura ha prima implorato Vladimir Putin per l'S-400 "per l'amor di Dio", e poi con mano risoluta ha firmato il Piano d'azione individuale di partenariato (IPAP) della Serbia con l'Alleanza del Nord Atlantico per il 2019-2021, personalmente non lo farei così sicuro. Inoltre, recentemente Belgrado, che adora le notizie politica di Sembra che abbia deciso di usare l '"amicizia" con Pechino, non con Mosca, come "contrappeso" all'Ue e alla NATO che lo stanno premendo. Secondo i dati presentati nel rapporto del think tank sulla politica estera della London School economiaLa Serbia riceve attualmente 4 miliardi di dollari in investimenti diretti e poco più di 5 miliardi di dollari in prestiti e progetti infrastrutturali dalla Cina. E il gas? Sì, puoi comprare il gas anche dai bulgari ...

Da tutto quanto sopra, segue una conclusione piuttosto paradossale, ma, tuttavia, quasi inequivocabile: nella situazione attuale, sono proprio le azioni aggressive e sfacciate della Turchia a fare bene alla Russia, con le sue rivendicazioni sulle risorse energetiche nascoste nella piattaforma mediterranea della spietata "mappa confusa" della Grecia e di fronte alla sua acciottolata insieme. una coalizione di paesi che intende organizzare una "grande ridistribuzione" in Europa nel campo delle forniture di gas. Alla fine, che cosa hanno fatto tutti questi "compagni di fede", "fratelli-slavi" e altri, scusate l'espressione "fratelli" per la Russia? Hai aiutato a superare la pressione delle sanzioni occidentali? Ha riconosciuto la sua riunificazione con la Crimea? Niente del genere. Ora hanno lanciato una vera e propria offensiva generale contro il nostro Paese sul fianco meridionale del suo "fronte del gas". Non c'è nessuno da supportare. E non ce n'è bisogno.
24 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 26 August 2020 11: 11
    +1
    La Russia stessa ha inventato il concetto di "fratello maggiore degli slavi", e ora è sorpresa che altri slavi non lo considerino come tale.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 26 August 2020 18: 51
      +1
      La Russia stessa ha inventato il concetto di "fratello maggiore degli slavi", e ora è sorpresa che altri slavi non lo considerino come tale.

      L'hai inventato tu stesso e ora lo stai esponendo.
      Quanti soldi vuoi gratis, o odora di fritto, anche come si suol dire. strizzò l'occhio

      1. Cyril Офлайн Cyril
        Cyril (Cyril) 26 August 2020 19: 11
        0
        L'hai inventato tu stesso, e ora lo esponi

        Google la storia della guerra russo-turca del 1877-1878, questo concetto prese finalmente forma in quel momento. E allora non c'ero.

        Quanti soldi vuoi gratis, o odora di fritto, anche come si suol dire

        Non considerano, ma usano questo pretesto, diffondendo la Russia in nishtyak.
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 26 August 2020 19: 36
          +1
          Google la storia della guerra russo-turca del 1877-1878, questo concetto prese finalmente forma in quel momento. E allora non c'ero.

          Forse ha preso la sua forma definitiva lì, ma non ha avuto origine in Russia. E inizi a raccontare favole inventate dagli stessi russi, e ora ti offendi perché non sono apprezzate. Vergognatevi? negativo. Tuttavia, la psicologia dell'hivi ... questo spiega molto. A proposito, stiamo parlando dell'unità slava e non di un fratello maggiore.

          PANSLAVISMO, tendenza ideologica e socio-politica. movimento in Russia e in altri paesi slavi nel 19 ° secolo, basato sull'idea di storico. l'unità dei popoli slavi, espressa nella parentela delle lingue, nella letteratura antica e nella presenza di tratti comuni nella storia. Sorto all'inizio. 19esimo secolo nella Repubblica Ceca e in Slovacchia, che facevano parte dell'Austr. impero, come una delle manifestazioni della rinascita slava, da un lato, e come risposta all'Occidente. gli slavi per rafforzare le posizioni del pan-germanismo - dall'altro.

          https://bigenc.ru/domestic_history/text/2702844

          Non considerano, ma usano questo pretesto, diffondendo la Russia in nishtyak.

          In ogni caso, espresso pubblicamente dal capo dello Stato. Non puoi sapere cosa pensa veramente, e questa è la tua speculazione. A proposito, non sembra che il capo dello stato russo sia vicino a tali idee. richiesta
          1. Cyril Офлайн Cyril
            Cyril (Cyril) 27 August 2020 01: 21
            0
            Forse ha preso la sua forma definitiva lì, ma non ha avuto origine in Russia. E inizi a raccontare favole inventate dagli stessi russi, e ora si offendono perché non sono apprezzati. Vergognatevi? negativo Tuttavia, la psicologia dell'hivi .... questo spiega molto. A proposito, stiamo parlando dell'unità slava e non di un fratello maggiore.

            Il pan-slavismo è nato nella Repubblica Ceca e in Slovacchia, è vero. Ma inizialmente l'idea ha assunto la formazione di un'unica confederazione slava senza il ruolo dominante della Russia. Ma il concetto di "fratello maggiore" è stato sviluppato nello stesso 19 ° secolo dagli slavofili russi. Inoltre, nei paesi slavi europei, il pan-slavismo era prevalente nella stragrande maggioranza dell'intellighenzia. I loro rari politici pan-slavi erano sostenitori dell'integrazione locale degli slavi, ad esempio i paesi balcanici o la Repubblica Ceca con la Slovacchia. Ma non con la Russia. Ma nel pan-slavismo della grande potenza dell'Impero russo, guidato dalla Russia, fu adottato dai più alti circoli governativi - in particolare, i generali Skobelev, Chernyaev, Fadeev, il principe Vladimir Cherkassky, in una forma più moderata - persino lo stesso imperatore Alessandro II. E questo ricadeva perfettamente sulle aspirazioni geopolitiche della Repubblica di Inguscezia di controllare i paesi della penisola balcanica e dell'Europa orientale. Ecco perché dico: google la storia della guerra russo-turca del 1877-78.

            In ogni caso, espresso pubblicamente dal capo dello Stato. Quello che pensa veramente, non puoi saperlo, e questa è la tua speculazione.

            Queste "speculazioni" sono facilmente confermate dalle azioni specifiche di questi stessi politici, che vanno contro le loro parole.

            A proposito, non sembra che il capo dello stato russo sia vicino a tali idee.

            Se stai parlando del PIL, allora sì, a questo proposito è più pragmatico di molti dei suoi predecessori.
            1. 123 Офлайн 123
              123 (123) 27 August 2020 11: 07
              +1
              Il pan-slavismo è nato nella Repubblica Ceca e in Slovacchia, è vero. Ma inizialmente l'idea ha assunto la formazione di un'unica confederazione slava senza il ruolo dominante della Russia.

              È abbastanza logico anche nelle tradizioni ortodosse. A differenza dei cattolici, i patriarchi sono uguali.

              Ma il concetto di "fratello maggiore" è stato sviluppato nello stesso 19 ° secolo dagli slavofili russi.

              Gli "slavofili" sostenevano un percorso di sviluppo originale per la Russia, in contrasto con gli "occidentalizzatori". La base spirituale dell'identità era l'Ortodossia, il ruolo dominante della Russia lo contraddice. "Slavofili" e "fratello maggiore" sono concetti difficilmente compatibili.

              Inoltre, nei paesi slavi europei, il pan-slavismo era prevalente nella stragrande maggioranza dell'intellighenzia. I loro rari politici pan-slavi erano sostenitori dell'integrazione locale degli slavi, ad esempio i paesi balcanici o la Repubblica Ceca con la Slovacchia. Ma non con la Russia. Ma nell'impero russo il pan-slavismo della grande potenza, guidato dalla Russia, fu adottato dai più alti circoli governativi - in particolare, i generali Skobelev, Chernyaev, Fadeev, il principe Vladimir Cherkassky, in una forma più moderata - persino lo stesso imperatore Alessandro II.

              È anche logico che cechi e slovacchi vivessero nell'impero austro-ungarico, non era così facile per loro irrompere nei "circoli dominanti". Ma ancora una volta, il pan-slavismo e il "fratello maggiore" sono concetti praticamente incompatibili.

              E questo ricadeva perfettamente sulle aspirazioni geopolitiche della Repubblica di Inguscezia di controllare i paesi della penisola balcanica e dell'Europa orientale. Ecco perché dico: google la storia della guerra russo-turca del 1877-78.

              Apparentemente, queste sciocchezze sono il risultato di una "ricerca" molto successiva. Consiglio di sfogliare a piacimento: "Il mito del pan-slavismo nella storiografia occidentale della guerra fredda"

              https://cyberleninka.ru/article/n/mif-o-panslavizme-v-zapadnoy-istoriografii-perioda-holodnoy-voyny/viewer
              1. Cyril Офлайн Cyril
                Cyril (Cyril) 27 August 2020 13: 03
                0
                È abbastanza logico anche nelle tradizioni ortodosse. A differenza dei cattolici, i patriarchi sono uguali.

                Ma i cechi e gli slovacchi sono cattolici :) A proposito, i preti cattolici hanno svolto un ruolo importante nel pan-slavismo ceco, slovacco e croato.

                Gli "slavofili" sostenevano un percorso di sviluppo originale per la Russia, in contrasto con gli "occidentalizzatori". La base spirituale dell'identità era l'Ortodossia, il ruolo dominante della Russia lo contraddice. "Slavofili" e "fratello maggiore" sono concetti difficilmente compatibili.

                Ma no. Da Wikipedia:

                Nell'ideologia slavofila, un posto importante occupato la tesi sul ruolo guida della Russia tra gli slavi, sulla sua missione unificante. I progetti per l'unificazione politica degli slavi sotto gli auspici dell'Impero russo furono sviluppati nel XVIII-XIX secolo da Andrei Samborsky, Vasily Malinovsky e altri. Gli slavofili erano sostenitori della liberazione degli slavi dal dominio ottomano e austriaco e della creazione di una federazione slava.

                Slavofili russi negli anni 1840-1850 - Konstantin Aksakov, Alexey Khomyakov, Ivan Kireevsky e altri - ha avuto l'idea di opporsi al mondo slavo ortodosso con la Russia a capo di un'Europa "malata" e infedele.

                L'ultimo paragrafo è molto importante per capire perché le idee del pan-slavismo rimasero idee e non furono implementate nella pratica. Mentre i pan-slavi russi enfatizzavano il ruolo guida dell'ortodossia, cechi, polacchi e croati erano cattolici. Era la differenza nella religione che era uno degli ostacoli, a causa della quale i pan-slavi ortodossi non hanno trovato un linguaggio comune con i cattolici ponoslav e i protestanti.

                È persino logico che cechi e slovacchi vivessero nell'impero austro-ungarico, non era così facile per loro irrompere nei "circoli dominanti".

                Non certo in quel modo. Tra i cechi e gli slovacchi nell'impero austro-ungarico c'erano alcuni funzionari di alto rango che avevano un peso politico, sebbene non decisivo, ma piuttosto pesante. Semplicemente non erano interessati a unire gli slavi sotto gli auspici della Russia - al contrario, erano sostenitori dell'unificazione degli slavi sotto gli Asburgo. Questo movimento è chiamato Austro-Slavismo.
                1. 123 Офлайн 123
                  123 (123) 27 August 2020 13: 48
                  +1
                  Ma i cechi e gli slovacchi sono cattolici :) A proposito, i preti cattolici hanno svolto un ruolo importante nel pan-slavismo ceco, slovacco e croato.

                  Questa è un'altra conferma che il concetto non ha avuto origine in Russia. La supremazia della Russia non è stata nemmeno presa in considerazione per vari motivi, nella Repubblica Ceca e in Slovacchia a causa delle differenze religiose, in Russia per la tradizione ortodossa dell'uguaglianza. Di che tipo di ruolo da protagonista possiamo parlare?

                  Ma no. Da Wikipedia:

                  Per quanto ho capito, la domanda è scomparsa con il pan-slavismo? Stai parlando degli slavofili?
                  A proposito, la tua citazione non è completamente citata, il che distorce in qualche modo il significato e rende difficile capire cosa è stato detto. Ecco come appare l'intero paragrafo:

                  Nella stessa Russia alla fine degli anni Trenta dell'Ottocento, incluse le opere di Mikhail Pogodin tesi avanzate con approvazione caratteristiche del mondo slavo e superiore inerente ai popoli slavi valori spirituali и vera fede - Ortodossia... Nell'ideologia slavofila un posto importante è stato occupato dalla tesi sul ruolo guida della Russia tra gli slavi, circa la sua missione unificante... I progetti per l'unificazione politica degli slavi sotto gli auspici dell'Impero russo furono sviluppati nel XVIII-XIX secolo da Andrei Samborsky, Vasily Malinovsky e altri. Gli slavofili erano sostenitori liberazione degli slavi da Dominio ottomano e austriaco и creazione di una federazione slava.

                  http://wp.wiki-wiki.ru

                  L'unificazione di russi e cechi sulla base della religione ortodossa sembra piuttosto strana. Non è chiaro su quale base sia stata fatta questa conclusione; non c'è alcun collegamento alla fonte nell'articolo. È molto simile all'affermazione infondata e alla diffusione dell'opinione di quegli stessi "scienziati americani" che hanno lavorato durante la Guerra Fredda (lei, ovviamente, non si è preoccupata di entrare e leggere il link qui sopra?

                  https://cyberleninka.ru/article/n/mif-o-panslavizme-v-zapadnoy-istoriografii-perioda-holodnoy-voyny/viewer

                  Bene, va bene ... Anche nell'articolo a cui ti riferisci, si tratta dell'unificazione dei popoli slavi in ​​Jugoslavia e di ulteriori piani per l'adesione della Bulgaria. Non si parla di annessione alla Russia. Inoltre, ovunque si parli di federazione, e come sapete queste sono:

                  Uno stato composto da stati indipendenti separati uniti in un unico stato intero.

                  Cioè, non si parla affatto della subordinazione della Russia. Tutto il "ruolo guida" è ridotto per aiutare nella liberazione e nella creazione dei propri Stati.

                  L'ultimo paragrafo è molto importante per capire perché le idee del pan-slavismo rimasero idee e non furono implementate nella pratica. Mentre i pan-slavi russi enfatizzavano il ruolo guida dell'ortodossia, cechi, polacchi e croati erano cattolici. Era la differenza di religione che era uno degli ostacoli, a causa della quale i pan-slavi ortodossi non hanno trovato un linguaggio comune con i pan-slavi cattolici e protestanti.

                  Perché non lo erano? Le idee non sono state vane e sono state parzialmente attuate nella pratica. La Jugoslavia esisteva per se stessa fino a quando gli "occidentali" non sono intervenuti nel 1999. Sì, e la Cecoslovacchia è uno stato abbastanza reale, ancora una volta prima di cadere sotto l'influenza dell'Occidente.

                  Non certo in quel modo. Tra i cechi e gli slovacchi nell'impero austro-ungarico c'erano alcuni funzionari di alto rango che avevano un peso politico, sebbene non decisivo, ma piuttosto pesante. Semplicemente non erano interessati a unire gli slavi sotto gli auspici della Russia - al contrario, erano sostenitori dell'unificazione degli slavi sotto gli Asburgo. Questo movimento è chiamato Austro-Slavismo.

                  Si scopre che l'Austria stessa ha inventato il "concetto di" fratello maggiore degli slavi ", e ora è sorprendente che altri slavi non lo considerino tale"? risata
                  1. Cyril Офлайн Cyril
                    Cyril (Cyril) 27 August 2020 13: 53
                    0
                    Risponderò un po 'più tardi, lo scoprirò con il lavoro. E ho letto l'articolo al tuo link - tuttavia, oltre ad accusare gli autori criticati di "russofobia", non c'è niente di particolarmente significativo lì. Ma, di nuovo, risponderò più tardi.
                  2. Cyril Офлайн Cyril
                    Cyril (Cyril) 27 August 2020 21: 28
                    0
                    Bene, andiamo con ordine.

                    Questa è un'altra conferma che il concetto non ha avuto origine in Russia.

                    Lo stesso pan-slavismo - sì, non in Russia. In Russia, il pan-slavismo prese forma (e al livello dei circoli dominanti) con il ruolo guida della Russia tra i popoli slavi.

                    La supremazia della Russia non è stata nemmeno presa in considerazione per vari motivi, nella Repubblica Ceca e in Slovacchia a causa delle differenze religiose

                    Ma no. Alcuni dei pan-slavi (sebbene insignificanti e puramente appartenenti alla classe dell'intellighenzia) della Repubblica Ceca, della Croazia e della Slovacchia consideravano l'unificazione dei popoli slavi, compreso il loro, intorno alla Russia. Questa parte dei pan-slavi si proponeva di risolvere il problema delle diverse religioni in due modi: tramite l'unione ortodosso-cattolica o l'uguaglianza delle religioni e della religione libera.

                    in Russia a causa della tradizione ortodossa di uguaglianza

                    Non esiste una tale tradizione. Dove l'hai preso? Il fatto che la Chiesa ortodossa non sia formalmente una singola organizzazione come la Chiesa cattolica non nega il fatto che alcune chiese ortodosse nazionali sono "più importanti di altre". La ROC era ancora più autorevole della Chiesa di Costantinopoli (e lo è ancora).

                    Inoltre, questo tuo argomento - come, con la "tradizione ortodossa di uguaglianza" e il confronto delle religioni, si possa creare uno stato centrato in Russia, è confutato dall'esempio dello stesso impero russo, che includeva paesi e popoli con ortodossi, cattolici, protestanti, musulmani e persino fede pagana. Qualcuno è entrato volontariamente, qualcuno è stato vinto.

                    Di che tipo di ruolo da protagonista possiamo parlare?

                    Circa il ruolo principale più ordinario. La supremazia non implica necessariamente la creazione di un unico stato, una singola religione o anche una singola lingua attorno a un centro. Negli ultimi 70 anni, gli Stati Uniti sono stati l'ovvio capo (e quindi il "fratello maggiore") del mondo occidentale, nonostante il fatto che altri paesi occidentali abbiano la sovranità statale, differiscano per religione, lingua, ecc.

                    Per quanto ho capito, la domanda è scomparsa con il pan-slavismo? Stai parlando degli slavofili?

                    Perché è scomparso? È solo che i principali slavofili russi erano anche pan-slavi. Questi due concetti non si contraddicono a vicenda.

                    A proposito, la tua citazione non è completamente citata, il che distorce in qualche modo il significato e rende difficile capire cosa è stato detto. Ecco come appare l'intero paragrafo:

                    E questo paragrafo che hai citato ei frammenti evidenziati non contraddicono in alcun modo e non cambiano il fatto che gli slavofili vedevano in Russia il centro unificante (cioè dominante) dell'ipotetico stato tutto slavo. La differenza nell'approccio degli slavofili a questo problema era solo nel fatto che alcuni di loro sostenevano un'associazione più libera con l'autoconservazione dell'identità nazionale e religiosa con il dominio "morale" della Russia, e alcuni - ad esempio, Aksakov - per l'assimilazione culturale degli slavi da parte dei russi e la creazione di un unico stato con centro politico in Russia.

                    Puoi leggere di più qui:

                    https://cyberleninka.ru/article/n/transformatsiya-slavyanofilstva-v-panslavizm-kak-smena-kontseptsii-russkogo-natsionalizma/viewer

                    L'unificazione di russi e cechi sulla base della religione ortodossa sembra piuttosto strana.

                    I pan-slavi russi hanno proposto di risolvere questo problema in tre modi. Il primo è il rispetto reciproco delle religioni pur preservando l'Ortodossia come religione dominante (dalla logica che la maggioranza degli slavi sono ortodossi). Il secondo è l'unione di ortodossia e cattolicesimo. Il terzo (lo stesso Aksakov era un sostenitore di questo percorso): l'eradicazione del cattolicesimo tra gli slavi e la sostituzione dell'ortodossia.

                    Quindi, non c'è niente di strano in questo paragrafo.

                    Bene, va bene ... Anche nell'articolo a cui ti riferisci, si tratta dell'unificazione dei popoli slavi in ​​Jugoslavia e di ulteriori piani per l'adesione della Bulgaria. Non si parla di annessione alla Russia. Inoltre, ovunque si parli di federazione, e come sapete queste sono:

                    L'articolo a cui mi riferisco parla del pan-slavismo in diversi paesi. Naturalmente, i pan-slavi dei paesi balcanici e dell'Europa orientale non volevano far parte dell'Impero russo. Ma i pan-slavi dell'Inguscezia per la maggior parte sostenevano l'integrazione dei "piccoli popoli slavi" nell'Inguscezia sotto la guida della Russia.

                    Inoltre, ovunque si parli di federazione, e come sapete queste sono:

                    La definizione che hai dato è imprecisa. Il termine "federazione" non implica necessariamente la completa uguaglianza delle sue entità costituenti - è solo un tipo di federazione (confederazione o federazione decentralizzata). Un esempio di tali entità è la Svizzera, l'Unione europea. E c'è anche una federazione centralizzata, in cui i soggetti hanno un certo grado di autonomia, ma sono soggetti a un unico centro. Ne sono un esempio la Federazione Russa, la Repubblica Federale di Germania, gli Stati Uniti d'America e la stragrande maggioranza dei paesi federali del mondo.

                    Quindi gli slavofili-pan-slavi russi hanno parlato di una federazione tutta slava con un centro federale in Russia, qui non c'è contraddizione interna.

                    Cioè, non si parla affatto della subordinazione della Russia. Tutto il "ruolo guida" è ridotto per aiutare nella liberazione e nella creazione dei propri Stati.

                    Gli slavofili-pan-slavi russi hanno parlato della dominazione "morale" (cioè culturale e religiosa) e politica della Russia, come il più grande paese slavo in termini di numero e influenza politica.

                    Questo dominio non dovrebbe necessariamente essere espresso nell'ingresso legale di "piccoli stati slavi" in Russia. Ho già citato sopra l'esempio degli Stati Uniti come il "fratello maggiore" di tutti i paesi occidentali, determinando la loro politica estera, in una certa misura l'ideologia e il sistema economico. Sebbene formalmente siano stati sovrani.

                    Perché non lo erano? Le idee non sono state vane e sono state parzialmente attuate nella pratica. La Jugoslavia esisteva per se stessa fino a quando gli "occidentali" non sono intervenuti nel 1999. Sì, e la Cecoslovacchia è uno stato abbastanza reale, ancora una volta prima di cadere sotto l'influenza dell'Occidente.

                    La RFJ è esistita per meno di mezzo secolo ed è crollata a causa delle contraddizioni interetniche interne, che esistevano durante la sua esistenza, ma sono state compensate dal dominio militare e politico dei serbi. Come i popoli balcanici "convissero pacificamente" tra loro può essere giudicato almeno dal massacro tra serbi e croati durante la seconda guerra mondiale.

                    Anche lo stato unico di cechi e slovacchi (Cecoslovacchia) si è formato solo nel 1919 ed è esistito solo per 70 anni. Non c'era alcuna unità storica a lungo termine tra questi popoli.

                    Quindi la ragione del crollo sia della SFRY che della Cecoslovacchia non furono "le macchinazioni del vile Occidente", ma le contraddizioni interetniche a lungo termine dei loro popoli costituenti.

                    Si scopre che la stessa Austria ha inventato il "concetto di" fratello maggiore degli slavi ", e ora è sorpreso che altri slavi non lo considerino tale?

                    Austria (più precisamente, il governo austro-ungarico "non ha mai assunto il ruolo di" fratello maggiore degli slavi ". Da dove l'hai preso?
    2. marciz Офлайн marciz
      marciz (Stas) 31 dicembre 2020 08: 23
      0
      E se n'è andata da ogni parte !!!
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 26 August 2020 12: 19
    -3
    La questione riguarda l'acquisizione da parte bulgara di una partecipazione del 20% nella società greca Gastrade.
    Sofia ha aderito al progetto per costruire un terminale di gas naturale liquefatto nella città di Alexandroupolis, un'altra porta per la penetrazione vittoriosa del GNL americano nel Vecchio Mondo.
    Sofia è stata coinvolta nella costruzione, la cui stima, secondo i calcoli più approssimativi, è di almeno 370 milioni di euro, in teoria "impiccando" su se stessa esattamente un quinto dei costi - per poi rivendicare il 20% delle forniture energetiche. E i volumi previsti non sono affatto piccoli: secondo i parametri dichiarati, il terminal dovrà avere una capacità di 6.1 miliardi di metri cubi all'anno.
    In generale, il terminal di Alexandroupolis è un collegamento chiave in una rotta alternativa per la fornitura di "carburante blu" all'Europa sud-orientale attraverso il gasdotto di interconnessione Grecia-Bulgaria (IGB). Alternativa, ovviamente, in relazione a eventuali progetti della nostra "Gazprom". Qual è, in generale, la differenza: ci sarà un flusso di GNL dagli Stati Uniti o gas "ordinario" dall'Azerbaigian attraverso il gasdotto Trans-Adriatico? In un modo o nell'altro, ma il nostro approvvigionamento energetico è un duro colpo.

    - Ha .. - Ebbene, chi ha impedito alla Russia (Gazprom) di acquisire questa "partecipazione del 20% nella società greca Gastrade" ??? - La Russia ce l'ha ... - Non c'erano 370 milioni di euro per questo ??? - La povera Bulgaria l'ha trovata, ma la Russia no ... - In ogni caso, la Russia è entrata in una tale spesa spaziale con la Turchia che è improbabile che possa mai ripagare ... E poi "circa 370 milioni" ... - e fino al "20% di azioni" ...
    1. Andrey Goncharov Офлайн Andrey Goncharov
      Andrey Goncharov (Andrey Goncharov) 26 August 2020 12: 58
      0
      Quindi sarebbero autorizzati ...
      1. gorenina91 Офлайн gorenina91
        gorenina91 (Irina) 26 August 2020 13: 50
        -4
        Quindi sarebbero autorizzati ...

        - Ah ... - Quindi per questo c'è "l'astuzia commerciale", tutti i tipi di società di copertura (terza, quarta); chi compra, poi rivende lì ... - "dove serve" ... ecc ...
        - Sì, e tutti i tipi di corruzione e tangenti ... - E denaro ... - "Non hanno odore" ...
      2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 26 August 2020 15: 48
        +1
        È anche necessario comprendere gli interessi di altri paesi. Conoscendo l'avidità e la sconsideratezza delle azioni a lungo termine degli avidi manager di Gazprom - ora è più costoso, quindi anche un diluvio .. Quindi tutti si sono rivoltati contro un monopolio così avido e senza cervello (anche le ultime azioni con OPEC +) di Gazprom ... Hanno battuto Gazprom su tutti i "fronti". .. Certo, la "forza maggiore" di oggi passerà, i profitti torneranno a fluire, ma perché, durante le perdite ai dirigenti di STATE Gazprom, la remunerazione e i bonus DOPPI !!!
    2. KNF Офлайн KNF
      KNF (KNF) 30 August 2020 20: 13
      0
      Assolutamente corretto.
  3. margo Офлайн margo
    margo (margo) 26 August 2020 16: 16
    0
    "Fratelli slavi" e altri traditori - Ho una domanda: la Russia ha alleati in generale? - no. Ci sono paesi che dipendono dalla Russia, si può giudicare almeno dal sostegno alla Crimea:
    - riconosciuto - Armenia, Bolivia, Nicaragua, Corea del Nord e Siria. Rappresentanti di questi paesi hanno annunciato il riconoscimento dei risultati del referendum in Crimea, tenutosi nella primavera del 2014, e poi hanno sostenuto la Russia all'ONU durante il voto sulla risoluzione “Crimea”. Oltre a loro, forse (anche se questo non è confermato), altri sette paesi aderiscono ad alcune posizioni simili: Afghanistan, Venezuela, Kazakistan, Kirghizistan, Cuba, Sudan e Zimbabwe.

    Quelli. nell'elenco ci sono tutti i paesi che ricevono fin. l'aiuto non è alleato!
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 26 August 2020 20: 15
      -3
      "Fratelli slavi" e altri traditori "- Ho una domanda. La Russia ha alleati? - No. Ci sono paesi che dipendono dalla Russia, puoi giudicare almeno dal loro sostegno alla Crimea:
      - riconosciuto - Armenia, Bolivia, Nicaragua, Corea del Nord e Siria.

      La verità si apprende al confronto. Un recente voto è stato quello di estendere il divieto di vendita di armi all'Iran. La risoluzione degli Stati Uniti è stata sostenuta da ....... la Repubblica Dominicana e ..... gli stessi Stati Uniti. Gli altri ridacchiavano mentre Cina e Russia prendevano in giro gli Stati Uniti.
      Alla Crimea e alla Russia non importa chi ha riconosciuto cosa.
    2. KNF Офлайн KNF
      KNF (KNF) 30 August 2020 20: 15
      0
      I turchi hanno riconosciuto la Crimea?
  4. Yuri 17 Офлайн Yuri 17
    Yuri 17 (Yury) 26 August 2020 20: 25
    0
    I bulgari sono cattivi turchi.
  5. Caro esperto di divani. 26 August 2020 23: 46
    0
    I bulgari non sono mai stati slavi.
  6. M.Mikhail Офлайн M.Mikhail
    M.Mikhail (m m) 29 August 2020 03: 57
    +1
    Oggi, il commercio di idrocarburi puri verso i "paesi non CSI" (che include la Bulgaria) non è necessario alla Russia e, inoltre, è dannoso sia per la popolazione del paese che per l'economia.

    La prova è molto semplice: - il reddito derivante da tutti questi scambi corrisponde quasi esattamente al surplus commerciale della Russia (la differenza nel 2017 è di $ 4-5 miliardi), ei fondi in entrata sono congelati in varie "riserve" e fondi. Quelli. Negoziamo con debiti e non riceviamo beni o servizi per beni reali.

    Non sembra essere spaventoso, tk. basato sul proverbio "Il titolo non tiene una tasca", ma non lo è.

    I lavoratori del petrolio, i lavoratori del gas, così come tutti quelli che "siedono sulla pipa" vogliono ricevere un salario, e anche i manager vogliono bonus, ma i fondi ricevuti per le loro merci sono congelati e quindi i rubli vengono semplicemente stampati. Questo, a sua volta, significa una cosa: - Inflazione. Quelli. Tutti noi, dal piccolo al grande, sosteniamo i lavoratori del petrolio, i lavoratori del gas ei loro manager con il nostro portafoglio.

    Ma non è tutto. Alimentiamo i nostri concorrenti economici con idrocarburi economici, creiamo posti di lavoro lì e rendiamo superfluo trasferire la produzione di trasformazione in Russia, e questo non è più solo un errore o una stupidità, ma sembra ...
  7. KNF Офлайн KNF
    KNF (KNF) 30 August 2020 20: 00
    +1
    1) La Grecia acquista gas da Gazprom due volte più costoso della Germania?
    2) Perché non scrivi niente sull'amichevole Azerbaigian?
    3) Perché non scrivi che la Turchia ha accettato un gasdotto con la Russia e ha smesso di comprare gas e lo sta comprando interamente dall'Azerbaigian?



    4) I turchi hanno riconosciuto la Crimea?
  8. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 31 dicembre 2020 08: 42
    0
    Non confondere "progetti energetici russi" e "progetti ebraico-olegarchici" un chiaro esempio del prezzo delle abitazioni e dei servizi comunali in Russia e dell'aumento dell'età pensionabile, poiché le persone lasciano il Paese per la disperazione, muoiono per la vendita sistemica di droga e quindi non c'è nessuno a lavorare !!!!