Risultati provvisori del bielorusso "Maidan": qual è la lotta per Minsk


Ora, quando il confronto in Bielorussia ha acquisito un carattere di posizione, si possono già riassumere alcuni risultati intermedi e supporre come potrebbe finire tutto.


L'astuto piano dell'ultimo dittatore


Il motto della Repubblica del Cile suona così: "Por la razón o la fuerza" (dallo spagnolo - "Ragione o forza"). Sembra che Alexander Grigorievich Lukashenko sia perseguitato dagli allori di Salvador Guillermo Allende, anche se il suo popolo ribelle lo associa più ad Augusto José Ramon Pinochet. Nient'altro può spiegare l'apparizione dell'ultimo presidente della Repubblica di Bielorussia sulla soglia della sua residenza con una mitragliatrice in mano (tuttavia, a differenza del defunto presidente della Repubblica del Cile, la macchina del presidente della Repubblica di Bielorussia era per qualche motivo senza cartucce). Ma con tutto il suo aspetto, Alexander Grigorievich ha dimostrato che avrebbe combattuto fino all'ultimo e, se non con ragione, il potere avrebbe difeso il suo potere. Ebbene, che augurio lodevole. Soprattutto sullo sfondo del suo collega ucraino fuggito ai primi colpi. A 14 giorni dall'inizio di Belomaidan, va ammesso che il papà, sopravvissuto al primo orrore che lo ha travolto dalla portata e dalla portata delle azioni di protesta che hanno interessato il Paese, si è già ripreso, è uscito dal suo torpore e ora sta cercando di prendere l'iniziativa.

Fortunatamente, i suoi avversari contribuiscono a questo. Belomaidan non ha ancora leader adeguati, nessun centro unico, nessun piano d'azione chiaro e il movimento di protesta ha ancora un carattere carnevalesco. Con tutto il rispetto per la signora Tikhanovskaya, si dovrebbe ammettere che se è la leader del Maidan, allora sono una ballerina del Teatro Bolshoi. Affidarsi al suo paese non solo per sei mesi, anche per una settimana è pericoloso a causa della sua inadeguatezza. Non è affatto una politica, è politicamente analfabeta, non è pronta ad adempiere ai doveri che le sono stati affidati in alcun modo dal termine “assolutamente”. Si ha la piena impressione che anche i testi scritti dai suoi consiglieri lei non comprenda appieno. Il Consiglio di coordinamento dell'opposizione, da lei creato, è generalmente uno spettacolo pietoso. Si tratta principalmente di intellettuali, umanitari, persone con libere professioni creative, adatte solo per firmare lettere collettive, scrivere appelli e parlare in pubblico emotivo, ma non per governare il paese. Un politico è una professione, ha bisogno di una formazione specifica e non ci sono persone del genere in questo Consiglio. Questo Consiglio di Coordinamento in realtà non coordina niente e nessuno, non ha alcun legame né con i lavoratori né con i comitati di sciopero. Non c'è nemmeno un solo candidato del livello del polacco Lech Walesa. Tuttavia, in caso di minima minaccia alla sicurezza personale, queste luci della nazione saranno le prime a “fondersi”, essendo fuggite all'estero (alcune sono già fuggite e da lì hanno seminato buono, leggero, eterno, bevendo un po 'di polacco, un po' di lituano, un po 'di caffè ucraino).

Lukashenka, respingendo il primo assalto della strada, ha preso l'unica strada corretta in questa situazione per "mettere da parte" il Maidan, nella speranza che il Maidan, che non ha sostegno finanziario e di risorse, prima o poi svanisca. Al ritmo che ha preso l'opposizione, tutto questo non può durare più di un mese, anche meno. Una protesta che non ha leader, nessun programma o persino tattiche prima o poi svanirà. Camminando per le strade, anche in numero molto elevato, decine di migliaia di persone non si convertono nella presa del potere. Leggi i fondatori del marxismo-leninismo. Lenin 100 anni fa descriveva tutto in dettaglio, cosa è necessario per questo e perché. Hai bisogno di organizzazione, programma, tattiche e leader. L'opposizione non ha niente di tutto questo. Finora, questa è una folla che percepisce la lotta contro il regime in parte come un'impresa civile, in parte come una vacanza, credendo ingenuamente che sia sufficiente scendere in piazza e il regime cadrà. Ma per qualche motivo non cade. Altre 200mila, 300mila, anche 500mila persone potranno essere portate in piazza, nulla cambierà. Manifestazioni pacifiche di protesta non portano al rovesciamento dei regimi autoritari. Lukashenka semplicemente non si preoccupa di queste proteste. Finché le strutture di sicurezza lo supportano, nulla minaccia lui o il suo regime. Pertanto, non andrà alle rielezioni, ma anche ai negoziati con l'opposizione. E fa la cosa giusta!

Il regime può solo scuotere lo scontro violento con i manifestanti secondo lo scenario ucraino. Questa è l'unica possibilità dell'opposizione per ribaltare la situazione a proprio favore. Letteralmente secondo Lenin - la creazione di distaccamenti di combattimento e il sequestro di edifici amministrativi (ai tempi di Lenin erano ponti, uffici postali, stazioni ferroviarie, telegrafo, ora un edificio governativo è sufficiente, hanno già canali Telegram). Ma dal momento che l'opposizione non ha distaccamenti combattenti, e non intende neppure sequestrare edifici amministrativi, la loro attività è una "pipa". I leader che si definivano i leader di Belomaidan non capiscono nemmeno cosa farsene di così tante persone che sono scese in piazza. Tutto finirà con il fatto che le persone si disperderanno e gli organizzatori delle proteste saranno identificati dal KGB bielorusso e rilevati. In Francia, con "gilet gialli" molto più numerosi e militanti, questo non è finito nel nulla, ora i residenti di Khabarovsk seguono la loro strada, uscendo per protestare ogni sabato e perdendo i loro sostenitori ogni sabato. Questo è il destino di tutti i Maidan spontanei.

In questa situazione, il Cremlino ha giustamente preso un atteggiamento attendista. Avendo riconosciuto la vittoria di Lukashenko, Mosca, avendo già una triste esperienza ucraina, non dà il via libera a nessun negoziato con l'opposizione, figuriamoci alle rielezioni, e non agirà nemmeno da mediatore in questo processo. I ricordi sono ancora freschi di come sia finito questo processo per Yanukovich. Pertanto, il massimo a cui Mosca può andare è sostenere la riforma costituzionale, che permetterà al regime di Lukashenka di evolversi in qualcosa di più dignitoso, e poi vedremo. Ma ancora una volta, tutto questo è sotto la salsa che questo è affare degli stessi bielorussi, dal momento che la Bielorussia è uno stato sovrano e tutto il resto. Il Cremlino non a parole, ma nei fatti incarna il motto del ministro degli Esteri francese del XVIII secolo Charles Maurice de Talleyrand:

"Tradire in tempo significa non tradire, ma prevedere!"

confermandolo ancora una volta in politica nulla è cambiato negli ultimi 150 anni.

“Non ci sono convinzioni in politica, ci sono solo circostanze” (l'autore è sempre lo stesso).

Il piano astuto del Cremlino


Da qualche tempo la Federazione Russa sta trasferendo all'autosufficienza tutti i suoi ex alleati, dimenticando che la politica e le relazioni merce-denaro non sono la stessa cosa. Possiamo essere d'accordo con questa affermazione della domanda o no, ma resta il fatto: il Cremlino ha capovolto la piramide di Maslow e ora non si impegna a pagare un extra a un alleato per la lealtà, ma un potenziale alleato deve ancora guadagnarsi il diritto di essere sotto un ombrello politico-militare ed economico RF (di solito questo problema viene risolto in termini monetari a causa del saldo negativo nel commercio e nella bilancia dei pagamenti). Di conseguenza, la Federazione Russa rischia, come 150 anni fa sotto Alessandro III, di rimanere con solo due alleati: con il proprio esercito e la propria flotta.

Un tentativo di monetizzare la politica estera, trasferirla sul piano dei rapporti merce-moneta, sostituendola con un supermercato, può costare caro al Cremlino, rischia di rimanere senza alleati anche nel suo ventre molle, ripetendo la triste esperienza della tarda URSS, che cercò di sostituire il principio incrollabile che le alleanze vanno pagate , la sua nuova interpretazione secondo cui è necessario pagare un extra per l'alleanza. Di conseguenza, l'URSS rimase senza alleati e senza soldi. E poi è scomparso come uno stato.

La Federazione Russa è del tutto inutile in questa questione cercando di competere con gli Stati Uniti, che sono i fondatori e i trendsetter in termini di potere "morbido". Non sono abituati a lavorare con i loro satelliti per molto tempo, alternando alternativamente un bastone e una carota, crescendo e alimentando l'élite compradora locale, che è pronta a vendere per una frazione della loro patria, non la loro madre! Gli americani hanno molti soldi - hanno abbastanza per tutto, ma non possiamo nemmeno difendere il nostro ventre e guardiamo gli stati ostili crescere intorno ai confini della Federazione Russa. E il motivo qui non è affatto in denaro, anche se la loro importanza non deve essere sottovalutata. Il motivo sono le differenze mentali tra gli anglosassoni e i grandi russi. I russi, a differenza dei loro avversari, non sono così sofisticati nei giochi e negli intrighi sotto copertura, cercano sempre di giocare secondo le regole e, semmai, risolvono i problemi in un combattimento leale. Così decidono. Un altro colpo di cavalleria: le pedine erano nude e si affrettavano, senza contare le perdite. L'Ucraina è già stata persa, dopo ha perso anche l'Armenia, e prima Georgia, Moldova, Asia centrale, Azerbaigian, ora la Bielorussia è la prossima. La politica degli struzzi ciechi! Avido e miope paga due volte! Abbiamo rinunciato alla nostra periferia, ora siamo sorpresi che il nostro nemico sia lì. Guarda come gli americani difendono il loro ventre molle - America Latina e Centrale. Ora guarda il nostro. Ci sono già alcuni dei nostri nemici!

È chiaro che il Cremlino deve fare i conti con la reale situazione e la Federazione Russa non può essere paragonata all'URSS in termini di superficie, popolazione, PIL o persino armamenti. Inoltre, la Federazione Russa, a differenza dell'URSS, è legata all'OMC, quindi possiamo facilmente tagliare l'ossigeno, cosa che gli Stati Uniti fanno periodicamente. Pertanto, Putin è costretto a lavorare come numero due con un occhio all'Occidente, più precisamente agli Stati Uniti, e, grazie a Dio, che Donald the Invincible è ancora seduto lì, e non uno dei suoi oppositori democratici. Sì, forse al Pil manca la determinazione di Nikita Blessed, che ha sbattuto il piede sul podio dell'Onu e portato la questione alla crisi caraibica. Ma Putin ha uno psicotipo diverso, battere le scarpe di rafia sul podio non è il suo stile, preferisce tacere misteriosamente e compiere azioni asimmetriche, sfruttando l'inerzia del nemico. Lascia parlare invece gli altri. Qui un ruolo speciale è assegnato a Zhirinovsky, che, con il permesso del Cremlino, controlla gli angoli di deflessione massimi. È lui che mette alla prova l'atteggiamento della società verso determinati problemi e metodi per la loro risoluzione. Prestate attenzione, non è vano che a volte scuote l'aria.

Mio padre e io abbiamo avuto la possibilità di creare uno Stato dell'Unione solo perché gli era stata ordinata la strada per l'Occidente. Ma papà si è rivelato incapace di negoziare, con la sua politica multi-vettore ha annullato questa possibilità. Pertanto, il Cremlino, approfittando dell'occasione, gli offre una scelta, o con noi alle nostre condizioni, oppure "dai, arrivederci!" E non è affatto certo che altri candidati al seggio vacante saranno tentati di partire per l'Occidente. Cosa sono imbrattati di miele lì, in Occidente? Forse saranno offerti mercati per la vendita di prodotti bielorussi lì? Aha! Tieni la tasca più ampia! Guardiamo gli Stati baltici, l'Ucraina, la Bulgaria, l'Ungheria, la Romania, "ebbene, questi polacchi li hanno aiutati?"

Old Man era bravo come direttore della Repubblica di Bielorussia. E non è colpa sua se il direttore della Federazione Russa a un certo punto ha iniziato a essere guidato da criteri di beneficio-beneficio alquanto diversi, dove economico il fattore geopolitico ha prevalso. Tu ed io potremmo anche non essere d'accordo con questo, ma non ci è dato di conoscere tutte le circostanze del caso. Risolviamo questo fatto e andiamo avanti. Mi piacerebbe credere che il Supremo abbia tenuto conto di tutti i possibili pro e contro. Quello che paga è noto per essere la ragazza e la danza. E non è colpa del Comandante Supremo se la ragazza bielorussa è stata colta "riconciliata", guardando a sinistra. Ed è qui e ora che Putin sta cercando di non perdere l'occasione che è venuta così bene (e data dallo stesso papà!), Di girare una volta per tutte la Repubblica di Bielorussia a est. Inoltre, quando la situazione esterna contribuisce a questo. Lo considereremo di seguito.

Piani astuti del Collective West


Finora abbiamo parlato della parte visibile dell'iceberg bielorusso. Ora parliamo di quello invisibile. È semplicemente successo che nella crisi bielorussa non ci siano così tanti attori esterni coinvolti. Ecco perché il papà ha tutte le possibilità di uscire dall'acqua, subendo solo perdite reputazionali.

Inizialmente, nessuno avrebbe "incolpato" il contorno esterno. In Occidente, durante i 26 anni del suo governo, tutti hanno già fatto i conti con il fatto della sua esistenza e, visto il fattore "tetto del Cremlino", potevano solo sperare nella sua morte fisica. E l'oggetto che hanno ottenuto era forte e tenace. Ma non intelligente! E solo se stesso è responsabile della crisi attuale. Limita il papà al 55-60% dei voti favorevoli alle elezioni, sarebbe potuto andare tutto così. Ma voleva, come Putin, l'80%. Ricevuto! Ora lascialo non lamentarsi. La testa è necessaria non solo per indossare i baffi. Penso che ora l'hockey bielorusso passerà momenti difficili. E c'è solo un passo dall'amore all'odio. Qui papà lo ha superato.

Tutti gli avvoltoi internazionali, dalla Polonia e dai limitrofi baltici, ai nidiacei del nido di Soros, che nidificano in tutto il mondo, non hanno mancato di approfittare della situazione. Fortunatamente per papà, l'Occidente collettivo non gli si oppone come fronte unito, come lo era in Ucraina. Trump è ora impegnato con la sua campagna elettorale, che ha già raggiunto il traguardo. Avrebbe dovuto risolvere i suoi problemi, dove altro avrebbe avuto quelli bielorussi? È vero, gli Stati non sono omogenei e ci sono forze interessate a destabilizzare la situazione nel ventre molle della Federazione Russa. Queste sono forze del campo democratico che si oppongono a Trump, che ora sta lottando per il potere. Ed è stata la loro gente seduta in tutto il mondo ad aver avviato la crisi bielorussa attraverso i loro sigilli in Polonia, Lituania e Gran Bretagna. Ma il Washington ufficiale non partecipa a questo, quindi un compromesso con lui su questo tema è del tutto possibile per il Cremlino. E non è un dato di fatto che i negoziati non siano più in corso.

La Polonia ha i suoi interessi in questo partito. Là, sin dai tempi di Pilsudski, si sono girati intorno alle idee della Grande Polonia “da Mozha a Mozha” (da mare a mare), e la situazione nella vicina Bielorussia è proprio questo. La partecipazione della Lituania a questo è anche dovuta agli stessi dolori fantasma per il Granducato di Lituania che è caduto nell'oblio. È significativo che anche tra i limitrofi baltici non ci sia unità su questo tema. La Lettonia e l'Estonia hanno già annunciato la loro posizione separata. Anche quello che sta facendo la Gran Bretagna è comprensibile, è un lembo di terra delimitato dal mare, dove gli oppositori democratici di Trump non hanno mai rinunciato alle loro posizioni. Ecco che stanno già contando i giorni in cui l'Eternally Sleepy Joe sarà nello Studio Ovale. Allora perché non aiutarlo e gettare della legna nel fuoco ardente attorno all'eterno nemico dell'Impero britannico?

Ma le forze qui chiaramente non sono uguali. A questi piani si oppongono Berlino, Parigi e Bruxelles, che sono completamente disinteressati a rafforzare la Polonia, che è già diventata completamente cupa, trascinando su se stessa la coperta europea. Non parlo nemmeno della RPC e della Federazione Russa, che sono state le prime a riconoscere i risultati delle elezioni bielorusse. E con alleati così potenti, Luke potrebbe aspettarsi di farla franca. Ma non per molto! Solo per un periodo di transizione, durante il quale cederà i suoi poteri a un candidato approvato dal Cremlino e da Washington. Abbiamo qui quel raro caso in cui gli eterni nemici degli Stati Uniti, dell'UE e della Federazione russa si sono uniti per risolvere un problema locale. L'ultimo precedente di questo tipo è stato creato in Moldova poco più di un anno fa, quando gli stessi partecipanti si sono uniti per demolire l'unico oligarca moldavo Plahotniuc, che era noioso e galleggiava dietro le boe. Quindi, una visita di 15 minuti presso di lui presso l'ufficio dell'ambasciatore statunitense a Chisinau Derek Hogan è stata sufficiente per demolire il fragile cardinale grigio della Moldova. Penso che ci vorrà un po 'più di tempo a Lukashenka. Ma non più di sei mesi.

A cosa serviva la guerra?


Al termine della sintesi dei risultati preliminari, mi limiterò a delineare le ragioni che hanno spinto le parti opposte a convergere in questa battaglia impari sulla testa di ponte bielorussa.

1a ragione, tecnologico: Sull'esempio della Repubblica di Bielorussia, tutti i nemici regolari della Federazione Russa hanno testato le tecnologie per demolire il regime di Putin nel 2024. Ed è per questo motivo che Putin non poteva perdere qui, per non creare un precedente. Tutti capiscono che il fattore del 2024 non è stato cancellato. Si stanno preparando per questo. Lavorano per il futuro. Completamente. Lentamente. Un potere eccezionalmente "morbido", poiché il potere "duro" non può prendere la Federazione Russa. Stanno scavando per Putin da molto tempo: Bolotnaya, Khabarovsk, tutti i tipi di Kasparov-bulk-Khodorkovsky-Nevzlins-Yavlinsky (l'elenco è lungo, puoi continuare tu stesso). A proposito, su Navalny. Guarda, il nostro eroe può dare una quercia, appoggiato a una betulla di Berlino. E di nuovo vogliono appenderlo a noi. Principiante n. 2. Il lavoro sporco dei servizi speciali russi. Sono solo i nostri servizi? I nostri servizi speciali funzionano in modo molto più sottile. Navalny era il nemico più conveniente e parafulmine per Putin, la sua morte fisica è conveniente per chiunque, solo non per VVP! Sacrificio sacro classico, Nemtsov # 2. Va bene, aspettiamo e vediamo come va a finire.

2a ragione, logistica: Chiudere la cintura di esclusione intorno alla Federazione Russa, creare un cuscinetto nemico lungo l'asse Kiev-Varsavia-Minsk-Vilnius, distruggere gli schemi logistici sia lungo la linea RF-EU che lungo la Nuova Via della Seta Cina-RF-EU. Sorge subito il problema della regione di Kaliningrad, completamente isolata dalla metropoli. Qui gli interessi sia della Federazione Russa che della RPC sono convergenti, quindi la Bielorussia non sarà abbandonata così facilmente.

Terza ragione, militare: Primo, a Baranavichy, c'è un nodo del sistema di allarme missilistico che controlla tutta l'Europa e le aree di pattugliamento dei sottomarini statunitensi e britannici con missili balistici Trident (SSBN) nel Nord Atlantico e nel Mare di Norvegia. In secondo luogo, la stazione radio Vileika copre le aree degli oceani Atlantico, Indiano e in parte Pacifico, fornendo comunicazioni per i sottomarini nucleari della Marina russa a una distanza massima di 10mila chilometri. L'accordo sulla permanenza di questi oggetti nello stato del russo scade nell'estate del 2021. La loro attuale importanza per la Russia sarà, forse, non meno della base navale di Sebastopoli. E questo è il momento più importante per noi oggi. Del potente esercito bielorusso alleato, che ipoteticamente può diventare un altro nostro nemico (chi non ci crede, guardiamo alle potenti Forze armate ucraine), dei campi d'aviazione di salto per l'Aeronautica NATO sul territorio della Repubblica di Bielorussia e dei siti per i sistemi di difesa missilistica americani, che potrebbero ipoteticamente apparire lì, Non dico niente. Abbiamo portato via la Crimea dall'Ucraina per meno minacce.

4a ragione, MIC: Un certo numero di imprese bielorusse sono legate alla catena tecnologica di un unico complesso militare-industriale e, sebbene siano stati intrapresi da tempo misure per localizzare queste industrie in Russia, il problema non è stato ancora risolto. Ad esempio, per 10 anni KAMAZ non è stata in grado di sostituire l'MZKT (Minsk Wheel Tractor Plant), che produceva trattori per le esigenze delle forze missilistiche strategiche russe.

Riassunto


Vediamo come finisce tutto. Maduro è sopravvissuto in Venezuela, grazie alla Federazione Russa e alla RPC. Lukashenka ha lo stesso tetto. Ma la situazione è leggermente diversa. Putin, come sapete, è un maestro di arti marziali, lui stesso non colpisce per primo, usa l'inerzia del nemico. Luca ha fatto di tutto per essere impiccato (in senso figurato), o meglio, per lanciare il regime della sua rimozione dal potere. Pertanto, il compito minimo per la Federazione Russa è preparare un suo sostituto in modo che dica: “Sono stanco! Me ne sto andando!" e trasferito il caso. Altrimenti, Maidan e il caos. Nessuno lo vuole!
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 August 2020 09: 05
    -5
    che non ha leader, nessun programma e nemmeno tattiche, prima o poi svanisce.

    E proprio lì

    Sull'esempio della Repubblica di Bielorussia, tutti i nemici regolari della Federazione Russa hanno testato le tecnologie per demolire il regime di Putin nel 2024.

    In generale, in ogni caso, dai la colpa di tutto a YUSA. Come prima per i massoni.
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Lupo) 28 August 2020 16: 08
      0
      Il compagno ha evidenti problemi con la percezione del testo stampato. Apparentemente, l'oftalmologo non aiuterà qui, è necessario uno psichiatra. Prova di nuovo a leggere la seguente citazione per sillaba, quindi decidi tu stesso da quale dottore andare:

      Tutti gli avvoltoi internazionali, dalla Polonia e dai limitrofi baltici, ai nidiacei del nido di Soros, che nidificano in tutto il mondo, non hanno mancato di approfittare della situazione. Fortunatamente per il padre, l'Occidente collettivo non gli si oppone come fronte unito, come lo era in Ucraina. Trump è ora impegnato con la sua campagna elettorale, che ha già raggiunto il traguardo. Avrebbe dovuto risolvere i suoi problemi, dove altro avrebbe avuto quelli bielorussi? È vero, gli Stati non sono omogenei e ci sono forze interessate a destabilizzare la situazione nel ventre molle della Federazione Russa. Queste sono forze del campo democratico che si oppongono a Trump, che ora sta lottando per il potere. Ed è stata la loro gente seduta in tutto il mondo ad aver avviato la crisi bielorussa attraverso i loro sigilli in Polonia, Lituania e Gran Bretagna. Ma il Washington ufficiale non partecipa a questo, quindi un compromesso con lui su questo tema è del tutto possibile per il Cremlino. E non è un dato di fatto che i negoziati non siano più in corso.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 28 August 2020 09: 18
    + 10
    È preoccupante perché non c'è un solo marinaio nel Consiglio di coordinamento bielorusso dell'opposizione? E chi ottiene tutto il "pesce" in Bielorussia? Pertanto, questo Consiglio può essere considerato illegittimo. A proposito, non ci sono nemmeno lavoratori delle macchine? Molto brutto! Alcuni impostori, non il Consiglio. E perdenti! Lenin doveva essere studiato nelle università. Aveva operai, contadini, soldati e marinai nei Soviet! Ecco perché la causa di Lenin vinse allora. E poiché queste persone sono scomparse dai sovietici, anche l'URSS ha distrutto ogni sorta di "coordinatori" e "piattaforme democratiche", non essere ricordato al calar della notte!
    1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
      Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 1 September 2020 12: 41
      +1
      Citazione: Bulanov
      È preoccupante perché non c'è un solo marinaio nel Consiglio di coordinamento bielorusso dell'opposizione? E chi ottiene tutto il "pesce" in Bielorussia? Pertanto, questo Consiglio può essere considerato illegittimo. A proposito, non ci sono nemmeno lavoratori delle macchine? Molto brutto! Alcuni impostori, non il Consiglio. E perdenti! Lenin doveva essere studiato nelle università. Aveva operai, contadini, soldati e marinai nei Soviet! Ecco perché la causa di Lenin vinse allora. E poiché queste persone sono scomparse dai sovietici, anche l'URSS ha distrutto ogni sorta di "coordinatori" e "piattaforme democratiche", non essere ricordato al calar della notte!

      L'URSS è crollata perché la forma di socialismo che era stata costruita si è rivelata impraticabile. A differenza, per esempio, dei suoi cloni socialdemocratici o della versione cinese della NEP. Certo, maturo, l'URSS non è la Cambogia di Pol Pot o la Corea del Nord di Kim Il Sung e i suoi discendenti. Ma l'assenza di proprietà privata e concorrenza e, di conseguenza, una sovrastruttura decorativa invece di una vera separazione dei poteri e un sistema multipartitico è un verdetto dell'URSS, anche alla nascita. Con l'agonia posata dal "paranoico arido". Non sono stato io a dirlo, ma il grande Bechterev.
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 1 September 2020 13: 19
        +1
        Per il "vagabondo":
        - E la città-stato di Troia è crollata, perché la forma di esistenza che è stata costruita si è rivelata impraticabile. Sì? O forse è stato a causa del "cavallo di Troia" che Troia è crollata, come l'URSS, in cui questi, se così si può dire, "cavalli di Troia" acquistati dall'Occidente si sono rivelati troppi nella leadership del paese? Forse un asino carico d'oro ha distrutto l'URSS?
        1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
          Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 1 September 2020 15: 45
          +1
          Bulanov, Troy è una semi-leggenda. E la guerra di Troia è una guerra intestina. La storia conosce molte di queste guerre. Nel caso dell'URSS, è stato un gigantesco esperimento sociale. Con una forma di proprietà fondamentalmente diversa: pubblica. Non ha funzionato. Il resto è tutto attaccato. Non ci sarebbe Gorbaciov, sarebbe Ivanov o Petrov, non importa. La cosa principale è che le condizioni, cioè i prerequisiti economici, siano state create. L'economia pianificata con enormi sussidi nella sfera sociale funzionava solo a condizione di alti prezzi dell'energia. Le scienze fondamentali si svilupparono e il resto affondò. Ed è crollato.
  3. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 28 August 2020 10: 40
    +1
    Ci viene nuovamente detto quanto sarà grave per la Russia se "la Russia perde ...".
    Ma tali autori non dicono mai quanto sia stato buono con coloro che la Russia "ha perso".
    La domanda è: perché la Russia ha bisogno di pecore alleate, che non possono nemmeno prendersi cura della propria sopravvivenza, scegliendo come Maestri coloro che le distruggono economicamente e, di conseguenza, il declino economico e fisico?

    Meglio con una smart da perdere che con un pazzo da trovare

    - il proverbio del popolo russo.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 28 August 2020 11: 10
      +1
      Citazione: King3214
      La domanda è: perché la Russia ha bisogno di pecore alleate, che non possono nemmeno prendersi cura della propria sopravvivenza, scegliendo come Maestri coloro che le distruggono economicamente e, di conseguenza, il declino economico e fisico?

      E non parli per tutti i popoli che abitano questi paesi. Cosa decide la gente lì? Queste sono tutte "élite" locali guidate solo dal proprio vantaggio personale. Stai sostituendo concetti.
      1. King3214 Офлайн King3214
        King3214 (Sergio) 28 August 2020 11: 24
        -2
        Un popolo senza élite è generalmente una massa amorfa. Piuttosto, biomassa.
        Questo è il motivo per cui l'élite esprime gli interessi del popolo, poiché le persone stesse non sono in grado di formulare i propri interessi ei loro interessi sono espressi dall'élite in grado di farlo. È anche "il popolo".
      2. Volkonsky Офлайн Volkonsky
        Volkonsky (Lupo) 28 August 2020 16: 17
        +1
        La cosa divertente è, Sergei, che non ci sono élite locali in Bielorussia, il papà era preoccupato. Finora, i burattinai stanno correndo qui da dietro la collinetta. Solo ciò che è permesso a Giove non è permesso al toro. Con Giove ora c'è un patto di non aggressione (ora ha diversi altri problemi, non per la Bielorussia, brucia in casa!), Solo i tori polacco-lituani non lo capiscono.
      3. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
        Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 28 August 2020 22: 04
        +2
        Citazione: Marzhetsky
        E non parli per tutti i popoli che abitano questi paesi.

        Questo è quello che dicono gli americani. Obama, rosicchiando un osso umano, dice: Al-Nusra ha mandato carne deliziosa, ne facciamo un'opposizione moderata. E un anno prima, Al-Nusra era Al-Qaeda. Ma l'opinione di Obama è più importante sia del popolo siriano che di quello americano.
        Il Ministero della Verità di Murdoch-Turner rappresenta i carnefici cannibali come liberatori democratici e i difensori del loro popolo come despoti dittatoriali. Il pensiero coloniale non è andato da nessuna parte.
    2. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Lupo) 28 August 2020 16: 12
      -1
      Lo zio 3214 crede ancora che le persone scelgano i propri padroni? Santa ingenuità! Chi glielo chiede lì?
  4. Netyn Офлайн Netyn
    Netyn (Netin) 28 August 2020 18: 32
    -1
    Per qualche ragione, la mitragliatrice del presidente della Repubblica di Bielorussia era senza cartucce

    Personalmente, ho guardato nel negozio, giusto?
    Anche se tutti stupidamente scrivono secondo il manuale che la macchina era senza negozio, ma la mente di guardare un video o una foto non basta. Sì, almeno nella foto del titolo di questo scarabocchio.
    Non ho letto oltre, l'autore è triste e mente.
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Lupo) 28 August 2020 21: 46
      0
      https://www.unian.net/world/oleksandr-lukashenko-z-avtomatom-chomu-lukashenko-z-yavivsya-z-avtomatom-novosti-mira-11123078.html



      https://www.mk.ru/politics/2020/08/24/shushkevich-obyasnil-poyavlenie-lukashenko-s-avtomatom-v-rukakh.html

      Tre anelli per un cieco! Trova un negozio AKC su di loro! Non può? ...
      Eppure, se non vuoi, non leggerlo! Perché scrivermi su questo ogni volta ?! Vai anche al negozio con le parole: "Sono venuto a dirti che non ho intenzione di comprare niente da te!"?
      1. Netyn Офлайн Netyn
        Netyn (Netin) 28 August 2020 22: 22
        0
        Qui su questa foto puoi vedere chiaramente

        1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
          Volkonsky (Lupo) 29 August 2020 06: 13
          -1
          Il mio testo dice:

          è apparso sulla soglia della sua residenza con un mitra in mano.

          Guardiamo la foto (due mie foto e un video) - vedi un negozio lì? Riesci a distinguere il fucile d'assalto AKS-74U dall'AK della centesima serie (AK-104, AK-105, AK-102)? Quindi, nella tua foto, Lucas ha AKS-74U, ma sul mio AK-104 o AK-102 (AK-105 non viene esportato, viene utilizzato solo all'interno della Federazione Russa).
  5. Il commento è stato cancellato
  6. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 1 September 2020 12: 31
    0
    Analisi solida e ponderata, considerando le possibili opzioni, a seconda di questi o altri input. Quanto a me, ci sono un paio di altri punti che possono aggiungere sfumature alla situazione emergente nel BR che non rientrano nell'articolo. Le azioni del soggetto sano di mente sono prevedibili, ma non esiste uno psicopatico a mosaico. Ma bam - uno psicopatico ufficiale. E il fatto che il Gabinetto dei Ministri della Bielorussia funzioni ancora nella stessa composizione, dove è forte l'influenza degli "occidentalizzatori", ne è una conferma. Sullo sfondo di AKM e l'ossessivo: "Tratterò con tutti!" Una variante interessante dello sviluppo degli eventi con l'eliminazione fisica di Lukashenka. Dopotutto, è completamente stufo di tutti gli attori geopolitici con la sua imprevedibilità multi-vettore. Ma questa opzione non è esclusa. Semplice e di buon gusto. E infine, l'esacerbazione dei bisogni dei bielorussi è più alta del solito, come terzo segno di una situazione rivoluzionaria. È anche possibile. Quindi "l'acqua nella nuvola è scura". Ma ovviamente sono d'accordo con l'autore sul fatto che in Bielorussia ora c'è qualcuno in più. E sembra che questo sia superfluo: Alexander Grigorievich.