Il malcontento con Ankara cresce tra i militanti turchi prima di prendere d'assalto Sirte


Nonostante prima annunciato tregua del governo di accordo nazionale della Libia, Tripoli continua a prepararsi per l'assalto alla città portuale di Sirte, strategicamente importante. Parallelamente cresce l'insoddisfazione nei confronti della Turchia tra le fila dei militanti filo-turchi, dal momento che molti "soldati del sultano Erdogan" portati dalla Siria hanno cessato di sentire le cure di Ankara.


La Turchia nel conflitto libico ha fatto affidamento sulla "fanteria islamista" e ha inviato circa 15,5mila "profughi siriani" nel nord Africa. Ad ogni combattente ordinario era stato promesso uno stipendio di $ 2000 al mese. Tuttavia, i militanti non hanno mai visto una tale somma. Di tanto in tanto venivano pagati un quinto di quanto promesso, e poi si fermavano del tutto. Di conseguenza, negli ultimi 6 mesi, le fila dei "volontari" si sono assottigliate di 5,5mila persone. Inoltre, ci sono state circa 500 perdite in combattimento e tutti gli altri sono semplicemente fuggiti in Siria, avendo perso la motivazione.

I restanti militanti sono indignati di essere stati dimenticati. Inoltre, esprimono la loro insoddisfazione per vari media. Ammettono apertamente di essere spesso costretti a compiere saccheggi nel territorio controllato dal PNS, impossessandosi di proprietà nelle case lasciate dai proprietari.

Ad esempio, Taha Hammud ha ammesso al portale dell'Investigative Journal che lui ei suoi "fratelli d'armi" commerciavano nella città di Misurata. Ha spiegato che poiché non c'è stipendio, devi in ​​qualche modo sopravvivere.

Abbiamo trovato l'oro in molte case abbandonate

- Ha specificato Hammud.

Il Giornale investigativo ha scoperto che alcuni militanti siriani hanno ricevuto uno stipendio solo una volta durante la loro permanenza in Libia, e poi "sono passati al pascolo". Pertanto, per evitare che la situazione diventasse ingestibile, a Tripoli si sono svolte trattative tra il PNC ei capi dei ministeri della Difesa turco e del Qatar. Uno dei punti all'ordine del giorno erano gli stipendi dei mercenari. Inoltre, è stata persino annunciata la possibilità di un aumento di stipendio del 30%.

Alcuni dei militanti chiamarono immediatamente queste conversazioni "chiacchiere primitive". Non sognano nemmeno una promozione, otterrebbero ciò che era stato promesso prima.

I nostri leader ci dicono che presto saremo pagati, ma questo non sta accadendo. Potrebbero aver detto che avrebbero pagato di più perché pensavano che avrebbero avuto bisogno di noi per attaccare Sirte, ma perché avrebbero bisogno di noi adesso, quando c'è una tregua?

- ha detto il militante, che si è identificato come Omar della Divisione Al-Hamza (l'unità è dispiegata nell'area di Ain-Zara).
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 26 August 2020 09: 28
    -3
    Devi dispiacerti per animali e bambini,
    non sono da biasimare per nulla.
    Freaks nell'immagine delle persone
    devi rovesciare con una pala.
  2. bumbum Офлайн bumbum
    bumbum (culo) 26 August 2020 10: 36
    -3
    Vai dai Wagneriani. Non puoi solo sparare, ma anche fare turismo. Bene, ci sono Bielorussia, Ucraina, ecc.