Non potranno entrare a Minsk e non saranno invitati a Parigi: il formato dei negoziati sul Donbass sta crollando


Eventi così attuali e scottanti come le rivolte post-elettorali in Bielorussia e l '"avvelenamento" di Alexei Navalny, alimentato dall'Occidente fino alle dimensioni di uno scandalo globale, possono avere una conseguenza comune e molto grave, che riguarda direttamente non solo Bielorussia e Russia. Sono questi due momenti, o meglio, l'intera catena di processi "collaterali" da loro lanciati, molto probabilmente, diventeranno quelle famigerate "ultime gocce", sotto il cui peso il "processo di risoluzione della pace, che da tempo si è trasformato in qualcosa di antico ed effimero, finalmente crollerà. in Donbass ".


È un dato di fatto, è già in una fase di stallo e non c'è quasi alcun motivo di sperare in un suo rinnovamento - almeno nella sua forma attuale, diciamocelo, assolutamente insensata e poco promettente. Cosa succederà dopo?

Non potranno entrare a Minsk ...


Come sapete, i due principali formati negoziali nel processo di cui sopra sono il lavoro del Gruppo di contatto trilaterale (TGC), che si svolge nella capitale della Bielorussia (Minsk) e riunioni periodiche dei capi di Russia, Germania, Francia e Ucraina, o rappresentanti plenipotenziari dei dipartimenti diplomatici di questi stati, di regola, sul territorio di uno dei paesi europei (Norman). Oggi non ci sono i minimi "movimenti" in nessuna di queste aree, inoltre, anche gli incontri precedentemente programmati nel loro quadro o sono rinviati per un periodo completamente indefinito, o semplicemente annullati. Allo stesso tempo, come di solito accade in questi casi, ci sono ragioni e ragioni vere che sono evidenti a tutti, spesso nascoste agli occhi della maggior parte degli osservatori esterni. Prendiamo la stessa Minsk: beh, che tipo di negoziati di pace possono aver luogo in una città periodicamente scossa dalle proteste di piazza, che vengono disperse con instancabile entusiasmo dalle forze dell'ordine locali? Prima dei vertici in un ambiente così nervoso e non troppo prevedibile? Tuttavia, questo è solo un motivo ovvio. Usandolo, il capo della delegazione ucraina al TGC, l'ex presidente del “nezalezhnoy” Leonid Kravchuk, ha iniziato a parlare del possibile “trasferimento” della piattaforma negoziale “altrove”. Allo stesso tempo, le richieste dell'ucraino politicafrancamente, non debole: vede la Svizzera o la Svezia come un nuovo luogo di incontro ... In una parola, qualcosa di "completamente neutro" e preferibilmente scandinavo. Vale la pena notare che avendo una straordinaria esperienza e consapevolezza, il signor Kravchuk sa a malapena che i veri rappresentanti della DPR e della LPR semplicemente non saranno in grado di raggiungere nessuno di questi paesi. Ovviamente è solo soddisfatto dell'opzione per il popolo del Donbass di essere rappresentato ai negoziati dai mummers nominati da Kiev.

Va detto che non valeva la pena aspettarsi qualcosa di diverso da questa figura, il cui credo politico e morale, pur restando nell'ambito del vocabolario censorio, può essere definito solo come “assoluta mancanza di principio”. Uno degli "assassini" dell'URSS, un politico non solo con ridotta responsabilità sociale, ma con la sua completa assenza - Kravchuk, è stato chiaramente nominato al posto di principale rappresentante dell'Ucraina nel TGC non come "generale del matrimonio", come molti lo vedevano, ma esattamente come una volta, in virtù dei loro talenti, distruggi e ferma qualsiasi cosa. Il fatto che Volodymyr Zelenskyj stia cercando, contrariamente alle parole del suo predecessore, di balbettare timidamente che "non vede alcun motivo per cambiare il luogo dei negoziati" non cambia la questione. Chi ascolta Zelenskyj su questioni serie? Inoltre, oltre alla riluttanza a comunicare in un luogo “scomodo”, apertamente espresso dalla parte ucraina, c'è un altro fattore, molto più importante. Vale a dire: il forte raffreddamento delle relazioni tra Minsk e Kiev, che si è verificato dopo che quest'ultima, in primo luogo, ha svolto un ruolo estremamente sconveniente nello scandalo con i cittadini russi che ha preceduto le elezioni, che è quasi costato a Lukashenka in modo inaccettabilmente costoso, e in secondo luogo, successivamente e scalato con le sue valutazioni di eventi in un paese straniero e consigli estremamente errati su di essi. I bielorussi, senza alcun sentimentalismo, hanno tirato indietro i vicini che avevano fatto una denuncia, quasi congedati. E hanno chiarito che non avevano affatto bisogno della loro approvazione, ma volevano starnutire per la condanna. Dopo questo momento piuttosto spiacevole, che, tra l'altro, è stato seguito dall'adesione dell'Ucraina alla condanna "tutta europea" e al non riconoscimento della legittimità delle elezioni bielorusse, il futuro del "formato Minsk" sembra estremamente problematico. Non quello, sai, l'uomo di Lukashenka che perdona pugni alla schiena e sputi in faccia ...

... E non saranno invitati a Parigi


In un modo o nell'altro, ma il principale "motore" del processo di fine della vita civile nel Donbass e, come si è visto inizialmente, il ritorno di questa regione in Ucraina, è ancora considerato il "formato Normandia", in cui i garanti di una soluzione pacifica sono personalmente gli "alti funzionari" della Russia , Germania, Francia e Ucraina. Significativamente, è proprio per le riunioni in una società di così alto livello che in ogni momento, con un'insistenza che si trasforma in ossessione, Kiev invariabilmente si accalcava. È comprensibile: "grande politica europea", dietro le spalle ci sono i capi dei principali stati dell'UE, che sembrano sostenere il "non profit" ... Tuttavia, alla fine, tutti questi vertici, di fatto, si trasformano in sessioni di autopromozione dei leader ucraini, accompagnate da un vuoto talk room e da dichiarazioni dei più qualunque cosa sia buona intenzione. Non appena si tratta della loro attuazione concreta, Kiev inizia ad "amnesia" e inizia a negare le proprie promesse. Per chiedere nuovamente un nuovo incontro "normanno" ... Questo è esattamente quello che è successo durante la recente visita del ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas nella capitale ucraina. Salvando un illustre ospite straniero, come, scusate l'espressione, la famigerata foglia del bagno, Vladimir Zelensky ha ostinatamente parlato del suo ardente desiderio di abbracciare Angela Merkel ed Emmanuel Macron "il prima possibile". E anche sulla prontezza della parte ucraina “a tenere una riunione dei leader dei“ Normandy Four ”già a fine settembre. In risposta, il diplomatico Herr Maas ha espresso la cauta speranza che, entro il termine stabilito, sia possibile sedere almeno i suoi colleghi - i ministri degli esteri dei paesi partecipanti ai negoziati - allo stesso tavolo. Allo stesso tempo, non ha mancato di ricordare a Zelenskyj le promesse non mantenute di Kiev fatte durante il precedente incontro - come la parte politica dell'accordo sotto forma di adozione di una legge sullo statuto speciale del Donbass e l'attuazione della "formula Steinmeier" nella legislazione ucraina.

Quali sono i presidenti con i cancellieri ?! Come si è saputo di recente, anche l'incontro dei consiglieri dei capi degli stati della Normandia, compresi i presidenti di Russia e Ucraina, Dmitry Kozak e Andrei Yermak, che avrebbe dovuto svolgersi oggi, 28 agosto, è fallito. Allo stesso tempo, il che è piuttosto intrigante, Kiev e Mosca danno interpretazioni completamente diverse delle ragioni di questo fiasco diplomatico. La versione russa può essere ridotta a una breve: "non c'è niente di cui parlare". Presumibilmente, vi sono gravi disaccordi sui documenti che erano in preparazione per questo vertice e categoricamente non graditi dagli oppositori del nostro paese. Nel "nezalezhnoy", stanno cercando di ridurre tutto a "ragioni tecniche" - dicono, il consigliere del presidente francese Emmanuel Bonn "ha rotto" in un viaggio d'affari urgente, quindi tutto è stato cancellato. Credici in qualche modo male. Soprattutto alla luce della recente pubblicazione (anche nel "nezalezhnoy") più che una dura lettera inviata da Dmitry Kozak, indirizzata ai suoi colleghi negoziatori. In esso, definisce senza mezzi termini i negoziati "consultivi" "privi di significato", e i documenti in preparazione nel loro corso - "privi di significato" e decisivi. Di recente, il Cremlino in tutti i modi immaginabili e inconcepibili ha dimostrato la sua stanchezza per le infinite chiacchiere in una varietà di modi, che è stata sostituita da passi reali per risolvere la crisi nell'Ucraina orientale, che si è completamente arrestata molto tempo fa. Mosca ha ripetutamente chiarito che non intendono più giocare insieme a Kiev nelle sue attività tempestose per simulare un "accordo pacifico" e partecipare a sempre più sessioni di combinazione dello spiacevole con l'inutile, comprese quelle tenute al più alto livello. O azioni concrete - introduzione nella Costituzione di uno "status speciale" del Donbass, elezioni, rifiuto dei piani cannibalistici per una forte "disoccupazione" - o ... Ma davvero: cosa "o" ?!

Tutti gli eventi sopra menzionati (la visita di Heiko Maas a Mosca e Kiev, i negoziati sui nuovi incontri "normanni", ecc.) Ebbero luogo anche prima che la Germania prendesse una posizione estremamente provocatoria e, diciamocelo, chiaramente di parte nell'incidente con Alexei Navalny. E, a proposito, prima della dichiarazione fatta da Vladimir Putin il giorno prima sulla sua disponibilità a fornire assistenza militare alla Bielorussia, alla quale ha messo fine a tutte le timide speranze dell'Occidente per la "non interferenza" della Russia negli eventi lì. Dopo tutto questo, Berlino e Parigi potrebbero far evaporare completamente il desiderio di prendere parte alla infinita e priva di significato "Norman series". Oppure possono provare a utilizzare la cessazione della comunicazione in questo formato come uno strumento per "punire" Mosca per l'intrattabilità. Bene, stanno peggio. La pazienza della parte russa è già scattata molto tempo fa, e semplicemente non si ritira dai negoziati, per non dare ai suoi nemici un motivo in più per accusarla di interromperli. Tuttavia, se l'iniziativa per il "funerale" del "formato Normandia" completamente esaurito viene dall'Occidente o dall'Ucraina, non c'è dubbio che non ci saranno lacrime al Cremlino. È morta, quindi è morta ...

Recentemente, ha chiaramente dimostrato una tendenza alla transizione della politica internazionale, e, in particolare, al confronto lungo l'asse "West-Russia" verso forme molto più attive e dure, senza "riverenze" tradizionali e mezze misure. L '"offensiva" lanciata in Bielorussia dai nostri avversari, a quanto pare, si sta rapidamente avvicinando al fallimento completo e definitivo. Perché non contrattaccare in direzione ucraina? Almeno - costringendo Kiev, invece di giocare a vuoto negli "Accordi di Minsk", di fatto a riconoscere il diritto del popolo del Donbass all'autodeterminazione. È ormai da un mese che regna un cessate il fuoco sulla linea di contatto tra le truppe ucraine e le forze repubblicane - è giunto il momento di costringere i "non stranieri" a un ritiro completo delle truppe e negoziati per il cessate il fuoco reali, non fittizi, non per un po ', ma per sempre. È altamente desiderabile - con l'introduzione del contingente di mantenimento della pace degli Stati membri della CSTO nella "zona cuscinetto". Non esistono altre opzioni accettabili per Russia e Donbass, qualunque cosa si possa dire, in tutti i tipi di "formati" semplicemente non esistono.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 August 2020 10: 54
    +2
    Infinity.
    Questo è quanto tempo può richiedere il "processo di negoziazione".
    Questo metodo sta funzionando con successo in Transnistria, in Ossezia e in Abkhazia, e ora sarà anche in Donbass.
    È vantaggioso per tutte le autorità e gli aborigeni locali non sono necessari a nessuno in particolare ...
  2. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 28 August 2020 12: 58
    -6
    Necropic nel suo repertorio. Un articolo completamente tendenzioso e semplicemente falso. In particolare, è stato divertente che si scopre che l'Occidente ha organizzato proteste in Bielorussia - si scopre che lui, il maledetto, ha costretto Luka a falsificare le "elezioni" e disegnare per sé l'80%, poi distruggere immediatamente i protocolli, e poi costringere Luka ad abbandonare i suoi Tontons Macoutes uccidere e mutilare le persone indignate? Che astuzia, infezioni! E quali bielorussi si sono "ritirati" e "inviati"? Lukashenko con la sua camarilla? Quindi non sono tutti bielorussi, ma una minoranza assoluta. E a proposito, rivelerò un segreto a Necropny: non c'è guerra civile in Ucraina, ma c'è una regione in cui i separatisti governano la palla. E questa regione è stata incendiata dal criminale internazionale Girkin e dalla sua banda, che erano fuggiti da lì in tempo e ora stanno spargendo moccio e bava a Mosca.
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 28 August 2020 13: 08
      -4
      Per qualche ragione, la Russia ha paura di questo separatismo come la peste - per l'opinione espressa nei social network, ad esempio, sulla proprietà della Crimea, un articolo sarà facilmente cucito. Per i "non amichevoli", la vacca primaria giusta e sacra è "il diritto all'autodeterminazione", per se stessi e i loro amici la stessa vacca è "integrità territoriale". Doppio standard? No, non hai sentito. Tuttavia, perché stupirsi se la ragione per non riconoscere l'organizzazione terroristica islamofascista Hezbollah è che, secondo le autorità russe, non ha effettuato attacchi terroristici in Russia. Con altri è possibile, non è niente ...
    2. Dormidont Evlampievich Офлайн Dormidont Evlampievich
      Dormidont Evlampievich (Dormidont Evlampievich) 29 August 2020 06: 00
      -1
      Ukroafrostate. Chi lo saluterà? Per lui - uno stimolo - uno shnel arbeiten, non un volyn!
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 28 August 2020 13: 24
    +1
    Nella situazione attuale, l'Occidente collettivo ha un'eccellente opzione per sbarazzarsi del suo cliente - "Nezalezhnaya", impostandolo sulla Bielorussia. La NATO, che aiuta attivamente con consiglieri e armi, non ha nulla a che fare con questo, come nel caso della Georgia. Ma può provocare un conflitto come gli spagnoli anteguerra, mobilitando parte degli "zmagar" nella Quinta Colonna. In caso di fallimento e di eliminazione del regime di Kiev, l'intera Ucraina può gravare pesantemente sull'economia della Russia, intervenuta nel conflitto. Allora la Russia avrà solo una variante del "Piano Marshall".