A cosa porteranno le sanzioni della Bielorussia contro i paesi dell'UE


La Bielorussia non tollererà le sanzioni di Lituania, Polonia e Ucraina che si sono unite a loro, considerandole un tentativo di interferire nel processo politico interno di un paese sovrano. La Minsk ufficiale è pronta a rispondere ai suoi vicini dell'Europa orientale, ma quale sarà il prezzo della questione?


Ad oggi, il regime di sanzioni contro la Bielorussia non è stato ancora annunciato, ma se ne parla a Vilnius, Varsavia e persino a Kiev. Avendo ottenuto il sostegno di Mosca, il presidente Lukashenko ha dichiarato in modo bellicoso:

Mostreremo loro cosa sono le sanzioni.

In effetti, Minsk ha qualcosa per rispondere alle pressioni esterne. Ad esempio, la Lituania, che ha protetto il "presidente" Tikhanovskaya e dichiara costantemente la minaccia del BelNPP, può soffrire molto gravemente. La terza parte del traffico merci che attraversa il porto di Klaipeda è bielorussa. Questi sono, prima di tutto, fertilizzanti di potassio e prodotti petroliferi, la principale fonte di entrate in valuta estera. Oggettivamente, i porti lituani sono più convenienti da usare per Minsk, ma dal momento che la domanda è stata tradotta in politico piatto, può riorientarsi verso la Russia, che ne trarrà vantaggio.

Negli ultimi anni, il Cremlino ha iniziato a reindirizzare i flussi di esportazione da Riga e Ventspils verso i propri porti nel Baltico. A causa di ciò economico Le perdite della Lettonia sono in costante aumento, ma questo è il prezzo della russofobia. La Lituania sembrava relativamente buona rispetto al suo vicino solo grazie alla Bielorussia. Ora, una parte significativa del flusso di merci da esso può andare alla russa Ust-Luga, dove Mosca attira con preferenze aggiuntive per compensare un tratto logistico più lungo, e alla Lettonia. Inoltre, Minsk potrebbe complicare l'accesso di Vilnius alla manodopera bielorussa a basso costo e chiudere la Lituania al turismo. Questo sarà un colpo molto doloroso per una piccola repubblica.

Oltre ai flussi di esportazione verso l'Europa, vale la pena ricordare i flussi di ritorno in transito verso la Russia. Questa è la cosiddetta "sanzione", merce europea su cui sono incollate etichette bielorusse. I gamberetti e altri prodotti catturati nel "Mar Bielorusso" sono stati a lungo un meme popolare. Quindi, ora i russi non possono più assaggiare le mele "bielorusse" coltivate nei frutteti polacchi. Si noti che ora il giardinaggio industriale si sta gradualmente riprendendo nel nostro paese.

Forse Kiev potrebbe soffrire di più per la lite con Minsk. Il 25% del mercato del gasolio e il 40% del mercato della benzina a Nezalezhnaya sono rappresentati dalla Bielorussia. In precedenza, le autorità ucraine potevano ostentare il fatto che avrebbero sostituito le forniture dalla Russia con la vicina Bielorussia, ora i giochi della "solidarietà europea" si rivolgeranno contro di loro. Il traffico aereo tra Russia e Ucraina passa per la compagnia Belavia, ma il suo rifiuto di collaborare sarà un altro duro colpo per Kiev.

Si scopre che il presidente Lukashenko ha qualcosa da rispondere ai suoi vicini, ma vale la pena ricordare che le sanzioni sono un'arma a doppio taglio. Anche la Bielorussia stessa perderà molto da tali restrizioni e nessuno potrà compensarle tranne la Russia. Alexander Grigorievich ha chiarito che contava sull'assistenza finanziaria di Mosca:

Sopravvissuto. Sopravviveremo adesso. Il mondo non è privo di brave persone. Pertanto, non è necessario spaventarci.

Ovviamente, in cambio, la "brava gente" chiederà un approfondimento dell'integrazione economica e politica dei due Paesi nell'ambito dello Stato dell'Unione. Tuttavia, questo processo è già oggettivamente iniziato, poiché la stabilità della Bielorussia sta diventando sempre più dipendente dal bilancio federale russo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 30 August 2020 10: 47
    +6
    È molto redditizio per la Russia schiacciare economicamente i paesi baltici e l'Ucraina, per la russofobia. Pertanto, è un peccato non sostenere Lukashenka.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 30 August 2020 11: 01
    +3
    Uno sviluppo molto interessante di eventi. buono Se tutto è così, il più oscuro + 10 al karma. risata
    C'è un altro effetto collaterale, dopo che la Russia ha intrapreso un corso di "sostituzione delle importazioni" dei porti baltici, non tutta la borghesia nazionale ha capito correttamente il suggerimento. Ad esempio, Uralchem ​​ha scelto di non costruire un terminal a Ust-Luga, ma di acquistare un terminal nei Paesi Baltici per 55 milioni, ora potrebbe avere alcuni problemi che aiuteranno il cittadino Mazepin a trarre le giuste conclusioni. E non è solo ... e le loro risorse non sono limitate ai terminali.

    SIA "VENTAMONJAKS" (Ventamonjaks) è il più grande terminal sul Mar Baltico per il trasbordo di ammoniaca liquida con una capacità di 1,5 milioni di tonnellate annue, situato nel porto franco di Ventspils. Tre ormeggi in acque profonde possono servire navi con una capacità di carico fino a 60 tonnellate. Il funzionamento continuo del terminale consente l'elaborazione fino a 250 vagoni cisterna al giorno.

    Dal 2014 URALCHEM è azionista di controllo di SIA VENTAMONJAKS attraverso la sua controllata URALCHEM FREIGHT LIMITED. Il gruppo URALCHEM possiede il 55% delle azioni della società che possiede il 100% di SIA VENTAMONJAKS, il 45% - al suo partner lettone.

    https://www.uralchem.ru/about/structure/
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 30 August 2020 11: 33
    -3
    Vedremo.
    Ci sono molti articoli su quanto saranno sfortunati i paesi baltici. E i dati, visto che non è stata più fortunata, non bastano.

    In generale, gli osservatori non sono minacciati dalla disoccupazione, già un vantaggio.
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 30 August 2020 18: 21
      +1
      Citazione: Sergey Latyshev
      Ci sono molti articoli su quanto saranno sfortunati i paesi baltici.

      Si. Noi, che abbiamo vissuto negli anni '90, abbiamo paura che i Balts scivolino, beh, al nostro 2005.
      Anche se ... Ogni euro contribuito al tesoro dell'UE porta 4 euro di sussidi ai Baltici. Il margine del 300% non è affatto malato.
    2. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
      Pete Mitchell (Pete Mitchell) 31 August 2020 12: 27
      +4
      Citazione: Sergey Latyshev
      E i dati, visto che non è stata più fortunata, non bastano.

      Basta guardare le statistiche dei porti: le merci, almeno in qualche modo legate allo Stato, passano solo per la Luga, i commercianti privati ​​stanno lentamente partendo. Invece di navi in ​​attesa in rada - 3/4 piroscafi a settimana. Il pezzo di ferro lettone "si è congratulato" con la sua gente per il nuovo anno con i licenziamenti .. Il tubo morto per il porto di Ventspils era solo un suggerimento, costava una buona parte del budget, ma non capivano il suggerimento, beh ... Amen.
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 31 August 2020 11: 10
    +1
    Se la Russia non avesse contribuito a questo, i porti dei tribali sarebbero rimasti vuoti molto tempo fa. Impara dall'America a dichiarare sanzioni. E se Rosneft fornisce prodotti petroliferi alla Bielorussia e non è interessata al loro ulteriore utilizzo, allora questa non è una politica statale, ma una ricerca di guadagno personale. Il rappresentante dei bielorussi domenica da Solovyov l'ha accusata di questo. E sa cosa dice.
  5. debil Офлайн debil
    debil 31 August 2020 13: 18
    0
    Le tasse doganali per il superamento della sanzione aumenteranno.