Esperto: la Turchia priverà la Russia della sua "arma energetica"


La Turchia sta gradualmente privando la Russia della sua "arma energetica", scrive Dimitar Bechev, ricercatore presso l'Università della Carolina del Nord, sulla politica estera. La posizione geografica tra i produttori di idrocarburi del Medio Oriente e del Caucaso meridionale, nonché i paesi consumatori dell'UE, è da tempo un vero asso nella manica per Ankara. Ma la recente scoperta di un grande giacimento di gas naturale al largo della costa del Mar Nero potrebbe davvero fare la differenza per i turchi.


Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha promesso di iniziare a utilizzare il gas del Mar Nero nel 2023, entro il 100 ° anniversario della Repubblica di Turchia. Se gli credi, la Turchia sarà in grado di soddisfare quasi il 7 per cento della sua domanda annuale di questo carburante solo da fonti interne. Si tratta di un risultato significativo per un paese tradizionalmente dipendente dalle importazioni di energia.

Ma sono in gioco le relazioni commerciali con la Russia. Dagli anni novanta Gazprom è il principale fornitore del mercato turco, occupandone quasi la metà. Infatti, dal 2005, anno in cui è stato lanciato il gasdotto Blue Stream, la Turchia è diventata il secondo maggior consumatore di gas naturale russo dopo la Germania. Mosca ha sempre avuto il sopravvento nei negoziati commerciali con Ankara, sia che stabilisca una formula di prezzo o clausole take-or-pay nei contratti a lungo termine.

Ma ora la situazione sembra cambiare a favore della Turchia. Dal 2018, la società statale di alloggi e servizi pubblici BOTAS, così come diversi importatori privati, ha iniziato ad acquistare grandi volumi di gas naturale liquefatto da Algeria, Nigeria, Qatar e Stati Uniti, che offrono prezzi inferiori a Gazprom. Anche le forniture di gas per gasdotti dall'Azerbaigian stanno guadagnando slancio.

A sua volta, la quota di Gazprom nel mercato turco è diminuita dal 52% nel 2017 al 47% nel 2018 e solo al 33% nel 2019. L'idea, continua Bechev, che la Russia possieda un '"arma energetica" per opprimere i suoi vicini, popolare negli anni 2000, non è più rilevante per i mercati locali.

L'accesso ai giacimenti di gas nel Mar Nero rafforzerà ulteriormente le posizioni negoziali della Turchia.

I vicini di questa potenza transcontinentale, Romania e Bulgaria, monitoreranno da vicino i risultati della corsa al "gas".

Buono notizie sta nel fatto che il Mar Nero è molto più pronto per la cooperazione regionale rispetto al Mediterraneo orientale, dove l'intreccio di contraddizioni inconciliabili ha quasi portato a spargimenti di sangue. [...] Anche se qui ci sono alcuni problemi, i confini sono generalmente stabiliti e l'eccezionale economico zone delimitate

- l'autore crede.

Sì, nel Mediterraneo la Turchia si comporta da prepotente, interferendo negli affari di Grecia, Egitto e Israele. Tuttavia, continua l'esperto, nel Mar Nero, rifiutando l'energia dalla Russia, potrebbe svolgere un ruolo produttivo, dando l'esempio positivo per i vicini che cercano di diversificare le forniture di gas.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 31 August 2020 08: 51
    +2
    Quanti Allah hanno divorziato su Internet. Ho solo pensato - e così è diventato!
    Guarda, nel mare di Barents, quanto gas è stato trovato - e 20 anni non arriveranno nemmeno. Lo stesso è con lo scaffale Chukotka. E siamo più ricchi della Turchia.
    C'è solo una dichiarazione sui sogni: "fsё! Rashkonce!"
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 31 August 2020 10: 03
    +3
    L'UE sta già imponendo sanzioni contro la Turchia per i lavori di esplorazione nel Mediterraneo. Non ho dubbi che nulla si interromperà nel Mar Nero della Turchia. Ora tutto è deciso non dal diritto internazionale, ma dalla forza. La Turchia ha troppi nemici e malvagi. Ma non ci sono alleati, dalla parola "assolutamente".
    Il campo stesso si trova lontano dalla Turchia, da qualche parte nel delta del Danubio. E ci sono abbastanza persone che vogliono andarci senza la Turchia.
    La Romania e l'Ucraina vorranno ospitare il gasdotto turco? Non è sicuro. E la stessa Turchia è lontana. In generale, ci sono troppe complessità.
    E diverte lo schadenfreude dell'analista americano: dal fatto che la Turchia fornirà gas anche all'Europa, le possibilità degli Stati Uniti, con il loro GNL, scendono semplicemente al livello di una fogna cittadina.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 31 August 2020 11: 25
      +2
      Quando c'è una "corsa all'oro" con miliardi, allora l'impossibile diventa possibile. È giunto il momento per molti fornitori mondiali di gas e petrolio (qui Africa, ecc.). Pertanto, i monopoli e gli anni grassi sono alle spalle, dobbiamo spingere sul mercato dei venditori, cosa che i nostri "manager di successo" non hanno fatto e non possono fare - semplicemente rubare nelle loro tasche personali e scrivere milioni di stipendi ... indicazioni, ma a parte la vendita della ricchezza del popolo, questi "manager" al potere non sanno fare nient'altro ... È ora di assumere altri dirigenti governativi che lavorano in altri settori ...
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 31 August 2020 10: 16
    +1
    Dimitar Bechev è un rifugiato bulgaro? Quindi tutto combacia. risata

    A sua volta, la quota di Gazprom nel mercato turco è diminuita dal 52% nel 2017 al 47% nel 2018 e solo al 33% nel 2019.

    L'anno non è ancora finito, è troppo presto per trarre conclusioni. Non è un dato di fatto che la quota continuerà a diminuire, inoltre i volumi liberati potranno essere inviati in Europa (come è stato completato il gasdotto in Bulgaria?). Il prezzo del gas nel contratto è legato al petrolio e varia con uno sfasamento temporale. I prezzi del petrolio sono diminuiti, seguiti da un calo dei prezzi del gas. I turchi aspetteranno una diminuzione e riceveranno il volume previsto in autunno.

    L'accesso ai giacimenti di gas nel Mar Nero rafforzerà ulteriormente le posizioni negoziali della Turchia.

    Il gas del Mar Nero "lokotok" deve ancora essere in grado di mordere. Gli anglosassoni hanno tecnologie di produzione offshore (che dire dell'S-400 e dell'F-35?), Puoi provare a chiedere all'alleato Macron (come sta Rafali a Cipro?), Oppure c'è un'opzione per parlare con Putin questo argomento. strizzò l'occhio A proposito, le profondità sono decenti, gli scavatori del proto-ukr hanno esagerato nel loro tempo. risata
  4. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 31 August 2020 12: 12
    +1
    Lasciamo che parlino dell '"arma a gas" ai sauditi ea coloro che sono già venuti alla fiera senza pantaloni e rimproverano i bagel degli altri. La concorrenza aggravata (tra l'altro, non ancora confermata nella forma materiale) nel contesto della crisi globale è normale e banale. Ognuno si copre la coperta, il che dice solo una cosa: il progetto dei globalisti di far controllare il mercato mondiale da loro è bloccato. Non sarei sorpreso se reincarnassero anche l'idea socialista sotto una salsa modificata. Il capitalismo e le idee liberali non vengono esportate. Il furto una tantum va bene, ma non c'è praticamente nessuno da rapinare (nel gateway puoi lasciare non solo i denti, ma anche tutta la salute rimanente), l'Occidente ha zero idee unificanti e creative dopo il 1917.