"Riunire due emarginati": la preoccupazione degli Usa per l'alleanza tra Russia e Cina è comprensibile


Recentemente, il tema della cooperazione russo-cinese in Occidente non solo ha eccitato molte menti in Occidente, ma sta lentamente iniziando a trasformarsi per alcuni in una sorta di ossessione: una mania o una fobia. Le voci dei "profeti" si fanno più tranquille, predicendo con grande disinvoltura la "fine inevitabile e imminente" dell'alleanza che si forma tra il nostro Paese e il Celeste Impero.


Sempre più allarmanti sono le conclusioni e le previsioni di quegli analisti che cercano di guardare le cose con sobrietà, valutando tendenze e prospettive reali, non inverosimili. Che cos'è il riavvicinamento tra Cina e Russia che preoccupa così tanto i nostri "sostenitori" d'oltremare ei loro satelliti? Perché è un coltello affilato e un incubo per loro?

Non sarebbe felice ...


Quelli che in tutta serietà credono che in Occidente, ad esempio, negli Stati Uniti, non ci siano mezzi di propaganda, che sono puri "portavoce" dello stato, o, meglio, le forze che stanno dietro di esso, sono prigionieri della più crudele delle delusioni ... Radio Liberty, originariamente creata per una guerra ideologica contro l'URSS e la Russia, è uno degli esempi più classici di questi media. Non molto tempo fa, un curioso articolo analitico è apparso sul sito web di questa media corporation, i cui autori sono estremamente preoccupati per il fatto che "Cina e Russia stanno approfondendo i loro legami in ogni modo possibile". Allo stesso tempo, viene dimostrata una visione puramente americana della storia delle relazioni tra i due paesi - secondo la profonda convinzione dei giornalisti della RS, Pechino e Mosca sono state "spinte l'una nelle braccia dell'altra" esclusivamente dalla pressione occidentale. Ciò è stato applicato alla Russia dopo la riunificazione della Crimea con essa nel 2014, mentre i compagni cinesi hanno iniziato ad avere problemi con l'arrivo al potere di Donald Trump e lo scatenamento di una "guerra commerciale" contro il Celeste Impero.

Allo stesso tempo, il fatto storico che si possano trovare pochi esempi di amicizia nel mondo più forti di quella che esisteva tra l'Unione Sovietica e la Repubblica Popolare Cinese negli anni '40 e '50 del secolo scorso è strettamente messo a tacere. Se non fosse stato per la morte prematura di Stalin e per le folli azioni di sabotaggio di Krusciov, questa amicizia sarebbe cresciuta ulteriormente. In questo caso, la storia del mondo, molto probabilmente, avrebbe seguito uno scenario completamente diverso. Tuttavia, cosa prendere dagli americani - a loro avviso, il consolidamento di Mosca e Pechino è un'unificazione forzata di due "emarginati" che sono stati "buttati fuori dalla porta" del luminoso e bellissimo mondo civilizzato. Allo stesso tempo, si promuove attivamente la tesi che il nostro Paese fosse inizialmente più interessato alla cooperazione, che, rafforzando i legami con la Cina, "ha cercato di evitare le pressioni degli Stati Uniti". Quest'ultimo, però, ha “usato” la Russia nei suoi “schemi” geopolitici, non tenendo conto dei suoi interessi.

Ora, secondo gli analisti generosamente citati, la situazione è cambiata radicalmente: di fronte alla pressione sempre crescente di Washington e alla sinofobia che è notevolmente aumentata nel mondo dopo la pandemia di coronavirus, Pechino è già costretta a chiedere sostegno a Mosca per mantenere e rafforzare il proprio status nell'arena internazionale. Ecco il famigerato "One Belt - One Road", che oggi affronta l'opposizione dell'Occidente e la cooperazione militaretecnico sfera e giunto economico progetti. "La Cina semplicemente non ha altra via che passi verso la Russia", conclude la RS. Allo stesso tempo, a conferma, si citano le parole del capo del dipartimento diplomatico del Celeste Impero secondo cui i due Paesi "staranno fianco a fianco" in opposizione agli Stati Uniti.

In linea di principio, le conclusioni sono abbastanza logiche: nelle relazioni sino-americane, Pechino non ha praticamente nulla da perdere. Tutto è uno a uno - e le dichiarazioni di Donald Trump sulla sua completa disponibilità a "separare finalmente" le economie dei due paesi, incluso il tentativo di "tagliare" i cinesi dai pagamenti in dollari, e altre, non meno, se non più gravi minacce da Washington. In particolare, secondo la pubblicazione locale Politico, sono attualmente in corso consultazioni molto intense all'interno di un gruppo di lavoro composto da rappresentanti del Dipartimento di Stato americano, del Dipartimento per la sicurezza interna e del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca (BNS), durante il quale si discute di una questione estremamente urgente: cos'altro dare la colpa a Pechino nello specifico? Offrono opzioni "allettanti" come: "genocidio degli uiguri", "crimini contro l'umanità" o semplicemente "pulizia etnica". Tali accuse in passato si sono concluse più di una volta con l'intervento della NATO nel paese contro il quale erano state avanzate.

Di cosa hanno così paura?


Va notato che in questa fase la maggiore preoccupazione negli Stati Uniti è la crescente cooperazione economica tra i nostri paesi, che stanno realizzando progetti congiunti sempre più di grande portata. A titolo di esempio, "Radio Liberty" nomina, ad esempio, la costruzione di "uno dei più grandi impianti di polimeri del mondo" avviata dalla nostra azienda Sibur Holding in collaborazione con il gruppo cinese Sinopec, che dovrebbe produrre i primi prodotti (principalmente focalizzati sul mercato cinese) già nel 2024 , citando una stima di questo progetto a $ 11 miliardi. Certo, Power of Siberia non è stato dimenticato, citandolo, RS esprime l'opinione che le intenzioni annunciate da Vladimir Putin per costruire il secondo stadio di questo gasdotto saranno molto probabilmente implementate. In generale, la questione della cooperazione tra Pechino e Mosca nel settore energetico è naturalmente di particolare rilevanza per gli Stati Uniti.

Tuttavia, RS non esagera quando afferma che "la Russia è riuscita a cacciare l'Arabia Saudita dal mercato cinese", che era il più importante fornitore di "oro nero" per il Celeste Impero. Non molto tempo fa, si è saputo che uno dei più grandi contratti per la costruzione di un colossale complesso petrolchimico e di raffinazione del petrolio nella provincia cinese di Liaoning, che avrebbe dovuto diventare una joint venture tra Riyadh e Pechino, è stato interrotto, su iniziativa della Saudi Aramco, di proprietà statale. Non ci sarà nessun cantiere. Bloomberg, che riporta questo, sta cercando di sostenere che la ragione del crollo del progetto è stata la revisione dei sauditi dei "loro piani di investimento per mantenere il volume dei dividendi", ma non è proprio così.

Piuttosto, il problema era che Saudi Aramco rivendicava una quota di almeno il 70% del volume delle forniture di "oro nero" all'impresa, che avrebbe dovuto consumare almeno 300mila barili di petrolio al giorno. Nelle condizioni attuali, i compagni cinesi avrebbero potuto considerare tali affermazioni sopravvalutate e proporre nuove condizioni alle quali gli orgogliosi sceicchi del petrolio non erano d'accordo. Significativamente, Pechino ha già annunciato le sue intenzioni di promuovere ulteriormente il progetto, ma solo, molto probabilmente, con nuovi partner. Mi chiedo con quali? Lo stesso Bloomberg ha appena scritto delle brillanti prospettive per i lavoratori petroliferi americani nel mercato cinese, dove a settembre dovrebbero essere ricevuti alla lettera 37 milioni di barili di "oro nero" dagli Stati Uniti. Presumibilmente, sono già state prenotate anche due dozzine di petroliere, che devono consegnare tutta questa ondata di petrolio alle coste cinesi. Solo settembre è già iniziato, ma non si è saputo nulla sull'attuazione di un simile "accordo del secolo". La domanda è, molto probabilmente, che avrebbe dovuto avvenire in conformità con gli impegni che la Cina si è assunta durante la conclusione di un accordo commerciale interinale con Washington nel gennaio di quest'anno.

Tuttavia, come nota scoraggiato il giornale, "le relazioni tra i due paesi si sono notevolmente deteriorate da allora". Sembra estremamente problematico per i compagni cinesi salvare l'industria petrolifera americana, che è sull'orlo del completo collasso, con l'accompagnamento di minacce e ultimatum che sono stati continuamente suonati ultimamente dalla Casa Bianca e dal Dipartimento di Stato. Lo scenario più probabile, come ammette Radio Liberty, è uno scenario in cui Gazprom implementerà i suoi piani per triplicare l'esportazione di "carburante blu" in Cina, che soddisferà almeno la metà della domanda locale, mentre altre società energetiche russe faranno lo stesso. lo stesso con l'olio. Inoltre, la RS ritiene che in futuro Mosca estrometterà gli esportatori degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali dal mercato cinese in tutti i segmenti in cui può solo.

La tendenza più pericolosa per se stessi, gli esperti americani vedono l'unione degli sforzi di Mosca e Pechino nel campo della de-dollarizzazione del commercio mondiale e dell'economia in generale. Se non molto tempo fa tali azioni dei nostri Paesi venivano scherzate in Occidente, definendole "tentativi inutili", ma ora gli analisti sono costretti ad ammettere: "I progressi compiuti in questa direzione sono significativi". Tuttavia, la quota degli accordi in valuta statunitense nel commercio tra Russia e Cina, che era del 2014% nel 90, è scesa al di sotto del 50% per la prima volta nel primo trimestre di quest'anno. E si tratta di somme più che significative, considerando che nel 2019 gli scambi bilaterali tra i Paesi hanno superato i 110 miliardi di dollari. Oggi gli Stati Uniti stanno già assumendo seriamente "la minaccia degli sforzi russo-cinesi per limitare il ruolo privilegiato del dollaro nel mondo". Questo, ovviamente, è motivo di preoccupazione ...

In effetti, l'unica cosa che gli Stati Uniti possono sperare è che, come credono, "ci sono molte questioni controverse e" debolezze "nei rapporti tra Mosca e Pechino che prima o poi potrebbero rovinarli". A conferma di questa tesi piuttosto dubbia, Radio Liberty conclude il suo materiale con una citazione di Zhang Xin, professore associato presso il Center for Russian Studies della Shanghai East China University, che afferma che "le relazioni tra Russia e Cina stanno diventando più realistiche e pragmatiche nel tempo, e non una delle parti non conta sull'altro per sostenerla incondizionatamente e in ogni caso ". Mi scusi, ma questo indica cattive prospettive di cooperazione? Sì, piuttosto, al contrario.

Basta, forse, con le "alleanze" russe basate più sulle emozioni e su alcuni "obblighi morali" che sul desiderio di perseguire i propri interessi nazionali. In questi casi il nostro Paese si trova sempre nel ruolo di un "fratello maggiore", dal quale si aspettano "doni" sempre più generosi proprio per il fatto stesso di "amicizia". No, pragmatismo e realismo nel mondo piuttosto cinico di oggi, giusto, dove è più appropriato, specialmente con un partner così difficile e originale come la Cina. Quindi sarà più calmo e più affidabile per noi, ma lascia che l'Occidente si preoccupi.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 September 2020 10: 19
    +3
    Un tempo, il polacco Brzezinski ha reso agli Stati un eccellente disservizio quando ha detto che senza l'Ucraina la Russia avrebbe cessato di essere un impero. E gli Stati Uniti hanno fatto molto per separare l'Ucraina dalla Russia. Nel frattempo, la Russia divenne un impero sotto Ivan il Terribile solo senza l'Ucraina, quando andò ad est. E ora la Russia ha deciso di andare a est, perché la vecchia Europa non è più la stessa. Indebolito e di nuovo inondato di barbari. E l'Ucraina ha messo la carta sbagliata. In Russia, la storia si sviluppa secondo il principio: ascesa e caduta. Ora inizia il prossimo decollo di 300 anni e la generosa Russia distribuirà panini ai suoi amici, non ai nemici. E ora quelli che sono più saggi stanno cercando di essere più vicini alla Russia e più necessari alla Russia. E i cinesi sono un popolo intelligente, perché loro, conoscendo la storia, hanno deciso di essere amici della Russia al suo prossimo decollo!
  2. bumbum Офлайн bumbum
    bumbum (culo) 2 September 2020 10: 31
    -4
    Haha, merda. L'unificazione di Russia e Cina è la stessa degli Stati Uniti con i paesi che si sono uniti molto tempo fa. Questa è la NATO, NON GLI STATI UNITI SOLO. Ci sono anche paesi scandinavi: Corea del Sud, Giappone, Australia, ecc. - sono tutti contro Cina e Russia.
    1. shinobi Офлайн shinobi
      shinobi (Yury) 3 September 2020 09: 16
      0
      Hai capito tu stesso che lui incolpava?
  3. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 3 September 2020 10: 19
    0
    L'Impero Han (Cina) esisteva già quando i barbari orientali si stavano appena civilizzando sotto i colpi dell'Impero Romano. L'Europa divenne più o meno l'Europa solo verso la metà del XVIII secolo. A quel tempo, Han era riuscito a cadere a pezzi in diversi regni in guerra, sopravvivere alla conquista mongola, a una serie di disordini e rivolte contadine, e di nuovo diventare un impero.