Media americani: la Russia sequestra il petrolio iracheno


Mosca continua il suo gioco geopolitico in Medio Oriente e sta gradualmente prendendo il controllo del petrolio iracheno, scrive la pubblicazione americana Oil and Gas 360.


Gli Stati Uniti hanno speso centinaia di miliardi di dollari per la sicurezza dell'Iraq, ma la rivalità con la Russia sul territorio di questo Paese è in aumento. Inoltre, le azioni di Mosca sono spesso non corrisposte da Washington. Pertanto, non c'è dubbio che la Russia continuerà a rafforzare la sua posizione in Iraq. Allo stesso tempo, l'Iraq è guidato da filoamericano politica - Il presidente Barham Salih e il primo ministro Mustafa Al-Qadimi.

Nel 2003, la Russia si è opposta fermamente all'operazione militare statunitense in Iraq. Poi la rimozione dal potere del brutale dittatore Saddam Hussein ha minato la posizione di Mosca in questo paese e la sua esecuzione nel 2006 ha davvero allarmato il Cremlino. Successivamente, la Russia ha compiuto grandi sforzi per tornare in Iraq.

Ora il presidente russo Vladimir Putin sta cercando di riportare il suo paese allo status di grande potenza. Si presenta come un combattente coerente contro la dittatura statunitense. Ciò è stato influenzato dall'ondata di "rivoluzioni colorate" che hanno avuto luogo nello spazio post-sovietico. Putin è convinto che Washington sia dietro a molti degli sconvolgimenti nel mondo. Ora la Russia si oppone attivamente agli Stati Uniti per stabilire un nuovo ordine mondiale.

Nel 2008, Putin ha cancellato la maggior parte del debito iracheno nei confronti dell'URSS per un importo di 12,9 miliardi di dollari in cambio di un accordo petrolifero del valore di 4 miliardi di dollari.Nel 2012, Lukoil e Gazprom Neft sono entrati nel mercato dell'energia del Kurdistan iracheno. Dal 2014, la Russia ha intensificato le sue relazioni con l'Iraq, che necessitava urgentemente di assistenza militare nella lotta contro l'ISIS (un'organizzazione bandita in Russia), e gli Stati Uniti non avevano fretta di aiutare. Mosca ha reagito immediatamente, cosa che è ricordata a Baghdad fino ad oggi.

I russi hanno iniziato a fornire armi all'Iraq e ad investire nel settore energetico. Dal 2017 l'energia è diventata un settore chiave dell'influenza russa in Iraq e gli accordi tra Mosca e Baghdad sono diventati strategici. Ad esempio, la compagnia petrolifera russa "Rosneft" ha fornito al governo del Kurdistan iracheno un prestito di 3,5 miliardi di dollari e ha firmato un intero pacchetto di accordi. Nel 2018, la società ha acquistato una partecipazione di controllo in un oleodotto che attraversava il Kurdistan iracheno fino alla Turchia e ha accettato di costruire un gasdotto parallelo. Ciò ha portato al fatto che Mosca ha messo le mani su una seria influenza su Baghdad, perché l'energia per i russi è uno strumento di politica estera. La Russia è più interessata alle prospettive geopolitiche che ai profitti specifici. Nel 2019, il volume degli investimenti russi nel settore energetico iracheno ha raggiunto i 10 miliardi di dollari e nel 2020 la Russia ha iniziato a parlare di un possibile triplo di questa cifra.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 September 2020 20: 01
    -2
    E grazie a Dio, almeno da qualche parte Sechin governa ...
    Una cosa è fonte di confusione. I prestiti sono investimenti in armi-kurdistan-debito ... e non un accenno di reddito.
  2. lavoratore dell'acciaio 2 September 2020 20: 18
    -1
    Nel 2019, il volume degli investimenti russi nel settore energetico dell'Iraq ha raggiunto i 10 miliardi di dollari

    Ecco chi investirebbe questi soldi in Russia e nel suo settore !!! E come chiamare Putin dopo tali numeri? E i pensionati di Putin sono da biasimare che non ci sono soldi nel tesoro !!!!
  3. bumbum Офлайн bumbum
    bumbum (culo) 3 September 2020 07: 38
    0
    Strano .. per qualche ragione, Cina e Stati Uniti sono considerati i principali sponsor in Iraq.
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 3 September 2020 09: 53
    +2
    Non so che tipo di petrolio stia ottenendo la Federazione Russa in Iraq e chi in particolare, ma non mi fa né caldo né freddo. Recentemente sono andato in un policlinico, quindi i test che prima erano gratuiti sono stati pagati, sono costosi e la loro durata è stata notevolmente ridotta. Questo inizia a colpirmi duramente, ma che dire dei pensionati che hanno una pensione di 12000 rubli al mese?! Quando inizierà il Cremlino a economizzare sui Chubais, e non sull'esercito e sul popolo ?! O vogliono portare la Federazione Russa ai nuovi 17 anni ?!