I marinai della marina russa saranno in grado di controllare i cannoni navali con un solo giro della testa


Il personale della Marina russa sarà in grado di controllare le armi navali girando la testa. Il controllo remoto dei cannoni AK-630 sarà effettuato grazie a speciali elmetti con designazione del bersaglio sviluppati dagli specialisti di Morinformsystem-Agat. A proposito di questa agenzia TASS il giorno prima, il vicedirettore generale per i militaritecnico politica preoccupazione Nikolay Borisov.


Secondo il funzionario, il nuovo sistema di guida optoelettronica è già sottoposto a test di fabbrica. Grazie al designatore del bersaglio montato sul casco, l'operatore sarà in grado di eseguire la guida iniziale ruotando la testa, dopodiché il sistema catturerà automaticamente l'oggetto.

Borisov ha sottolineato che questa decisione aumenterà in modo significativo l'efficienza della difesa aerea di bordo nella zona vicina, aggiungendo che l'innovazione nazionale ha già un passaporto standard per l'esportazione. Per mezzo di un elmetto di designazione del bersaglio, l'operatore sarà in grado di guidare e catturare rapidamente bersagli come elicotteri, droni e persino missili da crociera.

Per quanto riguarda la pistola stessa, il supporto di artiglieria a fuoco rapido a sei canne AK-630 è disponibile su quasi tutte le navi della Marina russa ed è in grado di colpire bersagli aerei a una distanza massima di 4 km, nonché piccoli bersagli di superficie a una distanza massima di 5 km.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.