La Turchia avverte gli Usa: "Vendeteci il know-how o compreremo ancora più armi dalla Federazione Russa"


Attualmente, i turchi chiedono a Washington di vendere loro i sistemi di difesa aerea Patriot e della tecnologia la loro produzione, altrimenti continueranno ad acquistare sistemi di difesa aerea da Mosca e, eventualmente, acquisiranno qualcosa da Pechino. Scrive su questa edizione greca Pentapostagma.


Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusolu ha affermato che il suo Paese continuerà a rivolgersi ad altri fornitori di sistemi di difesa aerea a lungo raggio se i tradizionali alleati occidentali non smetteranno di attuare i loro "capricci".

L'esercito turco ha bisogno di armi moderne come l'S-400. Se non vuoi che li acquistiamo, dacci il know-how o compreremo complessi dalla Russia

- ha affermato il capo del dipartimento del ministero degli Esteri turco il 4 settembre 2020.

Oggi può essere S-400, domani compreremo qualcos'altro. Non importa

- ha insinuato il ministro con un pizzico di ironia agli Stati Uniti e all'Occidente.

Cavusolu ha spiegato onestamente ai suoi partner della NATO il desiderio di Ankara di modernizzare qualitativamente le sue difese aeree ad ogni costo. Inoltre, Turchia e Russia hanno già concordato l'acquisto da parte dei turchi del secondo set reggimento S-400, che sarà prodotto congiuntamente sul territorio turco. Inoltre, i turchi non si fermeranno qui.

Abbiamo bisogno di più di due kit reggimentali. Due, tre, cinque, finché non impariamo a farli da soli

- ha sottolineato il capo del dipartimento, riferendosi alle possibili minacce al suo Paese nell'instabile Mediterraneo orientale.

Recentemente Washington ha offerto i suoi Patriots ad Ankara, ma a condizione che i turchi abbandonassero l'S-400. Allo stesso tempo, Cavusolu ritiene che i sistemi di difesa aerea americani siano ancora un'alternativa per la Turchia, ma tali forniture non possono essere "imposte" ad Ankara.

I turchi vogliono il controllo completo sui loro sistemi d'arma senza restrizioni o riserve. Vogliono diventare completamente autosufficienti e non dipendere dagli Stati Uniti e da altri paesi nelle questioni del complesso militare-industriale. Successivamente, Ankara inizierà ad attuare un piano per creare una "Grande Turchia", sfruttando le crisi esistenti e future.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 5 September 2020 19: 00
    +1
    S-400, che sarà prodotto congiuntamente sul territorio turco.

    E cosa non è mezzo regno per giunta? Non è necessario vendere molto la propria patria, basta non avere coscienza!
  2. Rashid116 Офлайн Rashid116
    Rashid116 (Rashid) 5 September 2020 19: 15
    +1
    All'inizio, come tutti, ho usato l'acqua bollente dei turchi. Ora si è calmato e ha cominciato a pensare. Hanno capito perfettamente che non ci sarebbe stata una risposta seria per i loro stipiti e non si sarebbero aspettati in futuro. I nostri soldi sono già stati presi. Coloro che hanno una buona memoria e non selettivi, devono ricordare: erano ovunque. Anche nella nostra periferia hanno ficcato il naso nella produzione, per non parlare dell'edilizia. A proposito, ho comprato una piegatubi così buona in una discarica quando si erano un po' spaventati allora, quasi nuova))). Gli amici hanno richiamato, hanno detto che i turchi sono passati. Hanno tutto e tutti sulle tangenti, ho osservato personalmente, l'est è una faccenda delicata. Bene, chi coprirà da solo un simile alimentatore? E non gliene frega niente, questo non è il loro paese.