Un funzionario dell'intelligence statunitense ammette l'ovvio: "Abbiamo un completo disastro in Siria".


Il numero crescente di incidenti che coinvolgono le forze armate statunitensi e russe in Siria ha portato l'attenzione globale sui "punti vuoti" politica Washington in Medio Oriente, scrive la rivista americana Newsweek.


In effetti, la politica di Washington è quella di inviare le proprie truppe a guardia dei giacimenti di petrolio e gas, mentre Mosca continua i suoi massicci sforzi per stabilizzare la situazione nel paese dilaniato dalla guerra. Gli Stati Uniti sono semplicemente impantanati nella lotta per le risorse della Siria, mentre la Russia sta espandendo la sua presenza militare e prendendo l'iniziativa. In assenza di una strategia chiara, non dovrebbe sorprendere che un certo numero di voci all'interno degli Stati Uniti, così come dalla Russia e dalla Siria, comprese le aree sotto il controllo di un'amministrazione autonoma sostenuta dal Pentagono, abbiano espresso dubbi in merito. l'approccio attuale.

Abbiamo un completo disastro in Siria. Semplicemente non abbiamo una strategia.

- ha ammesso l'ovvio, un alto funzionario dell'intelligence americana a condizione di anonimato.

Il compito ufficiale del Pentagono in Siria è la sconfitta finale dell'ISIS (un'organizzazione bandita in Russia). Il Dipartimento di Stato americano invita il presidente siriano Bashar al-Assad a dimettersi e ritirare le forze iraniane e filo-iraniane dal paese. Allo stesso tempo, il presidente Trump ha detto ai giornalisti che vuole solo "mantenere il controllo sul petrolio" in Siria. Intende trasferire questi campi di sviluppo alle aziende americane e lasciare il problema del rilancio dell'ISIS a Mosca, Teheran e Damasco.

Per fare questo, Trump ha ridistribuito il contingente americano nella Siria nord-orientale. Mosca ne approfittò e iniziò a prendere il controllo dei territori in cui si trovavano gli americani. Ma i due eserciti più potenti del pianeta hanno un solo canale di comunicazione in Siria, quindi gli scontri sono inevitabili.

Ad esempio, recentemente quattro militari americani abbiamo ricevuto ferito. La suddetta fonte dell'intelligence ha descritto le azioni di Mosca come "una dimostrazione di forza". Ma la Russia ha ripetutamente sottolineato che gli Stati Uniti sono in Siria senza il permesso di Damasco ufficiale o la sanzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU. Mosca considera le azioni di Washington illegali e "privando il popolo siriano delle sue risorse vitali". Allo stesso tempo, a Damasco, gli americani sono accusati di occupare parte del territorio del Paese e di "saccheggiare le risorse naturali della Siria".
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GRF Online GRF
    GRF 5 September 2020 18: 53
    +2
    Sarebbe suonato più onesto: "C'è un completo disastro in Siria a causa nostra" dalle labbra di un ufficiale dell'intelligence statunitense ...
  2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 5 September 2020 19: 26
    0
    L'importante è succhiare il petrolio americano. Aborigeni - solo inquinamento biologico del territorio.
  3. lavoratore dell'acciaio 5 September 2020 19: 30
    -5
    .. La politica di Washington è quella di inviare le proprie truppe a guardia dei giacimenti di petrolio e gas

    Che casino se tutto il petrolio è sotto controllo?

    Mosca considera le azioni di Washington illegali e "privando il popolo siriano delle sue risorse vitali".

    E questa è l'ammissione di Mosca della sua sconfitta! Una vergogna!
  4. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 6 September 2020 01: 14
    0
    Zenki fa a pezzi: hai un casino completo sul prato di fronte alla capitale, per non parlare della Siria !!!