In Crimea, hanno trovato un modo per risolvere parzialmente il problema della scarsità d'acqua


Le autorità russe hanno trovato un modo per risolvere parzialmente il problema dell'acqua in Crimea. Una delegazione numerosa e rappresentativa, composta da funzionari del livello federale, regionale e comunale, nonché rappresentanti delle ditte appaltatrici, ha visitato vari progetti in costruzione nella penisola. Lo riferisce il ministero dell'Interno politica, informazione e comunicazione della Repubblica del Kazakistan.


Va notato che nell'agosto 2020 le forze del Ministero della Difesa russo erano costruito avvio del sistema di condutture temporaneo e riempimento del bacino di Simferopol. 15 linee d'acqua collegavano il bacino idrico di Taigan della regione di Belogorsk con quello di Simferopol. Ora le autorità della Crimea vogliono costruire un condotto idrico permanente, che fornirà acqua dalla regione di Belogorsk alla capitale della penisola, la città di Simferopol.

Il viceministro dello sviluppo economico russo Sergei Nazarov ha confermato che si sta esaminando la questione della costruzione di un condotto idrico stazionario, che opererà su base permanente. Secondo lui, in precedenza il bacino idrico di Taigan forniva acqua alla parte orientale della Crimea, ma dopo la messa in servizio di un condotto idrico dalle prese d'acqua Nizhinsky, Prostornensky e Novogrigorievsky, la cui costruzione è già in fase di completamento, l'acqua dal bacino idrico di Taigan può essere reindirizzata a Simferopoli. In totale, le prese d'acqua Nezhinsky, Prostornensky e Novogrigorievsky forniranno 195mila metri cubi d'acqua al giorno per i residenti di Kerch, Feodosia e parte del distretto Leninsky: questo è uno dei più grandi progetti infrastrutturali della penisola.


A sua volta, il vice primo ministro della Crimea Yevgeny Kabanov ha chiarito che attualmente sono in costruzione sette condutture idriche principali dalla stazione di pompaggio nel villaggio di Oktyabrskoye a Kerch e Feodosia. Il sistema di condutture fornirà acqua ai consumatori che bypassano il Canale della Crimea settentrionale per evitare perdite.

Inoltre, è stata discussa la questione della ricostruzione su larga scala del bacino idrico di Mizhgirya. Fino al 2014, era il bacino di carico più grande, fornendo acqua a Simferopol e alle aree circostanti. Ma nel 2015 era quasi completamente vuoto.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GRF Офлайн GRF
    GRF 6 September 2020 09: 51
    +1
    Gli attivisti occidentali per i diritti umani hanno gridato così tanto e fortemente sul genocidio ucraino della Crimea che, vedete, erano completamente insensibili ... Questo non è un "principiante", ma un modo "vecchio", "buono" ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 6 September 2020 10: 40
      -1
      Il disastro umano in Crimea a causa della chiusura dell'approvvigionamento idrico alla Crimea da parte dell'Ucraina dovrebbe tuonare ogni giorno su tutti i media mondiali ... Ecco perché il silenzio, così responsabile nel Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa e altri servizi sono diventati ostaggi dei loro soldi e delle loro famiglie in Occidente, e quindi tale silenzio è ovunque casi eclatanti ...
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 6 September 2020 17: 27
        -1
        Il disastro umano in Crimea a causa della chiusura dell'approvvigionamento idrico alla Crimea da parte dell'Ucraina dovrebbe tuonare ogni giorno su tutti i media mondiali ... Ecco perché il silenzio, così responsabile nel Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa e altri servizi sono diventati ostaggi dei loro soldi e delle loro famiglie in Occidente, e quindi tale silenzio è ovunque casi eclatanti ...

        I media mondiali appartengono al Ministero degli Esteri? O dovrebbero scrivere loro una lettera e chiedere ... di suonare?
        1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 6 September 2020 17: 48
          0
          Ti ho chiesto di non rispondere ai miei commenti, perché non c'è niente per rispondere ai tuoi argomenti vuoti ...
          1. 123 Офлайн 123
            123 (123) 6 September 2020 17: 55
            0
            Là, semmai, un punto interrogativo ... questa non è la risposta .. Ebbene, se non hai nulla a suffragare il tuo vuoto ragionamento ....., perdonami se ti disturbo. hi
  2. Ten041 Офлайн Ten041
    Ten041 6 September 2020 10: 50
    +2
    L'Ucraina deve chiudere l'acqua, chiudere la Cassa di risparmio in Ucraina e chiudere tutte le relazioni con essa. Che questi signori ora vadano in Polonia per i soldi, abbastanza per sciacallo il popolo Bandera nella Federazione Russa.
    1. Larisa Larisa Офлайн Larisa Larisa
      Larisa Larisa (Larisa Larisa) 7 September 2020 10: 27
      0
      Saresti il ​​presidente della Russia!
      1. Ten041 Офлайн Ten041
        Ten041 29 October 2020 04: 10
        +1
        Sì, non sarebbe peggio di oggi
  3. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 6 September 2020 13: 11
    0
    - Personalmente, non ci capisco proprio niente ... - Un lavoro costoso e incomprensibile per creare un intero sistema su larga scala per raggiungere obiettivi molto dubbi ...
    - Ho già menzionato una volta "Trishkin Kaftan" sulla realizzazione di "lavori simili" in Crimea durante una discussione su un argomento simile ...
    - L'unica cosa ora che può preoccuparsi solo di una cosa ... - L'intero sistema creato "si adatterà" in seguito, ad es. Tutte queste strutture piuttosto costose create oggi saranno appositamente adatte per il funzionamento, quando "l'acqua reale" arriverà in Crimea ??? - Cioè sarà possibile utilizzare tutti questi sistemi di condotte quando verrà creata una vera fornitura di acqua dolce in Crimea ...
    1. Magog Офлайн Magog
      Magog (Gog Magog) 6 September 2020 14: 18
      +2
      Secondo le vostre sentenze, è chiaramente visibile che la ragione delle difficoltà odierne con l'acqua in Crimea è associata alla mancanza di acqua dall'Ucraina attraverso il Canale della Crimea settentrionale. È così? Situazioni simili si sono verificate "sotto l'Ucraina". L'acqua nel canale è tecnica, inadatta all'approvvigionamento della popolazione. Le perdite delle proprie fonti di acqua potabile prima e ora sono inaccettabili (stimate fino al 60% o più) e si verificano a causa dell'evaporazione naturale dalla superficie dei condotti dell'acqua e dei serbatoi, infiltrazioni nel suolo. La creazione di costose infrastrutture per condutture e depositi chiusi, ad esempio, non è un capriccio e capricci delle autorità, ma progetti per qualsiasi futuro: con "vera" grande acqua e non tanto.
      1. Larisa Larisa Офлайн Larisa Larisa
        Larisa Larisa (Larisa Larisa) 7 September 2020 10: 22
        0
        Demagogo, nessuno di quelli. l'acqua può essere resa potabile mediante clorazione, coagulazione e filtrazione, in particolare l'acqua del Dnepr!
        1. Magog Офлайн Magog
          Magog (Gog Magog) 7 September 2020 12: 52
          0
          Anche i metalli pesanti disciolti e i radionuclidi sono facili? A proposito, clorazione, se puoi evitarlo, dovresti farlo.

          Bevendo tale acqua anche occasionalmente, almeno ti esponi al pericolo di sviluppare la disbiosi. Dopotutto, il motivo principale per l'utilizzo del cloro è la sua capacità di uccidere batteri e microrganismi dannosi. E allo stesso modo uccide la microflora benefica: bifidobatteri e lattobacilli che vivono nell'intestino.

          Nell'attuale acqua del Dnepr, allo sbocco sul Mar Nero, c'è un tale cocktail che il suo utilizzo anche in agricoltura è discutibile.

          Secondo i dati disponibili, l'85% delle strutture di trattamento sulle rive del Dnepr richiede riparazioni e sostituzioni immediate. La loro condizione deplorevole porta al fatto che l'acqua del fiume è inquinata da liquami, che non sono più in grado di filtrare le attrezzature usurate. Varie sostanze chimiche pericolose, utilizzate attivamente dalle aziende agricole ucraine, entrano nel Dnepr da entrambe le sue banche. La loro concentrazione è tale che l'acqua nel fiume rappresenta una vera minaccia per l'ecologia delle regioni vicine.
  4. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 7 September 2020 04: 52
    0
    Crimea, Sebastopoli ... Per qualche ragione, nessuno scrive di Novorossiysk, dove non c'è stato un normale approvvigionamento idrico per mezzo secolo.
  5. Larisa Larisa Офлайн Larisa Larisa
    Larisa Larisa (Larisa Larisa) 7 September 2020 10: 08
    +1
    Come possono le condotte risolvere il problema dell'approvvigionamento idrico in N dell'articolo? Crimea, se non c'è acqua nei bacini ?! Quindi lavoro nel sistema di approvvigionamento idrico della DPR, quindi abbiamo il nostro serbatoio, senza alcun riferimento al canale Sev.Donets-Donbass, lasciato al "popolo fraterno della Russia" - ukram! Questa è una questione completamente diversa! Quando il Cremlino ha preso la Crimea, cosa stava pensando ?! Era orgoglioso che i kakeli fossero così spaventati, così spaventati - hanno dato loro un p / o senza un solo colpo? Eccola otvetka, volata dentro.
    1. Magog Офлайн Magog
      Magog (Gog Magog) 8 September 2020 10: 54
      +1
      Ora in Crimea viene creato un sistema di condutture, che collega i bacini idrici della repubblica in un'unica rete, a quanto ho capito. Ciò consentirà (e già consente) di regolare il consumo di acqua da queste fonti, quando alcuni serbatoi sono in condizioni critiche, mentre altri contengono ancora una quantità sufficiente di acqua per il consumo. Cioè, per equalizzare il livello di consumo di acqua. Questa tecnologia è possibile solo con l'uso di stazioni di pompaggio. E come possiamo fare a meno delle condutture qui? Creare un complesso sistema di canali a diversi livelli dell'orizzonte? È ancora più costoso. La domanda rimane come riempire questi serbatoi durante i periodi di siccità.
  6. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 7 September 2020 13: 29
    +2
    Fino a quando non arriva molta acqua, puoi installare grandi torri d'acqua nelle città costiere (saldate da lamiere) e fornire loro l'acqua tramite autocisterne.