"Partner necessario": il Canada continua a considerare la Russia una minaccia, ma è pronto a collaborare


Joshua Krucker scrive sulle prospettive delle relazioni russo-canadesi, principalmente nell'Artico, sul sito web Modern Diplomacy. Sebbene le relazioni tra i due paesi siano state pessime per quasi tutta la loro storia, rimane il potenziale per una cooperazione bilaterale limitata.


Il Canada è famoso per la sua posizione attiva anti-russa da molti decenni. In un nuovo round di confronto internazionale iniziato dopo il 2014, Ottawa si è distinta per un atteggiamento particolarmente aggressivo, superando spesso anche i suoi più stretti alleati in questo senso.

Durante il mandato del [primo ministro] Stephen Harper, Ottawa perseguì un'azione unilaterale politica di boicottando quasi tutti gli eventi e i tavoli bilaterali e multilaterali precedentemente frequentati sia dal Canada che dalla Russia

- ha affermato nel testo, aggiungendo che gli osservatori hanno definito tale tattica "la politica della sedia vuota".

Allo stesso tempo, i canadesi sono stati costretti a mantenere un dialogo con i russi, ad esempio, sulle attività nella zona circumpolare. Alla fine del 2019, poco prima delle elezioni, il già nuovo governo di Justin Trudeau ha pubblicato le sue opinioni sulla politica del Canada nei confronti dell'Artico. Si è rivelata molto più conciliante del suo predecessore.

Sì, certo, anche questa nuova politica enfatizza ancora la sovranità canadese sul Nord e la cooperazione con la NATO come due componenti estremamente importanti.

Così, la cooperazione internazionale è tornata in primo piano nelle questioni artiche. Ottawa ora lo considera indispensabile e cerca attivamente di contribuire a una comune, seppur con riserve, unità per quanto riguarda la regione. Naturalmente, questo approccio include la Russia come partner necessario. Nel 2019, il Canada lo ha chiarito.

Nonostante la disponibilità del Canada per la cooperazione internazionale e il dialogo con la Federazione Russa sulle questioni del Nord, Ottawa continua ad adempiere ai suoi obblighi internazionali e li mette in prima linea nella sua politica artica. Ciò include l'adesione del Canada alla NATO, la partecipazione al NORAD, per non parlare di una relazione speciale con gli Stati Uniti.

Il testo rileva che la Russia rimane una potenziale minaccia alla sovranità e agli interessi canadesi nella regione artica, che nessuno ha dimenticato. Tuttavia, Trudeau scoraggia il conflitto aperto e invia segnali che la cooperazione e il dialogo con la Russia sono della massima importanza.
  • Foto utilizzate: Guardia costiera canadese
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 September 2020 09: 10
    0
    Il ceppo è chiaro. Uno dei principali competitor sia nel nord che nei prodotti del nord.
    Così è stato, così sarà. Il resto è acqua.
  2. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 7 September 2020 09: 35
    0
    Negli anni '70, un altro Trudeau venne a Norilsk e incontrò Kosygin. La televisione locale ha mostrato la produzione del Canada. Era molto diverso dal nostro. Non c'erano accordi. Ci sono state voci sul perché non ha funzionato. Ma non vale la pena scriverne.